i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Era ormai un anno che uscivo con Stefania, una bella ragazza bionda di un'innata finezza di modi e aspetto. Bionda, alta, longilinea. Due bellissimi occhi azzurri incorniciati da un viso principesco, un corpo da favola. Sedere perfetto, tondeggiante come quello di una venere, seni piccoli e sodi. Pelle chiara, delicata. Raffinata come una madonna di cristallo. La storia andava bene come anche il sesso, ma io segretamente avrei voluto mostrarla al mondo nei nostri momenti di intimità. Avrei voluto vedere quella bella venticinquenne bonton e a tratti pudica esibita nei suoi lati più nascosti, mostrata nella sua parte più naturale e perversa. Così un giorno presi il discorso alla larga chiedendole come la vedeva la fantasia dell'esibizione in se stessa. Vedendo che non bocciava la cosa, ma anzi diceva che non era priva di fascino cominciai a parlarle della chat roulette che avevo visto sulla rete. Tutt'oggi mi sembra impossibile che sia andata come andata ma, sarà la curiosità o forse l'eccitazione del momento (eravamo nudi a letto), o solo che in realtà nonostante tutto il suo dissimulare è una gran esibizionista, i fatto la mia Stefania accettò di curiosare un po’ sul sito, non dopo avermi dato del maiale perverso e strano dicendo che la volevo svendere così a sconosciuti. Così prendemmo il mio portatile con webcam integrata:
- Ma come funziona?
- Vedi Ste il gioco è questo, il programma ti collega a persone sconosciute. Vedi se tolgo il dito dalla webcam quel ragazzo vedrà i tuoi seni… e non solo…
- Ma sei pazzo?!?
Non potevo crederci. Dall'altro capo della rete un ragazzo sconosciuto strabuzzava gli occhi nel vedere una così bella visione cascata dal cielo senza bisogno di chiacchiere e fatiche. Stefania cercava di coprirsi, ma quando capì che la cam non inquadrava il suo viso ma solo i seni e una piccola parte dei suoi dorati peli pubici cominciò a rilassarsi e a rispondere ai messaggi del bel moro dall'altra parte della cam.
- Ciao bel sogno. Da dove sei cascata? Sai che sei stupenda?
Cominciò così una lunga chattata che oltre il massaggiare l'ego della mia venere ebbe il non trascurabile pregio di far lentamente sciogliere le riserve di Stefania. Mario, il ragazzo in chat, ci sapeva fare. Aveva il dono del bel parlare e della pazienza. Amava guardare ma senza esagerare. E dopo una quarantina di minuti la mia lei era cotta a puntino. Da pudica che era cominciò a cedere. Dopo tutte quelle chiacchere e minime esibizioni dei seni o del vello il ragazzo ebbe un'idea che rese il gioco intrigante.
- Sei davvero una dea. Posso vederti meglio? Potremmo fare un gioco. Metto l'audio alla chat e tu fai quello che ti chiedo a voce se ti va.
-...ok...
Alla sua risposta seguita da uno sguardo malizioso e spietato che mi fece scoppiare testa ormoni e uccello (il cui significato si poteva tradurre tipo"era quello che volevi no? ora mi diverto") cominciarono gli ordini di quell'estraneo guardone..
- Ora carezzati i seni. Lentamente. Con la mano destra scendi piano piano verso quella stupenda fichetta pelosa che hai. Così, carezzala piano piano... Ora allarga le gambe, bene. Fatti guardare bene da tutti, voglio che mi mostri quello che non mi hai mostrato questa mezz'ora. Avvicinati alla cam, voglio che te la apri davanti all'obbiettivo, cosi'… Brava ora penetrati con un dito… Brava… su e giù... Lentamente.

Era assurdo. La mia ragazza era completamente partita (e pure io mi segavo furiosamente). Vedevo la sua fichetta bionda gonfia di umori, vedevo come faceva di tutto per mostrarsi al meglio alla telecamera... A gambe divaricate, fica spalancata e gonfia. Per obbedire agli ordini di uno sconosciuto che ora poteva vederle anche le tube. Pazzesco!

-Brava. Ora voglio vedere il tuo culo. Prima l'ho visto di sfuggita e sembrava stupendo. Girati. Così! Mettiti a gattoni. Allarga le gambe. Così. Ora voglio che con una mano ricominci a titillarti la fica, con l'altra ti allarghi le natiche. Brava così. Voglio vedere il tuo buco del culo… Wow sei una stupenda verginella! -.

Stupendo… Una cosa così non l'aveva mai mostrata neppure a me così sfacciatamente! La sua stupenda fichetta il suo sederino da principessa. Messa così sembrava una prostituta in vetrina, una bellissima nobile schiava. Non vi dico cosa provai quando lo sconosciuto le disse di penetrarsi ritmicamente prima fica poi ano come se venisse posseduta da due uomini. Il sesso anale tra noi era ancora tabù ma lei era così partita che cominciò a farlo sempre più velocemente venendo e urlando come una bella cerbiatta ferita.

Fu una cosa pazzesca. Venni copiosamente… Come lei… Come lui…
La cosa rimase nelle mie fantasie per mesi… Ancor più quando scoprii che quel bastardo con cui aveva chattato aveva messo la registrazione di quella bella esibizione in rete…