i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
La telefonata di Teresa mi colse del tutto impreparata, forse perchè consideravo il rapporto avuto con lei del tutto occasionale e senza alcuna possibilità d'avere un futuro. Invece la sorella di Manlio volle invitarmi, con la scusa d'aver passato a pieni voti il mio esame, per 'una serata non noisa' a casa sua, nella quale 'avrei avuto una piacevole sorpresa'.
Decisi che anch'io le avrei fatto una sorpresa, così dopo essermi completamente depilata la passera, sotto il solito miniabito elasticizzato non indossai nulla, e solo il fatto d'esser ancora senza auto mi 'costrinse' a coprirmi con un leggero spolverino, prima di prendere un taxi per recarmi a casa sua.
Lei mi accolse sensuale come al solito, fasciata da un abito molto simile al mio per quello che riguardava le dimensioni.
"Ma sei sempre più bella !" mi disse prima di darmi un lungo bacio in bocca.
"Anche tu non scherzi, sei sempre uno schianto." le risposi facendo scivolare una mano dal collo al fianco sfiorandole il seno.
Lei mi prese per mano per portarmi in salotto, dove ad aspettarci seduto su un gran divano, c'era un bell'uomo, di circa trent'anni, vestito di tutto punto.
"Lui è Stefano, un mio caro amico." mi disse Teresa.
"Non credo sia solo un amico." le risposi "Ma credo sarà così gentile da prestarmi la cravatta."
Lui non disse nulla, ma si sfilò la cravatta che mi passò, e con la quale legai molto blandamente i polsi di Teresa ad un termosifone.
"Così potrai liberarti quando vuoi." le dissi dandole un bacio in bocca "Ma so che aspetterai che sia io a chiamarti."
Con estrema naturalezza tolsi lo spolverino, e subito dopo feci cadere a terra il mio abito rimanendo così del tutto nuda, prima d'andare a sedermi vicino a Stefano, che m'accolse dandomi subito un bacio in bocca.
"Secondo te quanto riuscirà a rimanere li." chiesi all'uomo dopo avergli preso una mano che portai sulla mia passera.
"Non so ma se continui così esplodo prima io." mi rispose portando l'altra mano sul mio seno.
Iniziammo così a baciarci con sempre più passione, mentre le sue mani scorrevano su ogni poro della mia pelle. Io non feci nulla se non toccarmi per far eccitare il più possibile Teresa, che già iniziava a dare piccoli segni di cedimento.
Lentamente mi girai verso di lui per aprirgli la camicia, per poi alzarmi in piedi mettendomi quasi fra le sue gambe.
"Ti piaccio ?" gli chiesi sfiorandomi le labbra con un dito.
Lui non mi rispose, ma poggiò le labbra sulla mia fica e la baciò, quasi succhiando le grandi labbra tanto fu il suo impeto. Quando lui mi fece girare, io mi piegai in avanti per appoggiarmi su un tavolinetto, offrendogli così al meglio il mio culo.
Lui ne approfittò per baciarmi il buchetto prima di leccarlo facendoci girare lentamente la lingua intorno, per poi scivolare sulla passera ormai umida dei miei umori.
Vidi Teresa che nonostante fosse legata, si stava toccando la fica con sempre più insistenza, ma non volli far finire quella dolce tortura alla quale l'avevo condannata. Così mi misi carponi sul divano per continuare ad offrirmi a Stefano, il quale continuò a leccarmi l'intimità, senza badare in alcun modo alla padrona di casa.
"Girati e apri le gambe, ti voglio tutta." mi disse Stefano dandomi una piccola pacca sulla chiappa.
Io obbedii scivolando sul divano sino a trovarmi con le chiappe sul bordo, tenendomi allo stesso tempo le caviglie con le mani. Lui m'aprì il buchetto con le dita di una mano, per poi infilarci dentro la lingua, seguita poco dopo da un dito. Per tutta risposta gli feci leccare due dita che poi finirono subito dopo nella mia fica.
"Ti prego slegami, non resisto più." mi disse Teresa ormai giunta al culmine dell'eccitazione.
"Se vuoi lo faccio, però come punizione niente cazzo nella fica." le risposi mentre Stefano mi sodomizzava con due dita.
Lei si liberò della cravatta con la quale l'avevo legata per gioco, per poi togliersi l'abito sotto il quale indossava solo un perizoma in pizzo viola e sedersi al mio fianco. Le nostre bocche si trovarono subito, così come le lingue che si cercarono a vicenda in un gioco senza fine.
"A questa penso io." mi disse togliendomi le mie dita dalla passera per metterci dentro le sue.
"Forse è meglio che lo faccia io." le rispose Stefano sfilandosi i pantaloni e i boxer, mettendo così in mostra un cazzo di tutto rispetto.
Eccitata com'ero quella bella mazza scivolò dentro la mia fica senza trovare alcuna resistenza.
"Sii mi piace." dissi gemendo in un momento in cui Teresa mi lasciò libera la bocca Fatemi godere tutti e due porci che non siete altro."
Teresa si tolse allora il perizoma per sdraiarsi sopra di me nel più classico dei sessantanove, e con mia grande sorpresa vidi che aveva un plug ben piantato nel culo.
"Sei più puttana di me che giro senza mutande." le dissi togliendole il cuneo per poterle leccare l'ano e giocare così col suo culo
"E' vero però tu ora tienimelo in caldo per il suo cazzo." mi rispose mentre spingeva all'indietro Stefano per buttarsi sul suo pene.
Mi ritrovai così davanti alla faccia il culo di Teresa, che era tutta presa dal succhiare il cazzo di Stefano, e come al solito non seppi resistere alla tentazione di darle un misto di dolore e piacere.
Presi così il plug fra le dita ed iniziai fotterla con quel piccolo cuneo, che nonostante le dimensioni ridotte, era in grado di dilatarle notevolmente l'ano. Allo stesso tempo iniziai a massaggiarle con delicatezza il clitoride, ben sapendo che quello sarebbe stato il massimo piacere che poteva ricevere da tutta la fica.
"Ora vediamo quanto te l'ha allargato la tua amichetta." disse Stefano spostando Teresa sul divano per poi mettersi dietro di lei.
Da vero maschio dominate le tolse il plug per incularla subito dopo, facendo sparire il cazzo dentro il suo sfintere con pochi e potenti affondi.
"Ahi così mi fai male !" protesto debolmente la donna.
"Taci come se non sapessi che fra meno d'un minuto mi pregherai di sfondarti sono alla morte."
In effetti i gemiti di Teresa diventarono ben presto un chiaro segnale di quanto stava godendo, così non mi rimase che cercare di far venire il più velocemente la donna per poter avere anch'io la mia dose di cazzo.
Ma non appena cercai di muovermi, Stefano mi bloccò per far salire sopra di me Teresa.
"Leccatevi le fiche !" ci ordinò con tono autoritario.
"Signorsì !" risposi sorridendo un attimo prima di ritrovarmi la passera di Teresa davanti alla faccia.
Non so se m'eccitò di più sentire la sua lingua fra le mie gambe, o vederla inculata come una puttana da poco, con Stefano che la sbatteva senza alcun ritegno, pensando solo al proprio piacere.
Nonostante ciò Teresa ebbe un orgasmo che la lasciò senza fiato, anche se per poco visto che la spinsi facendola cadere sul divano per prendere il suo posto.
Lui non disse una parola, né del resto ce ne fu alcun bisogno, ma si mise dietro di me per riprendere a scoparmi con un'inaspettata calma. Del resto mi bastava lo scorrere della sua mazza dentro la passera per provare un piacere quasi assoluto, ben presto reso ancora più grande dalla lingua di Teresa che mi leccò ogni angolo delle labbra intime.
Quando lui scivolò un po' all'indietro compresi che stava venendo, così mi girai per ricevere il frutto del suo piacere direttamente alla fonte, prendendogli tutto il cazzo fra le labbra. Stefano venne schizzandomi tutto il suo sperma in bocca, che poi io rilasciai in quella di Teresa che non aspettava altro che giocarci un po' con me.
"Se vuoi t'accompagno a casa." mi propose Stefano mentre ci stavamo rivestendo.
"Grazie, così risparmio un taxi." gli risposi ben felice di non dover spendere dei soldi per tornare a casa.
"Ma solo se metti questo." mi disse indicandomi il plug che aveva usato Teresa.
Così presi il piccolo cuneo, e dopo avergli dato qualche leccata per lubrificarlo, me lo infilai nel retto senza dire una sola parola.
In compenso il viaggio verso casa mia fu tutto un discorso basato su Teresa e i suoi gusti sessuali, dei quali Stefano ne sapeva molto più di me, frequentandola da anni. Mentre parlava la sua mano si soffermava a lungo sulle mie gambe, ma senza mai arrivare alla passera che pure era all'aria.
Una volta giunti davanti al mio portone, lui volle seguirmi con la scusa di non lasciarmi sola in mezzo alla strada, ma una volta dentro l'atrio del palazzo, il suo atteggiamento mutò rapidamente.
"Cosa c'è li dietro ?" mi chiese indicandomi un piccolo spazio sotto le scale.
"Nulla al momento c'è solo un tavolo che qualcuno ha lasciato in attesa che passino a prenderselo."
Lui m'afferrò per un braccio portandomi quasi di forza in quel piccolo sottoscala, per poi farmi piegare sul tavole e alzarmi l'abito scoprendomi così il culo.
"Ma che fai, può vederci qualcuno che abita qui." dissi sperando d'intenerirlo.
"Se qualcuno ti vede saprà solo che ha una vicina un po' puttana." mi rispose abbassandosi i pantaloni e mostrandomi il cazzo già in piena erezione.
In un momento di pietà, dopo avermi tolto senza alcuna delicatezza il plug che avevo nel culo, sputò un paio di volte sul buchetto per poi far entrare la saliva usando un dito.
"Ora t'inculo e vedi di non urlare altrimenti svegli tutti, ah ah."
Mi sodomizzò con la stessa forza usata con Teresa, facendo scorrere tutta la mazza nel retto con un ritmo quasi forsennato, e per fortuna riuscii a non urlare nonostante il gran dolore che stavo provando.
"Sei solo una puttanella che gioca a fare la donna." mi disse tirandomi per i capelli "Un culo da sfondare prima che lo facciano altri."
"Allora rompimelo come meglio credi." gli risposi punta nell'orgoglio "Anche perchè sta iniziando a piacermi e non sai quanto."
Stefano mi prese di forza per mettermi carponi sul pavimento e riprende a fottermi come prima, ma questa volta allungai una mano che portai sulla fica per masturbarmi senza alcun ritegno.
"Ti piace prenderlo nel culo, troia che non sei altro !"
"Sii sfondami tutta, sto godendo."
Non so per quanto tempo mi sodomizzò li sul pavimento, ma del resto era chiaro che fosse un vero toro da monta, un maschio alfa in tutto e per tutto. Com’era evidente che godevo forse anche più di lui, masturbandomi senza sosta mentre lui m’inculava con tutta la forza che aveva in corpo.
Alla fine però anche lui venne, questa volta farcendomi il culo col suo sperma.
"Aspetta che mi pulisco." mi disse strusciando il suo pene sulle mie chiappe prima d'asciugarlo del tutto usando il mio vestito "E ora puoi tornare a casa." concluse rimettendomi il plug nel culo.
Lo vidi allontanarsi mentre mi rialzavo, cercando di rimettermi a posto il vestito in modo da coprire almeno le parti basse. Con le gambe ancora tremanti riuscii a tornare al mio appartamento per buttarmi subito sotto la doccia, come se volessi togliermi lo 'sporco' di dosso, o forse solo per rinfrescarmi le idee.
Compresi come si fossero sentite Anna o Teresa che avevo trattato come Stefano aveva usato me, né più né meno di un corpo da usare a proprio piacimento. Mi chiesi se volevo davvero seguire quella strada fatta di rapporti occasionali, nei quali potevo essere usata da uomini brutali solo per dar loro piacere, o dove potevo esser io la dominatrice e non solo di donne d'indole sottomessa. Magari era meglio rimanere con persone come Daniela, ed in parte anche Carla, per le quali il sesso era solo un diversivo durante il quale mantenevano sempre un certo controllo.
Alla fine decisi che era meglio farsi una bella dormita e rimandare al giorno seguente ogni decisione.

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/