i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note:
Questo racconto nasce dalla fantasia di un mio lettore di vedere sua moglie coinvolta in una serata di sesso
Quella sera Franca passò a prendere la sua sorella gemella Fiorella per andare ad un cena tra amiche. Era da un po’ che non passava una sera senza suo marito. Sua sorella, separata, usciva più spesso.
Si trovarono al ristorante con le altre tre amiche: Mara e Giovanna.
Erano amiche dai tempi della scuola, ma si erano perse di vista. Un giorno Mara le aveva contattate su Facebook e aveva organizzato la serata.
Franca notò che le sue amiche, compresa la sua sorella gemella, si erano vestite in modo più spinto di lei, con gonne corte e abiti scollati. Lei era l’unica con pantaloni attillati e un maglietta non molto scollata.
A cena iniziarono a raccontarsi le loro vite: Fiorella era l’unica separata, ma le altre, con grande stupore di Franca, avevano fatto più volte le corna ai loro mariti. Si sentì quasi imbarazzata a dire che lei non aveva mai tradito il suo.
La cena era ottima e il vino non era da meno, ne bevvero tutte molto. Poi, dopo il caffè fecero un doppio giro di limoncello. Franca, che non era molto abituata, era molto brilla.
«Bene, adesso ci aspetta la discoteca!», disse Giovanna.
«Ragazze, io vi lascio, mio marito mi aspetta», rispose Franca.
«Lo tranquillizzo io, il cognatino!», esclamò Fiorella, poi prese il cellulare dalla borsetta ed inviò un messaggio.
«Poi ho bevuto un po’ troppo, è meglio se vado a dormire», tentò di nuovo.
«Ormai il messaggio l’ha inviato. Devi restare», replicò Giovanna.
Alla fine Franca si arrese e così andarono in una discoteca all’aperto non molto distante.
Dopo essere entrate, presero ancora un cocktail, poi si buttarono in pista. Grazie all’alcol, anche Franca si scatenò più di quanto si sarebbe aspettata.
Vide Fiorella ballare con un bell’uomo sulla trentina che le toccava il sedere, palpandolo vistosamente attraverso il vestitino nero che le arrivava a metà coscia.
In poco tempo tutte le sue amiche avevano un ballerino. Mara lo stava già baciando mentre ballava. Un uomo si avvicinò anche a Franca e lei lo lasciò ballare con lei. Quando le mise anche lui le mani sul sedere, sentì un brivido e pensò: “Non è niente di male, solo una toccatina”. Fortunatamente non provò a baciarla, non era sicura di riuscire a resistere.
Ballarono per tutta la sera, poi Mara le si avvicinò e le gridò all’orecchio per sovrastare la musica ad altissimo volume: «Mirco ci ha invitate a casa sua, unisciti a noi!».
Franca, che nel frattempo aveva bevuto un altro cocktail offerto da Luigi, il suo ballerino, rispose: «Certo!».
Uscirono dalla discoteca e salirono nelle macchine. In pochi minuti erano a casa di Mirco.
Aveva un salotto molto spazioso e si sedettero a coppie su divani e poltrone. Aprì una bottiglia di vino, ma Franca era a posto.
Fiorella si tolse le scarpe col tacco alto ed iniziò a massaggiarsi un piede, dicendo: «Finalmente, non ne potevo più!». Subito anche le altre donne se le tolsero.
Mattia, il nuovo amico di Fiorella, disse: «Siete proprio uguali, voi due!»
«In realtà non proprio, se vedi qui», si abbassò la maglietta fino sotto al seno, fortunatamente coperto dal reggiseno, «Io ho una voglia che mia sorella non ha».
Luigi chiese: «Fai vedere», infilò le mani sotto la maglietta di Franca e gliela tirò su prima che lei riuscisse a protestare.
«È vero!», esclamò poi le mise una mano sul seno, palpandolo attraverso il reggiseno.
«Sono sposata», protestò debolmente Franca, ma l’uomo rispose: «Tuo marito non c’è, ora», la baciò focosamente, la donna non riuscì a resistere e ricambiò il bacio con trasporto.
Le sganciò il reggiseno, baciandole i capezzoli già turgidi; intanto anche le altre coppie si stavano spogliando: Fiorella era nuda dalla cintola in su, con Mattia che la baciava e le toccava il seno, Mara aveva le gambe allargate e Mirco la stava leccando, facendola gemere, Giovanna era in ginocchio davanti ad Andrea e lo stava succhiando.
Franca in balia di Luigi e dell’alcol, gli sbottonò gli pantaloni e prese il pene duro in mano. Era leggermente più grande di quello di suo marito. Iniziò a muovere la mano, ma l’uomo gli mise una mano dietro la nuca e la spinse lievemente. Franca non faceva spesso sesso orale con suo marito, non le piaceva molto, ma in quel momento si accorse che ne aveva una gran voglia. Si abbassò e prese il pene fra le labbra: aveva un sapore forte, ma non le diede per niente fastidio, anzi la fece bagnare completamente.
In sottofondo sentiva i gemiti degli altri, ma era concentrata su quello che stava facendo. Luigi sembrava apprezzare, aveva gli occhi chiusi e il respiro irregolare.
La donna, ormai molto eccitata, non voleva sprecare il suo amante in quel modo, quindi si tolse i pantaloni e gli slip neri, rimanendo completamente nuda. Notò che Luigi guardava con occhi pieni di desiderio il suo bel seno sodo, portava una terza. Rimase qualche istante a farsi ammirare, aveva delle belle gambe affusolate e un fisico asciutto. Poi salì sopra all’uomo e guidò il pene umido della sua saliva dentro di sé. Si lasciò sfuggire un forte gemito di piacere.
Intorno a lei anche gli altri, ormai tutti completamente nudi, avevano finito i preliminari: la sua gemella era nella stessa sua posizione, sopra a Mattia, ma muoveva il corpo molto simile a quello di Franca con molta più foga, quasi urlando di piacere; Mara, su una poltrona, non aveva cambiato posizione, ma adesso aveva Mirco fra le gambe che la penetrava con forza; Giovanna era a pecorina con il viso arrossato dal piacere, Andrea con le mani sul sedere abbondante la faceva gemere forte, mentre i suoi seni grossi sobbalzavano.
Luigi stava baciando avidamente i seni di Franca e le palpava il sedere sodo, facendola godere ancora di più.
Ad un certo punto, Fiorella scese da Mattia e si stese supina sul morbido tappeto al centro del salotto, poi, quasi come se fossero d’accordo, Mara le si mise sopra a 69. Le due donne iniziarono a leccarsi a vicenda, mugolando molto forte. I due uomini le penetrarono scambiati: Mattia era dietro Mara e Mirco era fra le gambe di Fiorella.
Anche Giovanna si coricò a fianco a loro, ed invitò Franca: «Vieni anche tu con noi!». La donna, quando si accorse di quello che stava succedendo alle sue spalle, non nascose la sorpresa, soprattutto nel vedere sua sorella che leccava ed era leccata da un'altra donna.
Luigi la fece scendere e, quasi senza neanche accorgersene, Franca si ritrovò sopra a Giovanna. Sentì subito la sua lingua sul suo clitoride eccitato che le fece provare un intenso piacere. Abbassò la testa e iniziò a leccare la vagina leggermente pelosa della donna. Non lo aveva mai fatto, ma scoprì che il gusto non era per niente sgradevole. Luigi iniziò a penetrare Giovanna proprio sotto il suo naso. Sentì il pene durissimo di Andrea dentro di sé: era molto più largo di quello di Luigi.
In pochissimo raggiunse l’orgasmo più intenso della sua vita e si lasciò andare in un forte e lungo gemito di piacere.
Dopo parecchio tempo sentì Andrea che svuotava il suo sperma dentro di lei e Giovanna che lo leccava avidamente dalla vagina, poi Luigi uscì dalla sua amica e le schizzò tre o quattro getti di sperma caldo e denso sul viso.
Anche gli altri quattro a fianco a loro avevano finito i modo simile: Mara stava leccando lo sperma dalla vagina di Fiorella che aveva il viso coperto da quello di Mattia.
Fiorella voltò la testa verso la sua gemella e le disse: «Allora come è stata la serata, sorellina?».
«Fantastica!», sospirò Franca.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it