i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Era scoppiata all’improvviso la bufera.
Papà era rientrato a casa intorno alle 20. Come sempre aveva posato la portadocumenti nel suo studio e, in camera sua, aveva dismesso il costume e la cravatta. In camicia e mutande si stava avviando in bagno a fare la doccia, mentre mia madre ultimava la preparazione della cena. Il bip del cellulare lo richiamò. Guardò il messaggio sul telefono e lo posò, lasciandolo, inavvertitamente, aperto. Lo scroscio dell’acqua e mamma che mi lancia un’occhiata furbetta, mentre allunga la mano verso il telefono di papà.
“Non lo fare, ma’!”
“Dai! Che c’è di male!”
“Non ti piacerebbe se lo facesse lui!”
“Io? Non ho nulla da nascondere!”
“E chi ti dice che lui ne abbia?”
“Solo un’occhiata!”
Capisco che è una partita persa: mi avvicino a sbirciare con lei. L’ultimo messaggio è del socio di papà: freddo e formale.
“Ti confermo appuntamento di domani da Pascale, ore 10”
Guardando la lista dei messaggi ricevuti su whatsapp, un nome attira la sua attenzione: Becco 54.
Lo apre: si vedono gli ultimi.
“Allora stasera corna in umido?”
“Puoi giurarci, vecchio porco! La mia moglie troia si sta già preparando.”
“Anche noi aspettavamo un paio di amici, ma mi sa che ci daranno buca. Manda foto della tua!”
Ultima risposta di papà:
“Mi spiace: lo sai che la troia non si fa fotografare. Magari fosse esibizionista come la tua!”
Mamma era livida: le labbra le tremavano, mentre stringeva nel pugno il telefono, quasi volesse fargli male. Papà la trovò così, uscendo dal bagno. La cena era andata a farsi benedire.
“Così io sarei una troia, eh? Stasera corna in umido? Bastardo…” e giù una serie di improperi ed epiteti improferibili. Papà cercava di intervenire e discolparsi, parlava di un gioco con uno sconosciuto. Ma mia madre era irremovibile: gli scagliò contro il cellulare, che mio padre afferrò al volo, e scappò in camera.
Papà fece per seguirla, ma lo trattenni:
“Lascia stare! Ora servirebbe solo a peggiorare le cose.” Mi guardò con l’aria di chi chiede aiuto. “Vai a dormire in camera mia, per stanotte. Proverò a parlarle!”

Un’oretta dopo, mia madre fissava lo schermo della tv senza guardarla: aveva un’aria truce che non prometteva nulla di buono. Infilata sotto le coperte a mezzo busto eretto, teneva le braccia incrociate e si mordeva il labbro. Due rivoli di trucco sbavato, che scendevano dalle orbite, testimoniavano che aveva pianto.
“Ho detto a papà di dormire nel mio letto, stanotte!” sussurrai, più che non dissi.
“Hai fatto bene!” fu il sibilo della sua risposta.
“Ma ora sono io a non avere un letto!”
“Puoi coricarti qui, per stanotte. Da domani troverò una soluzione!”
“Ma che stai dicendo? Ora sei arrabbiata: posso capirlo. Ma non mi sembra sia successo qualcosa di così grave!” mentre lo dicevo, mi spogliavo per indossare il pigiama e coricarmi. La sua reazione fu una tempesta di parole che fluivano, faticosamente, soffiando tra i denti stretti.
“Niente di grave? Mi ha dato della troia, capisci? Mi ha descritta come una poco di buono. Non già come una donna infedele: non gli bastava!”
Sollevai le coperte, facendo finta di ignorare la sua rabbia. Mi intrufolai nel letto, continuando:
“Se ci pensi, ha solo espresso una sua fantasia. Per il resto non ti ha coinvolta neanche raccontandotela.”
Si voltò verso di me ed io verso di lei: ora il suo volto era più disteso. Abbozzò anche un sorriso, mentre mi diceva:
“E tu chi sei? L’avvocato di papà?”
Ricambiai il suo sorriso.
“Pensi davvero che ne abbia bisogno?”
“Sentirsi dare della troia a 44 anni fa un certo effetto, specie se sei sempre stata una moglie fedele. Papà, col suo lavoro, guadagna tanto, anzi tantissimo e lo sai. Ma il prezzo che ho dovuto pagareè stato di rimanere spesso sola. E non ho mai cercato compagnia: mi bastavi tu!”
“Allora? Le fantasie di un uomo…Voglio dire: se davvero papà ti voleva più disinibita… capisci che anche per lui è stata una rinuncia?”
Si gira sull’altro fianco ed io spengo la luce, pensando voglia dormire. O rifletterci su.
Invece, sento il suo culo appoggiarsi su di me e cominciare a muoversi. Resto immobile, anche se non posso dire di essere indifferente: è mia madre, ma è pur sempre una bella donna. Ed a me è sempre piaciuta.
Se il mio corpo è fermo, il mio cazzo comincia a muoversi: ho paura di quello che sta succedendo; ho paura di aver capito male; ho paura di …
“Mamma, che fai?”
“Ti stai eccitando?”
“Purtroppo sì!”
“Perché purtroppo?”
“Perché non possiamo andare oltre?”
“E chi lo dice?”
“Ma sei la mamma!”
“Bella questa? Le fantasie di papà sono giustificate, le mie no!”
“Se continui, ricordati che anche io ho le mie!”
“Vuoi dire che il mio corpo è nelle tue fantasie?”
“Più di quanto tu non possa immaginare!”
“Allora, ora, realizziamo in un colpo le fantasie di tutti e tre!”
Dicendolo, si gira nuovamente e, al buio, cerca la mia bocca con la sua. Non aspetto di sentire la sua lingua: schiudo le labbra per accoglierla. Ha un sapore fresco. Spero solo non si fermi.
Ma lei non sembra abbia nessuna intenzione di fermarsi. La sua mano dietro la mia nuca, a tirarmi verso di lei, come fosse possibile diventare più vicini di quanto non siamo.
“Ti desidero da anni, piccolo! Ed anche tu sei stata una rinuncia, per me. Ma da oggi non più.”
la sua testa comincia a scendere e la sua lingua percorre il mio corpo lentamente, partendo dal lobo delle orecchie. Scende lungo il collo, si sofferma sul pomo di Adamo, mentre le dita della sua destra indugiano tra le mie labbra. La sua sinistra si impossessa del mio cazzo e scivola lungo l’asta, leggera come una piuma e la sua bocca ha raggiunto il mio capezzolo sinistro. Sento la leggera pressione dei suoi denti, mentre la lingua lo titilla con movimenti vorticosi: non ho mai conosciuto un piacere così intenso. Ho solo 20 anni, vero. Ma qualche ragazza l’ho avuta ed anche una più grande di me. Ma mia madre è davvero bravissima. Sento il piacere risalire lungo la mia asta, ritta nella sua mano: deve averlo sentito anche lei, perché, con un’agilità impensabile, scende con la testa tra le mie gambe e prende il cazzo in bocca, giusto in tempo perché un’abbondante sborrata non finisca tra le lenzuola, ma venga catturato ed ingoiato da lei.
Risale e le sue labbra sono di nuovo sulle mie: sento sul palato il gusto salato ed acre del mio sperma, mentre di nuovo lei mi accarezza il cazzo. Mio padre dorme di là? Chi se ne frega! Io sto conoscendo il Piacere con la maiuscola e spero solo che il tempo si fermi qui ed ora.
“Non mi lascerai così, vero amore? Dillo che anche tu mi vuoi chiavare!”
“Oh, sì mamma! Voglio chiavarti ed incularti!”
“Addirittura? Non t’immaginavo così porcellone. Ma potrai avere tutto di me: prendilo quando vuoi!”
La sua voce è una carezza al pari delle sue mani. Il mio cazzo è già tornato duro e freme dall’ansia di incontrare la sua figa. Lei sembra averlo capito. Solleva le coperte, sento il fruscio del suo pigiama che vola per aria. Si mette a cavalcioni su di me e si porta il cazzo all’imbocco di quella galleria dei miei sogni. Il cazzo le scivola dentro e lei si stende su di me.
“Che bello sentirti dentro, amore: hai un cazzo meraviglioso. “ di nuovo torna a mordicchiarmi i capezzoli, mentre le sue mani giocano con le mie orecchie e la mia bocca. Poi si rialza e comincia ad andare su e giù, ad un ritmo lentissimo accompagnato da una continua oscillazione dl bacino, ora verticale, ora orizzontale.Sen esiste qualcosa di vicino al paradiso, deve essere far l’amore con mia madre. Anche i suoi mugolii sono cadenzati a carezzare il mio cervello attraverso l’udito, per avvicinarlo, lentamente, all’orgasmo.
Ancora una volta, lei lo intuisce. Si ferma e, continuando a carezzarmi con la sua voce,
“No, amore! Non ancora. Sto godendo ogni istante, ma non sono ancora pronta ed anche tu dovrai aspettare.”
Immobile, in sella al mio cazzo, fa scorrere le sue unghia tra i radi peli del mio petto. Ho voglia di gridarle che l’amo e che l’amo come amante e non come madre, ma la paura di rompere l’incantesimo mi trattiene e mi spinge a far esplodere l’urlo liberatorio solo nella mia testa e nel mio cuore, che è una tempesta di emozioni forti, che fatico a controllare. Il mio sogno, mia madre e l’essere che sta scrivendo l’elegia del sesso per me. Ricomincia a muoversi, poi si ferma, poi si muove; si sfila il cazzo dalla fice e lo posiziona sul buco del culo. Lentamente, si lascia scivolare verso il basso, con lo sfintere che si dilata per accogliermi.
“Il culo della mamma, amore. Tutto per te!”
“È fantastico, mamma!”
“Ti piace davvero?”
Non mi trattengo più.
“Ti amo, mamma!”
“Zitto, piccolo, me lo dirai dopo. Ora continua a fottermi e pensa che sono la tua troia, il tuo sborratoio!”
il retto avvolge il mio cazzo come un guanto: sono pronto. Ed anche lei lo è: lo intuisco dal suo respiro che si è fatto affannoso, dal ritmo dei suoi movimenti che dall’adagio sono passati all’andante e quindi all’allegro e dai suoi gemiti, sempre più forti. Odo lo sciabordio generato dai suoi umori, ogni volta che, scendendo, le sue chiappe si infrangono contro le mie gambe, tese e dure e questa musica accentua, ancor più, il mio godere. Vorrei essere due in uno e leccare quel miele tra le sue gambe, mentre il mio cazzo le spara fiotti di sborra calda nell’intestino e lei urla alla notte il suo piacere.
Si muove ancora un po’, su e giù sul mio cazzo. Poi si alza, portandosi una mano tra le gambe, per evitare che il mio seme si sparga sul pavimento.
“Torno subito, amore! Vado a sciacquarmi, poi passo a comunicare a tuo padre che da oggi è ufficialmente cornuto e torno da te!”
Vorrei obiettare, ma anche stavolta è chiaro che sarebbe inutile. Rimango ad aspettarla nel letto, con la voglia già di ricominciare.