i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Marta Direcu era tutto tranne che una gran bellezza, tanto che mi chiesi cosa avevano trovato in lei i Tableri, che certamente avevano i mezzi per poter arrivare ben più in alto.
Forse però era stata proprio l'indole di Marta ad averla fatta finire nelle grinfie d’Aldo e Silvia Tableri, che non si erano certo risparmiati nell'infliggerle dolore e umiliazione arrivando anche a farla prostituire per puro divertimento personale.
“Mi piace essere sottomessa.” mi aveva confessato Marta quasi vergognandosene, ma questa sua volontà non poteva certamente giustificare la riduzione in uno stato troppo simile alla schiavitù.
L'unica 'arma' in mano ai coniugi Tableri era un 'regolare' contratto di schiavitù firmato dalla stessa Marta, contratto che però non aveva alcun valore legale. Nell’atto Marta dava totale libertà alla coppia di usarla come ‘schiava sessuale’, ma i due erano andato oltre ogni logica lasciandole cicatrici anche fisiche, che il tempo non avrebbe mai coperto.
La stampa scrisse che più che l'arringa del pubblico ministero, fu la mia come parte civile a far pendere la bilancia verso la condanna d’Aldo e Silvia Tableri, condanna alla quale seguì un non certo modesto risarcimento danni, del quale ebbi la mia bella percentuale.
Quel che però fu per me più importante era l'aver mantenuto ben saldo il mio posto di lavoro, anche perchè la popolarità che mi diede quella vittoria, si riversò in parte sullo studio.
Al ritorno dal tribunale fui accolta dai miei colleghi che mi portarono quasi in trionfo in giro per lo studio, e subito dopo si stapparono diverse bottiglie di champagne per festeggiare l'evento.
C'era però qualcosa che non mi dava pace.
Non riuscivo infatti a capire come Marta potesse essere arrivata così in basso, senza aver mai avuto la forza di ribellarsi, se non dopo un ricovero in ospedale. Durante il processo infatti erano state scoperte le pratiche sadomaso a cui era stata sottoposta Marta, e quello che m'aveva più colpita erano state le sodomizzazioni con gli oggetti più svariati per forma e dimensione. Alla fine decisi di metterla alla prova, se non altro per provare l'ebbrezza del dominio in modo ben diverso da quello che potevo esercitare con Anna.
Invitai Marta per cena a casa mia con la scusa di definire alcuni dettagli, chiedendole di portare un paio di pizze, e lei accettò con entusiasmo.
Finito di mangiare con qualche esitazione andai dritta al punto.
“Marta ma com'è la storia della sottomissione ? Se non ho capito male ti piace eseguire degli ordini o sbaglio ?” le chiesi con una certa naturalezza.
“Si, il principio è questo.”
“Quindi se ti dessi un ordine tu proveresti piacere nell'eseguirlo ?”
“Si anche perchè a darlo saresti tu.” mi rispose quasi presagendo la mia prossima mossa.
“Vieni con me.” le dissi portandola in camera dove le misi in mano un grosso fallo.
“Monica io...”
“Taci e succhialo, altrimenti esci da casa mia e non tornare più.”
Non so se fu il mio tono autoritario, o la sua voglia di sottomissione, quel che è certo è che lei afferrò saldamente il fallo ed iniziò a leccarlo, come se si trattasse di un vero pene.
“Adesso spogliati, voglio vederti nuda.” le ordinai mentre mi sedevo in poltrona.
Monica obbedì e per la prima volta compresi perchè i Tableri l'avevano voluta come schiava sessuale. Pur non avendo un bel viso, aveva in compenso un gran fisico, con due belle tette che quasi sfioravano la gravità tanto erano grandi e sode, e un culo che sembrava scolpito nel marmo.
Vidi anche delle sottili cicatrici lungo la schiena, eredità delle frustate d’Aldo Tableri, e compresi sino a che punto mi sarei potuta spingere.
Presi il fallo e lo sistemai al centro del comò, poi ordinai a Marta di leccarlo nuovamente in modo che lei si piegasse in avanti.
“Non ti farò male.” le dissi dandole una pacca sul sedere “Però non voglio sentire un gemito, quindi allarga le gambe, predi quel cazzo di gomma in bocca e non fiatare.”
Lei annuì con la testa aprendo al contempo le gambe, così non mi rimase che sculacciarla senza però metterci molta forza, ma soprattutto palparle la passera, che ben presto si bagnò con i suoi umori. Aumentai allora sia forza che l'intensità delle sculacciate, ma non solo lei non disse nulla, ma era ben chiaro quanto gradiva quel trattamento.
“Sei proprio una troia !” le dissi prendendo in mano il fallo che stava succhiando “Ti bastano quattro schiaffi sul culo per farti diventare la fica un lago. Adesso t'infilo questo cazzo di gomma dentro e dopo tu mi lecchi la fica, perchè voglio godere anch'io.”
Quei venti centimetri di silicone le entrano dentro la passera fin troppo facilmente, tanto che pensai per un attimo d'incularla per vedere se poteva gemere di dolore, ma poi decisi che avrei compiuto quel passo in seguito.
“Ora siediti per terra e leccami la fica.” le ordinai sfilandomi la gonna e le mutandine “E che quel fallo non ti esca dalla fica altrimenti m'incazzo.”
Nonostante non fosse in una posizione comoda, Marta mi leccò la fica con un'insospettata maestria,
succhiandomi prima le grandi labbra per poi passare la lingua entro tutta la passera, colpendo più volte con la punta il clito, per poi rincominciare da capo.
“Come lecchi bene puttanella che non sei altro. Scommetto che non vedi l'ora che ti scopi, non è vero ? Lo so che non ho il cazzo ma sono certa di farti godere perchè in fondo sei solo una cagna in calore che vuole essere scopata.”
Per la prima volta da quando avevamo iniziato a fare sesso, Monica aprì la bocca, e non fu certo per negarsi.
“Si non aspetto altro che essere tua.” mi disse alzandosi in piedi prima di darmi un lungo bacio in bocca “Prendimi come vuoi, la mia fica e il mio culo sono tuoi.” concluse prima di piegarsi nuovamente sul comò, mettendo un'altra volta in mostra il suo bel culo, allargando quel tanto le gambe da far schiudere la fica come una fiore all'alba, mentre il fallo che le avevo lasciato dentro cadeva a terra.
Presi da un cassetto un grosso strap-on che avevo comprato la mattina sperando in una sua completa capitolazione, e me lo fissai alla vita con tutta calma, prima di mettermi dietro di lei per afferrarla saldamente sui fianchi.
La penetrai con tutta la forza che avevo, ma dalla sua bocca non uscì che un flebile gemito di piacere, come se tutta quella violenza per lei non fosse nulla.
“Cazzo ma a te piace proprio essere stuprata !” le urlai contro dandole alcuni sonori ceffoni sulle chiappe “Per me ti piace prenderlo nel culo, anzi non aspetti altro, vero troia ?”
“Te l'ho detto sono tua, quindi fai quello che più ti piace.” mi rispose con una naturalezza che mi mise quasi a disagio.
“Allora eccoti accontentata !”
La sodomizzai esattamente come le avevo penetrato la passera poco prima, con pochi, ma violenti affondi, che fecero sparire il fallo dentro il suo culo. Questa volta però, Marta gemette e non solo di piacere, ma il viso si contrasse in una smorfia di dolore.
Per la prima volta assaporai il piacere del completo dominio, e fui subito affascinata dal suo estremo masochismo, che le permetteva di sopportare ciò che per era a dir poco incomprensibile. Per quanto avessi avuto rapporti anche forti, non avrei sopportato quello che le stavo facendo, un micidiale cocktail di violenza e perversione, che non avevo mai provato.
Più scopavo Marta, più la sentivo mia non come amante, ma come semplice oggetto di piacere, un mezzo come un altro per godere e nulla più. Godevo d’ogni suo respiro affannato, dei suoi gemiti, delle sue continue richieste a non smettere. Mentre la sodomizzavo facendola rimanere carponi, non smisi mai di picchiarla sulla natiche e di tirala a me per i capelli, poi la girai facendola sdraiare sul tappeto per poterle schiaffeggiare le tette e tirarle i capezzoli.
Più la insultavo e più lei mi supplicava d'andare avanti, senza avere alcuna pietà del suo corpo.
Quasi non m'accorsi che Marta stava avendo un violento orgasmo, forse il primo da quando era fuggita dai suoi aguzzini, e non osai interrompere quel momento. Quando però il suo respiro si fece meno affannoso, volli subito riprendere quel gioco di ruoli, che tanto mi stava affascinando.
“In ginocchio e baciami i piedi.” le ordinai togliendomi lo strap-on per sedermi poi comodamente in poltrona.
Mentre la vedevo umiliarsi baciando e leccando le mie estremità, non seppi resistere alla tentazione di toccarmi il monte di Venere, scoprendolo bagnato oltre ogni mia aspettativa. Le dita iniziarono ad entrarci sempre più numerose, con una velocità che diventò frenetica in poco tempo.
“Dammi il cazzo di gomma.” le ordinai quando compresi che le falangi non mi bastavano più “E leccami il culo.”
Non appena quella replica di pene entrò nella mia fica, ebbi come un attimo di sollievo, ma mi bastò sentire la lingua di Marta sfiorarmi il culo per riaccendere il desiderio dell'orgasmo.
“Scopami.” le dissi volendo abbandonarmi a lei, anche per vedere di cos'era capace.
Marta afferrò il fallo ed iniziò a fottermi all'inizio quasi timidamente, per poi crescere d'intensità senza però mai smettere di leccarmi il culo. Il piacere m'avvolse come una calda coperta che coprì tutto il mio corpo in un abbraccio quasi senza fine. Lei rallentò solo quando mi vide scuotermi per l'orgasmo, per poi fermarsi aspettando un mio nuovo ordine.
Ordine che per non le diedi mai, anzi la feci alzare per poi baciarla, cercando di trasmetterle in quel contato fra labbra, tutta la gratitudine per il piacere appena provato.
“Ti va di dormire con me ?” le chiesi già sapendo la risposta.
“Si.”
La presi per mano e la portai nella mia camera, dove le chiacchiere da donna la fecero da padrone sino a quando non ci addormentammo abbracciate come le più tenere delle amanti.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/