i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Faceva freddo in quel periodo, perciò decisi di concedermi una bella doccia calda. Entrai in bagno mentre la mia coinquilina, Giovanna, stava studiando in cucina; nel nostro appartamento da universitarie non avevamo il salotto.
Aprii l’acqua e mentre si scaldava, mi spogliai. Avevo acceso una stufetta elettrica da un po’, quindi il bagno era bello caldo.
Entrai quando dalla doccia usciva già il vapore. Il mio piede nudo sentì la ceramica bollente. Provai un brivido di piacere. Lasciai che l’acqua mi scorresse sul corpo per un bel pò, poi mi insaponai i capelli rossi e lunghi, passai la spugna sul collo, poi scesi sui piccoli seni, arrivando sulla pancia e fra le gambe. Quando ebbi insaponato tutto il corpo, aprii di nuovo l’acqua calda e mi sciacquai a lungo.
Uscii e mi avvolsi nell’accappatoio. Mi asciugai i capelli con cura e li raccolsi sulla nuca.
Quando arrivai in cucina Giovanna era ancora immersa nei libri dell’università.
«Come sta andando?», le chiesi, sedendomi al tavolo e accavallando le gambe. Avevo ancora l’accappatoio addosso e la coscia si scoprì. Tenevamo il riscaldamento alto, quindi non avevo freddo. Giovanna indossava una tuta e una maglia con le maniche lunghe.
«Male, non ci capisco niente!», rispose sconsolata.
«Dovresti fare una pausa. Prendiamoci un caffè», le proposi.
Mi alzai senza attendere una risposta e misi la cialda nella macchinetta già calda. La tenevamo sempre accesa in caso di bisogno di una dose di caffeina.
«Io sono avanti con lo studio, se vuoi ti do una mano», dissi.
Mentre mettevo l’altra cialda, Giovanna mi abbracciò da dietro e mi disse: «Tu sì che sei un’amica». Poi mi diede un bacio sul collo. Noi due eravamo molto amiche, ma non ci eravamo mai concesse questo genere di effusioni. Mi voltai e le dissi: «Anche tu faresti lo stesso».
Giovanna mi guardava con i suoi penetranti occhi marroni, continuando ad avere le sue mani sui miei fianchi.
Ad un tratto mi baciò. Io, stupita, non ricambiai il bacio, ma non riuscii neanche a staccarmi perché ero contro il piano della cucina.
Sentivo le sue labbra morbide contro le mie e la lingua umida che tentava di entrare nella mia bocca. Pian piano, senza volerlo, ma senza riuscire a trattenermi, socchiusi le labbra. Giovanna si sentì invitata a provare con più intensità. Alla fine cedetti e le nostre lingue prima si toccarono fugacemente, poi si intrecciarono in un bacio pieno di passione.
Quando ci staccammo vidi negli occhi della mia amica dolcezza, ma soprattutto desiderio. Aprii la bocca per dire qualcosa, ma mi uscì solo un gemito sentendo la sua mano liscia e calda toccarmi il seno sotto l’accappatoio.
Me lo abbassò dalle spalle lasciandomi nuda dalla cintola in su, poi abbassò la testa e mi baciò i capezzoli che avevano già iniziato ad inturgidirsi.
Sentire la sua lingua sulla pelle sensibile dei miei capezzoli, mi faceva provare un piacere inaspettato; chiusi gli occhi e la lasciai fare, mentre iniziavo a bagnarmi.
Slacciò la cintura e l’accappatoio cadde silenziosamente sul pavimento. Trattenni il fiato sentendomi di colpo nuda.
«Sei bellissima!», sussurrò. I quel momento capii come mai Giovanna non aveva mai avuto un ragazzo: le piacevano le ragazze!
Mi caddero le infradito mentre mi fece sedere sul piano della cucina, poi mi allargò le cosce con delicatezza e rimase a guardare estasiata la mia vagina coperta da una leggera peluria rossiccia.
Si mise fra le mie gambe e tornò a succhiarmi i capezzoli, questa volta con più foga. Io ansimavo per l’eccitazione.
Mi baciò di nuovo ed io non mi ritrassi, ma ricambiai il bacio con la stessa intensità.
Quando ci staccammo, scese fra le mie gambe ed io la guardai mentre la sua lingua si avvicinava al mio clitoride eccitato. Gemetti e chiusi gli occhi quando lo toccò ed iniziò a leccarlo.
Nessuno mi aveva mai fatto godere così. Sapeva esattamente cosa volevo e quando. Non stava solo sul clitoride, come la maggior parte degli uomini, ma leccava intorno, sopra, sotto, faceva guizzare la lingua dentro la cavità.
Variava il ritmo seguendo il mio respiro e i miei gemiti, portandomi ondate di caldo piacere, prima molto intenso, poi più lieve, fino a quando raggiunsi un lungo e fortissimo orgasmo che mi percorse tutto il corpo come una scarica elettrica e mi abbandonai a gemiti molto sonori. Giovanna rallentò pian piano, mi diede un ultimo bacio sulla vagina e mi disse con la voce rotta dall’eccitazione: «Adesso tocca a te!».
«Non so, non l’ho mai fatto», risposi un po’ titubante, scendendo dal piano della cucina.
Giovanna come risposta mi prese le mani e se le mise sui seni: erano molto più grossi dei miei, io portavo la seconda lei la quarta. Non portava il reggiseno ed io sentii con le dita i suoi capezzoli duri sotto il tessuto della maglia.
«Non essere timida», mi incoraggiò lei.
Iniziai a palparla con più forza, poi misi le mani sotto la sua maglia: la pelle era liscia e morbida, i seni nonostante le dimensioni erano sodi e i capezzoli molto eccitati. Mi accorsi che mi piaceva toccarla in quel modo. Le sfilai la maglia e le baciai i grandi capezzoli scuri. Giovanna iniziò subito a gemere e mi mise una mano sulla testa accarezzandomi i capelli.
La ragazza si staccò e, guardandomi negli occhi, si mise le mie mani sui fianchi. Capii cosa voleva e le tirai giù la tuta, sotto portava un paio di slip neri, le abbassai anche quelli con il cuore che batteva a mille. Era la prima volta che mi trovavo davanti ad una vagina nuda che non fosse la mia.
Non sapevo bene cosa fare, ma Giovanna risolse la situazione: «Fai prima con la mano», mi sussurrò.
Io le obbedii e le misi un dito sul clitoride: aveva la vagina accuratamente depilata e bagnatissima. Appena la toccai il suo corpo fremette. Cercavo di fare quello che avrei fatto su me stessa e sembrava andare bene: Giovanna gemeva intensamente. Tornai a baciarle il seno e avvertii la vagina che si bagnava ulteriormente.
Dopo qualche minuto, Giovanna mi chiese con la voce rotta dal piacere: «Ti va di provare con la bocca?».
Io ripensai a quanto mi aveva fatto godere lei e decisi che volevo contraccambiare. Annuii e la mia amica si sedette sulla sedia, allargando le gambe. Io mi inginocchiai davanti a lei con l’accappatoio sotto le ginocchia e guardai rapita la sua vagina: il clitoride gonfio sormontava le labbra di un bel rosa chiaro leggermente socchiuse, invitanti, sotto si intravedeva il rosa più scuro dell’ano. Provai un’intensa voglia di baciarla.
Mentre mi avvicinavo, avvertii il suo profumo, era inebriante. Le diedi un bacio che la fece fremere, poi iniziai a leccarla come aveva fatto lei con me. Aveva un sapore intenso, ma con mia sorpresa, per niente sgradevole, anzi mi piaceva.
Istintivamente variavo il ritmo e i luoghi dove passare la lingua e avevo la conferma che non sbagliavo sentendo i suoi gemiti aumentare d’intensità e avvertendo i suoi umori aumentare sempre di più, mi colavano fin sul mento.
Continuai fino a quando il corpo di Giovanna fu scosso violentemente dall’orgasmo e sentii sulla lingua un’ondata di umori dal gusto più intenso. Rallentai pian piano, poi alzai lo sguardo e vidi che mi stava guardando: aveva un largo sorriso e il viso arrossato, era bellissima.
Mi fece alzare e mi disse: «Sei stata fantastica!», poi mi baciò. I sapori delle nostre vagine si mescolarono sulle nostre lingue.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it