i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note:
Per contati pareri o giudizi ilmaster@yahoo.com
Note dell'autore:
Inizio
Questa è una storia vera.
È la storia di Daniela (nome di fantasia) che ha capito la sua vera natura di Slave, e grazie a questo ha trovato l’amore e la felicità… certo il compagno non sa della sua troiaggine ne si immagina quanto sia vacca la sua donna, e non immagina che dietro la sua storia ci sia io, il suo Padrone.. prevalentemente virtuale.
Tutto ha inizio una sera del 2010, io per lavoro dovevo restare in ufficio ed aspettare, visto che dovevo passere molto tempo ed avevo un PC a disposizione, mi sono collegato ad una chat di quelle che non necessitano di iscrizione.
Mi trovo nel bel mezzo di una discussione fra uomini e donne (4 o 5) non di più, che discutevano appunto di Daniela, che era stata di nuovo lasciata dall’uomo che frequentava e non capiva perché tutti gli uomini la lasciassero al massimo dopo qualche mese.. benchè lei , a suo dire , li accontentava in tutto.
Io ho seguito qualche minuto la discussione e poi in privato le ho scritto “ Ti lasciano perché gli dai ciò che chiedono ma non ciò che vogliono”.
Le mie parole la incuriosiscono e mi risponde…
Parlammo quasi 3 ore, io le dissi alla fine che lei aveva bisogno di una guida che le dicesse cosa fare e come farlo! Dalle sue parole avevo visto solo una schiava che non sapeva o non voleva sapere di esserlo, quindi visto che dovevo andare via ho chiuso la discussione.
Le proposi di essere il suo master a distanza (abitavamo lontani.. molto) e l’avrei finalmente fatta diventare donna e avrebbe finalmente goduto.. (nel seguito capirete perché.. raccontare 3 ore di parole è noioso 😊)
Le dissi di cercarmi alla mia mail se avesse voluto essere veramente donna.. salutai e chiusi.
Dopo 2 giorni mi scrisse.. e dopo diverse mail di chiarimenti e regole, ad esempio che nessuno ne familiari o conoscenti stretti avrebbe mai dovuto sapere niente accettò.
Le mie parole successive furono queste
“Da adesso mi devi chiamare Padrone, devi ubbidire senza scuse, se non ubbidisci ti punirò, e eseguirai le punizioni su Skype (a quel tempo Whatsapp era usato poco) se vuoi a viso coperto, se non esegui o ti rifiuti si chiude il rapporto ed io sparirò.
Adesso fai una foto a tutti i tuoi vestiti, mettili sul letto devo avere chiaro ciò che hai, quando hai finito fotografa la tua biancheria intima e le tue scarpe poi mandami tutto alla mia mail..”
Lei rispose così
“Si Padrone..”


Per commenti ilmaster@Yahoo.com