i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Carla mi chiamò per dirmi che sarebbe passata dopo cena a prendermi per portarmi in un 'posto divertente'.
Nonostante non mi fossi ancora trasferita nella dependance della villa di Tommaso, nel mio appartamento il disordine regnava sovrano, e cercare qualcosa di 'provocante ma non troppo' non fu un'impresa semplice.
Alla fine decisi di puntare sul sempre classico nero, scegliendo un semplice tubino, sotto il quale indossai un completino reggiseno e perizoma in prezioso pizzo. Nonostante il pomeriggio a base di sesso con Stefano, la mia voglia di godere non si era placata, e speravo che la mia collega avesse in serbo qualcosa di particolarmente perverso. In pratica mi sentivo come il vaso di Pandora, solo che in me stava uscendo fuori ogni tipo di perversione. Il fatto poi d'esser fidanzata ad un impotente, non faceva che accrescere il desiderio di fare nuove esperienze d’ogni variante possibile ed immaginabile.
Carla arrivo puntualissima, ma con mia gran sorpresa, giunse in limousine con tanto d’autista, che mi aprì la portiera con una malcelata tensione.
"Appena sali devi toglierti il vestito e darlo a Patrizio." mi disse Carla che indossava solo una ricercata lingerie.
"Vedo che non vuoi perder tempo." le risposi tirando giù la lampo del vestito "però non ho capito il nome del tuo autista."
"Patrizio, ma lui non è il mio autista, ma un lurido schiavo pronto ad eseguire ogni nostro ordine."
Rimasi colpita dalle dura parole della mia amica, anche perchè Patrizio mi sembrava del tutto 'normale', a parte un'eccessiva rigidità nei movimenti. In ogni caso l'uomo prese il mio vestito per metterlo in una busta di carta coloratissima, che poi depositò del bagagliaio della limousine.
Non appena lui chiuse la portiera, Carla mi baciò con foga sulla bocca, prima di aprirmi il reggiseno e poggiare le sue labbra sui miei capezzoli.
"Posso sapere dove andiamo ?" le chiesi dopo averle sfilato un sandalo per poterle baciare il piede.
"A scoparci la moglie di quel pervertito. Si chiama Marisa ed è una troia disponibile a qualunque tipo di rapporto." mi rispose Carla facendo scivolare il suo piede fra le mie gambe, per poi muovere le dita proprio sopra la mia passera "Voglio fartela conoscere perchè so che desideri iniziare una vita da dominatrice, e questo due sono secondo me la coppia giusta per iniziare. Sono entrambi per natura due sottomessi, anche se lui non è il classico sfigato con un cazzo ridicolo, ma un incrocio fra un guardone e un masochista che deve ancora scoprire i propri limiti, sempre che n’abbia. Lei invece è una puttana pronta a tutto, rapporti multipli e sadomaso compresi, con una particolare predisposizione a farsi sfondare il culo con cazzi e oggetti vari, e credimi ha anche una notevole fantasia. Credo che con una buona 'guida' anche lui possa diventare un divertente giocattolo sessuale, solo che io non ho tempo per una nullità del genere, mentre tu non aspetti altro che fare la dominatrice di mezzi uomini."
Per dimostrale la mia gratitudine le sfilai il perizoma per poterle leccare la fica, facendo passare lentamente la lingua dall'inizio dello spacco, sin quasi all'ano. Con tutta calma risalii sino alla bocca per portarle il sapore del suo stesso piacere, per poi riscendere e tuffarmi nuovamente fra le sue gambe.
"Dentro la mia borsa c'è un dildo, prendilo." mi disse Carla scoprendosi il seno per toccarselo.
La mia collega più che con una borsetta girava con una piccola valigia, ma nonostante ciò trovai quasi subito il giocattolo che si era portata da casa. Diedi un paio di veloci leccate al dildo primo di farlo sparire nella fica della mia amante, soffocando poi i suoi gemiti con la mia bocca.
"Ti voglio scopare, ora !" mi disse Carla spingendomi sul sedile sino ad avere la schiena contro la portiera.
"Non devi dirlo ma farlo." le risposi sfilandomi il perizoma per poi lanciarglielo contro come segno di sfida.
Carla fu quasi una furia, passando dal darmi un lungo bacio in bocca, al poggiare una mano sulla mia passera, sino a tenerla aperta con quattro dita per poterla leccare al meglio.
"Ma Patrizio ci vede ?" le chiesi quasi a chiedere una conferma.
"Sì e dimmi ti eccita ?"
"Molto, anzi moltissimo, però tu fammi godere come se lui non ci fosse."
Carla mi scopò a lungo, dandomi l'ennesimo orgasmo della giornata, facendo scorrere il dildo nella mia fica con ritmi sempre diversi, senza mai smettere di baciarmi dalla bocca sino all'interno delle cosce. Scoprii con gioia, che non avevo provato piacere solo dal sesso, ma anche dal sapere che un uomo ci stava guardando senza avere alcuna possibilità d'intervenire, pur essendo in grado almeno fisicamente di farlo. Non so se fu un caso, ma ebbi l'orgasmo proprio nel momento in cui immaginai quell'impotente del mio fidanzato al suo posto, e pensai a come realizzare quella piccola perversione.
Poco dopo entrammo nel giardino di una gran villa, e non appena l'auto si fermò, Patrizio ci porse due vestaglie con le quali Carla ed io ci coprimmo prima d'entrare.
All'ingresso ci aspettava una ragazza vestita in modo impeccabile da cameriera, che ci accompagnò nella stanza predisposta per il nostro gioco erotico. In un angolo era stata legata Marisa, una bionda dal seno prorompente, ma soprattutto con una faccia da vera maiala, che Carla degnò giusto di uno sguardo.
"Lei è Marisa." mi disse sfilandosi la vestaglia per poi sdraiarsi al centro del letto "Di lei ci occuperemo più tardi, ora vieni qua perchè la sveltina in macchina mi ha fatto venire voglia di vero sesso."
"Anche a me ha fatto lo stesso effetto." le risposi sdraiandomi al suo fianco dopo essermi spogliata completamente.
La mia bocca raggiunse subito la sa per poi scendere sui capezzoli che succhiai a lungo, dopo averli fatti diventare turgidi a colpi di lingua. Il passo successivo fu raggiungere la sua passera che leccai con tutta calma, prima di penetrarla con due dita, che però ben presto si rilevarono del tutto insufficiente nel darle piacere.
"Nei cassetti ci sono dei cazzi di gomma." mi disse Carla quasi spingendomi via dalle sue gambe "Prendine uno e scopami."
Nel primo cassetto che aprii c'erano solo dei piccoli dildo, ma in quello seguente trovai un grosso fallo di gomma, che sembrava quasi invitarmi ad usarlo. Lo presi con una mano e dopo aver chiuso la bocca della mia amica con la mia, feci scivolare quel cazzo finto dentro la sua fica, per poi scoparla con un ritmo a dir poco furibondo.
Carla non solo non disse nulla, ma spostò le nostre labbra per poter urlare il suo piacere mentre m'incitava a non smettere.
"Si fammi venire, così dopo ci scopiamo quella gran troia che ci sta guardando."
In effetti Marisa sembrava quasi ipnotizzata dalla visione di Carla, aspettando con bramosia di prendere il suo posto.
"No prima di lei voglio godere io." dissi alla mia collega ormai prossima all'orgasmo "Lei e quel coglione del marito possono aspettare anche tutto la notte."
Carla ebbe il suo orgasmo, e subito dopo mi sistemai carponi, mettendo bene il culo verso Marisa.
La mia amante fece passare lentamente la lingua dall'ano sino all'inizio dello spacco, per poi prendere il fallo che avevo usato su di lei, e scoparmi con quello.
Non so se provai più piacere dall'atto in se, o dal mostrarmi a quella sconosciuta, dimostrando così il mio potere verso di lei. La mia mente correva anche al perverso gioco che avevo in serbo per Marisa, e che ero certa sarebbe piaciuto anche a Carla. Per la prima volta in vita mia ebbi quasi fretta d'arrivare al picco del piacere, e forse per questo quel rapporto non fu molto appagante, ma lo fu invece quello che seguì.
Mentre io prendevo alcuni piccoli dildo, Carla andò a slegare Marisa alla quale ordinai di mettersi a pecora al centro del letto.
"Questa troia ha la fica che è un lago !" esclamai dopo averle passato una mano in mezzo alle gambe.
"E anche bello largo." mi rispose Carla infilandole dentro tre dita senza trovare alcuna difficoltà.
"Vediamo se con questo sente qualcosa." le dissi indossando un grosso strap-on per poi sdraiarmi sul letto "Avanti puttana infilati questo cazzo dentro e dimmi se è abbastanza."
Marisa s'impalò dandomi le spalle, e non appena quella mazza di gomma le riempì la fica, iniziò a gridare senza alcun ritegno il proprio piacere.
"Si scopatemi sono la vostra troia !" urlò quasi volesse spingerci ad essere più violente.
"Allora cambia buco perchè le troie come te lo prendono solo nel culo." le ordinò Carla che aveva nuovamente il grosso fallo in mano.
Marisa obbedì e si sodomizzò emettendo un solo piccolo gemito di dolore, subito seguito da uno più forte, quando Carla le riempì la passera col fallo.
"Dimmi troia che non sei altro, quanti cazzi riesci a prendere insieme ?" le chiesi mentre Carla le schiaffeggiava il seno.
"Tre perchè ?" mi rispose incuriosita.
"Perchè credo siano ancora pochi per una puttana come te, quindi mettiti a pecora che ti sfondiamo fica e culo."
La donna obbedì nuovamente mentre io rovesciavo tutti i piccoli dildo che avevo trovato nel primo cassetto, sul letto.
"Io mi prendo il culo, tu la fica, va bene ?" proposi a Carla che aveva già compreso cosa volevo fare.
Iniziammo ad infilarle i dildo, io nel retto e lei nella passera, senza dire nulla, se non quando arrivammo a quattro a testa e Marisa iniziò a gemere per il dolore.
"Taci troia." le dissi dandole un sonoro ceffone su una chiappa "E pensa a quando potrai raccontare a quel gran cornuto che ti ha sposato, quanto t'abbiamo sfondato io e la mia amica."
“Vi prego mi state aprendo in due....” supplicò la donna quasi piangendo.
“Come prima volevi esser scopata e ora ti lamenti che lo facciamo ?” le risposi cercando di spingerle dentro tutti e quattro i dildo insieme.
“Sta solo facendo un po' di scena.” disse Carla imitando i miei gesti “Come se non sapessi che non appena ci lascia, va a battere davanti a qualche guardone.”
Le parole di Carla m'incuriosirono, ma decisi che in quel momento era meglio concentrarsi su Marisa per darle una severa lezione. Entrambe le infilammo un quinto dildo per poi scopala e sculacciarla sino a non avere più forze nelle braccia, e solo dopo anche Marisa crollò esausta, ma allo stesso tempo appagata.
Lasciammo alla donna il tempo di riprendersi prima di mandarla via e rivestirci per tornare alla limousine.
“Mi spieghi la storia dei guardoni che pagano ?” chiesi a Carla mentre ci dirigevamo verso il suo appartamento.
“Quella villa è un club privé frequentato soprattutto da guardoni che pagano per vedere fare del sesso ad 'alto livello'. A volte le donne sono le loro compagne, altre persone come Marisa che si offre in cambio di denaro, ma soprattutto per dar sfogo ai propri istinti.” mi spiegò Carla come se quel che diceva era la cosa più normale del mondo “Ci vanno anche donne e uomini che vogliono solo scopare, o dar vita alle proprie fantasie. Tanto per dirtene una c'è stata una donna che ha festeggiato il proprio divorzio con un'orgia con dieci ragazzi di colore.”
Carla continuò a raccontarmi diverse situazioni che si erano realizzate in quella villa, poi una volta giunte davanti al suo appartamento mi salutò ricordandomi di chiamarla per passare qualche altro momento insieme.
Durante il tragitto verso casa mia pensai a cosa dire a Patrizio, e solo una volta arrivata davanti al portone, ebbi l'idea giusta. Non appena lui m'aprì la portiera scesi per poi dargli il mio primo ordine.
“Entra dentro il portone, tira fuori il cazzo e fatti una sega.”
“Come non ho capito.” farfugliò lui chiaramente sorpreso.
“Hai capito benissimo.” gli urlai in faccia dopo avergli dato un schiaffo “Tira fuori il cazzo e fatti una sega.”
Patrizio ubbidì e così potei costatare che Carla non m'aveva affatto mentito sulle dimensioni del pene dell'uomo, che pur non essendo nulla d'eccezionale, erano più che nella norma.
“Sai oggi ho conosciuto quella gran puttana di tua moglie.” gli dissi per eccitarlo ancor di più “E' davvero una troia di prima grandezza, pensa che le abbiamo infilato una decina di dildo fra fica e culo e lei non faceva altro che gemere di piacere. Domani voglio che veniate entrambi qui da me alle tre perchè ho tante belle idee su voi due. Mi raccomando dille di mettersi qualcosa di sexy ma non da puttana da strada, sono stata chiara ?”
“Siii.”
Patrizio venne in pochissimo tempo, schizzando il proprio piacere sulla sua stessa mano, per poi cercare qualcosa con cui pulirsi.
“Leccati la mano così inizi a capire che gusto ha la sborra.”
L'uomo fece quanto gli avevo ordinato, ma non prima d'esser diventato rosso dalla vergogna, chiaro segnale che non aveva mai fatti prima nulla di simile. Solo dopo aver controllato che la sua mano fosse del tutto pulita lo lasciai andare, andando già colla mente al giorno dopo, quando avrei potuto iniziare la mia vita da dominatrice.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/