i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
Questo racconto fantasia di una mia lettrice
Veronica stava tornando a casa dal lavoro e notò che finalmente quell’uomo non c’era. Provò una piacevole sensazione sollievo: l’uomo, sulla cinquantina, brizzolato e non molto attraente, con il soprabito sudicio, la seguiva da circa una settimana da quando usciva dall’ufficio fino a casa. A volte ci si fermava davanti per un bel po’, guardando le finestre. Veronica, spaventata, aveva pensato di chiamare la polizia, ma l’uomo la seguiva a distanza e non le aveva mai fatto niente di male.
Comunque quella sera era sollevata nel non vederlo, raggiunse il suo palazzo ed entrò nell’androne canticchiando, prese l’ascensore e quando aprì le portine, lo vide.
Era appoggiato al muro a fianco alla sua porta di casa, con le braccia incrociate, vestito al solito modo sciatto. La guardò con i suoi profondi occhi scuri e disse: «Buona sera».
Lei rispose titubante: «Buona sera». Notò che aveva la barba lunga di almeno tre giorni, che insieme ai capelli spettinati gli dava un’aria trasandata e sporca.
La ragazza non si mosse e l’uomo disse: «Non entri in casa?».
«Si, adesso cerco le chiavi», rispose spaventata Veronica. Voleva prendere tempo, ma alla fine dovette trovarle nella borsa e sia avvicinò alla porta lentamente, i tacchi bassi degli stivali neri che le arrivavano al ginocchio rimbombavano nella tromba delle scale. L’uomo continuava a guardarla. Si sentiva un odore di sudore provenire da lui. Veronica infilò la chiave nella toppa e la girò, facendo scattare la serratura. Quando la porta si aprì, l’uomo le disse: «Entro anche io».
«Non penso sia il caso», le disse lei, secca.
«Devo parlarti di una cosa. Se non te la dico perderesti il lavoro», tirando fuori dalla tasca interna del soprabito un tesserino dell’azienda dove lavorava lei.
Veronica lavorava come account manager di un’azienda, era un lavoro che le piaceva e le faceva guadagnare abbastanza. Non voleva perderlo.
«E cosa saprebbe, lei?», chiese.
«Fammi entrare e te lo dico, non starò qua sul pianerottolo a lungo», dal tono sembrava una minaccia.
“Cosa vuoi che succeda. Meglio sentire cosa ha da dire”, si disse Veronica.
«Va bene, entri pure, ma faccia in fretta che sono stanca».
Quando furono entrati Veronica posò la borsa e si volto verso l’uomo, che chiuse la porta alle sue spalle: «Bene, cosa ha da dire?».
«Prima delle informazioni, si paga», disse l’uomo aprendosi il soprabito.
«Cosa vuole?», chiese un po’ spaventata Veronica.
L’uomo non rispose, ma si sbottonò i pantaloni, mettendo in mostra il suo cazzo a riposo. Era già molto grosso così.
Veronica lo guardò per qualche istante, poi disse: «Lo rimetta a posto, per favore», ma il suo sguardo continuava a cadere in mezzo alle sue gambe.
«Hai bisogno di quelle informazioni», disse l’uomo avvicinandosi. Il suo cazzo iniziava ad indurirsi lentamente.
La mente di Veronica sapeva che avrebbe dovuto chiedere aiuto, ma fra le sue gambe si stava inumidendo.
«Mi dica prima qualcosa, se no chiamo la polizia», disse Veronica con gli occhi fissi sul suo cazzo ormai quasi completamente eretto.
L’uomo si avvicinò ancora e la prese per le spalle, spingendola ad inginocchiarsi davanti a lui. Era forte e lei non riuscì ad opporre resistenza. La ragazza avvertì subito uno sgradevole odore di urina mista a sperma rappreso e genitali non lavati spesso.
«Succhialo», ordinò lo sconosciuto e, prima che Veronica potesse protestare, le spinse la testa contro di sé.
La ragazza fu costretta a prendere in bocca gran parte di quel cazzo che era lungo circa 27, 28 centimetri, molto largo. Aveva un sapore disgustoso e le faceva male la bocca, la tenne qualche istante bloccata, la lasciò respirare, per poi spingerle ancora più in gola il suo cazzo durissimo. Ripeté l’operazione più volte, facendo colare la saliva di Veronica sul suo vestito nero accollato. Poi lo sconosciuto le disse sgarbatamente: «Impegnati! Le informazioni costano!», la ragazza passò, allora, la lingua sulla sua cappella violacea ed enorme. Il gusto di sperma vecchio non le dava fastidio, anzi la eccitava: la ragazza si accorse che ormai era completamente bagnata.
Non aveva mai visto un cazzo così grosso ed ora aveva proprio voglia di succhiarlo per bene: oltre che leccare la cappella gonfia, segandolo con la mano, passava la lingua lungo tutta l’asta percorsa da grosse vene pulsanti, lo prendeva più che poteva in bocca, sputacchiando saliva. Dai gemiti che emetteva l’uomo sembrava che stesse gradendo.
Ogni tanto le bloccava la testa tenendola per i capelli biondi tagliati corti, e le scopava la bocca muovendosi velocemente. La cosa eccitava ancora di più Veronica che iniziò a toccarsi la figa fradicia attraverso le mutandine.
«Ti stai dimenticando una parte importante», disse l’uomo alzando il cazzo con la mano e avvicinando le palle al bel viso fine della ragazza. Lei iniziò a leccare quelle palle grandi, pelose e maleodoranti di sudore, mentre continuava segarlo e a masturbarsi, aveva spostato le mutandine e si stava toccando direttamente la figa ben rasata. Le succhiò anche, facendole entrare in bocca entrambe.
«Brava. Te le stai guadagnando quelle informazioni», disse sorridendo lo sconosciuto, tirando fuori il cazzo dalla sua bocca e sbattendolo più volte sulle sue guance coperte dal trucco colato. Veronica sorrise, poi ricominciò a succhiarlo e leccarlo ancora con più impegno, guadandolo negli occhi.
Di nuovo le prese la testa ed le scopò la bocca, fino a quando i suoi movimenti si fecero scoordinati, Veronica sentì prima la cappella gonfiarsi ancora di più e poi eruttare tantissima sborra calda e densa nella sua gola. Aveva un sapore disgustoso, ma lei non riuscì a fare altro che ingoiarla tutta, ancora con il suo cazzo in bocca.
L’uomo mise a posto il cazzo ancora semiduro. Poi uscì velocemente dalla porta, prima che Veronica, sfinita riuscisse a chiedere: «E le informazioni?».
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it