i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Si spoglia in silenzio di fronte a noi. Io sono seduta sul letto, davanti a te, con la schiena poggiata al tuo petto, accoccolata tra le tue gambe. Non posso vedere la tua espressione senza distogliere lo sguardo da lei, e questo proprio non lo voglio fare. Tu, a tua volta seduto tra me e la testiera del nostro letto, mi stringi con le tue mani grandi. Vorrei ricambiare, ma mi hai legato i polsi alle cosce con due lunghe corde ruvide.

Isa è davvero bella. Esile, flessuosa, con la pelle appena ambrata ed i lunghi capelli neri. Gli occhi affusolati tradiscono la sua origine orientale. L'hai definita il mio regalo di compleanno, facendola comparire dopo una lenta e romantica cena a lume di candela. Ho creduto ad uno scherzo, invece... sai che non ho mai avvicinato un'altra donna, eppure hai un intuito perfetto. Guardandola ora, nuda quanto noi, non posso che eccitarmi.

Con studiata lentezza sposti le mie gambe all'esterno delle tue. Quando pieghi ed apri le tue, essendo seduta davanti a te mi ritrovo con le mie spalancate ed alzate. Un brivido mi percorre la schiena. Lo avverti anche tu.

"Rilassati... sei bellissima. Lei è qui per te, ogni cosa in questo momento è per te. Buon compleanno, amore" sussurri, consapevole dell'effetto che la tua voce mi provoca.
Isa si avvicina, sale sul letto e si porta gattonando tra le mie gambe. Sembra tu la renda inquieta, credo preferirebbe essere sola con me. Non se ne parla. Premo la schiena contro il tuo petto, ricordandoti il mio continuo bisogno di contatto. Mi stringi più forte.

Come al rallentatore, Isa si china. Sento il suo fiato caldo sul monte di Venere. D'istinto irrigidisco le gambe, e il bacino si alza appena. Lo prende come un invito.
Quando con la lingua inizia a leccarmi, sorniona, mi lascio sfuggire un sospiro di piacere e stupore insieme. E' dolce, morbida, delicata più di quanto tu lo sia mai stato.
Seguendo il ritmo di Isa, le tue mani mi circondano i seni in continue carezze. Non sfiori i capezzoli, come lei non accenna ad oltrepassare la barriera delle mie labbra lisce.

Un'ondata di calore mi pervade. Mi sono bagnata ancora di più. Come vorrei stringere le mani sulle tue gambe, piantarti le unghie nei muscoli! Lo so che ti piace. Muovo i polsi per fartelo capire, ed in effetti capisci ma...
"No, meglio che le tue mani stiano ferme... lascia fare a noi".

Isa, pur sembrando assorta nel suo leccarmi cadenzata, ti prende in parola. Poggia per un attimo le sue mani sui miei polsi, e mi regala un lungo sguardo lucido e lascivo. Poi si accuccia nuovamente tra le mie gambe. Sfiora il contorno delle labbra con un dito affusolato, bagnandone il polpastrello con la mia eccitazione. Sorride. Oddio, sto colando.

Quando riavvicina il viso alla mia figa, non riprendere a leccarmi come prima. La sua lingua si dirige fulminea al mio clitoride, che trova senza la minima esitazione, e lo sollecita con una rapida serie di colpetti veloci e forti. Tra la sorpresa e il piacere non riesco a contenermi. Mi agito gemendo tra le tue gambe, buttando la testa all'indietro contro il tuo petto. Le tue dita si chiudono allora sui miei capezzoli, turgidi e gonfi, mentre Isa non sembra volersi fermare. Il gemito diventa un sibilo di puro piacere.

"Non farla venire subito" ammonisci Isa, che ubbidiente si calma pur senza fermarsi. Mi abbandono nuovamente sul tuo petto, con la tua erezione che preme sulle natiche e le tue braccia forti a stringermi a te. Distolgo lo sguardo da lei quanto basta ad incrociare il tuo. Quel sorriso asimmetrico che ti illumina il volto, lo amo da impazzire. Vorrei baciarti ma ti tieni a distanza, e Isa reclama la mia attenzione.

Fa scivolare con lentezza esasperante un dito in me, mentre la sua lingua non smette un attimo di esplorarmi. Lecca e succhia avida, beandosi dei miei sospiri di piacere, mentre a quel dito se ne aggiungono altri due. Lo sciacquettio che accompagna i suoi gesti ti eccita, lo so. E anche se non lo sapessi, la rapidità e la forza con cui fai scorrere sul mio corpo i palmi delle mani lo confermerebbe. Il modo in cui ti impossessi del mio seno, ancora ed ancora, toglierebbe ogni briciolo di dubbio residuo.

Sento il mio corpo tendersi progressivamente, muoversi verso Isa, guidato dal piacere che questa ragazza mi sta regalando. Non avrei mai immaginato che qualcuno potesse leccarmi meglio di te...
Sussulto quando il tuo labbro inferiore accarezza il mio collo. Sai quanto io sia sensibile lì. Il tuo fiato caldo mi avvolge. Isa mi stuzzica senza sosta. Coi polpastrelli sfrega il clitoride, stropicciandolo, affondando la lingua nella mia figa bollente, per poi riprendere a penetrarmi con le dita leccandomi e succhiandomi quel bottoncino così sensibile e turgido.

Gemo e ti sento sorridere contro il mio collo. Le tue mani scivolano verso le corde che mi legano i polsi alle cosce. Le usi come appiglio per tenermi ferma, mentre la schiena si inarca.
“Così… da brava….” sussurri talmente piano che sono certa lei non possa sentirti.
Stringo le mani a pugno, piantandomi le unghie nei palmi, mentre il piacere continua a crescere. I miei muscoli più interni prendono a tremare, a contrarsi spasmodicamente attorno alle dita di Isa, eppure… manca così poco… sono così vicina ad esplodere… ma non riesco a farlo.

Mi volto di lato a guardarti. Hai gli occhi fissi nei miei, mi osservi compiaciuto. Isa tra le mie gambe continua a leccarmi e penetrarmi senza sosta, ma d’improvviso senza toccare i punti più sensibili, quelli che mi farebbero urlare e contorcere di un orgasmo magnifico. Dura una manciata di secondi, ma a me sembra un’eternità.
“Ti prego…” gemo, disperata, annaspando nel mio stesso piacere.
“Ora sì, vieni!” quasi mi urli contro. Mi renderò conto solo poi che volevi Isa ti sentisse.

Molli le corde e mi circondi con le mani i seni, torcendo repentinamente i capezzoli tra le dita e piantandomi i gomiti nel ventre per tenermi quanto più ferma possibile. Pieghi e apri ancora di più le gambe, spalancando le mie allo spasmo. La lingua di Isa torna finalmente a martoriarmi come piace a me.

Vengo così, tremando mentre cercate di tenermi ferma, urlando di piacere col poco fiato ancora in gola, col viso buttato contro il tuo collo e lei che tra lingua e mani non smette di sollecitarmi.

Isa si solleva, e osserva compiaciuta la mia espressione appagata. Con la bocca lucida del mio piacere, si avvicina guardinga. Dubita della mia reazione, mentre io cerco di riprendere fiato, ma potrei mai rifiutarle il primo di una lunga serie di baci? Impossibile...