i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Senza il trucco pesante della sera prima, Marisa sembrava un'altra donna, molto più femminile in un semplice ma impeccabile tubino blu. La salutai con un poco casto bacio in bocca prima di farla entrare in casa mia, seguita come un'ombra da suo marito Patrizio, che anche oggi aveva un aspetto insignificante, da perfetto uomo invisibile.
"Vieni cara accomodati sul divano, ho tante cose da chiederti." le dissi invitandola a sedere.
"Grazie molto gentile." mi rispose lei quasi in imbarazzo, mentre il marito non sapeva dove andare.
"Tu nullità spogliati." gli dissi con voce ferma e severa "Poi inginocchiati davanti a noi con le mani dietro la schiena, e guai a te se muovi un solo muscolo."
"Ma signora..." borbottò sbigottito.
"Ma un cazzo !" gli urlai in faccia dopo avergli dato due sonori ceffoni "Chiariamoci subito, tu sei uno zero e come tale ti tratterò ogni volta che saremo in privato, se non ti va bene quella è la porta, esci e non tornare mai più."
Patrizio si spogliò senza dire una parola, ma non gli diedi tempo di mettersi in ginocchio, perchè era evidente una sua erezione.
"Guarda che razza di schifose che sei." gli dissi dandogli due piccoli colpi al pene "Hai appena preso due schiaffi e hai già il cazzo duro. Ora mani dietro la schiena così te le lego perchè altrimenti come mi giro ti fai una sega."
Mentre gli legavo le mani usando la sua stessa cravatta, non potei non notare nella moglie uno sguardo a dir poco compiaciuto, come se anche lei non aspettasse altro che sottomettere in modo duro il marito.
"Ma come hai fatto ha sposare una merda del genere ?" chiesi a Marisa dopo essermi seduta vicino a lei.
"Che cosa vuoi che ti dica, mi sono innamorata e all'inizio non vedevo i suoi limiti." mi rispose quasi scusandosi per il suo errore "Certo fin da subito il sesso era quel che era, più che altro con lui dura al massimo cinque minuti, e credimi ci puoi regolare l'orologio. Però all'inizio ho provato ad essergli fedele, almeno sino a quando non è uscito fuori il pervertito che è in lui."
"E dimmi com'è successo ?" le domandai incuriosita.
"Una sera è tornato a casa con un occhio nero e qualche livido in faccia, così gli ho chiesto cosa gli era capito, e quel porco mi ha risposto che l'avevo beccato mentre si masturbava guardando una coppietta, e per punirlo un paio di ragazzi l'avevano picchiato."
"Caspita, e tu come hai reagito ?"
"Devi sapere che vicino a casa nostra c'è un supermercato, dove un ragazzo di colore aiuta a mettere a posto la spesa per qualche spicciolo. Di lui avevo sentito che aveva un gran cazzo, così una sera gli ho chiesto se mi potesse portare la spesa fino a casa, e lui ha accettato.
Una volta a casa Thomas, così si chiama il ragazzo, s'è stupito della presenza di mio marito, ma io l'ho subito tranquillizzato dicendogli che era solo un guardone desideroso di vedere la moglie scopare con un vero maschio."
"Però non hai perso tempo !" esclamai un po' stupita da tanta audacia.
"In realtà di tempo n’avevo perso fin troppo con quello li, inoltre dopo più di un anno di mediocre sesso, avevo una gran voglia di farmi una bella scopata.
Tornando a noi Thomas era ancora indeciso, così gli sfilai la maglietta per andarmi poi a sedere sul nostro divano, e invitarlo a mettersi vicino a me. Come posò il sedere sul divano gli saltai addosso con tanto di lingua in bocca sedendomi su di lui. Ci strappammo quasi i vestiti di dosso tanta era la voglia, e godetti solo nel sentire le sue mani sul mio culo. Mani che del resto m'infilava ovunque, soprattutto sopra le mutandine che non so dirti quanto pesavano tanto erano bagnate !
Quando poi mi scoprì il seno mi sdraiai su di lui per favorirgli i movimenti. Ma anche per strusciarmi sul suo cazzo che quasi gli esplodeva sotto i pantaloni. Il porco era forse più eccitato di me, mentre Thomas faceva scivolare le mani dal seno dentro le mutandine, ma certamente mi batté in stupore quando feci alzare il ragazzo, e dopo essermi inginocchiata davanti a lui, gli tirai finalmente fuori il cazzo."
"Cazzo che a quanto posso intuire non ti deluse." le chiesi quasi per conferma.
"Più che un semplice cazzo, quello di Thomas è un vero bastone di carne nato per dare piacere, una mazza da vero stallone altro che quello di Patrizio !
All'inizio mi finsi timida e glielo presi in mano quasi con timore, ma poi non appena lui l'avvicinò alla mia bocca lo feci scivolare fra le labbra per gustarmelo in tutto il suo splendore. Così leccai solo la cappella, poi feci lo stesso su tutto il cazzo per finire col prenderlo tutto in bocca. Ormai non avevo più alcun freno inibitore, ma solo il desiderio di scoparmi quel ragazzo e dare una lezione a mio marito. Accadde però che mi girai un attimo per vederlo col cazzo in mano, così decisi che dovevo anche umiliarlo in più possibile."
"E come hai fatto ?"
"L'ho fatto sdraiare per terra, per poi mettergli la fica in faccia e dirgli che la doveva 'preparare' per un vero cazzo, e che doveva essermi grato per farlo partecipare alla mia scopata.
Quando Thomas mi portò sul divano ero talmente eccitata da non capire più nulla, infatti non appena sentii tutto il suo gran cazzo dentro, ebbi il primo orgasmo. Thomas, da vero signore, si fermò per darmi tempo di riprendermi, poi però fui io a dirgli di darci dentro e farmi godere.
Credo che l'abbiamo fatto in tutte le posizioni esistenti, ma credo d'aver raggiunto il massimo quando mi ha scopata a pecora mentre mi toccavo la fica, umiliando a male parole il cornuto.
Alla fine Thomas è venuto sborrandomi su una tetta, e subito dopo anche Patrizio l'ha seguito sull'altro seno."
"Però che storia !" esclamai convinta che il racconto fosse finito.
"Aspetta che non ti ho raccontato il seguito." mi disse la donna lanciando uno sguardo di fuoco al consorte "Devi sapere che una volta rimessa in moto la 'vecchia Marisa', non poteva finire certo così. Infatti dopo essermi pulita, ho preso Thomas per portarlo in camera, dove abbiamo dato vita ad una notte di fuoco, lasciando però fuori il cornuto, che sicuramente ci spiò dalla toppa della porta. A quel ragazzo diedi tutta me stessa, soprattutto la fica e anche un po' il culo, avendo in cambio un numero impressionante d'orgasmi come ne provavo da tempo.
Il giorno dopo decisi che Patrizio non m'avrebbe più scopata, tanto non era in grado di farmi godere, quindi perchè perder tempo, e che poteva guardarmi solo se ero io a volerlo. Dentro di me so che questo per lui è ancora poco, ma credimi non so fare altro."

Le parole di Marisa mi toccarono profondamente, forse perchè anche il mio 'uomo' non era in grado di soddisfarmi sessualmente.
"Stai tranquilla che so cosa fare con un omuncolo del genere." le dissi prendendole una mano fra le mie "Non solo lo farò diventare un perfetto schiavo pronto ad obbedire ad ogni ordine, ma ti dirò come sottometterlo in mia assenza e dominarlo come meglio credi. Ho capito che sei una gran maiala, ma questo non è un ostacolo, anzi è un limite che non c'è. Tu merda hai qualcosa da dire." conclusi rivolgendomi a Patrizio.
"No signora." mi rispose tenendo la testa bassa.
"Bene allora brindiamo ad un lungo e godurioso rapporto." dissi prima d'andare a prendere una bottiglia di champagne che avevo messo in frigo, sperando di poterla stappare per festeggiare l'inizio della sottomissione della coppia.
Stappai la bottiglia per poi riempire due flute e offrirne uno a Marisa, che dopo aver brindato mi chiese cos'avevo in mente per il marito.
“Per ora nulla.” le dissi spostandomi dietro di lei per tirare in basso la zip del suo vestito che cadde a terra “Adesso ho solo voglia di fare sesso con te, e poco m'importa se quel pervertito ci guarda, l'importante è che non osi toccarsi neanche col pensiero, o lo butto fuori di casa così com'è.”
“Mi piace il tuo programma.” mi rispose sorridendo “Credo che però sarebbe meglio partire alla pari.”
Mi girai in modo che anche lei potesse aprirmi il vestito e lasciarmi col solo intimo, poi come se fosse la cosa più naturale del mondo, ci sedemmo sul divano dove iniziammo a baciarci con sempre più passione, sorseggiando lo champagne che passò anche da una bocca all'altra.
Lo sfilai il reggiseno per poi prendere in bocca un po' di champagne, che feci cadere vicino ad un capezzolo che leccai quasi avidamente. Subito dopo fu lei a scoprirmi le tette che ricoprì di baci e carezze.
“Voglio la tua fica.” le dissi alzandomi per andare a prendere uno strap-on con cui scoparla.
“Eccola è tua.” mi rispose togliendosi il perizoma e spalancando le gambe “Tanto sei più maschio tu di quell'impotente che ho sposato.”
Mentre mi legavo lo strap-on sopra le mutandine, m'inginocchiai fra le sue gambe e le leccai la passera, facendo passare lentamente la lingua su tutto lo spacco. Marisa iniziò a contorcersi in preda al piacere, cercando di tenere le gambe ben aperte in modo che potessi continuare a leccarle la fica senza alcun problema, sino a quando non mi spinse la testa indietro.
“Scopami ho voglia di cazzo ! Non m'importa se è finto, ma riempimi la fica !”
Per tutta risposta le afferrai le caviglie, facendo allo stesso tempo scivolare la punta del fallo contro l'apertura della sua porta del piacere, per poi penetrarla quasi completamente al primo affondo.
“Guarda come mi fotto tua moglie cornuto !” urlai girandomi verso Patrizio “E credimi d'ora in poi per te vederla scopare sarà l'unico piacere che potrai avere.”
Scopai Marisa a lungo, cambiando posizione per far sì che suo marito potesse avere sempre una buona posizione per vederla, e scoprii che anche questa forma di dominazione mi dava una sottile forma di piacere. Alla fine misi la donna carponi per poterla sbattere col massimo della forza, e per un attimo pensai anche di sodomizzarla, ben sapendo che lei non avrebbe opposto nessuna resistenza, ma poi decisi di rinviare quel momento.

Lasciai Marisa solo dopo che ebbe l'orgasmo per dedicarmi al marito, togliendomi lo strap-on prima di mettermi in piedi vicino a lui.
“Allora porco schifoso ti è piaciuto lo spettacolo ?” gli chiesi mettendogli il sedere vicino alla faccia, e toccandomi le chiappe quasi ad allargarle.
“Sì signora.” mi rispose quasi balbettando.
“Credo che ti piacerebbe leccarmi la micia.” gli dissi dopo essermi girata e abbassato il perizoma per potermela toccare lentamente. “Scommetto che stai godendo solo sentendone l'odore non è vero verme ?”
“Sì sì signora.”
Ormai Patrizio era in mio totale potere, e non perso un solo secondo a sottometterlo completamente rendendolo così mio schiavo. Lo feci sdraiate per terra per poi inginocchiarmi al suo fianco, e aprirgli la bocca per sputargli dentro prima di riempirla col mio perizoma.
“Se farai il bravo ti permetterò di tirati una sega, ma prima devi farmi godere altrimenti te la fai a casa tua chiaro ?”
Lui annuì, così non mi rimase che toglierli il perizoma dalla bocca e sedermi sulla sua faccia.
“Leccami il culo stronzo !” gli ordinai ben sapendo che era già tanto se riusciva a respirare.
Patrizio infatti era quasi soffocato dal mio sedere, ma nonostante ciò cercò di leccarmi l'ano per ubbidire al mio ordine.
“Sei proprio un incapace !” gli dissi alzandomi per girarmi e sedermi questa volta con la fica sulla sua bocca “Vediamo se così riesci a farmi godere, o devo mandarti a casa col cazzo duro.”
Avendo un minimo di libertà di movimento, l'uomo iniziò a leccarmi la passera con la sua consueta maestria, e mi fece godere ancor di più quando mi sistemai carponi sul divano per potermi anche toccare e farlo eccitare sino quasi a farlo esplodere.
“Ora leccami i piedi.” gli dissi sedendomi sul divano con le gambe ben aperte per potermi masturbare con facilità “Anzi fallo da sdraiato così posso divertirmi col tuo inutile cazzo.”
Lui ubbidì così non mi rimase che infilargli un piede in bocca, per poi poggiare l'altro sul suo pene, ed iniziare così una lentissima sega, fermandomi quando vedevo che stava arrivando all'orgasmo.
“Vedi Marisa devi insegnare a questa nullità che a te del suo piacere non importa nulla.” dissi rivolgendomi alla donna “Che il vederlo godere è quasi un fastidio, senza dimenticarsi che deve guadagnarsi anche il diritto di farsi un sega ubbidendo ad ogni tuo ordine, non è vero merdaccia ?”
“Sì signora.” mi rispose Patrizio ormai conscio del suo nuovo ruolo, pur non immaginando fin dove mi sarei spinta.
“Perchè caro stronzo per te vedere godere tua moglie dev'essere un privilegio.” continuai infilandomi due dita dentro la fica per cercare d'arrivare il prima possibile all'orgasmo “Ma se lei vorrà farsi una sana scopata senza di te fra i piedi, non potrai dire nulla, ma solo sperare che alla fine tu le possa pulire la fica o il culo.”
Non so se mi dava più piacere il masturbarmi, o l'insultare quell'uomo senza più alcuna dignità, sotto lo sguardo divertito della moglie, che forse già pensava a nuove umiliazioni da infliggergli.
Alla fine arrivai all'orgasmo, e come promesso diedi il 'contentino' a Patrizio facendolo alzare in piedi, e prendendogli in mano il pene per segarlo. Lui venne quasi subito, e del resto eccitato com'era ciò era più che prevedibile, dandomi così l'ennesima occasione per deriderlo.
“Leccami la mano stallone.” gli dissi ridendo e mettendogli la mano davanti alla bocca “Non vorrai lasciarmi addosso questa schifezza.”
Patrizio mi pulì la mano con qualche esitazione, non essendo ancora abituato a leccare lo sperma, ma alla fine riuscì nel suo scopo.
“Marisa conosci per caso qualche agente immobiliare ?” chiesi alla donna mentre si rivestivano “Sai avrei bisogno di un posto tranquillo, per potermi per così dire divertirmi.”
“C'è mio cugino Corrado, se non t'importa che è gay è bravissimo.” mi rispose sorridendo.
“No che non m'interessa, solo dimmi quando posso vederlo.”
“Domani lo chiamo e dopo ti faccio sapere.”
Li accompagnai alla porta e salutai Marisa con un languido bacio in bocca, per poi dedicarmi al progetto della mia futura alcova, al quale dedicai diverse ore prima d'andare a dormire ben felice d'aver trovato la mia prima coppia di sottomessi.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/