i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +

Era il suo 25esimo compleanno, e come tutte le mattine, accompagna il suo figlioletto di 5 anni a scuola. Quella mattina non era diversa dalle altre, la vita normale di una ragazza diventata madre troppo presto, felicemente sposata con il ragazzo a cui ha donato gli anni migliori della sua gioventù, avendolo conosciuto quando aveva la tenera età di 15 anni, non smettendo mai di amarlo, di un amore così intenso che porta entrambi a sposarsi entrambi appena ventenni, grazie anche all’indipendenza economica che lui aveva già giovanissimo in quanto figlio unico di un benestante imprenditore edile dal quale ne avrebbe poi ereditato l’impresa.

Le vita riserva sempre delle sorprese, spesso negative, così è stato anche per l’impresa del giovane consorte di Claudia, così come per tante imprese italiane, per cui il tenore di vita si è lentamente ridimensionato nel tempo, fino a portare lei, piena del suo amore a cercare lavoro, anche se senza fortuna per il momento.
Lei era una bella ragazza, snella, alta 1.75, con seni e sedere ben abbondanti, seppur ben armonizzati alla sua figura longilinea, i capelli rossi ramati, mossi pendolanti fin su le spalle, gli occhi verde smeraldo. Il suo fisico era modellato da tanti anni di danza, pratica che aveva fatto sin da quando aveva 6 anni fino a quando poi è rimasta incinta.

Anche questa volta il suo compleanno è baciato dal sole, cosa che avviene in maniera sistematica, essendo lei nata in piena primavera, quando ormai l’anno scuola è quasi al termine e questo non renderà più facile trovare un lavoro in quanto la mattina ci sarà anche il suo figlioletto da badare, non potendosi permettere un asilo nido per i mesi estivi. Anche il suo vestiario è abbastanza frivolo, infatti indossa un vestitino leggero bianco con dei sandali rossi, che richiamano sia i suoi capelli che il rossetto con cui delinea le labbra, oltre questo ed un filo di matita che ne allunga la forma degli occhi, non era solita mettere altro trucco avendo già di suo dei colori molto belli e dei lineamenti naturalmente dolci.

La vita era pronta a presentarle un’altra sorpresa, questa volta apparentemente positiva, sull’uscio della scuola richiama la sua attenzione il vecchio preside, all’ultimo anno del suo esercizio, il quale conosce molto bene Claudia, ma anche suo marito, essendo stato loro professore di italiano alle scuole medie. Spesso il preside la chiamava per salutarla, sempre affettuosamente, ma questa volta non era il solito saluto, negli occhi dell’uomo c’era una luce più intensa e lei ne ebbe subito una piena percezione prima ed una conferma subito dopo in quanto lui chiese se poteva attendere qualche minuto, perché le voleva parlare, richiesta che non ebbe alcuna difficoltà ad accogliere.

Ella nell’attesa si soffermò in giardino a godersi i profumi dei fiori, nel pieno del loro splendore primaverile e dell’intensità dell’odore che emanano in questo particolare periodo dell’anno, con i pensieri che provavano ad immaginare vagamente, giusto con un pizzico di curiosità femminile, cosa poteva mai essere l’argomento che sarebbe stato sviscerato da lì a poco.

Il preside Ugo, è un bell’uomo sulla sessantina, brizzolato, capelli rasati, ma non calvo, barba folta e lunga, un fisico ancora sportivo, nonostante l’età grazie anche alla corsa mattutina e qualche ora di palestra fatta saltuariamente stesso nella palestra della scuola. Rimasto vedevo da un paio di anni, sua moglie una bella donna, di 10 anni più giovane morta prematuramente, i due figli ormai sposati che vivono in altre città lo rendono un uomo fondamentalmente solo, ma solo degli affetti famigliari più prossimi, in quanto lui è sempre circondato da amici ed amiche, alcune delle quali non disdegnerebbero attenzioni alle quali lui non corrisponde.

Eccolo dopo qualche minuto esce fuori dal portone della scuola, con in mano le chiavi dell’auto, si avvicina a Claudia e le dice “allora ti stai annoiando? Scusami per l’attesa! Sali in auto andiamo in centro a prendere un caffè”, lei senza pensarci su annuisce e lo segue, accomodandosi al lato passeggero dell’elegante SUV.
“Allora, tutto ok? Sono felice che sei qui con me” dice lui mentre l’auto inizia a muoversi rapidamente. Lei cercando di scrutare il volto alla ricerca della motivazione risponde timidamente “si tutto ok, grazie. A lei?”. “a me benissimo, ora che sei qui con me molto più che benissimo, ti starai chiedendo come mai questa richiesta di parlarti”, lei lo guarda ed annuisce ancora senza parlare, come pendesse dalle sue labbra con la curiosità che inizia ad aumentare, le vengono strani pensieri, effettivamente la situazione è strana, e la sua voce ed il suo sguardo sembrano quello di un uomo mai conosciuto prima e non certo quello del suo maestro ed amico di famiglia.

“Cara Claudia, oggi è il tuo 25esimo compleanno e ci terrei a renderti questo giorno speciale, tuo figlio esce alle 16 da scuola e tuo marito non rientra a casa prima di sabato, per quel lavoro che stà facendo fuori regione”. Lei perplessa ed un po’ infastidita dal sentirsi penetrata nella sua intimità ribatte prontamente “come sa tutte queste cose? Dove stiamo andando, non mi sembra la strada per il centro!” infatti il SUV si dirigeva per la strada che porta al litorale e non certo per il centro.

“Stai tranquilla, che problema hai? Sei con me, non hai certo nulla da temere!”, “certo che ho da temere, che motivo avrei per stare qui con Lei a passeggiare al litorale, da sola, mentre mio marito, di cui ci tengo a dirle, sono innamoratissima?” ribatte seccata.

“Vedi puoi stare tranquilla e mandare un messaggio a tuo marito, digli che sei con me”, lei lo guarda, il cuore le sale in gola, non riesce a darsi una spiegazione e tutto ciò non lo sopporta, lei una maniaca di avere sempre la situazione ben salda tra le mani.

“Stai rodendo vero? Eh il carattere quando si forma da piccoli, poi non cambia, eri cosi da ragazzina, cosi appassionata ad ogni cosa sia in classe, ma anche a qualche ragazzo con cui ti appartavi nei bagni, ti osservavo e non riuscivo a non notarti ed ammirarti” termina sorridendo in modo sarcastico, mentre lei impietrita riesce solo ad arrossire per vergogna e rabbia senza avere alcun potere su quello che le accade in volto.

Lui sempre più padrone della situazione continua, fissandola intensamente negli occhi, “da quanto non vedevo una ragazza arrossire, ed è fantastico rivedere questo spettacolo proprio con Te come protagonista; allora perché non scrivi a tuo marito e gli dici che sei con me? Lui lo sa che in questi giorni in cui è fuori, ti avrei contatto”. Sempre più confusa “come mai dovrebbe saperlo, cosa c’è che mi state nascondendo?”.
Lui dapprima ride di gusto per qualche attimo aumentando la suspance poi la risponde: “al termine di quest’anno mi ritiro, vado in pensione, ed ho bisogno di una donna che mi aiuti a curare i miei interessi, e penso che tu sia perfetta per questo ruolo; anche tuo marito è d’accordo, soprattutto ora che lui sarà fuori ogni settimana finchè non andrà”, si ferma la fissa, sorride, riprende “in pensione, ma tutto questo dipende da Te, ovviamente…..” si ferma, cerca di capire la sua reazione “ma… poi ne parleremo meglio dopo, quando dovrai dirmi un si o un no” la guarda ancora distogliendo brevemente lo sguardo dalla strada, poi riprende “un si, firmato con il sangue, non accetto altre risposte!”.

Note finali:

Ringrazio le persone che mi hanno scritto per i commenti, ho molto piacere a ricevere critiche e commenti, è la prima volta che scrivo e spero di potermi migliorare anche sopratutto grazie alle vostre osservazioni. Grazie.

Per commenti:

leopardo70@hotmail.it