i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Il giorno dopo mi sarei sposata…
Mi chiamo Diana e all'epoca avevo 23 anni.
Dico sarei perché a quel punto non seppi proprio se ero pronta a quell'importante passo.
Tutta colpa di mio padre.
No, non perché ce l'avesse con il mio fidanzato o che ostracizzava il matrimonio. Tutt'altro, lui trovava che Stefano fosse perfetto per me e ne ero convinta anch'io. Stefano è l'ultimo discendente di una ricca e importante famiglia borghese della capitale.

Avevo appena fatto la doccia e me ne stavo seduta sul bordo del letto, con l'accappatoio addosso. Stavo osservando l'abito che avrei messo l'indomani, appeso all'anta dell'armadio, con lo strascico che sfiorava il pavimento. Ne avevo scelto uno semplice, liscio, che evidenziava il mio generoso seno e scendeva morbido e dritto fino a terra. Non avevo voluto il classico bianco, ma un bel colore avorio. C'era anche il velo, che avrei dovuto affrancare con dei pettinini.
Papà entrò in camera mia e si sedette accanto a me. C'eravamo sono noi due in casa. Mamma era andata dalla parrucchiera, per preparare la messa in piega.
— Allora, tesoro, come va? Nervosa?
Non sapevo proprio cosa rispondergli. Ero nervosa? Certo. E allora? Non lo sono tutte le spose?
— Non so, papà. Sono agitata, questo sì, ma non particolarmente. Forse sono troppo razionale per accettare di esserlo. O forse non sono poi così innamorata di Stefano.
— Ma che dici, tesoro! Certo che lo ami. È solo la tua razionalità che si mette di mezzo. Non mettere mai in dubbio i tuoi sentimenti. Ti sapranno guidare correttamente, anche quando non lo ritieni.
Già, questo è uno dei miei più grossi problemi: la mia razionalità elevata all'ennesima potenza che non mi permette di avere reazioni come tutte le persone normali.
Mi voltai verso papà e lo osservai con attenzione. Era perfettamente rilassato con un sorriso beffardo sulle labbra.
Mi mise una mano sulle spalle, accarezzandomele dolcemente.
— E non preoccuparti delle tue reazioni. Non tutti reagiscono allo stesso modo allo stress — continuò.
Mio padre sapeva sempre cosa dirmi. Annuii e gli posai la testa sulle spalle. Papà mi strinse a sé.
— Sai tesoro, questo è l'ultimo giorno che passi in questa casa… — sospirò — e non sono certo che voglia lasciarti andare.
Feci per ribattere, ma lui riprese a parlare.
— No, non preoccuparti, tesoro, sono solo i pensieri di un padre. Un padre che non accetta ancora che la sua bambina si è decisa a diventare grande.
Mi diede un bacio sulla testa. Sollevai lo sguardo e lo guardai negli occhi.
Aveva uno sguardo strano. I suoi erano lucidi, con le pupille dilatate. Aprii leggermente le labbra, mentre continuavo a fissarlo. Avvicinò il viso al mio, lentamente, e mi baciò.
Un bacio lento, sensuale, di quelli che ti tolgono il fiato. Infilò la lingua nella mia bocca cercando la mia. Una sua mano si infilò tra i capelli, spingendo la nuca verso di lui.
Cercai di tirarmi indietro, ma papà non mi lasciava. Anzi, si strinse ancora di più a me.
Si staccò un attimo dalla mia bocca, prendendo respiro senza tuttavia lasciarmi andare. Ne approfittai.
— Papà, che stai facendo…
Mi mise un dito sulle labbra.
— Ssh, tesoro. Non preoccuparti. Fidati di me.
Lo guardai di nuovo negli occhi, leggendovi il desiderio e la lussuria.
— Voglio solo che tu abbia qualcosa di me da ricordare. Ed io qualcosa di te. Che io ti voglio bene un bene dell'anima. Più di qualsiasi altra cosa a questo mondo.
Mentre parlava prese ad accarezzarmi il collo, scendendo sempre più in basso. Mi slacciò la cintura dell'accappatoio e ne scostò i lembi. Sotto ero nuda, avendo appena fatto doccia.
— Oh, Diana… sei bellissima! Semplicemente meravigliosa…
Prese a baciarmi il volto, con tanti piccoli baci. Le sue mani presero a scorrermi sulle cosce, i fianchi, il ventre, accarezzando lievemente.
I suoi baci si spostavano sempre più giù. La sua bocca era arrivata sul seno. La punta della sua lingua prese a stuzzicarmi un capezzolo.
Cominciavo a non capire più niente. Sapevo esattamente quello che papà stava facendo. Non ero certo una ragazzina alle prime armi. Facevo sesso da anni. Se da una parte sapevo che quello che stavamo facendo era sbagliato, sapevo pure che mi stavo eccitando tanto, ma proprio tanto.
Papà prese in bocca un capezzolo, succhiando dolcemente, mentre una sua mano andò giù alla ricerca di quel frutto proibito che tanto anelava. E che alla fine trovò.
Inconsciamente allargai le gambe, per facilitargli le manovre. Mi appoggiai all'indietro, con le mani sul materasso a braccia tese e inarcai la schiena.
La bocca di papà era ancora sul mio seno e passava da un capezzolo all'altro, alla ricerca di qualcosa che ancora non poteva trovare.
La sua mano invece, era impegnata con le parti basse. Sentii due dita entrare leggermente ed il pollice fermarsi sul clitoride, stimolandolo.
Qualche minuto dopo rialzò la testa, con un delizioso sorriso sulle labbra.
Si alzò in piedi e prese a spogliarsi rapidamente. Quando si rialzò, dopo essersi chinato per togliere i pantaloni dalle caviglie, papà mi mostrò un'incredibile erezione.
Era un signor cazzo, quello che avevo davanti. Lungo sicuramente cinque centimetri in più di quello di Stefano e certamente molto più largo.
Papà mi sospinse indietro, sul letto, facendomi sdraiare, non prima di aver fatto scivolare dalle mie spalle l'accappatoio. Si stese di fianco a me, e senza dire una parola riprese a baciarmi.
Era evidente che era eccitato, ma lo ero anch'io a quel punto. Non me ne fregava più niente se lui era mio padre, purché quel suo magnifico cazzo entrasse in me.
Papà riprese a baciarmi, mentre non smetteva di accarezzarmi ovunque, insistendo principalmente con la mia fichetta.
Mi sentivo ardere dal desiderio e questo si concentrò tutto con una produzione di umori vaginali eccezionale. La mia fichetta grondava abbondantemente. Mi sentivo completamente fradicia.
Anche papà se ne accorse, tanto che rialzò la testa dalla mia bocca per osservare le sue dita intrise di umori appiccicaticci.
Poi fece una cosa assolutamente fuori dalla mia comprensione. Una cosa che Stefano non aveva mai fatto. Papà si portò le dita sporche dei miei umori e se le mise in bocca.
Ero esterrefatta.
— Che delizioso sapore che hai, tesoro — mi disse dopo che aveva assaporato lungamente le sue dita. Poi allungò di nuovo la mano al mio inguine e ci tuffò dentro ancora le dita. Non contento, le rigirò, come per raccoglierne di più, che poi portò di nuovo alla bocca. — Oh, sì… sei veramente gustosa, tesoro mio. Quanto invidierò Stefano per questo.
Non ebbi il coraggio di dirgli che il mio fidanzato non lo aveva mai fatto, né mai lo avrebbe fatto.
Quando ritornò di nuovo a baciarmi, potei assaporare il mio stesso gusto sulla sua lingua. Eccitante…
Sentivo papà gemere per il desiderio. Non credevo proprio a quello che stavo per dirgli.
— Scopami, papà. Scopami…
Lui mi prese in parola. Si spostò sopra di me, si afferrò il cazzo in mano e lo puntò all'entrata della fica, non prima di averne spennellato la punta per bagnarlo coi miei umori.
Si spinse dentro. I miei umori secreti in abbondanza facilitarono la cosa, ma non del tutto. Non avevo mai preso un cazzo grosso come il suo.
Papà entrò a fatica, ma ne godetti ogni singolo centimetro. Quando arrivò sul fondo, papà rimase fermo per qualche secondo, come per gustarsi la mia fichetta stretta.
E poi iniziò a muoversi. Prima lentamente, perché anche lui aveva difficoltà a muoversi. Quando poi il suo cazzo prese a scorrere più liberamente, allora sì che le cose si fecero interessanti.
Ebbi quasi subito un orgasmo, che liberò altri umori, infradiciando la mia fichetta già zuppa. C'era silenzio nella stanza e si sentiva distintamente lo sciacquettio prodotto dai nostri sessi in azione. Papà muoveva il cazzo dentro di me con movimenti ampi e profondi.
I nostri sospiri erano pieni di piacere e di estasi. Ogni volta che il suo cazzo sprofondava dentro di me era un delirio di godimento. Dalle mie labbra uscirono mormorii e suoni che lo eccitarono ancora di più. Mi accarezzò di nuovo i seni, stringendo i capezzoli fra le sue dita.
Un altro orgasmo mi esplose dentro. Cavoli se era bravo papà!
Poi iniziò a muoversi più rapidamente. Ormai doveva essere al limite anche lui. Sentivo i suoi testicoli che mi sbattevano contro con violenza. Continuò per una decina di minuti e poi mi disse che stava per venire. Lo incitai prima ancora che potesse pensare ad una alternativa migliore.
— Dentro! Dentro, papà! Lo voglio dentro!
A quel punto era proprio quello che desideravo: essere riempita dal seme di mio padre e al diavolo se non prendevo più la pillola.
L'accordo con Stefano era che avrei smesso la pillola un mese prima di sposarci, in modo che la natura avrebbe svolto il suo ruolo al momento opportuno.
La mia fichetta continuò a contrarsi dal piacere attorno al suo cazzo. Papà si fermò improvvisamente, spingendosi il più internamente possibile. Rovesciò la testa all'indietro e un sorriso estatico gli spuntò sul suo bel volto. Chiuse gli occhi per goderne di più e scaricò quattro potenti getti di sperma nel profondo. Potevo sentire distintamente come la mia pancia fosse piena del suo sperma.
Papà mi rimase dentro ancora per un poco. Quando il cazzo gli si smollò del tutto, si spostò al mio fianco.
Aveva il respiro corto, ma certamente appagato. Si appoggiò su un gomito. Mi osservò di nuovo. Allungò la mano libera sul mio corpo e riprese ad accarezzarmi.
— Hai dei bei capezzoli, lo sai? Sembrano delle caramelle.
La sua mano risalì al mio seno, lo impastò, strizzò i capezzoli, lo palpò. Mi fece mettere a cavalcioni sopra la sua pancia. Dalla mia fica colò fuori il suo sperma, spargendosi sul suo addome. Poi mi tirò a sé e imboccò un capezzolo. Succhiò forte e a lungo entrambi i capezzoli.
Ondate di piacere partirono dal mio petto, salirono al cervello, per poi scendere giù provocando una nuova e del tutto sconosciuta sensazione di turgore al mio utero.
Poi papà mi spinse il bacino verso il suo inguine e il suo cazzo si impalò di nuovo dentro di me. Mi misi a cavalcarlo come un'amazzone, con i seni che ballavano su e giù davanti alla sua faccia.
Sentivo la sua mazza colpirmi la cervice ed il dolore che mi provocava era estremamente eccitante. Le sue mani si allungarono verso l'alto e si arpionò alle mie tette.
All'improvviso sentii un dolore più forte dentro la mia fica. Mi aveva aperto l'utero ed ora stava entrandomi dentro direttamente col suo lungo cazzo. Ormai stavo urlando, sia di dolore che di piacere. Poi d'improvviso papà mi fermò e scaricò di nuovo un torrente di sperma direttamente nel mio utero. Godetti di nuovo anch'io perché mi stava strapazzando il clitoride. Sentivo le contrazioni della vagina massaggiargli il cazzo ancora piantato a fondo dentro di me.
Alla fine ero esausta. Non avevo mai goduto così tanto ed in poco tempo. Mi girava la testa e sentivo le orecchie pulsare al ritmo del mio cuore frenetico.
Mi fece sedere sul suo addome e quello che rimaneva del suo sperma dentro di me colò lentamente fuori, imbrattandogli la pancia.
Mi tirò di nuovo a sé. Voleva di nuovo succhiarmi le tette. Mi succhiò a lungo e con forza. Sembrava quasi un assetato rimasto senza acqua nel deserto. Mi mungeva i capezzoli ormai talmente irritati da farmi male. Quando li lasciò, notai che erano completamente arrossati e delle goccioline di sangue uscivano dalle punte. Papà li leccò con la bocca aperta, gustandosi un'ultima volta i miei capezzoli duri.
Smise pochi minuti dopo, decisamente soddisfatto.
— Grazie, tesoro. Credo che mi rimarrà in mente a lungo quello che abbiamo appena fatto. Forse non te l'ho mai detto, ma sono fiero di te. E sono certo che avrai una vita fantastica assieme a Stefano.
Poi mi assestò una sonora pacca su sedere, raccolse i suoi vestiti ed uscì dalla stanza senza neanche rivestirsi.
Rimasi lì, sdraiata sul letto completamente nuda, a lungo. Come potevo ora sposare Stefano mentre avevo appena fatto sesso con mio padre? Per di più avevo pure il suo sperma nell'utero martoriato. Chissà cosa avrebbe pensato il mio fidanzato se si accorge che l'ho tradito?
Dovettero passare delle ore perché quando mia madre rientrò erano già le 17.00.
Ed io ero ancora lì sul letto, incapace di muovermi.
D'improvviso entrò la mamma e mi vide. Accorse da me, preoccupata che mi fosse successo qualcosa. Fortunatamente mi ero rimessa l'accappatoio già da un po'. La rassicurai che non c'era nulla che non andasse e che erano solo degli innocui pensieri che mi passavano per la testa.
Cercai di mettermi seduta, ma mi vennero delle fitte dolorosissime al ventre, per cui lasciai perdere. Tenevo le gambe strette per impedire allo sperma di papà di scivolare fuori e che mamma si accorgesse dell'odore.
— Tesoro mio, hai 23 anni e te l'ho sempre detto: sei ancora giovane per sposarti. Ma tu hai una volontà d'acciaio, quando ti fissi un obbiettivo lo raggiungi a tutti i costi — mi disse accarezzandomi i capelli.
Riprese. — Sono certa che domani tutti questi pensieri se ne andranno nell'esatto momento in cui indosserai quell'abito — indicando l'abito da sposa appeso all'armadio. — Anche io ho avuto dubbi sul passo che stavo per fare quando ho sposato tuo padre. Ma a dire la verità è stato mio padre che ha messo a tacere quei pensieri. È venuto da me e mi ha dato una sberla fortissima. E poi mi ha detto “Tu domani ti sposerai e poi ti prenderai quell'uomo tra le gambe e lo lascerai fare!” (imitando un vocione maschile).
Rimasi a bocca aperta: non mi aveva mai raccontato nulla, prima.
— Oh, non fare quella faccia, Diana — disse sorridendo. — Stavo avendo una crisi isterica e quella scossa era proprio quello che ci voleva. Naturalmente mi sono sposata il giorno dopo, ed è stato bellissimo. Come sono stati meravigliosi gli anni che abbiamo passato assieme.
Mi sollevai seduta, ignorando le fitte al ventre, e l'abbracciai.
— Grazie mamma — e le diedi un bacio sulla guancia.
Mamma lasciò subito dopo la stanza. A fatica mi alzai e andai in bagno. Mi sedetti sul bidet e mi lavai via lo sperma di papà dalla fichetta e dalle gambe. Tentennai sull'ipotesi di usare il doccino per lavarmi anche dentro, ma alla fine lasciai perdere. Mi tenni dentro lo sperma di papà.
Mi presi anche un paio di pastiglie di moment per calmare un po' i dolori. Poi ritornai in camera e mi misi la tuta. Tanto fino all'indomani non sarei più uscita.
Cenammo insieme, io, la mamma e papà. Ogni tanto osservavo mio padre e lui mi guardava e mi sorrideva gentilmente. Fu una bella cena, allegra.

Il giorno del mio matrimonio fu semplicemente spettacolare. La giornata era calda ma non torrida, e l'antica villa che avevamo scelto per il rinfresco era bellissima. Verso sera, io e Stefano lasciammo gli invitati perché dovevamo partire per il viaggio di nozze. Salutammo e ringraziammo tutti e poi mi appartai in una delle salette per cambiarmi. Ci avrebbe pensato mamma a sistemare l'abito da sposa. Ci pensò il nostro testimone a portarci all'aeroporto. Le valige erano già in auto.

Due mesi esatti dopo il mio matrimonio ebbi la certezza di essere incinta. Avevo dei dubbi già da qualche settimana, ma poi non più.
Quando lo dicemmo alla famiglia di Stefano furono tutti molto felici. Presto sarebbe nato il loro erede.
Tuttavia un sorriso nacque sulle mie labbra. Non ero sicura che il bambino fosse di Stefano; infatti mi sfiorò l'idea che potesse essere di mio padre, soprattutto se il bambino che porto in grembo è femmina.
I primi due giorni della luna di miele, Stefano era rimasto a letto a causa di un attacco di dissenteria.