i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Diana apre la porta di casa, trascinando nell’appartamento l’uomo che la segue. Ha ripetuto più volte di chiamarsi Marco: Diana non presta molta attenzione ai nomi.

La fidata gatta nera della donna, Bastet, li osserva curiosa, ma lui è perso ad ammirare il culo di Diana, fasciato da jeans aderenti ed alzato da tacchi vertiginosi. Qualche ora prima, tra le luci soffuse del locale, Diana gli era sembrata un’apparizione divina.

Sono simili, Diana e Bastet. È la gatta ad aver imparato dall’umana, o il contrario? Diana l’ha guardata per ore leccarsi la pelliccia fino a renderla lucente, per poi uscire e scodinzolare davanti ai gattoni del quartiere. Ed anche Bastet ha vegliato con attenzione, mentre la sua padrona indossava abiti sempre più stretti e provocanti.

Diana è soddisfatta della caccia. Contempla meglio Marco mentre lui la spoglia. È alto, muscoloso, con gli occhi profondi ed un sorriso accattivante. Oh, è solo così sciocco… crede di essere il maschio alfa, il cacciatore, invece è un topolino a cui piace troppo il formaggio.

Marco ha sempre usato le donne, è evidente dal suo atteggiamento. È abituato a sedurle, sfruttarle per il suo piacere e poi abbandonarle come mozziconi di sigaretta. Le donne, in fondo, gli si sono sempre gettate ai piedi.
Intuisce che c’è qualcosa di diverso in Diana quando lei gli ordina di spogliarsi da solo, tenendo i boxer. Esita, non è certo avvezzo a richieste secche, ma poi la asseconda. La visione di lei, nuda sui tacchi alti, è convincente.

Diana sorride compiaciuta, mentre lui si inginocchia ai suoi piedi.
Ah uomini, adorati e prevedibili! Vi bastano due tette sode, una vita stretta e un culo a mandolino per perdere ogni dignità. La natura, dannata, ha regalato a Diana anche una pelle candida come la neve, in contrasto con il tesoro che nasconde tra le gambe.
Beh, nascondere è un termine eccessivo… Lo direbbe anche Marco, se non fosse impegnato ad infilarci la lingua. Diana ama avere uomini ai suoi piedi, a dedicarsi alla parte più delicata di lei.

Marco accenna a fermarsi, ma lei lo afferra per i capelli. L’uomo non può che rassegnarsi, anche se sperava in un rapido preliminare. Non è che Marco non sia bravo, è disabituato a concentrarsi sul corpo femminile. Le donne dovrebbero pretendere di più: gli uomini sono pigri, vanno spronati!
Marco infatti si dedica a lei, ora, con impegno. La penetra con la lingua e le succhia il clitoride a momenti alterni, regalandole brividi di piacere che si dipanano per tutto il corpo. Diana si appoggia alle sue spalle; il piacere le fa cedere le gambe. Quando lui aggiunge le dita, passandole lungo tutta l’apertura per poi muoverle frenetico sui punti più sensibili, lei getta la testa all’indietro gemendo.

Bastet la sente, e raggiunge i due nella camera da letto. Si siede sulla soglia: è giusto in tempo per assistere al primo orgasmo di Diana, che il succhiare e la penetrazione con le dita le regalano. Viene in piedi, con una mano tra i capelli di lui e l’altra a piantargli le unghie nella spalla. Dovrà ben reggersi da qualche parte…

Quando Marco si rialza, pretenderebbe di essere ricompensato. Ma lei non è mica una servetta! Lo spinge invece sul letto. È un poco stupito quando Diana gli rimette la figa lucida davanti agli occhi. Un’altra volta? Marco è abituato a donne desiderose solo di soddisfare lui… Sdraiato supino, con la testa sprofondata nei cuscini, non può comunque rifiutarsi. Riprende a leccarla gustandone il sapore dolce e speziato, la stimola con la lingua, con colpetti rapidi e sempre più forti, mentre le sue mani salgono ai seni di lei, che afferra avido. Strofina i capezzoli, li tira, alternando morbide carezze.
Diana, tra urli e gemiti sempre maggiori, viene di nuovo nella sua bocca. Vi si accascia sopra; lo sta quasi soffocando, realizza. Sopporterà…

Quando Marco la vede ruotare sopra di lui, in un eccitante 69, stenta a non strapparsi di dosso i boxer. Il cazzo, gonfio, è desideroso di attenzioni.
“Continua…” mormora lei, notando la sua passività improvvisa. Lui, ormai convinto che Diana vada assecondata, non si fa pregare (come se davvero lei pensasse di farlo!) e la esplora di nuovo con le dita. Mmm…

Marco spinge in alto il bacino, impaziente. Ve l’ho già detto che siete prevedibili, uomini? Ecco, siete anche sciocchi. Credete che una donna faccia un pompino per voi, per farvi eccitare e godere. Sbagliato. Quelle che lo succhiano per farvi contenti, si riconoscono: non lo sanno fare. Volete un pompino a regola d’arte? Dovete affidarvi ad una donna che lo fa per il suo piacere, prima di tutto.

Marco se ne accorge subito, che Diana ci sa fare. Lo sente quando lei parte a leccarlo alla base, smaniosa, per poi impugnarlo saldamente e farselo sprofondare in gola. Gli piace sentire le labbra morbide che si serrano sulla sua asta e vi scorrono sopra. Gli piace che la mano di Diana vada a soppesare i coglioni gonfi.
A lei, delle sensazioni di Marco interessa marginalmente. Si gode più di tutte la sensazione del palo che le scivola in bocca. Lo succhia affamata del suo sapore ed odore. Lecca la cappella più scura, lanciando un’occhiata a Bastet. La gatta deve accontentarsi di leccare una delle sue adorabili zampine, ma non le toglie gli occhi di dosso. Guarda e impara, tesoro.

Quando Diana prende a segarlo, le dita ben avvolte al suo cazzo, e si dedica a leccargli i coglioni, Marco sente il piacere montare. Si sforza di stimolare meglio Diana, vuole farla venire velocemente e liberarsi a sua volta. È davvero bravo con le mani, ora che lo fa con attenzione. Aggiunge l’altra e la stimola in ogni modo possibile: con un paio di dita sprofonda anche nella sua rosellina. I movimenti incalzanti hanno effetto. Diana viene un’altra volta, quasi in perfetto silenzio. Soffoca le urla di godimento continuando a succhiare il cazzo di lui, ma senza portarlo a sua volta all’orgasmo.

Oh, Diana glielo legge in faccia che vorrebbe venire. Che egoista! Godere prima ancora di penetrarla? Sorridendo, lei gli porge il suo vibratore di fiducia. Marco lo osserva stupito, non capisce.
“Non vorrai mica venire appena iniziamo…gioca con questo intanto” gli sussurra Diana, mordicchiandogli il lobo di un orecchio.
Un surrogato, quando ha il suo cazzo a disposizione? Nessuna donna glielo ha mai proposto. Ma se vuole ottenere qualcosa, Marco capisce che l’unica possibilità è stare al gioco. Che l’abbia capito di essere, per Diana, solo uno strumento?

Diana si distende, supina, aggrappandosi alla testiera del letto. Spalanca le gambe e lo invita a darsi da fare. Se Marco ha ancora dei dubbi, vedere lei così glieli toglie tutti.
È talmente fradicia che la penetra in un colpo solo, facendola gemere ed inarcare la schiena. Diana perde velocemente il controllo: la vibrazione e l’alternanza di parti ruvide e lisce del vibratore, unite ai movimenti di Marco, fanno effetto. Si inarca sempre di più ed ha a malapena il fiato di dirgli di posizionarsi tra le sue gambe, inginocchiato. Fa leva con i piedi sulle spalle di lui, alzando ancora di più il bacino, mentre Marco muove frenetico il fedele cazzo di plastica. Celestiale…

Marco cerca di rallentare, di tenerla il più possibile sul limite dell’orgasmo quando sente che sta per venire. Diana per un istante lo odia, si sente bruciare, i suoi muscoli implorano sollievo, la sua figa anche… ma poi un colpo più secco ottiene l’effetto sperato. Si contorce, con il vibratore saldamente piantato in lei, sotto lo sguardo affascinato di Marco.

Quando Diana si riprende, decide di mettere alla prova la competitività di lui.
“Se scopando mi fai godere due volte, senza venire tu, potrai sfondarmi il culo”.

Oh, colpito e affondato! Si parla di culo, e voi uomini non capite più nulla. Marco si morde le labbra, voglioso, mentre Diana si sistema a pecorina sul letto. Lo esorta a restare in piedi, e prenderla così, per sfruttare meglio la forza delle gambe. È una gran bella preda ma non è molto sveglio, bisogna dirgli proprio tutto!

Bastet si sposta, si acciambella sul cuscino, per osservare meglio la scena. Piccola troietta! È la posizione che più le piace, e vuole vedere quanto brava sia la sua padrona. Come se non l’avesse già vista infinite volte.
Le due donne si fissano, complici, mentre Marco affonda il cazzo nella figa bollente di Diana con lentezza estenuante. Sembra quasi che Bastet sorrida…

Marco, dal canto suo, mal sopporta i gatti. Li trova subdoli maestri dell’inganno e vorrebbe cacciare la gattina, ma è perso ad osservare Diana. La massa di capelli corvini che ricadono morbidi sulle spalle, la schiena flessuosa e candida, ed il culo sodo e tondo che presto avrà. A Diana piace, mostrarsi elegante e leggiadra.
Avete mai visto un gatto in una posizione volgare o rozza? Sì? Allora era un maschio. Una gatta non lo farebbe mai, è aggraziata per natura.

Marco ammira Diana ed al contempo cerca di pensare ad altro. Non venire all’istante è difficile; come il migliore degli scolaretti si concentra sui Re di Roma. Diana lo incita, invece, a voce sempre più forte. Gli orgasmi precedenti l’hanno resa più resistente, e lui deve impegnarsi a fondo. L’uomo non si risparmia, bisogna dargliene atto: aumenta la forza e il ritmo dei colpi, cambiando l’angolazione per moltiplicare le sensazioni di lei. Il rumore bagnato che ne deriva è inequivocabile.

Bastet continua a fissare la sua umana, immobile, mentre lei torce con le mani le coperte, ed anche Marco intuisce che non è distante dal godere di nuovo. La afferra per i fianchi, aumentando ancora la sua spinta, e la esorta. Potrebbe mai rifiutarglielo? Diana gode, e regala a Marco le forti strette dei suoi muscoli interni sul cazzo, oltre ad una lunga serie di gemiti compiaciuti.

Tuttavia, Marco è consapevole delle sue capacità. Non riuscirà a resistere ancora molto, e ugualmente vuole il culo di Diana. Lei sarebbe tentata di rifiutare, ma infine cede. Bontà? Affatto: troppa voglia.

Geme Marco per lei, mentre preme il cazzo fradicio di umori contro la sua via più stretta… e sbuffa di soddisfazione, quando riesce a piegare la resistenza dell’anello anale ed affondare in lei. Lo fa lento, delicato, quasi dolce. Diana si gode ogni sensazione. Quando è del tutto in lei, Marco si ferma. Lui non può vederla, ma lei sorride alla fidata gatta. Intuisce che Marco vuole lasciarla abituare alla sua presenza.
“Tesoro bello, non è certo il primo cazzo che entra!” pensa. “Quanto vuoi farmi aspettare?”

Diana allunga una mano, ed afferra il vibratore abbandonato sul letto poco prima. Marco capisce al volo, e le infila l’asta in silicone nella figa gocciolante. A Diana sfugge un miagolio di piacere… ora sì che si fa sul serio.
Bastet, gattina, non sai cosa ti perdi. Dovresti essere più creativa, con tutti i maschi che ti corrono dietro!

Quando inizia a muoversi, Marco però si dimentica dell’importanza del sincronismo. Ah, riuscirete mai a badare ai dettagli voi? Diana è costretta ad aiutarlo, o non la farà mai godere quanto vuole. E così, mentre lui le scopa il culo, emettendo gemiti rochi, lei si assicura che la figa sia altrettanto stremata dal vibratore.
Se Diana impiega davvero poco tempo a sentire l’orgasmo montare, a Marco sembra un’eternità il tempo che riesce a resistere sodomizzandola, mentre lei si masturba. Può sentire le vibrazioni sul suo cazzo, attraverso la sottile divisione con la figa di Diana. Vengono insieme, in un unico grido di pura soddisfazione.

Marco cerca di abbracciarla e riprendere a toccarla, sotto l’acqua calda della doccia, ma lei lo rifiuta. L’uomo vorrebbe restare, dormire insieme e possederla di nuovo la mattina seguente, ma Diana non ne vuol sapere. Lo allontana in malo modo, dopo averlo fatto rivestire in fretta.

Ha bisogno di riposare, domani sarà un’altra lunga giornata di caccia… in attesa di qualcuno che sappia trasformarla da cacciatrice a preda.
Note finali:
***
Come per ogni mio racconto, conto nei vostri commenti e suggerimenti. Grazie! :)