Cuck e mogliettina sottomessi By Koss

[ - ]   Stampante Capitolo or Storia Indice

- Text Size +
Mi chiamo Edgardo, sono un uomo maturo e dominante, con qualche esperienza.
Mi piace sottomettere ed usare le donne, farle diventare le mie schiave. Faccio queste cose in privato, sono molto riservato, ma negli anni ho conosciuto qualche altro Master e qualche Mistress, con i quali e con le quali, ogni tanto, condivido alcuni momenti di svago.

In quel frangente avevo una schiava, alta, magra, con i capelli biondi e finissimi, pelle bianca e candida, seno piccolo, ma gambe lunghissime ed un culetto delizioso. Intelligente e colta, ironica e pudica, calda e devota, trasgressiva e confusa, potrei continuare. Mi piaceva moltissimo, ma sentivo che stava per finire. Dopo un esordio esplosivo lei iniziava a sentire sensi di colpa verso il marito e la paura di venire scoperta. Quando ci incontravamo era sempre caldissima, ma la sua testa era ormai rivolta al dopo. Voleva smettere. Dedico molto tempo alla conquista, ma non eccedo mai nel trattenerle, con questa ci ho provato, a trattenerla, ma alla fine mi sono arreso. Però mi sarebbe rimasta in mente per sempre, come poche altre.
Fu così che misi uninserzione per sostituirla.

E inutile scrivere che cerchi schiave femmine biologiche. Schiavi e trav ti contattano lo stesso. Un tizio, Massimo, in arte Milena, mi scrisse che voleva diventare la mia schiava trav. Non gli risposi. Avevo fatto quellannuncio con un account gmail e me lo ritrovai in chat qualche giorno dopo. Un pomeriggio in cui non avevo molto da fare gli diedi corda. La fantasia di Milena era incredibile, ma le sue erano, per lappunto, solo fantasie. Non era depilata, il suo abbigliamento consisteva in qualche capo che prendeva in prestito dalla moglie e non si sapeva truccare. Niente di tutto questo comunque mi interessava, ma lo scrivo per far capire che il tipo era del tutto inattendibile. Ci salutammo e mi ripromisi di non dargli più corda. In effetti per qualche settimana quando ero collegato e lui tentava di instaurare un colloquio io neanche gli rispondevo, ma non avevo intenzione di bloccarlo. Blocco solo i maleducati e lui era certamente fastidioso, ma non maleducato. Mi limitavo ad ignorarlo. Forse era passato un mese dal primo contatto quando, invece di tentare di attaccare bottone con il solito buon giorno Padrone, lui postò la foto di una biondina, sui trentanni, trentatré per la precisione come seppi dopo. Inevitabilmente attirò la mia attenzione. Era nuda e portava gli occhiali. Non potevo definirla una bellezza, anzi, si trattava di una donnina un po scialba. Un visetto timido e sorridente, lo sguardo sperso sotto gli occhiali, meravigliata ed allo stesso tempo maliziosa sotto locchio della macchina fotografica. Il seno piccolo, ma due capezzoli appuntiti anche se molto chiari, magra, ma con i fianchi larghi. Però aveva un bel culetto e due cosce piene e sode. No, non era una bellezza, ma la mia reazione fu immediata e mi venne duro. Forse per quello sguardo malizioso ed allo stesso tempo schivo, forse perché intuii che potenzialmente poteva diventare molto calda e sexy. Chi lo sa?
chi è questa? chiesi. Mia moglie rispose.
e come mai mi mandi una foto di tua moglie nuda?
- volevo sapere se le può interessare.
Mi spiegò che nelle sue fantasie oltre che travestirsi, trasformarsi in femmina e sottomettersi ad un Padrone cera anche quella di volere sua moglie schiava di un Master. Ormai avevo capito che Massimo era totalmente inaffidabile, ma quella figurina della moglie mi attirava e lavrei fatta volentieri mia schiava. Gli risposi che se lui non mi interessava, sua moglie invece meritava la mia attenzione. Ma unora dopo dovetti arrendermi, il tipo aveva paura pure della sua ombra e non sarebbe mai riuscito ad organizzare quellincontro a tre che gli avevo chiesto. In compenso mi mandò altre foto di sua moglie, in alcune era vestita, in altre era nuda. Purtroppo le iperboliche fantasie di Massimo erano pari alla sua inconcludenza.
Gli dissi mi fai perdere tempo schiavo, lasciamo perdere. Ti ho detto quello che devi fare per farmela incontrare. Quindi non mi rompere i coglioni. Fatti sentire solo se sei in grado di organizzare qualcosa.
Per un mese non mi tediò più. Dopo un mese, quando mi trovò collegato mi scrisse Sabato sono con mia moglie al centro commerciale, se si fa vedere gliela presento.
Non fu semplice organizzare il tutto, un sacco di dettagli da concordare, a cominciare da dove ci eravamo conosciuti e tutto il resto. Comunque concordammo che tra le diciotto e le diciotto e quindici, dopo che lui e sua moglie avrebbero fatto spesa al supermercato, avrebbero preso un aperitivo al bar del centro commerciale e che io li avrei approcciati lì.


https://novelleerotiche.wordpress.com/

https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss

Koss99@Hotmail.it

In Evidenza

Racconti erotici recenti

QUANDO LA MOGLIE E' IN VACANZA by Maverick Vietato ai minori

La bella moglie si gode ogni anno la sua vacanza al mare, mentre il marito...

L’uccello di Schrödinger by Felix3 Vietato ai minori

Raccontino di fantascienza. Come con la meccanica quantistica si possa risolvere...

Quando due fiorentine vanno in vacanza al sud by IschiaSex Erotico

Due milf si godono le vacanza....in tutti i sensi

Uno a caso!

La zoccola con gli zoccoli: una notte da vacca dei camionisti! by manuzoccolimania Vietato ai minori
Finalmente realizzo il mio desiderio sessuale più perverso! E' accaduto ieri...