i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Giulio, seguito da Rita e Laura, entrò, senza bussare, nella stanza della sua e della loro dirigente. Giulio ormai era il Padrone di tutte, e prima di tutto della sua dirigente, quindi lì dentro faceva quello che voleva.
Appena entrarono Maria Salini, a capo della direzione Supporto Clienti, si mise in piedi in attesa di ordini da parte di Giulio.
Giulio era il suo Padrone da un paio di mesi, nonché suo dipendente da meno di tre mesi. Un ragazzo che lei, da poco, aveva promosso a responsabile del suo staff. Questo non solo perché era diventato il suo Padrone, ma perché innegabilmente era molto in gamba. Anche se era ancora giovanissimo per un qualsiasi posto di responsabilità.
Giulio questa volta non perse tempo, di solito la teneva in piedi come una scolaretta per diversi minuti mettendola a disagio ed in imbarazzo.

Guardò l’orologio e le ordinò – spogliati troietta. –
Maria era una quarantenne minuta, alta sopra la media, motivo per cui appariva ancora più magra di quello che in realtà era. Aveva un seno piccolo, ma ben disegnato ed un culetto tondo ed alto. Fino a qualche settimana prima si presentava come una donna scialba e per nulla sensuale, ma in quei due mesi era già cambiata parecchio, anche se c’era ancora molto lavoro da fare.
Maria arrossì e si spogliò, era già umiliante quando era da sola con lui, diventava intollerabile davanti a quelle altre due puttanelle, anche loro sue dipendenti dirette. Ma ormai si stava abituando ed ubbidiva prontamente a quei comandi. Poi tutto si svolse molto in fretta. Maria fu travolta e non ebbe neanche il tempo di capire cosa stesse succedendo.
Laura tirò fuori da una borsa sportiva un catsuit nero in latex e, sotto lo sguardo implacabile di Giulio, aiutata da Rita, lo fece indossare alla dottoressa che pensò “un’ennesima umiliazione di fronte a queste due puttanelle”.
Nelle ultime settimane era successo più volte, ma ciò non le impediva di vergognarsi come una verginella, però ormai subiva ed accettava, si era adattata a quella nuova vita, certo molto umiliante, ma di cui, in fin dei conti, non sapeva più fare a meno.
Pensava che prima dell’arrivo di quel giovanotto la sua vita fosse molto triste, solo lavoro. Ora… era molto movimentata. Il vestito aderiva al suo corpo perfettamente, anche se tutto si svolgeva velocemente ebbe il tempo per ammirarsi, era come se fosse nuda. Il vestito auto-modellava il suo corpo come una seconda pelle, era un piacevole ed eccitante contatto, il piccolo seno ne era esaltato, il suo culetto anche e le sue gambe sembravano ancora più lunghe, vertiginose.
Maria non si allarmò neanche quando Giulio le prese i polsi, li portò dietro la schiena e lì li fisso con dei fermagli applicati al vestito stesso. Maria ebbe qualche difficoltà a rimanere in piedi mentre Laura inginocchiata di fronte a lei le faceva indossare delle decolté con un tacco a spillo spaventoso, di almeno 15 cm., lei che da poco aveva imparato a stare su un tacco 8. Ma la sostennero e ci riuscì, però ora iniziava ad essere stressata, a tremare ed a sudare, ed anche a preoccuparsi, ma cosa vogliono fare pensava.
Intanto era immobilizzata, per quello bastavano i tacchi e si sarebbe sentita persa, incapace di muoversi, ma aveva anche i polsi fissati dietro la schiena. Cercò di non perdere l’equilibrio.

Voleva riflettere, sentiva che nell’aria c’era qualcosa di diverso dal solito, ma intanto intorno a lei tutto si svolgeva molto rapidamente. Giulio le chiuse intorno al collo un collare di cuoio laccato ed altissimo, che la costrinse a tenere il collo eretto ed allungato, ora poteva guardare solo davanti a sé e lontano, non riusciva più a guardare in basso, come avrebbe fatto a camminare?
Ma non era finita, il peggio fu la maschera, sempre in latex, che Giulio le calò sul capo e sul viso. Maria andò nel panico, non vedeva più niente, infatti la maschera non aveva i buchi per gli occhi, solo quelli all’altezza delle narici e della bocca. Stava per dire – Padr… - che una ball gag le chiuse la bocca e non poté più parlare e doveva respirare solo dalle narici.
Il panico montò irrefrenabile, iniziò a dibattersi ed a tremare. Sotto la maschera piangeva e questo poteva essere pericoloso per la respirazione. Per fortuna, lei non se ne era neanche accorta, ma la ball gag aveva dei forellini, e quindi poteva respirare anche dalla bocca, anche se non poteva parlare. Quando se ne rese conto si calmò, ma era preoccupatissima, ne aveva passate tante in così poco tempo, ma quella le sembrava una cosa completamente nuova. Una svolta nella sua breve ed intensa vita da schiava.

Tutto andava sempre più veloce, Giulio la prese in braccio e la calò dentro una cassa che Rita era andata a prendere mentre lui terminava i preparativi. La cassa stava su un carrello. Giulio la chiuse e Rita guidò il carrello verso il montacarichi. Non erano passati neanche dieci minuti. Ora Maria era terrorizzata. Non vedeva, ma sentiva che era chiusa dentro una cassa e sentiva che il carrello scivolava nei lunghi corridoi dell’azienda. Dentro la sua azienda, l’azienda in cui era una dirigente.
Era terrorizzata che la scoprissero, prima ancora che di quello che sarebbe successo. E cosa sarebbe successo? Ora distesa dentro quella cassa, al buio, aveva tempo per pensare, ma non ci riusciva lo stesso, panico e terrore, ansia e paura la dominavano completamente, troppo per poter pensare. Era immobile ed aveva il fiatone, era terrorizzata anche dalla paura di non poter respirare, e se riempiva quei buchetti di saliva e se le narici si fossero riempite di muco?
Ecco, gli unici pensieri che aveva erano terrorizzanti. Nel buio più assoluto senti che era su un ascensore o sul montacarichi. Dove la stavano portando? Si chiese.

Erano in cinque, due uomini e tre donne, che da più di un anno si vedevano in quello scantinato ogni venerdì per fare bisboccia all’ora di pranzo, qualcuno portava le pizze, qualche altro le birre e alla fine ci poteva scappare anche qualche orgetta. A Rita i due uomini non piacevano, anche se riconosceva che erano due maschi cazzuti ed infoiati, quindi per evitarli aveva dichiarato di essere lesbica, di conseguenza si limitava a qualche rapporto saffico con le due manze. Uno dei due uomini era uno dei guardiani che aveva la chiave di quello scantinato e quindi non correvano nessun rischio.
Rita spinse fuori dal montacarichi il carrello con la cassa e si avviò lungo i corridoi scarsamente illuminati del piano interrato, verso lo scantinato.
La porta era aperta, entrò e richiuse la porta, aprì la cassa e tirò fuori la sua direttrice tremante e annichilita. Dovette fare un grande sforzo per riuscire a metterla in piedi, ma ci riuscì. La schiava camminava con grande fatica a passettini e sarebbe sicuramente caduta a terra senza il sostegno di Maria.
Fece un debole tentativo di opporsi, ma Maria ormai la comandava a bacchetta.
– Stai zitta troia se non ti vuoi far scoprire devi stare sempre zitta, qualsiasi cosa succeda. – Maria pur volendo non poteva parlare, voleva chiedere cosa sarebbe successo, ma non poteva. Rita la legò con tre larghe fibbie di cuoio ad un pilastro, una sotto il seno, un’altra all’altezza dei fianchi ed un’altra sotto le ginocchia. Poi si accese una sigaretta e si sedette sulla cassa. Ormai mancava poco, quindi i suoi colleghi sarebbero arrivati.
Maria faceva una gran bella figura in quell’oscena mise, non l’avrebbe riconosciuta nessuno, ma la troia non lo sapeva, anche se poteva immaginarlo e per tutto il tempo sarebbe morta di vergogna, un’agonia.

Giulio, con la complicità di Rita aveva visitato lo scantinato il giorno prima ed aveva predisposto tutto, ma soprattutto aveva piazzato una telecamera ed un’antenna wifi in un angolino in alto, difficile da individuare.
Ora seduto al posto della sua dirigente schiava si apprestava a seguire tutto al computer. Lui era seduto, Laura, la bella biondina alta e magra, ma con tutte le curve giuste, era sotto la scrivania, in ginocchio tra le sue gambe. L’aveva già preso in bocca e succhiava. Giulio l’accarezzava svogliatamente mentre guardava Maria. Purtroppo Maria era mascherata e Giulio non poteva vedere, ma solo immaginare, la sofferenza e la paura della schiava. Ogni tanto vedeva quel corpo sussultare spaventato, ma niente altro. Chi sa cosa sentiva? Si domandava Giulio osservandola. Desiderava essere lì ad accarezzare quel corpo tremante, sentire il suo cuore battere tumultuoso. Poi volse lo sguardo verso Rita che fumava tranquillamente seduta sulla cassa.

Nei giorni precedenti Rita aveva preparato un po’ il terreno, ma quello che sarebbe successo era comunque un’incognita. Rita aveva lasciato cadere come per caso alcune paroline.
- E se aveste una donna a disposizione inerme e sottomessa cosa fareste? –
Il guardiano rispose che le avrebbero riempito tutti i buchi, l’altro un funzionario di poche parole assentì, le due donne si sarebbero fatte leccare fino a sfinire la troia. Poteva andare pensò Rita, poi si sarebbe visto cosa sarebbe successo davvero.
La scena cambiò in pochi minuti, prima arrivarono due quarantenni, una balenottera con i capelli tinti di rosso e una bionda riccia, entrambe molto pettorute e su tacchi alti, la bionda a passettini per la gonna stretta, la rossa con passo deciso sui suoi polpaccioni e sulle sue coscione, due bei prosciuttoni. Avevano entrambe seni grossi, più definito ed alto quello della bionda e più largo e cascante quello della rossa. Appena videro la tipa legata alla colonna esclamarono all’unisono – E questa chi è? – avvicinandosi prima a Rita e poi alla figura legata ed offerta.
- La possiamo toccare? – chiese la rossa, ma intanto aveva già allungato le sue mani sul seno della schiava e ne palpava le tette.
- E’ a disposizione, usatela come volete. – Questa era Rita che parlava.
Maledetta pensava Maria, le voci le arrivavano attutite e distorte, ma quella di Rita era l’unica che aveva riconosciuto. Era nel panico, cosa sarebbe successo? Sotto la maschera e dentro quell’orribile vestito di latex era rossa e sudava come una scrofa.
Lo stress la stava demolendo. Ne sarebbe venuto fuori uno scandalo, sarebbe stata licenziata e rovinata pensava. Era sicura di essere ancora in azienda, anche se non sapeva dove, pensava che quelle che la stavano tastando erano colleghe, ma non aveva idea di chi fossero.
E cosa le avrebbero fatto? Intanto anche l’altra si era aggiunta ai palpeggiamenti, questa la stava toccando sulle cosce e sulla fica. Ora Maria provava vergogna, ma era legata e imbavagliata, non poteva fare nulla per impedirlo. E se fosse stata libera? Riuscì a realizzare che non poteva gridare e tanto meno parlare. Come le aveva detto la furba ed infida Rita l’avrebbero riconosciuta. E se l’avessero spogliata e levato quella ridicola maschera…?
Voleva morire. Maledisse il suo Padrone che per la prima volta l’aveva abbandonata nella più difficile delle prove mettendo a repentaglio la sua incolumità e la sua privacy. Era la prima volta che estranei stavano per usarla. Maledetto, maledetto. Di quella troia di Rita non si fidava. Dove l’aveva portata? E chi erano quelle altre due zoccole che la stavano palpando come una vacca.

Intanto nel locale fecero l’ingresso rumorosamente due uomini, uno basso e tarchiato, l’atro alto e robusto. La guardia giurata ed un dipendente. Che appena videro Maria, senza sapere, naturalmente, chi fosse esclamarono – E chi è questa bella troia – disse la guardia giurata, mentre l’altro dipendente rifletteva ad alta voce.
– Allora Rita non parlava tanto per parlare. –

Maledetto, maledetto pensava Maria, mi sta offrendo come una vacca al mercato a gente che non conosco, è proprio un bastardo, mai mi ha fatto capire che potesse succedere una cosa del genere. E’ pericoloso, pensava, e lui neanche c’è, non sarà certo questa puttanella di Rita che riuscirà a proteggermi da queste stronze e questi stronzi.
Ma ormai c’era ben poco da pensare, Maria sentiva mani dappertutto, quelle più leggere ed abili delle donne che la toccavano con decisione, ma con garbo e quelle possessive e rudi degli uomini che strizzavano e palpavano dovunque. Poi scoprirono che la muta aveva delle piccole cerniere nei punti strategici e le fecero scorrere. Vennero fuori le due tette e scoperti i genitali.
- Bella troia – esclamò ispirato la guardia giurata.
- Una vacca tutta per noi – affermò la bionda ricciuta mentre la rossa che si era chinata tra le gambe aveva dato due leccatine alla passerina di Maria e con cognizione disse – sì, deliziosa, ma la dobbiamo riscaldare e così non ci riusciremo. Sleghiamola e mettiamola più comoda. –
Ci misero un attimo a farlo, mentre Rita assisteva divertita.

- Fatene quello che volete, ma non me la rovinate. –
- Tranquilla – rispose la bionda, - vedrai che ora la facciamo decollare. –
Maria finì distesa a terra e le due donne ne presero possesso, la rossa le leccava la passera e la bionda capezzoli e tette. – Buona – disse la bionda mordicchiandola sui capezzoli, mentre Maria si inarcava e cercava senza nessun successo di divincolarsi.
La bionda strinse con i denti un capezzolo e lo mollò solo per dire, - fai la brava o te lo stacco. – Maria si calmò mentre la rossa le divorava la fica lappando con trasporto. – Buona, davvero buona – diceva intanto che leccava. Maria si calmò, trovava stupido resistere, stavano facendo quello che volevano e l’avrebbero fatto in ogni caso, in più, inutile negarlo, quelle due bagasce la stavano eccitando.
Iniziava a bagnarsi e diventare languida, la stessa situazione, uno stupro di gruppo la faceva sentire un giocattolo nelle mani di sconosciuti. I due uomini che per un po’ avevano guardato eccitandosi alle performances delle loro amanti si rifecero avanti.
La misero in ginocchio ed uno dei due le levò la ball gag dalla bocca, la guardia giurata le passò il cazzo sulle labbra e glielo sbatté sulle guance. Maria fece ancora resistenza agitando il capo e cercando di non prenderlo in bocca, serrando i denti. Era una resistenza inutile e stupida.
Intervenne Rita che la schiaffeggiò di diritto e rovescio – prendilo troia – ingiunse e Maria lo prese, si lamentò, ma saggiamente non emise un fiato, era terrorizzata che la riconoscessero. Aveva capito che i suoi stupratori dal fisico non erano arrivati a nessuna conclusione, ma temeva che se avesse parlato si sarebbe fatta riconoscere dalla voce.
Lei non sapeva chi erano, ma erano sicuramente dei colleghi o gente che in qualche modo lavorava lì dentro e quelle voci che per altro la raggiungevano distorte non le dicevano niente.
Il cazzo sapeva di rancido, la patta della guardia puzzava, ma Maria ingoiò e dopo un po’ non ci fece più caso.
- Brava troia, non sei molto esperta, ma diventerai una grande pompinara – l’incoraggiava la guardia andando avanti ed indietro. Rita le sciolse anche i polsi, prese una mano di Maria e le mise in mano il cazzo dell’altro. – Menaglielo vacca. –
Maria ora slurpava e menava, mentre la bionda continuava a leccarla sui capezzoli e la rossa sdraiata per terra le leccava la fica.
Poi l’uomo più alto spinse l’altro di lato e prese il suo posto nella bocca di Maria. Lei ormai non capiva più niente, faceva quello che volevano. Finì sdraiata a terra con un cazzo davanti, non sapeva quale, ed uno di dietro mentre sulla sua bocca sentì spingere una vulva gonfia e gocciolante, bastò uno schiaffo per farle capire che doveva leccare. La vulva gonfia fu sostituita da una più liscia e lei continuò meccanicamente a leccare,
La misero in un’altra posizione, ma aveva sempre un cazzo in culo ed uno in fica e la bocca piena di umori che lavano dalle fiche di quelle due baldracche. In quel momento non sapeva neanche lei più da quale delle due. Intanto era diventata un ricettacolo di umori e sborra. I buchi ne erano pieni e la bocca era impiastricciata di tutto, il grosso era finito sulla muta che diventava sempre più scivolosa.

Giulio stava penetrando Laura, la bionda si era denudata e si era seduta sul cazzo duro e possente del suo giovane Padrone. Tutti e due erano rivolti verso lo schermo del computer. Entrambi erano eccitati da quello che vedevano, nessuno dei due parlava. Giulio si limitava a fotterla ed a strizzarle le piccole tette. Laura ogni tanto si limitava a sussultare sulla verga del Padrone, il suo corpo si inarcava, le sue lunghe gambe si distendevano e le godeva.

Dopo novanta minuti Maria era sfinita, aveva subito di tutto, non sapeva neanche quante volte aveva fatto venire quegli uomini e quelle donne e neanche quanti orgasmi aveva subito lei stessa. Si sentiva una baldracca, un oggetto a disposizione di maschi infoiati e di femmine scatenate.
Lo stress aveva ceduto il passo allo sfinimento, si sentiva piena e rotta come una bambola.
I due uomini la rimisero dentro la scatola, Rita abbassò il coperchio attese che tutti sparissero e poi rifece la strada a ritroso. Maria dentro la scatola non sapeva cosa pensare, alla fine aveva goduto come mai avrebbe immaginato che le potesse ricapitare. Ora voleva essere di nuovo nel suo ufficio, farsi una doccia e ritornarsene a casa a dormire.



koss99@hotmail.it
http://novelleerotiche.altervista.org/