i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Segue

https://www.eroticiracconti.it/racconto/34255-ritorno-al-ristorante

“Mi piacerebbe provare scrivere qualcosa per te.”
È così che è iniziata. In realtà un po’ prima, quando io gli ho lasciato la mia mail per commentare un suo racconto che mi aveva… scossa. È imbarazzante.
“Se ti va, prova a suggerirmi una situazione, una fantasia, qualcosa che ti eccita, che ti stuzzica, o che magari ti ossessiona.
Dimmi se ci sono dettagli importanti per te, come la penetrazione o altro.
Senza scrupoli, senza imbarazzi, sentiti libera di chiedermi quello che vuoi.”
E eccitante. Di solito sono io che scrivo il mio piacere. Ora, invece, sarebbe stato qualcun altro a scrivere di me. L’idea è imbarazzante ed eccitante allo stesso tempo.
“D'accordo. Continua un mio racconto, si chiama Al Ristorante.”
Trascorrono un paio di giorni, fino a venerdì. È l'ora di pranzo quando mi arriva qualche riga. Fa così strano leggere quelle parole, di quella ragazza, di quella mia “me”. Poche righe in cui non succede nulla, se non incuriosirmi. E, quando succede, è un dramma. Passo il resto del pomeriggio in fibrillazione, il mio cervello mi propone in mille situazioni assurde, anche esagerate. Ho voglia di toccarmi, di masturbarmi, ma aspetto. Non voglio farlo ancora. Voglio il racconto. È mentre mi vesto per andare a fare l'aperitivo con le mie amiche che mi rendo conto di due cose.
La prima è che sarà divertente vedere in che situazione mi metterà una mente maschile.
L'altra è che questo racconto mi farà capire che idea si è fatta la gente di me.
Sono agitata. Questo gioco mi ha reso nervosa. Le mie amiche lo notano e divago, dicendo che ho discusso con mia madre. Non sanno che scrivo delle porcate. Non sanno che qualcuno sta scrivendo su di me.
Niente… sono nervosa. E ho voglia. Frequento due uomini e nessuno dei due è qui, ora, a prendermi e possedermi e a calmarmi. Ecco cosa ci vorrebbe. Non tanto toccarmi, ma proprio essere presa. Accenno un sorriso. Per le condizioni in cui sono già il pensiero mi diverte. Mi eccita. Sento la passera reagire. Per fortuna non ho messo nulla di attillato.
“Per i dettagli, su di te, su quello che ti sarebbe potuto piacere, ho fatto un frullato con tutti pezzetti che hai lasciato in giro per i tuoi racconti, poi mi dirai com'è venuto...”
Boom. Sono un lago. Il cuore batte come impazzito, la curiosità mi divora. Ma non voglio leggerlo ora.
“Ragazze, vado un attimo in bagno.”
Fanno per venire con me, ma riesco a farle desistere.
Chiudo la porta del box, mi abbasso pantaloni e mutande e mi siedo.
Non leggo il racconto ora, voglio potermelo gustare.
Appoggio la schiena, apro le gambe e inizio a masturbarmi. Niente penetrazione, voglio resistere per il racconto. Così mi accarezzo il clitoride. E immagino il cameriere sulla porta intento a fissarmi. Il pensiero mi eccita. Che mi veda. Che veda quello che sono. Con la mano libera allargo le labbra della figa.
Ciao orgasmo, come ti voglio bene…

Suona la sveglia.
Apro gli occhi sorridente. Ho tutto il tempo, oggi, per godermi il racconto. Mi giro un po’ sotto le coperte, mi gusto il tepore del mio corpo. Con calma mi tolgo i pantaloncini e le mutande. Una mano scivola, impudica, sul ventre, sulle cosce e poi risale, passando sul mio sesso. Mio dio… sono già umida. Non ho ancora letto, ma visto come SBD scrive, sono certa che mi regalerà un momento di piacere intenso. Gioco scorretta. Prima di iniziare il racconto con due dita, lentamente, allargo le labbra della mia figa (mi fa strano scriverlo, ma mi avete detto che lo preferite). Un brivido mi attraversa il corpo e mi scappa un sospiro.
Sì, sono pronta.
Leggo con calma, senza nessuna fretta. Anzi, quasi cerco di ritardare il piacere. Allo stesso modo si muove la mia mano, girando attorno al centro del mio piacere ed è quasi con gusto che sfioro la mia pelle più delicata e sensibile coi polpastrelli.
“Cominciammo una fitta corrispondenza…”
Sorrido. Destreggio la mia vita tra due uomini. Ho paura di sapere come sarebbe se mai dovesse spuntarne un terzo. Per un attimo, nella mia follia erotica, mi immagino presa da tutti insieme. Al pensiero la mia figa ha un brivido, mi viene l'istinto di penetrarmi, ma resisto. Per compensare allargo le cosce, più che posso. Due dita scivolano attorno al mio sesso.
“…Scopare con Teo mentre Daniele mi guardava…”
Ecco. Perfetto. Cos'avevo appena detto? Mi immagino perfettamente nella scena. E la voglia sale… penso di meritarmi una carezza un po’ più spinta, no? Il dito medio scende fino all'altro ingresso e poi sale lentamente, scivolando appena tra le labbra e arrivando al clitoride. Ecco… così… lo accarezzo… oddio…
Mi fermo quando leggo di un Teo lontano e distaccato. Non mi piace molto questa parte e mi chiedo se SBD non apprezzi il fatto che ho rapporti con mio fratello. Abbandono il clitoride.
“…avevo bisogno che Daniele non riuscisse a staccarmi gli occhi di dosso…”
Vediamo se il nostro scrittore ha saputo cogliere “la zoccola che è in me”, come dice ogni tanto la mia amica del cuore.
“… non aver nulla sotto… sollevare la gonna per farlo entrare… mi masturbavo mentre ero al tavolo…”
Sorrido. È stato bravo. Mi sono esposta così tanto nei miei racconti? Forse dovrei smetterla… mi chiedo cosa pensi di me la gente che mi legge. Questo pensiero un po’ mi rabbuia. Forse… forse smetto di scrivere. Ma ora… no.
Teo non è presente nel racconto. Non posso dirmi dispiaciuta, ma ora sono certa che SBD non apprezzi l'incesto. Non posso certo fargliene una colpa. Però c’è il mio ragazzo. Chissà poi perché se lo immagina con una faccia da salame…
“Stavolta devi almeno farmi guardare.”
Ecco il cameriere che si fa avanti.
“Certo tesoro, Ho messo un vestito svolazzante solo per aprire le cosce davanti ai tuoi occhi.”
Lo penso, eccome se lo penso. La mano mi accarezza l’interno coscia, uso anche un pochino le unghie. Un brivido mi scuote la schiena.
“Va in bagno a scoparti con il deodorante” fa dire a mio fratello con un messaggio.
Penso che potrei anche farlo, ma non sarei sola. L'idea mi eccita. Salgo lungo la coscia e… volevo aspettare, ma nessuno si offenderà se infilo un ditino vero? Uno solo… scivolo con la mano sulla figa, ci giro attorno un attimo e… sì… mi piace… affondo con il dito finché non arrivano le nocche.
Sospiro. Mamma mia se ho voglia…
Alzo gli occhi. Il mio amico deo è lì sul comodino. Potrei usarlo… meglio aspettare. Tolgo anche il dito, ma lo lascio a giocare sul clitoride.
Eccomi. Sto entrando nel bagno. Ora mi sa che viene la parte bella. Sorrido.
“Sono in bagno… non ce la faccio più… vieni ti prego!-
Eccomi a fare la troia
“Scherzi? Arrivo!”
Non mi è chiaro a chi abbia mandato quel messaggio e chi mi abbia risposto, ma non ho il tempo di rileggere.
Chiusa nel box del bagno o abbassato le mutande e iniziato a masturbarmi. Grazie SBD, non mi fai perdere tempo!
“…due già scorrevano dentro e fuori senza sforzo…”
Oddio davvero? Allora sono rimasta indietro! Indice e medio mi tolgono il fiato quando entrano dentro di me. E, proprio come nel racconto, scivolano che è un vero piacere… sospiro. Mamma mia… era una vita che non godevo così lentamente, così pigramente… muovo quelle due dita dentro di me, cerco di spingerle un poco più a fondo, poi escono. Solo per entrare subito di nuovo.
“…Gemevo, incapace di trattenermi…”
Davvero vuoi che lo faccia? Tiro fuori le dita, inarco la schiena e affondo. Il piacere… questo è uno di quei momenti in cui vorrei qualcosa di più… lo faccio due… tre… quattro… sento il piacere salire… ehi ehi aspetta, torniamo al racconto!
Mi rilasso e apro gli occhi, nemmeno mi ero accorta di averli chiusi.
“… mi eccitava un casino l'idea che qualcuno potesse beccarmi…”
Cazzo. Cazzo. Cazzo. Questo è giocare sporco. Ecco l'ormone, quello cattivo, che si sveglia. E so che, quando succede, divento come schiava della mia figa e mi si può far fare di tutto.
Entra qualcuno nel bagno.
Il chiavistello che gira? Un momento… il tempo di chiedermi cosa sta succedendo che Daniele è di fronte a me. Ma che cos…?
Uno sconosciuto davanti a me, all'improvviso, mentre ho due dita dentro la figa.
Come cazzo hai fatto D?!
Potrei venire. Anzi. Fanculo. Ora vengo.
Nella stanza si sente il rumore delle dita che si muovono nella mia figa.
E i gemiti del mio orgasmo.
Prendo fiato, il racconto non è finito. Mi riprendo da questo orgasmo, recupero il telefono con la mano libera e torno a leggere.
“… aprendosi la zip…”
Sorrido. Penso che gli accordi coil cameriere fossero di guardare, ma non avevamo mai parlato di toccarsi anche lui. Idea carina!
Ma non ti basta… ecco il colpo di scena! Le amiche che arrivano. Mi vedo mentre afferro Daniele e lo tiro nel box. Ed è quello il momento in cui noto il suo membro. Enorme, da come viene descritto. Confesso che un poco me l'aspettavo. Vediamo cosa succede.
Intanto le dita tornano a muoversi lentamente sul mio sesso, mantenendo l'eccitazione, stuzzicando il clitoride… potrei avere ancora voglia…
Lo scrittore alza il tiro. Non gli basta che sia nel box del bagno delle donne con un ragazzo, mi fa persino aprire la porta! Sei proprio… Daniele mi infila dentro due dita. Mentre sto parlando con le ragazze. Ho un brivido. La mia vagina reagisce all’istante mentre la mia mente mi proietta nella scena. Gemo.
Quelle dita, nella realtà le mie, mi stanno scavando dentro. La mia resistenza è quasi nulla e mi sto penetrando con tre dita. Oddio… sto godendo di nuovo…
Non ho bisogno di leggere per sapere cosa stia per succedere, penso di averlo capito. Sì, sei stato bravo a rendere la mia voglia, te ne devo dare atto. E mi sto masturbando leggendo di me. Grazie.
“… qualcosa di liscio e grosso premere contro l'ingresso della mia fica…”
Ecco.
Ci siamo.
Lo sapevo.
Daniele mi sta per scopare. E io vorrei essere scopata per davvero, non solo da un qualche dita. Maledizione.
Mi rimane una cosa solo da fare. Allungo una mano, prendo il mio amico, e l'appoggio al mio sesso.
“… come sei stretta…”
Dice Daniele.
“Stretta un cazzo,” dico io, nella realtà. E spingo il deo quasi tutto dentro di me. Entra. Eccome se entra. Sto colando, sono talmente fradicia che colo.
“Vedi come sono stretta? Spingilo più dentro.”
E lo faccio. Quasi grido. Maledetto Teo che mi ha aperta e sfondata.
“… spingi e sta zitto…”
Dice la me del racconto. Ecco, così ci siamo meglio. Questa sono io.
“… sentii la carne, la pelle, distendersi fino al limite, bruciare quasi, per accoglierlo dentro di me..”
Oddio. Questa cosa mi fa impazzire. Sono fuori controllo. Le sue mani mi stringono le tette, le schiacciano, le stringono. Me lo immagino. Ormai non basta solo il deo, muovo anche il bacino per accoglierlo meglio. Sto impazzendo…
E faccio la cazzata. Quando sento che sto per venire… spingo… cazzo se spingo. E godo. Godo come ho goduto poche volte masturbandomi. Grido. Spalanco le gambe e, di colpo, le chiudo.
Mi servono alcuni minuti per tornare alla realtà.
Mi sento sfinita. A pezzi. E con una grossa presenza dentro di me.
Guardo il telefono. Il racconto continua.
Un pompino a mio fratello.
Oh sì, appena lo vedo gli faccio il più bel servizio della vita.
Mi trascino ai piedi del letto, piano piano mi alzo.
Lo specchio.
Il deodorante nascosto dentro di me non si vede. Se non fosse… o forse è solo la mia testa perché sa cosa nascondo, a darmi l'idea di avere la figa gonfia.
Devo cambiare le lenzuola. Che disastro!
Ora colazione. Mi metto addosso una maglietta lunga e apro la porta.
“Ciao Lucky!”
Il cagnone mi fa un sacco di feste e mi lecca la faccia. Lo abbraccio, gli stampo un bacio in mezzo agli occhi e vado in cucina.

Che strano camminare così…