i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Era stata una serata divertente. Per la cena, Lorenzo è una garanzia ai fornelli e anche stavolta non si era smentito. La compagnia ormai è consolidata e le risate non mancano mai, aiutate anche dal vino. Alla fine, mi sono offerta volontaria per aiutare a rimettere in ordine e così io, Federica di 21 anni, ero rimasta con i padroni di casa (Lorenzo e Matteo, rispettivamente di 24 e 23) e la ragazza di quest'ultimo, Martina (anche lei 21).
Nemmeno il tempo di svuotare la tavola e i piccioncini si sono chiusi in camera, peraltro senza nascondere quali fossero le loro intenzioni, visto che le mani di Matteo erano già ben piazzate sulle chiappe di Martina prima ancora di chiudere la porta alle loro spalle. Io e Lorenzo ci siamo guardati e siamo scoppiati a ridere.
- Ecco, finisce sempre così. Loro si chiudono in camera a scopare e io resto solo, per giunta sentendo la tua amichetta gemere tutto il tempo.
- Ahahah, fanno molto rumore?
- La conosci, non sta zitta un attimo. Figurati se chiude la bocca mentre scopa... Se vuoi rimani qui e vedrai che tra una decina di minuti comincia la giostra!
Devo dire che la cosa mi stuzzicava. Mi ha sempre eccitato sentire altre coppie scopare, nelle camere di albergo o magari in qualche posto all'aperto. Così non risposi, ma rallentai decisamente il ritmo nel sistemare le sedie o fare cose inutili solo per perdere tempo. Credo che Lorenzo abbia intuito subito le mie intenzioni e così anche lui ormai stava temporeggiando, approfittando ogni tanto per sorridermi o sfiorarmi, facendo finta di niente.
Ecco, io e Lorenzo. Tra di noi non c'è mai stato niente, se non quella leggera tensione sessuale che ti fa capire che la scintilla potrebbe scoccare in qualsiasi momento. Mai avrei pensato che ad accendere quella scintilla potesse essere proprio la mia migliore amica, Martina. Nel giro di pochi minuti, infatti, dalla camera di Matteo iniziarono a sentirsi gemiti e urletti.
- Che ti avevo detto? - mi disse subito Lorenzo - Vieni di là, dalla mia camera è anche peggio.
In effetti il letto di Matteo era appoggiato proprio alla parete comunicante tra le due camere e così oltre alle loro voci iniziammo a sentire anche il cigolio della rete e qualche colpo al muro. Io restai incantata qualche secondo, con l'eccitazione che iniziava a montare, e Lorenzo ne approfittò subito. Dietro di me, raccolse i miei capelli dietro la nuca e iniziò ad accarezzarmi il collo.
- Fede, lo sai che mi sei sempre piaciuta. Stasera non ti faccio scappare.
Scappare? Io ero impietrita! I miei capezzoli iniziavano a inturgidirsi e quando le sue carezze diventarono bacini persi totalmente la testa. I nostri corpi ormai erano attaccati e sentivo premere sul mio culetto la sua erezione, segno che anche lui era eccitato e ormai non più solo per i gemiti dei nostri amici.
Ci staccammo un attimo quando sentimmo Martina di là implorare Matteo di metterglielo dietro. Giusto il tempo di un sorriso e ci ritrovammo uno di fronte all'altra. Le nostre bocche si avvicinarono rapidamente per poi incollarsi e lasciarsi esplorare dalle nostre lingue.
Lorenzo mi sfilò il vestitino che indossavo e mi sganciò il reggiseno. Poi iniziò piano piano ad abbassarsi mentre con la lingua passava sui miei seni, facendo indurire ancora di più i capezzoli, e scendendo sulla pancia, fino a raggiungere il bordo degli slip. Continuò a farmi il solletico per qualche secondo, poi alzò lo sguardo quasi a chiedere il permesso, che io accordai immediatamente con un sorriso.
Le mie mutandine caddero a terra proprio mentre Martina urlava il suo orgasmo. Ne approfittai per sedermi sul letto dietro di me e Lorenzo ricominciò il suo percorso con la lingua, stavolta in senso opposto. Dal dorso dei miei piedini iniziò a risalire lungo la caviglia, il ginocchio, l'interno coscia fino a raggiungere il mio fiore, totalmente spalancato e pronto ad accoglierlo. Lui comunque indugiò a lungo sulle grandi labbra, raccogliendo i miei umori già abbondanti, mentre con le mani accarezzava ora le gambe, ora i seni, sui quali si soffermò a lungo. Poi affondò con la lingua dentro il mio buchino, quasi a volermi scopare, mentre le sue labbra erano incollate alle mie (certo, non erano le stesse labbra...).
La mia testa ormai era totalmente andata. Solo quando lui si staccò, recuperai qualche secondo di lucidità. Giusto il tempo di tornare a sentire i rumori che provenivano dall'altra stanza e pensare che magari anche loro avevano sentito i miei gemiti. Un momento, ma perché Lorenzo si è staccato?
Alzai lo sguardo e lo trovai già nudo, mentre stava togliendo ormai solo i calzini.
- Scusami ma non ce la facevo più...
Abbassai gli occhi sul suo cazzo e lo trovai durissimo. Anche le dimensioni non erano affatto male. Effettivamente doveva essere stata una sofferenza per lui tenerlo ancora dentro i boxer.
Mi sollevai dal letto e lo afferrai per il sedere tirandolo verso di me. Il suo cazzo ora era davanti ai miei occhi. Iniziai a leccarlo lentamente con la punta della lingua, dal basso verso l'alto, mentre con le mani soppesavo i suoi testicoli gonfi. Lo volevo dentro la mia bocca, così non persi molto tempo prima di ingoiarlo per metà, provocando un suo sospiro di completo godimento.
Il mio pompino fu lento e profondo. Sono sempre stata piuttosto brava con la bocca e avevo intenzione di mettere in mostra tutta la mia abilità per un amico, che solo allora mi rendevo conto di desiderare da tempo.
Fu lui a volersi staccare, per farmi sdraiare sul letto e sistemarsi lentamente sopra di me. Ricominciò a baciarmi, mentre in basso sentivo il suo cazzo rilasciare i primi umori sulla mia pancia e la stessa cosa stava facendo la mia fighetta sulla sua coscia.
- Cosa aspetti a scoparmi? Mi stai facendo impazzire...
- Subito principessa, come desidera.
Entrò lentamente, un dolce tormento che finì solo quando fu tutto dentro di me. Si fermò un attimo e mi diede un bacio, giusto il tempo di incrociare le nostre lingue. Poi iniziò a spingere, alternando colpi veloci ad altri più lenti e profondi. Per me fu il paradiso. Venni subito. Un orgasmo intenso, che mi fece urlare (chissà, forse dentro di me scattò anche la voglia di competere con la mia amica). Lui si fermò, mi diede qualche secondo per riprendermi e poi tornò a muoversi dentro di me. Stavolta riuscii a godermi meglio i suoi movimenti, lo sentii riempirmi per bene, mentre con le mani strapazzava i miei seni.
- Girati. Il tuo culo mi ha sempre fatto impazzire e ora me lo voglio godere mentre ti scopo.
Assecondai molto volentieri il suo desiderio, ben sapendo quanto fosse attratto dal mio lato b. Appoggiò il suo cazzo tra le mie labbra, che lo risucchiarono imeddiatamente all'interno, forse trascurando la sua voglia di giocare un pochino prima di riempirmi di nuovo. Ma non era più tempo di giocare. Volevo godere di nuovo e non passò molto tempo prima che mi ritrovassi di nuovo a raggiungere l'apice del piacere.
Questa volta, anche lui non si fermò. Anzi accelerò i suoi colpi, sbattendo con forza sulle mie chiappe prolungando il mio orgasmo, finché non lo sentii uscire e spruzzare il suo sperma sulla mia schiena. Sembrava non finire più, cinque, sei, sette schizzi mi colpirono arrivando fin quasi ai miei capelli.
Si lasciò andare accanto a me sul letto, accarezzandomi sul braccio e sui fianchi, fino al seno. Anche dall'altra stanza ormai non giungevano rumori e chissà se si erano addormentati o erano svegli ad ascoltarci.
- È stato bellissimo, ma la prossima volta voglio che resti dentro fino alla fine. Tranquillo, sono protetta.
Vidi i suoi occhi brillare, chissà se perché gli avevo promesso che ci sarebbe stata una prossima volta o per il desiderio di riempirmi con la sua crema.