i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note:
Questo racconto è un pò diverso da quelli a cui sono abituati i miei lettori abituali, spero che piaccia lo stesso. Fatemi sapere cosa ne pensate, ancora più del solito. Grazie in anticipo.
Lisa aveva conosciuto per caso Tommaso, chiamato da tutti Tommy: una sera al bar dove usciva solitamente al sabato sera, si era presentato questo ragazzo, aveva cinque anni più di lei, che ne aveva 21, e faceva l’artista, a suo dire.
L’aspetto era quello: capelli lunghi scarmigliati, orecchino ed abiti trasandati. Era un ragazzo simpatico e iniziarono subito a parlare.
«Che tipo di arte fai?», chiese incuriosita Lisa.
«Beh, non mi piace inquadrarmi in una corrente specifica. Faccio quello di cui ho voglia, ma partendo sempre da un principio fondamentale: la bellezza può essere impressa solo su qualcosa di bello», spiegò il ragazzo.
Lisa bevve un sorso della sua birra, poi chiese: «In che senso? Su cosa dipingi?».
«Ad esempio, nella natura cosa è bello per te?».
«Non saprei. Il mare magari», rispose la ragazza sempre più presa dalla conversazione.
«Perfetto. Il mare è già bello di suo e, secondo me, non si può rappresentare per quello che è davvero. Se guardi un dipinto o una fotografia, non potrai mai sentire il profumo del mare ed il suono delle onde», fece un pausa mentre sorseggiava il suo Martini, «quindi se io voglio realizzare qualcosa di bello potrei produrre un’istallazione galleggiante che renda omaggio al mare, ma senza tentare di sostituirsi ad esso».
«Wow! Non avevo mai visto le cose sotto questo punto di vista. È davvero una cosa stupenda!», commentò entusiasta Lisa, «Mi piacerebbe vedere qualcuna delle tue opere».
«Quando vuoi la mia casa è sempre aperta», rispose Tommy.
«Abiti distante?».
«Se hai la macchina no», rispose con un occhiolino.

Tommy aprì la porta del suo appartamento e Lisa notò che era abbastanza disordinato. Però era stracolmo delle opere del ragazzo.
«Wow! È bellissimo! Quante cose che fai!», esclamò entusiasta Lisa.
Tommy la guidò attraverso la stanza, spiegandole man mano le varie opere che aveva prodotto, alcune erano li altre erano riprodotte in fotografia. Lisa lo seguiva a bocca aperta, ascoltando rapita le parole del ragazzo.
Quando ebbero concluso il giro, Tommy disse: «Sai, mi hai ispirato. Vorresti fare parte di una mia opera d’arte?».
«Certo! Cosa devo fare?», rispose con un gran sorriso Lisa.
«Prima ti ho detto che la bellezza può essere impressa solo su qualcosa di bello. Tu sei bellissima, vorresti farmi da tela?».
Lisa arrossì, intuendo a cora stava pensando il ragazzo poi disse: «Beh… cosa intendi?».
«Tranquilla, non devi accettare per forza. Vorrei dipingere sul tuo corpo seguendo le tue forme, senza stravolgere la tua bellezza».
«Va bene… cosa devo fare?», disse timidamente Lisa.
«Adesso niente, prima ti voglio far vedere delle foto in cui si vedono due modelle su cui ho dipinto». Aprì un cassetto e le mostrò alcune foto di due donne, una più o meno dell’età di Lisa ed una sulla quarantina. I loro corpi erano coperti di pittura e quasi non si notava che erano nude a parte le mutande. I disegni astratti su di loro erano fantastici, seguivano le curve dei loro corpi esaltandole, ma senza coprirle. Lisa rimase a bocca aperta.
«Vorrei proprio che lo facessi anche su di me», disse la ragazza senza distogliere lo sguardo dalle foto. “È un professionista, cosa vuoi che succeda”, pensò.
Tommy le spiegò: «Ne sono felice. Allora dovresti spogliarti, tendo solo le mutande. Intanto io preparo i colori», poi la condusse nel suo studio, che era anche la sua camera da letto.
Lisa, abbastanza imbarazzata, ma decisa ad andare fino in fondo, si sfilò dalla testa il vestitino a fiori, rimanendo con gli slip viola chiaro e il reggiseno coordinato. Guardò verso Tommy e lo vide chino sulla scrivania che frugava fra i tubetti di colore.
Fece un respiro profondo e si slacciò il reggiseno. La sua seconda di seno rimase nuda per la prima volta in presenza di uno sconosciuto. Tolse anche le infradito poi disse con voce più sicura di quello che era lei: «Sono pronta».
Tommy si girò e le disse, senza soffermarsi a guardare il suo bellissimo corpo, ma fissandola negli occhi azzurri: «Perfetto, iniziamo subito».
Accese una musica soffusa e si avvicinò a lei con la tavolozza e un pennello in mano: «Di solito inizio dalla schiena perché è un punto meno intimo, per far abituare la modella. Va bene?».
«Certo, l’artista sei tu», rispose Lisa.
Tommy le girò attorno e intinse il pennello, poi lo poggiò fra le scapole di Lisa e iniziò a dipingere. La ragazza sentiva sulla pelle un lieve solletico, per niente fastidioso.
“Chissà cosa sta dipingendo”, si chiese Lisa.
Tommy si muoveva rapido e in poco tempo la ragazza sentì il pennello scorrerle sul fianco, arrivando anche sulla pancia. Il ragazzo le si mise davanti, accovacciato. Il suo sguardo era quasi assente, completamente rapito da quello che stava facendo. Per Lisa era una sensazione strana, gli uomini che l’avevano toccata lo avevano fatto solo per fare sesso con lei, non di certo in quel modo così sessualmente disinteressato.
Mentre il pennello risaliva il battito le accelerò, le passò fra i seni tracciando una linea gialla, seguì il contorno del seno sinistro, poi di quello destro. Lisa trattenne il fiato fino a quando, con cerchi concentrici, arrivò al capezzolo turgido. Tommy cambiò pennello e lo dipinse di arancione. Il contatto tra il pennello e la pelle più sensibile del capezzolo le fece emettere un lieve gemito. Se il ragazzo se ne accorse, non lo diede per niente a vedere. Quando ebbe finito anche con l’altro seno Lisa si sentiva eccitata, ma non nel modo in cui era abituata: era un’eccitazione del tutto nuova per lei, più mentale che fisica. Aveva il respiro leggermente affannato e il cuore a mille.
Il pennello di Tommy, dopo averle dipinto il collo, era passato alle gambe, prima sulle cosce lisce, scese sulle ginocchia, sulle tibie fino ad arrivare ai piedi.
Dopo aver colorato accuratamente ogni dito, Tommy le si mise di nuovo dietro, poi ruppe quel prolungato silenzio, quasi spaventando Lisa ormai completamente rapita dalle sensazioni che quei morbidi pennelli le facevano provare, dicendo: «Scusa se te lo chiedo, ma mi piacerebbe completare interamente questo dipinto. Ti va di toglierti anche gli slip?».
Lisa trasalì, ma senza pensarci rispose: «Va bene».
La ragazza si sfilò le mutandine stando molto attenta a non rovinare il colore sulle sue gambe. Tommy riempì la parte di pelle non ancora colorata del sedere sodo di Lisa. Quel tocco leggero era molto differente dalle palpate volgari che le assestavano i ragazzi eccitati con cui era stata. Chiuse gli occhi mentre il pennello si insinuava nel solco tra i glutei, arrivando a sfiorare l’ano, senza però raggiungerlo.
Tommy andava avanti, senza accorgersi del piacevole turbamento della ragazza. Finito con il sedere, si riportò davanti a lei. Lei lo guardò mentre eliminava la parte non ancora dipinta, arrivando sul pube. Proprio ad un passo dalla sua vagina. Lisa tratteneva il respiro, mentre il suo cuore le martellava all’impazzata nel petto.
Sentiva il respiro caldo di Tommy, accovacciato davanti a lei, sulla sua vagina, allargò leggermente le gambe ed avvertì le morbide setole del pennello dipingere il solco delle grandi labbra. Si lasciò sfuggire un gemito causato da quel piacere tanto lieve quanto inaspettato. Tommy, ancora una volta, sembrò del tutto indifferente alle reazioni di Lisa.
Dopo aver dato ancora qualche pennellata nella zona più intima di Lisa, si alzò e fece qualche passo indietro, guardandola attentamente.
Poi disse con voce rapita: «Wow. Non pensavo che potesse venir fuori tutta questa forza espressiva! Devi avercela dentro!».
Lisa aveva la bocca secca, ma riuscì a chiedere: «Posso guardarmi?»
Tommy aprì l’anta dell’armadio a cui interno c’era uno specchio a figura intera. Lisa rimase senza parole: i colori e le forme del dipinto sul suo corpo trasmettevano, non sapeva bene spiegare in che modo, perfettamente le sensazioni che aveva provato mentre Tommy dipingeva su di lei. Sulla schiena, sui piedi e sul collo aveva scelto colori freddi, dal blu all’azzurro, arrivando poi sui seni e fra le gambe con colori caldi. Rosso intenso sulla vagina.
Lisa si sentiva piacevolmente sconvolta. Come se avesse provato un intenso orgasmo, purtroppo temporaneo, ma con in più un piacere mentale mai provato che non l’avrebbe abbandonata per molto tempo.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it