i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
.: !! ATTENZIONE !! :.

Il racconto contiene elementi di violenza, se non vi piace questo genere vi prego di NON proseguire con la lettura

.: !! ATTENZIONE !!:.
.
Il mio fidanzato, Daniele, si rannicchiò sul divano con lo sguardo basso quando vide i cinque ragazzi di colore sconosciuti che avevo portato con me. Sapeva che erano tutti lì per giocare con lui, per il mio divertimento.

Se i ragazzoni neri avevano avuto qualche perplessità quando avevo illustrato loro la mia proposta, uno sguardo al mio fidanzato, nudo sul divano e con lo sguardo terrorizzato, li convinse immediatamente che ero serio.

Non solo stavano per essere pagati, ma avrebbero avuto a completa disposizione un bel culetto bianco tutto da scopare.

Daniele emise un dolce piagnucolio rassegnato mentre i ragazzi gli si avvicinarono, studiandolo. Il più piccolo era un metro e novanta di solida muscolatura, e gli altri erano tutti più alti e grossi di lui. In precedenza aveva già avuto a che fare con uomini simili, quando ero dell’umore giusto per essere intrattenuto.

«Dunque, vi sto pagando un sacco di soldi per andarci giù pesante con il mio ragazzo, intesi? Voglio sentirlo gridare e non mi interessa se non potrà camminare dritto per una settimana.» Il mio cazzo era duro come la roccia stretto nei pantaloni. Non so perché, ma niente mi eccitava come fare davvero male al mio tenero e dolce fidanzato. Era un ragazzo molto sensibile, una femminuccia. All’inizio si era lamentato per i miei modi troppo bruschi durante il sesso. Ma avevo fatto presto in modo che ci facesse l’abitudine, e ormai non protestava più. Quasi mai.

I ragazzi iniziarono a spogliarsi, schernendo il mio ragazzo rannicchiato sul divano. «Ti piace il cazzo nero? Ne hai mai preso uno grosso come una lattina di coca?»

Mi ero assicurato che fossero tutti molto dotati, prima di ingaggiarli. Il più piccolo era venti centimetri, il più grande ventiquattro. Daniele stava per passare un brutto quarto d’ora.

I muscolosi ragazzi neri si erano spogliati completamente, erano sudati e i loro corpi luccicavano. Gli enormi tronchi pulsanti che avevano tra le gambe erano così spessi e pesanti che faticavano a stare dritti, e gocciolavano di presperma denso e trasparente.

Ero sicuro che alla fine della festa avrei dovuto portare Daniele dal dottore, se non altro per far mettere i punti al suo buchetto strappato.

«Bene, spero, che gli darete una lezione prima di scoparlo. E non preoccupatevi di fare qualche danno, ho un amico medico che lo scopa ogni settimana. Sentitevi liberi.»

«Sì, ci divertiremo!» Uno dei ragazzi aveva sollevato la testa del mio fidanzato e iniziato a schiaffeggiarlo sul viso con il suo enorme pezzo di carne nera, lasciandosi dietro una serie di scie di presperma.

Un altro stava cercando di farsi strada a secco nel suo buchetto posteriore con le dita ruvide e tozze. «Porca troia, guarda che buchetto rosa.» Ringhiò facendoci affondare brutalmente i pollici.

Daniele si irrigidì sul divano e provò a gridare ma la sua bocca fu invasa da una carnosa cappella scura. Io avevo già iniziato a masturbarmi, seduto sulla mia poltrona a poco più di un metro dal gruppetto male assortito.

Il cazzo era troppo grosso e non si adattava bene alla bocca di Daniele, ma il ragazzo nero ne forzò all'interno dieci centimetri fino a quando il mio fidanzato iniziò a gorgogliare soffocando e poi si ritrasse senza riguardi, lasciandosi dietro un filo di saliva e presperma dal labbro inferiore di Daniele alla sua cappella pulsante.

«Sembri così giovane,» disse, poi gli premette le palle contro il naso e la bocca fino a quando Daniele iniziò a leccarne la pelle spessa che avvolgeva i testicoli, massaggiandoli con la lingua. Il tipo con che si prendeva cura del suo buchetto posteriore aveva forzato i pollici in profondità e stava cercando di allargare il muscolo teso. Dalla sua espressione contratta, ero sicuro che per Daniele non fosse piacevole, ma non provò a ribellarsi.

Il ragazzone nero sfilò i pollici e aiutandosi con un poco di saliva lì sostituì immediatamente con la sua gigantesca cappella, senza dargli il tempo di adattarsi alle dimensioni. Daniele si contorse e gridò con forza, e a pieni polmoni, attutito solo dalle palle sulla sua bocca e sul naso.

L’asta d’ebano si fece strada nel suo buchetto a fatica, dolorosamente. Non era certo il primo cazzo che aveva dovuto prendere in quel modo brutale. Lo scopavo ogni giorno e così anche tutti i miei amici, ma questi uccelli erano come enormi arieti che riducevano in poltiglia qualsiasi cosa sulla loro strada.
Il ragazzo davanti a Daniele lo afferrò per i capelli gli voltò le spalle. «Forza frocio, leccami il culo!»

E spinse le natiche nere e muscolose in faccia al mio fidanzato.

«Voglio sentire la lingua sul buco, all'istante, o giuro che ti prendo a calci nelle palle.» Gridò, proprio mentre il suo amico iniziava a scoparlo senza pietà. E Daniele obbedì con un lamento sommesso.

Daniele detestava avvicinare la sua lingua a un buco del culo, non importava quanto spesso gli imponessi di farlo, a me o ai miei amici. Non ci si era mai abituato. E conoscevo solo un modo per aiutarlo a superare quella repulsione, fargli leccare più culi possibile.

Il primo ragazzone nero aveva riempito il buchetto posteriore del mio fidanzato con il suo cazzo delle dimensioni di una lattina di coca e aveva iniziato a scoparlo con spinte profonde e veloci, senza risparmiare nulla della sua considerevole forza. Daniele stava impazzendo per il dolore e sembrava che dovesse perdere i sensi da un momento all'altro.

«Non è divertente se sviene. Uno di voi potrebbe pisciargli in faccia per dargli una scossa.» Proposi e subito dopo scoppiai a ridere per quel lampo di genio improvviso.

«Vuoi che pisciamo sul tuo divano?» Chiese uno di loro.

«Chi cazzo se ne frega, il frocetto sarà punito se il divano si rovina. Tu pensa a pisciargli in faccia, è per questo che ti pago!»

Allora, il secondo ragazzo che aveva iniziato a scopare la bocca di Daniele si sfilò dalle sue labbra arrossate e assunse un’espressione concentrata, probabilmente dovette sforzarsi per riuscire a pisciare con il cazzo in piena erezione. Qualche secondo dopo, un debole spruzzo giallino schizzò fuori dalla sua grossa cappella. Il ragazzo nero sorrise, rilassandosi, e il getto prese forza colpendo il mio fidanzato sulla guancia, poco sotto l’occhio. Rischiai seriamente di venire proprio in quel momento.

Daniele si riscosse e ricominciò a strillare, più forte di prima. Il ragazzone sopra di lui ne approfittò per dirigere il forte getto dritto nella sua bocca, e le grida si trasformarono in un lamento soffocato. I ragazzi scoppiarono a ridere e uno di loro lo afferrò, premendogli le sue forti dita sulle guance e costringendolo ad aprire del tutto la bocca.

«Non ingoiare finché non te lo dico.» Gli ordinai dalla poltrona e i suoi occhi si fecero ancora più grandi e supplichevoli.

«Ti piace, vero?! Manda giù, adesso!»

Ero in estasi.

«Porca troia, questo culo è il paradiso!» Grugni all'improvviso il ragazzo che lo stava scopando. Poi si irrigidì, inarcando la schiena, e speronò tutto il suo ariete da demolizione nel buco del culo del mio fidanzato, infarcendolo con la prima sborrata della serata. Il suo ringhio animalesco e il grido di Daniele si fusero in un unico assordante lamento di piacere e dolore, fusi inestricabilmente tra loro.

Dopo che tutti si alternarono dentro di lui, scopandolo con forza e senza pietà, il suo buco del culo era arrossato e gonfio e ribolliva di sperma.

«Non mi va che tutta quella sborra vada sprecata,» dissi fintamente preoccupato. I ragazzi neri sorrisero soddisfatti, sudati e ansimanti. «Raccoglila con le dita e lecca via tutto.»

Daniele eseguì senza protestare, e iniziò a raccogliere lo sperma che gocciolava dal suo buco distrutto per poi leccarsi le dita, rassegnato. Stravolto com'era, lo trovavo davvero carino.

Gli sconosciuti con la pelle d’ebano si eccitarono nuovamente guardandolo ingoiare il loro sperma fino all'ultima goccia.

«Perché non fate una gara di sputi?» Suggerii. «Chi centra più volte la bocca vince, poi dovrà ingoiare ovviamente.»

Feci sistemare il mio fidanzato a gambe incrociate sul pavimento, tra le mie ginocchia, mentre i ragazzi si misero in posizione a poca distanza. Non volevamo seriamente che il gioco fosse troppo difficile. E lo tenni stretto mentre si contorceva, senza però osare muovere la testa o chiudere la bocca. Mi fissava dal basso, con la testa leggermente inclinata all'indietro e gli occhi sgranati, mentre tra le sue labbra e sulla sua lingua andava pian piano formandosi un laghetto di saliva spumosa. Quando ci stancammo di quel gioco, i ragazzi erano euforici, nessuno aveva tenuto il conto di chi aveva fatto centro per cui non ci fu un vero vincitore, ma di certo ordinai comunque a Daniele di chiudere la bocca e mandare giù tutto. Baciandolo sulla fronte quando riuscì ad ingoiare con molta difficoltà.

«Grande!» Gli bisbigliai con le labbra a pochi centimetri dalla sua fronte contratta, e lui mi strinse la caviglia con una mano, mentre una lacrima gli scivolava lungo la guancia.

«Qualcuno ha qualcosa che possiamo spingergli dentro il cazzo? Tipo una penna a sfera o qualcosa del genere?» Proposi, contagiato dall'euforia dei ragazzi sconosciuti nel mio soggiorno.

«Che ne dici di provare a mettergli una mano nel culo.» Suggerì uno dei ragazzi.

«Cazzo, si! Ma devi promettermi che alla fine riuscirai a scoparlo con il pugno chiuso.»

Dopo che la situazione ci sfuggi letteralmente di mano, Daniele rimase fuori uso per circa un mese, ma grazie alle cure del mio amico medico tornò più pronto di prima ai nuovi giochi che lo aspettavano per il mio divertimento.

Ovviamente feci in modo che Daniele leccasse il suo sangue e gli ultimi residui di sborra dal pugno del tizio che gli aveva rotto il culo. A fine serata il suo buco era un vero spasso, tutto arrossato, allargato e aperto come la fica di una prostituta cinquantenne.

«Cazzo, devo pisciare!» Aveva gridato uno dei ragazzi subito dopo.

Sorrisi. «Dani, spero che tu abbia sete!»
.
.
Note finali:
.: Questo racconto è un’opera di fantasia. I nomi, i personaggi e gli eventi descritti sono frutto dell’immaginazione. Non dimenticarlo! :.