i racconti di Milu
racconti erotici per adulti
Pseudonimo: Idraulico1999 [Contatto]
Nome: Salvatore
Stato: Membro
Autore dal: 05/10/2016
Sito web:
Beta-reader:
Preferisco aggiungere due osservazioni, che forse valgono per ogni racconto, ma in special modo per il genere erotico. La prima è che
non si scrive per se stessi, ma per il lettore. Nel racconto erotico, questo significa che non si scrive per eccitarsi, ma per eccitare.

La seconda osservazione è che l’erotismo è particolarmente a rischio di forme e di modelli già acquisiti: immaginiamo per esempio
l’influsso del porno sull’immaginario non solo maschile. La presumibilità, la prevedibilità e la scontatezza sono di frequente in agguato
così come i termini ripetuti e le situazioni ovvie. Anche il “finale”, pur essendo sesso, non è detto che debba essere “quel finale”.

In conclusione, l’eros è come corteggiare una donna: lentamente, fatela impazzire. Lasciatevi desiderare e giocate con lei, non fatele
capire dove volete arrivare, anche se lo sapete benissimo entrambi. Dominatela fin dall’inizio e portatela dove volete, esattamente
come in un racconto erotico. “Chi scrive domina, chi legge ne subisce il fascino”.

In questi resoconti, sono elencati e descritti vari scenari attraverso fatti e vissuti che spaziano dal sesso, al piacere, ai peccati,
alle rivincite, ai capricci, ai tradimenti, alle passioni nascoste, alle sofferenze, ai tormenti, alle manie, alle curiosità morbose,
alle esaltazioni, alle stravaganze, ai tabù, alle ironie, alle perversioni e alle ossessioni.

Per mezzo di queste descrizioni erotiche, mi rivedo a raccontare fatti della quotidianità di molte persone, di storie vissute, d’argomenti
e di trame che fanno parte del bagaglio intimo e nascosto di ognuno di noi. Le persone sono differenti, si mescolano e si combinano in
modo diverso, così come le storie e le vicende erotiche lo sono altrettanto; raccontano trame, storie, episodi, partecipazioni, impulsi
e passioni travolgenti.

Certamente e indiscutibilmente è un tema delicato e sensibile, di storie e di persone che si aprono, narrano, si relazionano, che
decidono e che scelgono di raccontarsi manifestando e svelando i loro retroscena. Il sesso per quanto possibile e prevedibilmente si fa, mentre l’erotismo si coglie, si percepisce.

Per me, senza dubbio è meglio “parlarne” di meno e “farne” di più, (sia in termini di quantità sia di qualità), in quanto è già un bel
segno; un segno d’apertura culturale e di libertà.

La scrittura è libertà, ognuno di noi esprime le proprie idee, così come anch’io esprimo e rivelo le mie, e tutto ciò vale anche per quelli che non la pensano come me.

Idraulico1999

===================================================================================================================================================================================
***Osservazioni per tutti voi che leggete i miei racconti erotici***

Io non sono né un romanziere né uno scrittore. E’ complesso e difficile parlare dello scrivere, e molto più difficile è dire in proposito qualcosa d’innovativo e d’originale. Le storie che racconto, appartengono alla mia vita e alla vita di persone che ho amato, ascoltato, conosciuto e sentito, che ancora adesso mi circondano e che mi hanno sempre circondato. E questo vale anche per la vita normale, a volte dolorosa e a volte divertente che ho trascorso e vissuto.

Sono un uomo che ha studiato poco e male, che per tutta la vita ho lavorato e che al presente (per fortuna) lavoro.

Scrivo per raccontare le cose belle che ho avuto, per confortarmi consolandomi per le cose brutte che mi sono capitate e chiedere scusa delle cose incresciose e spiacevoli che ho eventualmente involontariamente causato.

Mi è sempre piaciuto giocare con le parole, le virgole, i punti, i silenzi e le frasi così come un gioco, come una continua messa in scena, con le parole che svelano emozioni e le frasi che raccontano situazioni, che informano d’una persona, d’una storia, d’un evento, d’un periodo, d’una situazione, di un’occasione e perfino d’un sogno che ognuno di noi vorrebbe realizzare.

Idraulico1999 (Salvatore)






[Segnala questo]
 
 
 
Stories by Idraulico1999
Sommario: In quel momento io t’accarezzo la morbida e foltissima peluria e poi t’apro le gambe per mettere in mostra il tuo favoloso tesoro ben nascosto. Adesso tu mi sveli spogliando la tua chiara e schietta dolcezza, la tua piacevolezza più profonda, quell’ornamento unico dal pigmento garbato irrorato dalla guazza del tuo intimo e individuale ardore, l’enigmatico e indecifrabile pertugio, scrigno e ricettacolo peraltro di vita, il clitoride, sì, proprio il tuo clitoride, adorabile, delizioso e saporito petardo di carne.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1198 n Letture: 83

[Segnala questo] Pubblicato: 02/13/2019 Aggiornato: 02/15/2019


Sommario: Sto per levarmi in volo, inarrivabile e caro splendido adorato mio, in tutta franchezza esclusivo, eccezionale e incomparabile immenso amore, perché devo confessare l’amore che ritenevo scomparso adesso è qui alla mia portata. Non faccio in tempo a congetturare oltre, che uno strepitoso orgasmo vaginale mi travolge scompaginandomi la psiche e il corpo, mentre altre due possenti tensioni spasmodiche seguono in rapida successione, in quel mentre sono strabiliata, sorpresa e manifestamente svigorita per quanto mi è accaduto.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2987 n Letture: 526

[Segnala questo] Pubblicato: 02/05/2019 Aggiornato: 02/09/2019


Sommario: Dalla gioia ero atterrato in fretta sulla fosca e sinistra superficie terrestre, poiché tutto mi pareva desolato e insipido, anonimo e depresso, in quanto indicavo con la testa come per avvisare che stavo ascoltando i loro dialoghi, eppure ero fuori mano da ogni loro vocabolo. Non ero in grado d’esprimermi, perché pareva come se il mio intero dizionario di locuzioni e di concezioni se lo avesse irrimediabilmente aspirato Eleonora, quel libidinoso cofanetto di radicale depravazione senza mezze misure. Io osservavo ogni tanto Eleonora, mentre i suoi occhi indagatori e concupiscenti non si schiodavano dal mio sguardo né dal mio cazzo. Nelle sue iridi spadroneggiava un’invocazione di fuoco: scopami, che cos’aspetti, non vedi che sono qua.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 6297 n Letture: 324

[Segnala questo] Pubblicato: 02/09/2019 Aggiornato: 02/09/2019


Sommario: Sofia imprime una lieve carezza al mio bassoventre, dopo m’accarezza le cosce, risale su per i glutei con ambedue le mani. Per un istante il suo sorriso si contrae, nei suoi occhi colgo un’illuminazione fiammante, è di desiderio, di possesso autentico. Per un attimo non è più lo sguardo d’una ragazza, per l’occasione io ingerisco ancora a vuoto. Adesso ci distendiamo sull’alcova sprofondando tra i guanciali, Sofia è completamente vestita, io all’opposto sono interamente disadorno, lei colloca un braccio dietro le mie spalle, mi mette giù, mentre con l’altra mano mi carezza i capelli.
 

Categoria: Dominazione, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 4242 n Letture: 707

[Segnala questo] Pubblicato: 01/27/2019 Aggiornato: 02/04/2019


Sommario: L’ostello prenotato è già nelle vicinanze, arrivano, entrano e in ultimo alloggiano nella stanza, mentre Verdiana memorizza quel momento con delizioso imbarazzo, in quanto non aveva mai compiuto prima quel gesto, per lei è invero un’autentica quanto inedita diserzione dal pianeta terra. Lei entra nell’avvenente bagno e inizia a prepararsi con dovizia lasciando la lunga capigliatura sciolta sulle spalle. Verdiana si sente pronta, ma eccezionalmente agile e insolitamente irrequieta, la sua testa è al presente assillata e inaspettatamente gremita da un’enormità di dubbi e d’interrogativi.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1298 n Letture: 2506

[Segnala questo] Pubblicato: 01/24/2019 Aggiornato: 01/27/2019


Sommario: E’ davvero molto bello quando veniamo insieme, nello stesso istante, per il fatto che degl’incontinenti strepiti fuoriescono dalle nostre labbra. Io m’accorgo che in quella precisa circostanza mi dimeno oltremodo come una forsennata, tant’è che il suo cazzo fuoriesce dalla mia fica, nell’istante in cui lui con la sua abbondante sborrata mi cosparge l’irsutissima fica e l’addome con tutta la sua densa e lattiginosa essenza, fintanto che il suo candido e denso latte si mescola al mio fluido e saporito miele. Ci pigliamo le opportune pause, perché facciamo l’amore in varie posture per tutto il giorno, restando su quel giaciglio fino alla mattina del giorno successivo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 3452 n Letture: 1261

[Segnala questo] Pubblicato: 01/21/2019 Aggiornato: 01/27/2019


Sommario: Io sono leggermente sbigottita e disorientata, ma al tempo stesso debolmente aizzata e intrigata. Onestamente nei miei ventitré anni d’età, giammai mi era successo di ragionare e stare a stretto contatto congetturando con una donna omosessuale. Devo riscontrare che una donna senza peli sulla lingua, Anita lo ammette senza fronzoli supplementari, lo introduce senz’orpelli addizionali, anzi, nientemeno lo afferma riportandolo e testimoniandolo con una fierezza libera e con un lineare vanto, esentata e sollevata da inutili e improduttive costumatezze, per di più a una compagna di facoltà che conosce solamente da poche ore. Per me è una bizzarra, inedita e a tratti briosa novità, in verità già l’ammiro per la sua diretta spontaneità.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2443 n Letture: 730

[Segnala questo] Pubblicato: 01/16/2019 Aggiornato: 01/20/2019


Sommario: Approssimativamente, dopo circa dieci minuti che esegue il pompino, io devo chiederle fervidamente di rallentare in maniera decisa, le chiedo di sospendere il rapporto orale, perché onestamente non è il mio personale intento sborrare sulla sua faccia, in quanto desidero cospargerle il mio sperma sui seni e su quella deliziosa e pelosissima nera fica che si ritrova. In primo luogo ho il capriccio di pregustare le abbondanti nascoste secrezioni gocciolate dalla sua pelosissima intimità, sicché esorto Carmen ad addossarsi con la schiena nella postura della pecorina su d’un vecchio tronco per terra accanto alla gigantesca quercia, successivamente l’abbranco da dietro.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2024 n Letture: 466

[Segnala questo] Pubblicato: 01/10/2019 Aggiornato: 01/20/2019


Sommario: Io cercavo il suo cazzo, lo impugnavo con le mani e con la bocca, eppure lui lo muoveva tirandomelo fuori dalla bocca, in seguito lo conficcava dentro, io me lo riprendevo tutto in bocca, credendo che era quasi alla fine e che stava finalmente per sborrare. Invece no, niente di tutto ciò, perché mi brandì e mi disse di distendermi sul letto riferendomi che ci saremmo abbondantemente divertiti come non mai. Oreste m’abbracciò in modo energico con una forza inusuale che non credevo, conficcò il suo cazzo nella mia pelosissima fica in una modalità inusuale che mi donava un colossale, sconfinato e inedito carnale piacere. Lui mi scopò per circa mezz’ora alternandoci in svariate posture, fino a farmi raggiungere uno strepitoso orgasmo come giammai avevo sperimentato prima d’allora.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2612 n Letture: 756

[Segnala questo] Pubblicato: 01/14/2019 Aggiornato: 01/14/2019


Sommario: Il piacere proruppe veemente e irrefrenabile sconquassandoci le viscere, prima il mio, giacché venni strepitando il mio ardente e istintivo piacere strillandolo nel buio sconfinato di quella notte, subito dopo fu il turno di Romeo, per il fatto che estrasse il cazzo eiaculandomi addosso sull’addome e sulla fica tutta la sua densa e lattescente linfa vitale. In seguito per completare l’opera nel migliore dei modi, io con poche formalità raccolsi con le dita in modo spontaneo la sua sborrata dal ventre portandomela semplicemente alla bocca, gustandomela e inghiottendone in maniera genuina un’apprezzabile dose. Quel sapore mi piacque, mi deliziò e m’inebriò, poiché rimasi compiaciuta per aver compiuto quel carnale, lascivo e lussurioso atto.
 

Categoria: Sensazioni, Etero
Capitoli: n Parole: 1517 n Letture: 528

[Segnala questo] Pubblicato: 01/11/2019 Aggiornato: 01/13/2019


Sommario: Io sono deliziato e radioso, soddisfatto di dominare e di scopare una simile femmina, per il fatto che ogni qualvolta che m’inabisso in quella grotta confortevole è come se fosse la prima volta. Mi muovo adagio, cerco di rimandare l’orgasmo il più possibile a lungo, sto resistendo oltremodo, fino a quando Nunzia ricomincia ad agitarsi sotto di me per sbraitare nuovamente, unitamente al mio simultaneo orgasmo che sopraggiunge. Io chiudo gli occhi, mi lascio andare e sborro la mia intima e densa essenza, disseminandola sulla sua foltissima fica ricoperta da una stupenda e nerissima striscia di pelo che tanto sragionare mi fa.
 

Categoria: Etero, Orgia, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 5086 n Letture: 922

[Segnala questo] Pubblicato: 01/06/2019 Aggiornato: 01/09/2019


Sommario: Come potrei non soddisfarla? Chi disseterà mai le sue ambizioni? Chi giammai udirà e seguirà dapprincipio il suo volere? Io scaravento la spugna e comincio ad adoperare le mani, il suo corpo risponde a quello stimolo sotto il mio passaggio. I suoi seni mi scivolano fra le dita, la sua fica fra la mia mano. Avvertiamo trepidazioni e sentori unici, inenarrabili, commozioni, meraviglie e vagheggi, in quanto sono istanti non proprio di piacere, ma in special modo più d’amabilità e d’affettuosità. Adesso la faccio uscire, la coccolo asciugandola come si fa con una fanciulla, la sfrego bene, perché desidero che senta che io tengo alla sua persona, m’importa e la spalleggio, considero e adoro questa femmina sconosciuta, che m’ha fatto toccare il suo cuore nell’universo d’una lacrima.
 

Categoria: Orgia, Dominazione, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 4908 n Letture: 545

[Segnala questo] Pubblicato: 01/08/2019 Aggiornato: 01/09/2019


Sommario: E’ pressappoco un’incolore e una smorta serata infrasettimanale, io t’offro così i miei dolcetti che spaziano come sempre tra dubbi, frivolezze o confessioni. Tu sennonché decifri concentrato, presenzi in modo risoluto e assennato, dal momento che laddove occorre ti beffi di me, qualora i toni rimangano sul tono sbrigativo e superficiale. Io non ho molto da raccontarti questa sera, perché la giornata si è svolta nel consueto e ripetitivo clima.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1822 n Letture: 327

[Segnala questo] Pubblicato: 12/30/2018 Aggiornato: 01/09/2019


Sommario: Durante il tempo in cui lei stillava abbondantemente d’appagamento e di soddisfazione, io sborrai tutta la mia densa e lattescente esuberanza sopra le sue splendide tette, mentre lei m’osservava nientemeno che meravigliata e sbalordita, per quel lascivo e lussurioso carnale gesto, rivelandomi che lei adorava da sempre sentirsi imbrattata in tal modo dal maschio, squadrandolo negli occhi durante l’amplesso e osservandolo in volto insolitamente alterato e strabuzzato dal piacere.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1050 n Letture: 1909

[Segnala questo] Pubblicato: 12/29/2018 Aggiornato: 01/02/2019


Sommario: Captai i suoi foltissimi e nerissimi peli pubici stuzzicarmi l’ano, poiché io ho sempre adorato nelle mie fantasie la fica pelosa, tutto ciò mi creò un’atipica e singolare meraviglia che mi provocò un accenno d’erezione, eppure ciò che mi mandò in estasi fu la sua lingua che accortamente con grande maestria s’incastrò fra le mie chiappe accarezzando in ultimo il mio pertugio scompaginandomi le membra. L’erezione ben stuzzicata da lei adesso era completa. Io ero immobile, supino sul lato del letto, avevo appoggiato la testa di lato sulle mani intrecciate e mi godevo quell’incantevole spettacolo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1746 n Letture: 2940

[Segnala questo] Pubblicato: 12/15/2018 Aggiornato: 12/29/2018


Sommario: Io le sussurro nell’orecchio una parola immorale, peccaminosa e perversa, Eliana mi risponde con un sorriso e indirizza la sua bocca sul mio cazzo. Il gradevole tepore che m’avvolge mi dà sensazioni incantevoli e piacevolissime, chiudo gli occhi e m’abbandono interamente alla sua abile ed esperta esuberanza. La mia mano in mezzo ai suoi capelli asseconda il suo movimento, adesso il piacere è talmente forte che sembra dolore, io vorrei scoparla per davvero e glielo dico, lei per tutta risposta accelera, introduce la sua mano a modo di cucchiaio sotto ai testicoli fino a arrivare adagio da dietro, perché quando lei infila il dito indice dentro di me io non riesco più a resisterle.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1845 n Letture: 1569

[Segnala questo] Pubblicato: 12/26/2018 Aggiornato: 12/29/2018


Sommario: Tu avevi diciannove anni d’età la prima volta che hai assaporato un uomo, avevi diciannove anni la prima volta che m’hai inghiottito estorcendomi le membra. Le unghie smaltate di bianco adesso raschiano i miei fianchi graffiandoli nel momento in cui mi sgomberi dell’ultimo indumento, il glande è visibilmente rosso, palesemente congestionato, tu resti irrimediabilmente sbigottita appena identifichi che il frenulo si è spezzato, so che ti starai certamente domandando quale femmina sia stata.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2110 n Letture: 463

[Segnala questo] Pubblicato: 12/28/2018 Aggiornato: 12/29/2018


Sommario: L’odore era intenso, le lingue delle due femmine s’impadronirono del cazzo rigonfio e pulsante di Renzo, giacché una lo leccava e l’altra lo mordicchiava. Era meraviglioso con due lingue pensò lui, stupenda la lingua che percorreva l’asta del cazzo fino al frenulo, mentre l’altra leccava e succhiava i testicoli. Una lingua scivolò fra le sue natiche, lui non aveva mai provato quella sensazione, ma gli piaceva. Si stava rilassando, la paura era svanita, era completamente annientato e soggiogato dal piacere più assoluto.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 3883 n Letture: 1945

[Segnala questo] Pubblicato: 12/13/2018 Aggiornato: 12/17/2018


Sommario: Io inizio rapidamente ad assimilare i suoi depravati e lascivi pensieri, confronto tutto quello che mi è accaduto sinora, ecco perché è stato tutto così agevole, diretto e lineare. Realizzo di colpo che lei è l’appetitosa e invogliante esca, io viceversa sono il pesciolino che ingenuamente ha abboccato facendosi imbrogliare. Nel contempo m’allungo guardandomi attorno, temendo d’intravedere il direttore di banca spuntare da un momento all’altro, perché tutta la meraviglia piacevole iniziale adesso diminuisce scomparendo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2904 n Letture: 1266

[Segnala questo] Pubblicato: 12/12/2018 Aggiornato: 12/12/2018


Sommario: Attualmente sono in grado di cogliere chiaramente e dignitosamente il sapore della sua gradita, gustosa e invitante sborrata invadermi a tutt’oggi, poiché lo riscontro registrandolo dentro la bocca che mi scivola deliziosamente nella gola. Presagisco la sua bocca cercare la mia, la sento baciarmi per spartire anche quest’altra gioia, perché mi basta unicamente sbarrare gli occhi per rivivere il mio sogno, un giorno trasformatosi in completa realtà. E’ invero proporzionato al bisogno la sua voce nel telefono, un messaggio veloce, un omaggio ingenuo, recapitato a sorpresa per riaccendere in me un desiderio mai attutito né smorzato né sopito.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1399 n Letture: 631

[Segnala questo] Pubblicato: 12/10/2018 Aggiornato: 12/12/2018


Sommario: Alanis era realmente una gran bella femmina, un’avvenente pezzo di fica aggraziata ed elegante, indiscutibilmente scarna in vita con un didietro formoso e appropriato, adatto alle mie potenziali attenzioni e alle mie più intrinseche creatività del venerato riguardo del culo. Quelli così, io in verità li denomino glutei con la vita rialzata, sostengo in questo modo per far comprendere che l’attaccatura delle chiappe prende il via da molto in alto, peraltro ammirevole esemplare quanto sporadico alle nostre latitudini, perché questo tipo di fondoschiena è caratteristico nelle donne sud-americane, nello specifico di quelle brasiliane, giacché non sai dove finisce la regione lombare e dove inizia il sedere.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2968 n Letture: 1497

[Segnala questo] Pubblicato: 12/04/2018 Aggiornato: 12/09/2018


Sommario: In un baleno io avevo già le mani impegnate sulle sue tette, la baciavo giù per il collo fino al ventre risalendo lentamente verso i capezzoli, lei giocherellava con le mani lungo il mio petto arrivando al mio cazzo in erezione. Moira mi sfilò i pantaloncini, digradò con la lingua sul mio addome, sul pube, poi brandì il mio cazzo, indirizzando abilmente dei colpetti con la lingua sul frenulo, insistendo e leccando con oculatezza e con scaltrezza proprio là, dove i maschi perdono il capire e si eccitano oltremisura, essendo un punto dove sono raggruppate le numerose terminazioni nervose.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1560 n Letture: 1509

[Segnala questo] Pubblicato: 11/30/2018 Aggiornato: 12/03/2018


Sommario: Liliana percepì il desiderio avvampare, divaricò le cosce iniziando a massaggiare le labbra della sua fica bagnata, mentre Marijan le agguanto la faccia imponendole un ritmo più sostenuto, perché quel cazzo pulsante e voglioso adesso entrava e fuoriusciva dalla sua bocca lussuriosa, la fica madida di Liliana sprigionò gli effluvi che giunsero solleciti al suo olfatto. Dopo le sfilò il cazzo dalla bocca giusto in tempo prima dell’orgasmo, s’inginocchiò, le afferrò le gambe allargandogliele, ficcò il viso nel sua odorosa fica leccandone ingordamente quell’irto clitoride, l’impeto fu così irruente e vorticoso che Liliana ebbe un elettrizzante orgasmo.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1668 n Letture: 3892

[Segnala questo] Pubblicato: 11/25/2018 Aggiornato: 11/26/2018


Sommario: La masturbazione è un’arte, un talento, che ogni individuo, uomo o donna che sia, decodifica, esprime e interpreta a modo proprio, infatti è perciò pregiato e sporadico, rintracciare una persona, che per istinto sappia cogliere, intuire e presentire sia i tempi quanto i modi per acquietare e soddisfare al massimo il moroso o la compagna di turno, a seconda dei casi. Daria questa dote istintiva evidentemente la possedeva da sempre, così manipolò a lungo con abilità il mio cazzo, in un primo momento come ho esposto, con una flemma quasi logorante, in seguito con lievi e solleciti movimenti, intervallati da gagliarde contorsioni del pugno chiuso attorno alla cappella, poi ancora su e giù per svariate volte.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 3944 n Letture: 1303

[Segnala questo] Pubblicato: 11/18/2018 Aggiornato: 11/21/2018


Sommario: M’accingo ad accarezzarle l’interno cosce, con le dita le sfioro la fica, questo gesto non se lo aspettava, perché mi rendo conto che s’irrigidisce per un attimo, ciò nonostante si rasserena all’istante, anzi, dilata di più le gambe. Di fatto ce l’ho di fronte ai miei occhi: è una meraviglia, è effettivamente un’ammaliante e incantevole fica, è peraltro pelosissima e ben fatta, d’altra parte non l’avrei mai immaginato che ce l’avesse così ben formata e armonica, che magnifica sensazione sarebbe sborrarle sopra cospargendola tutta con il mio seme, è in quella circostanza il mio dissoluto, libertino e lussurioso pensiero.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 3107 n Letture: 1338

[Segnala questo] Pubblicato: 11/07/2018 Aggiornato: 11/14/2018


Sommario: Con la lingua io invadevo pacificamente la fica di Virginia, che sussultava succhiando più forte, mentre sentii una vampata di calore che saliva e là m’accorsi rapidamente che stavo gustosamente sborrando la mia densa essenza sulle loro facce. Questa volta Virginia non si ritrasse, perché mi lambì timorosamente arraffando il sapore del mio sperma, dopo esortata e persuasa si lasciò andare ancora una volta. Quando s’accorse che stavo golosamente sborrando innaffiandola, Virginia fu catturata da un fremito che la scosse sconvolgendola con veemenza.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 3224 n Letture: 1259

[Segnala questo] Pubblicato: 11/12/2018 Aggiornato: 11/13/2018


Sommario: Scostai la bocca dal suo cazzo per succhiarmi un capezzolo, poi ripresi a leccarlo voracemente succhiandolo in modo specifico sulla sommità, insistendo con la lingua sul frenulo, in quanto essendo un tessuto molto sensibile e ricco di vasi sanguigni e di recettori nervosi, è particolarmente piacevole per i maschi. Infatti, in un baleno, un poderoso gemito precedette la sua bella, gustosa e irrefrenabile sborrata, che io accolsi ben volentieri gustandomi tutta l’energia del suo sperma nella bocca, masturbandomi ritmicamente il clitoride in maniera veloce ma senza venire.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2064 n Letture: 1563

[Segnala questo] Pubblicato: 11/04/2018 Aggiornato: 11/05/2018


Sommario: Io percepivo distintamente la sua abile e competente lingua sfregarsi sotto il glande picchiettandomi di tanto in tanto con la lingua il frenulo con esperta dovizia e con ferrata tenacia. Io frattanto le palpeggiavo la fica che sentivo pulsare, le infilavo il dito strofinandole leggermente il clitoride cercando di farla godere. Lei era alquanto deliziata ed eccitata, bramava farmi sborrare, giacché in pochi istanti, a seguito della sua preparata e sapiente manipolazione, non tardai molto, giacché ebbi un orgasmo improvviso e trascinante. Subito dopo lei mi riferì che evitava d’agguantare il cazzo nella fica, perché aveva un gran timore di rimanere incinta e che il padre in quel caso l’avrebbe rinnegata.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1116 n Letture: 1142

[Segnala questo] Pubblicato: 11/05/2018 Aggiornato: 11/05/2018


Sommario: Sabina è concretamente aizzata, sì, direi infoiata al massimo, ha un capezzolo che è duro da scoppiare, eccezionale e incredibile è avvertire la sensazione di quel bottoncino di carne tra i miei polpastrelli, perché pare essere dotato di vita sua, esige e recrimina d’esistere, di gonfiarsi ancora di più, di godere. Irrealizzabile e improbabile è a questo punto spostare la mano e smettere di toccarla, perché il contatto con il suo seno m’incanta e mi seduce, in quanto non posso far altro che riprendere a solleticarle quel capezzolo ammiccante e vispo, che se ne sbatacchia se sono io a stuzzicarlo, e non Luca, che se ne infischia che la mia sia la mano d’una donna, non quella d’un uomo.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 2004 n Letture: 2064

[Segnala questo] Pubblicato: 11/02/2018 Aggiornato: 11/05/2018


Sommario: Attualmente siamo due spasimanti integrali e minuziosi, in special modo aggregati, compatti e reali. Un uomo e una donna che s’adorano onorandosi sfrenatamente a vicenda, che si desiderano incredibilmente e sconsideratamente, che fremono ogni momento al pensiero di vedersi e di toccarsi, d’essere ancora veri. Noi siamo quegli spasimanti che vivono a orari stabiliti, che campano attraverso la chat, che vivacchiano con il telefono, che si mantengono attivi con gli sms e le e-mail, in definitiva di tutto ciò che la tecnologia è in grado d’offrire. Noi siamo gli spasimanti ipotetici della nuova epoca, perché ci amiamo come nessuno può comprendere.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1560 n Letture: 699

[Segnala questo] Pubblicato: 11/01/2018 Aggiornato: 11/01/2018


Sommario: La fica dischiusa per l’appunto, sa abilmente capire, identificare e fiutare un vero maschio, perché desidera unicamente un maschio attendibile, schietto e veritiero, la fica allargata t’anela, t’aspetta, ti cerca, ti pretende, perché vuole offrirti totalmente il suo potente e lussurioso effluvio. Mio adorato, liberale, prodigo e pretenzioso, io consegnerò globalmente la parte mia a te, ma reclamerò tutto di te. Io cedevole e duttile concubina sarò la maggiore conciliante ed elastica delle creature tra le tue grinfie, femmina fuligginosa e impura che ti condurrà nelle cupe sinuosità del piacere, portando alla luce anche i tuoi desideri più taciuti e velati.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 886 n Letture: 1307

[Segnala questo] Pubblicato: 10/29/2018 Aggiornato: 10/30/2018


Sommario: Di frequente cambiammo varie posizioni, scoprii il piacere di stare di sopra, di gestire il movimento, sia l’entrata quanto l’uscita del suo cazzo nella mia villosissima e infuocata bionda fica, volli anche fargli un pompino, il primo della mia vita, giacché fu come dare un lungo bacio. La lingua che scorreva accarezzandolo adagio, le mani che lo tenevano fermo, accarezzandolo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 611 n Letture: 973

[Segnala questo] Pubblicato: 10/24/2018 Aggiornato: 10/30/2018


Sommario: Lui m’ha placidamente confidato che è solamente una relazione d’amicizia e crede che resterà tale, ma così dicendo ha già svelato la sua confidenziale aspettativa, la sua inconfessata speranza. Come potevo accettarlo. Come ho potuto, così, semplicemente, recarmi al botteghino ad acquistare un biglietto per il balletto di quella sera e recarmi a teatro in abito lungo, con gli occhi neri come l’abito che indossavo?
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1762 n Letture: 633

[Segnala questo] Pubblicato: 10/22/2018 Aggiornato: 10/30/2018


Sommario: In verità non c’è bisogno che mi faccia raccontare i dettagli, perché riesco benissimo a concepire con la fantasia molto bene l’ambientazione, con lei incastonata al letto con i glutei per aria e lui sopra che l’infilza di gusto riempiendola di frasi salaci, sboccate e scurrili. Io per l’occasione mi eccito, sono abbastanza scossa e spronata, i capezzoli s’innalzano, tuttavia non m’allarmo né m’impensierisco più di tanto: è comprensibile e pure normale quando ci raccontiamo le nostre licenziose, sconce e perverse scene, perché stavolta tenuto conto che siamo svestite è ancora più usuale.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1896 n Letture: 717

[Segnala questo] Pubblicato: 10/25/2018 Aggiornato: 10/30/2018


Sommario: Adesso mi bagno sempre più diffusamente di te, perché esigo con tutta me stessa una sola cosa. Inaspettatamente tu sottrai alla mia bocca il tuo formoso cazzo, m’attiri verso di te e mi baci, intanto t’incunei rabbiosamente, t’insinui stizzosamente nel mio mondo nascosto, io m’abbandono completamente a te con l’auspicio di raggiungere un incomparabile traguardo, il massimo piacere, il tuo e il mio, perché voglio sentirti sborrare dentro di me, perché io voglio venire assieme a te, spartendo tutte le tue sensazioni e tutte le tue emozioni in ogni intrinseca sfumatura.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 905 n Letture: 536

[Segnala questo] Pubblicato: 10/27/2018 Aggiornato: 10/29/2018


Sommario: Marcella si solleva per liberarsi dell’accappatoio temporeggiando qualche istante, la sua deliziosa fica è all’altezza della mia faccia, il suo profumo mi disorienta frastornandomi, la squadro per bene talmente da vicino che il mio respiro le provoca un lieve piacere. Ancora uno sguardo, questa volta però di reciproca intesa, mentre la sua mano spinge la mia testa verso di lei. Io sprofondo immergendomi nel suo tappeto pelosissimo e morbido, capto distintamente i suoi peli sulla faccia, mi muovo amabilmente lasciandomi accarezzare, perché d’istinto la mia lingua s’offre per cercarla.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1687 n Letture: 2583

[Segnala questo] Pubblicato: 10/19/2018 Aggiornato: 10/21/2018


Sommario: Memorizzo presentemente l’avvolgente ed eccitante rugiada che fuoriusciva, che ormai aveva impregnato anche le mutandine. La sapidità di Rosalia era forte e pungente, al tempo stesso penetrante, ma che non infastidiva, perché la mia bocca avida affogava nei suoi totali fluidi, durante il tempo in cui le mie mani stringevano le sue cosce forse oltre la misura, eppure lei gradiva notevolmente.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1172 n Letture: 1193

[Segnala questo] Pubblicato: 10/18/2018 Aggiornato: 10/18/2018


Sommario: Io inizio a pigliarglielo in bocca, trascorre soltanto qualche minuto, eseguo pochi movimenti, perché riesco a scansarmi per tempo, giacché in modo impetuoso e irruente arriva di sorpresa la sua bella ed esuberante sborrata finale: tre bei corposi schizzi di sperma m’irrorano la salopette, il quarto m’arriva abbondante sul mento accompagnato dal suo lussurioso e sfrenato gemito di godimento.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 931 n Letture: 1214

[Segnala questo] Pubblicato: 10/16/2018 Aggiornato: 10/17/2018


Sommario: Con un gesto lesto, approssimativamente dispotico, le tolgo la maglietta e inizio a sfilarle gli slip, seguendoli con la mia bocca che bacia ogni parte lasciata nuda del suo ventre. Avvisto la sua fica inumidita affondandoci la faccia lentamente, soffermandomi e assaporandone ogni sensazione, ispeziono la pelle liscia e i muscoli tesi delle sue gambe che s’aprono, annuso il profumo più intimo e segreto del suo corpo, fiuto il tepore umido che percepisco sulle labbra, afferrando il sapore che con la lingua cerco sempre più profondamente.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1214 n Letture: 1076

[Segnala questo] Pubblicato: 09/29/2018 Aggiornato: 10/01/2018


Sommario: Con un colpo di mano mi fa stendere sul letto, m’abbassa i pantaloni, un bacio qua e là, mentre il mio cuore accelera i battiti. Orchidea mi sfila le mutande eseguendomi un delizioso pompino, sto sragionando per il piacere che mi cagiona, perché lei lo compie tanto magistralmente da farmi aumentare il battito cardiaco, credo che si sia alzata anche la pressione, perché mi sento tutto dissestato e scompigliato.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1169 n Letture: 1327

[Segnala questo] Pubblicato: 09/28/2018 Aggiornato: 09/28/2018


Sommario: Tu avverti vibrazioni dappertutto. Sarà forse la musica? Oppure è il suo raffinato tocco? Sono magari entrambi? Non t’interessa, stabilisci di godertelo, in special modo quando le sue carezze si perdono nei tuoi capelli neri, per il fatto che sbarri gli occhi per goderti il momento e quando li riapri lui è più vicino. E’ il momento più affascinante, più gradevole, ancora più emozionante del bacio, perché prelude precisamente a esso. Gli occhi danzano velocemente cercando ora lo guardo del partner ora le sue labbra, mentre i centimetri che dividono gli amanti diminuiscono a rilento.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1800 n Letture: 1178

[Segnala questo] Pubblicato: 09/27/2018 Aggiornato: 09/27/2018


Sommario: La bocca accogliente e tiepida di Brenda avvolse ingordamente il cazzo del maschio, intanto che la dotta e accorta lingua ne carezzava la punta con una competente lussuria, cionondimeno con un’innata abilità e con una valida vocazione. Il maschio incurvò il dorso movendo in avanti la cavità pelvica, in seguito si sganciò da Brenda facendola girare su se stessa, la piegò in avanti e la penetrò comodamente nella postura della pecorina poggiando le mani sulla parete della cabina, con lo specchio che connivente rifletteva espandendo la loro depravata, licenziosa e viziosa immagine.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 994 n Letture: 899

[Segnala questo] Pubblicato: 09/24/2018 Aggiornato: 09/24/2018


Sommario: In quella congiuntura avrei deliziosamente auspicato sentirmi riferire - ciao mio grazioso elefantino, eccomi qua, un lieve e garbato mormorio emesso a fior di labbra, in verità una carezza che mi mancava e che da sola aveva la radicale forza d’evocare nuovamente l’amore di chi, sciupato chissà dove, peraltro impreciso, plumbeo e sfocato tra una calca di visi anonimi, peregrinava affievolito e senza vivacità nella mente fiacca e sfibrata facendo al presente male, eppure non era lui, questo io lo sapevo già.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1436 n Letture: 554

[Segnala questo] Pubblicato: 09/23/2018 Aggiornato: 09/23/2018


Sommario: Carmelo godeva alla vista del corpo di Daria scoperto, durante il tempo in cui il suo cazzo s’agitava in modo frenetico fra le sue chiappe, mentre lei si deliziava ammodo di quelle carezze dispensate a quattro mani. Per concludere le portò le mani su quel nerissimo fiore affondando le dita nella sua pelosissima e magnifica odorosa fica, per il fatto che avvertì all’istante subito l’abbondanza della sua eccitazione fluire sulle sue dita.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 565 n Letture: 708

[Segnala questo] Pubblicato: 09/22/2018 Aggiornato: 09/23/2018


Sommario: La sera successiva ci è capitata la parte più elettrizzante e infervorante del lavoro, giacché nel letto abbiamo sviluppato l’ambientazione da filmare, sicché abbiamo fatto molto tardi per discutere sul tornaconto e sullo svantaggio d’ogni particolare, sulle visuali che dovevano comparire e su quelle che dovevano rimanere velate, infine su come era meglio perfezionare regolando le situazioni, perché la ripresa venisse proprio come volevamo noi.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n Parole: 1607 n Letture: 1353

[Segnala questo] Pubblicato: 09/21/2018 Aggiornato: 09/21/2018