i racconti di Milu
racconti erotici per adulti
Pseudonimo: Idraulico1999 [Contatto]
Nome: Salvatore
Stato: Membro
Autore dal: 10/05/2016
Sito web:
Beta-reader:
Preferisco aggiungere due osservazioni, che forse valgono per ogni racconto, ma in special modo per il genere erotico. La prima è che
non si scrive per se stessi, ma per il lettore. Nel racconto erotico, questo significa che non si scrive per eccitarsi, ma per eccitare.

La seconda osservazione è che l’erotismo è particolarmente a rischio di forme e di modelli già acquisiti: immaginiamo per esempio
l’influsso del porno sull’immaginario non solo maschile. La presumibilità, la prevedibilità e la scontatezza sono di frequente in agguato
così come i termini ripetuti e le situazioni ovvie. Anche il “finale”, pur essendo sesso, non è detto che debba essere “quel finale”.

In conclusione, l’eros è come corteggiare una donna: lentamente, fatela impazzire. Lasciatevi desiderare e giocate con lei, non fatele
capire dove volete arrivare, anche se lo sapete benissimo entrambi. Dominatela fin dall’inizio e portatela dove volete, esattamente
come in un racconto erotico. “Chi scrive domina, chi legge ne subisce il fascino”.

In questi resoconti, sono elencati e descritti vari scenari attraverso fatti e vissuti che spaziano dal sesso, al piacere, ai peccati,
alle rivincite, ai capricci, ai tradimenti, alle passioni nascoste, alle sofferenze, ai tormenti, alle manie, alle curiosità morbose,
alle esaltazioni, alle stravaganze, ai tabù, alle ironie, alle perversioni e alle ossessioni.

Per mezzo di queste descrizioni erotiche, mi rivedo a raccontare fatti della quotidianità di molte persone, di storie vissute, d’argomenti
e di trame che fanno parte del bagaglio intimo e nascosto di ognuno di noi. Le persone sono differenti, si mescolano e si combinano in
modo diverso, così come le storie e le vicende erotiche lo sono altrettanto; raccontano trame, storie, episodi, partecipazioni, impulsi
e passioni travolgenti.

Certamente e indiscutibilmente è un tema delicato e sensibile, di storie e di persone che si aprono, narrano, si relazionano, che
decidono e che scelgono di raccontarsi manifestando e svelando i loro retroscena. Il sesso per quanto possibile e prevedibilmente si fa, mentre l’erotismo si coglie, si percepisce.

Per me, senza dubbio è meglio “parlarne” di meno e “farne” di più, (sia in termini di quantità sia di qualità), in quanto è già un bel
segno; un segno d’apertura culturale e di libertà.

La scrittura è libertà, ognuno di noi esprime le proprie idee, così come anch’io esprimo e rivelo le mie, e tutto ciò vale anche per quelli che non la pensano come me.

Idraulico1999

===================================================================================================================================================================================
***Osservazioni per tutti voi che leggete i miei racconti erotici***

Io non sono né un romanziere né uno scrittore. E’ complesso e difficile parlare dello scrivere, e molto più difficile è dire in proposito qualcosa d’innovativo e d’originale. Le storie che racconto, appartengono alla mia vita e alla vita di persone che ho amato, ascoltato, conosciuto e sentito, che ancora adesso mi circondano e che mi hanno sempre circondato. E questo vale anche per la vita normale, a volte dolorosa e a volte divertente che ho trascorso e vissuto.

Sono un uomo che ha studiato poco e male, che per tutta la vita ho lavorato e che al presente (per fortuna) lavoro.

Scrivo per raccontare le cose belle che ho avuto, per confortarmi consolandomi per le cose brutte che mi sono capitate e chiedere scusa delle cose incresciose e spiacevoli che ho eventualmente involontariamente causato.

Mi è sempre piaciuto giocare con le parole, le virgole, i punti, i silenzi e le frasi così come un gioco, come una continua messa in scena, con le parole che svelano emozioni e le frasi che raccontano situazioni, che informano d’una persona, d’una storia, d’un evento, d’un periodo, d’una situazione, di un’occasione e perfino d’un sogno che ognuno di noi vorrebbe realizzare.

Idraulico1999 (Salvatore)






[Segnala questo]
 
 
 
Stories by Idraulico1999
Sommario: Il suo cazzo era logicamente odoroso, saporito e umido, in quanto io ne feci subito man bassa succhiandolo con perizia e con flemmatica cupidigia gustandomelo del tutto, lui frattanto usciva di senno per quello che stavo eseguendo, perché mi trattenevo maggiormente soffermandomi intenzionalmente sul frenulo e lì insistevo facendolo sragionare dal piacere.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1065 n° Letture: 2488

[Segnala questo] Pubblicato: 14/12/2016 Aggiornato: 14/12/2016


Sommario: Il mio stomaco si produsse in una capriola da oro olimpionico, almeno quello potevi evitarlo pensai subito dentro di me: quel profumo, infatti, mi faceva sorvolare immediatamente indietro negli anni, quando io distesa sul suo petto dopo aver fatto l’amore ne aspiravo profondamente il suo odore con tutte le mie forze, per farlo entrare dentro di me sempre più in fondo per non lasciarlo mai più andare via.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1941 n° Letture: 1852

[Segnala questo] Pubblicato: 13/12/2016 Aggiornato: 13/12/2016


Sommario: L’idea di succhiarglielo lì all’aperto, di fargli un pompino come si deve, con calma e con gusto, osservando il viso stravolto dal piacere del maschio sotto la veranda mi piace da morire. Potrebbe comparire qualcuno dalla spiaggia o anche affacciarsi dai villini vicini cogliendoci sul fatto e vederci, però è proprio questa lussuriosa circostanza del proibito che mi stuzzica oltremodo e pure l’idea stessa mi stimola maggiormente scatenandomi nell’intimo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2264 n° Letture: 3214

[Segnala questo] Pubblicato: 12/12/2016 Aggiornato: 12/12/2016


Sommario: Io mi sento già umida oltremisura, acquosa più del normale, sono ammaliata e incantata a dire il vero da quel maneggiamento così impercettibile, talmente erotico, voluttuoso e inedito del suo sfioramento. Distinguo e provo brevi rigagnoli della mia crescente eccitazione fluire da parte a parte del tanga per dirigersi verso il mio didietro, mescolarsi e perdersi con il bollore crescente e irrefrenabile del mio organismo. Lui mi gira facendo roteare la sedia, s’inginocchia davanti a me guardandomi negli occhi. Io so che cosa vuole fare, pure lui sa che cosa voglio io.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1676 n° Letture: 3952

[Segnala questo] Pubblicato: 11/12/2016 Aggiornato: 11/12/2016


Sommario: Toglimi una curiosità: ti dispiace se adesso ti scandaglio le mani? Perdonami, tu hai una mano benfatta, ampia e sana: la conosci la storia dei segni e delle linee della mano? Me l’autorizzi quest’analisi? Questa è la linea del dispiacere, del rincrescimento, giacché è breve, a questo punto mi fa pensare che stai per incassare un dolore. Ecco, ci sei cascato, visto che è lo scherzo più superato del creato, non dirmi che non lo sapevi, però comprendimi, io t’ho causato dolore cozzando precisamente là, ciononostante la burla è questa e onestamente mi rammarica.
 

Categoria: Trans, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2021 n° Letture: 3985

[Segnala questo] Pubblicato: 10/12/2016 Aggiornato: 10/12/2016


Sommario: Lei lo aveva fatto fermamente infuriare con quello sguardo indefinibile, sfuggente e scivoloso, come se fosse stata ancora in posa con quella voce bassa che rispondeva a dei gemiti appena impalpabili e a delle parole sfuggenti buttate là per caso. Per questo, nel penetrarla, lui aveva avuto un gesto rabbioso, un comportamento innaturale d’abuso accompagnato da una manifesta durezza, alla quale aveva fatto alternanza un grido più che logico e giustificabile di lei.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2118 n° Letture: 2261

[Segnala questo] Pubblicato: 09/12/2016 Aggiornato: 09/12/2016


Sommario: Lui leccò tutte e due quelle pelosissime fiche con calma, inizialmente una e appresso l’altra, mentre il profumo e i sapori delle due femminilità si confondevano mescolandosi accuratamente sulla sua lingua, giacché quelle differenti sapidità s’univano inebriandolo e mandandolo al settimo cielo. Loro due avevano appoggiato le mani dietro la schiena e tendevano i loro corpi invasi radicalmente dal piacere, come degli archi mai stanchi nelle mani d’un abile e competente tiratore. Marina venne quasi subito e il sapore dell’orgasmo gl’inondò la lingua facendolo uscire totalmente di senno.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3687 n° Letture: 3335

[Segnala questo] Pubblicato: 08/12/2016 Aggiornato: 08/12/2016


Sommario: Da troppo tempo discuteva litigando e opponendosi sul destino, vittime o artefici che fossero, una questione giammai seriosamente risolta e di colpo si era trovata nella situazione giusta, al momento però poteva benissimo scegliere, ovverosia scappare, gridare, divincolarsi e persino farsi uccidere, malgrado ciò lei aveva scelto continuando a portare avanti la sua scelta senza ripensamenti di sorta.
 

Categoria: Sensazioni, Etero
Capitoli: n° Parole: 1049 n° Letture: 1841

[Segnala questo] Pubblicato: 07/12/2016 Aggiornato: 07/12/2016


Sommario: L’unico che ci sa fare è Riccardo, intanto perché non sceglie mai la collina né l’automobile, prima mi porta a cena, mi corteggia, mi lusinga, mi fa pure ridere e mi compra la rosa offerta dall’immancabile signore indiano in trattoria. Poco importa se dobbiamo fare ogni volta da cinquanta a cento chilometri, cambiando regolarmente posto e motel. Con lui ne vale la pena, non c’è dubbio, perché poi mi mette in un letto vero, mi bacia teneramente prima di cominciare, sa che cosa sono i preliminari e non li teme, al contrario degli altri che eiaculano già alla prima toccatina laggiù.
 

Categoria: Trans, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 4055 n° Letture: 4837

[Segnala questo] Pubblicato: 06/12/2016 Aggiornato: 06/12/2016


Sommario: Al presente si è girata su sé stessa e nella striscia di quella visione sono inquadrati due glutei torniti, al disopra del quale due deliziose fossette sembrano ammiccare invitanti: c’è da perdere la testa con questo spettacolo a strisce pensa lui, mentre un leggero gonfiore inizia a farsi notare in un posto preciso dei calzoni. Presto ogni centimetro di pelle nuda è ricoperto da un velo nero: la donna si sta provando un completo da notte che rivela le forme nascondendole, oppure le nasconde rivelandole?
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2645 n° Letture: 1727

[Segnala questo] Pubblicato: 05/12/2016 Aggiornato: 05/12/2016


Sommario: Lei s’interruppe soltanto perché Basilio indietreggiando rallentasse di proposito la cadenza, scongiurando in tal modo l’imminente eiaculazione, perché lei non voleva ancora, non glielo avrebbe permesso, perché desiderava e pretendeva reclamando di prolungarne il piacere, scansando ancora volontariamente quella dolcissima agonia, quell’abile e valida pena d’amore che Ester sapeva sapientemente donargli.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2219 n° Letture: 2229

[Segnala questo] Pubblicato: 04/12/2016 Aggiornato: 04/12/2016


Sommario: Io in quel preciso frangente, senza farti abituare all’aroma del luogo, ti chiesi di togliere le comode scarpe da ginnastica assieme alle calze sportive, sì, perché io t’avevo appositamente richiesto di camminare scalza sul prato appena rasato perché eri deliziosamente curiosa, cominciasti così a esplorare la zona attorno a quella comoda panchina di legno, cornice e teatro d’amanti frettolosi, di litigate furiose e di perenni battibecchi familiari.
 

Categoria: Dominazione, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1272 n° Letture: 2618

[Segnala questo] Pubblicato: 03/12/2016 Aggiornato: 03/12/2016


Sommario: Con un inedito e piacevole dolore nel profondo della vagina, Ginevra si rese subito conto che nella mente addormentata del giovane cavaliere doveva esserci in corso un delizioso e lussurioso sogno erotico, perché si sentiva irrimediabilmente fremente e smaniosa, tangibilmente in preda a evidenti vibrazioni animalesche cui era costretta dall’orgasmo ormai in atto, giacché nel contempo assistette al progressivo aumento di volume della protuberanza in mezzo alle gambe divaricate del cazzo di lui, perché quest’aspetto per lei era diventato troppo coinvolgente e compromettente.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1075 n° Letture: 1827

[Segnala questo] Pubblicato: 02/12/2016 Aggiornato: 02/12/2016


Sommario: Io onestamente eseguivo quella condotta facendomi cavalcare adeguatamente e debitamente per fare venire lei, visto che lei si faceva penetrare o mi succhiava il cazzo per farmi sborrare, come se questi atti fossero dei processi robotizzati da ripetere a menadito: unicamente in quel momento io avevo capito assimilando quanto poteva essere monotono, noioso e privo di brio, un rapporto sessuale vissuto in quelle paragonabili contingenze.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2185 n° Letture: 2892

[Segnala questo] Pubblicato: 01/12/2016 Aggiornato: 01/12/2016


Sommario: Io ne sono uscita incontestabilmente sconvolta e spaventata, giacché Giovanni mi sorrideva e mi diceva di non preoccuparmi oltremodo, eppure io sono fuggita correndo a piedi nudi lungo la riva un po’ confusa nella corsa, perché indebolita e sfibrata da quell’esperienza. Giovanni non m’ha inseguito, lui è rimasto forse sorpreso da questa reazione, io ho preso il battello presto la mattina senza rivederlo, però il segno è rimasto eccome.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1107 n° Letture: 2134

[Segnala questo] Pubblicato: 30/11/2016 Aggiornato: 30/11/2016


Sommario: Avvolta, trascinata e travolta dai suoi profumi io le donai il mio corpo. Al momento eravamo come le anime solitarie di due irriducibili vergini che si fusero: secrezioni bianche come la schiuma marina, lieve e soave così come un sottile strato di zucchero. Gemiti e vocali femminili, unghie e vocali femminili: sì, proprio così, le nostre amabili e cordiali vocali, strofinammo a questo punto le nostre fameliche vagine come dannate figlie della concupiscenza e della radicale cupidigia.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1807 n° Letture: 4866

[Segnala questo] Pubblicato: 29/11/2016 Aggiornato: 29/11/2016


Sommario: Non mi lascia neanche bene il tempo per assimilare la sua proposta, che sporge una mano per afferrarmelo. Adesso sarebbe assurdo se mi mettessi a fare storie, mentre mi ritrovo con l’uccello nella sua mano. Leonardo ci sa fare e in un attimo eiaculo abbondantemente, poi tocca a me restituirgli il favore, in quanto è meno complicato del previsto. Non è una brutta sensazione captare l’uccello d’un altro individuo sulla mano, pertanto in un attimo anch’io lo faccio eiaculare.
 

Categoria: Gay, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 4359 n° Letture: 4694

[Segnala questo] Pubblicato: 28/11/2016 Aggiornato: 28/11/2016


Sommario: Armando fece procedere avanti Nicoletta sulle scale godendosi dal basso tutta la sua camminata ondeggiante, riuscendo persino a intravedere le mutandine che camuffavano opportunamente quella bella, fitta e pelosissima nera fica di cui conosceva benissimo l’odore e il sapore.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1642 n° Letture: 3899

[Segnala questo] Pubblicato: 27/11/2016 Aggiornato: 27/11/2016


Sommario: Io sono confuso, manifestamente imbarazzato e insicuro, perché temo le reazioni brutali e manesche di mia moglie di fronte a eventuali carezze e lusinghe allusive di Floriana, la sua gelosia può tagliarsi tangibilmente a fette, io la conosco fin troppo bene, dal momento che si è sempre manifestamente dichiarata maldisposta e immancabilmente ostile e sfavorevole ai rapporti con altre donne.
 

Categoria: Orgia, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1444 n° Letture: 4497

[Segnala questo] Pubblicato: 26/11/2016 Aggiornato: 26/11/2016


Sommario: Io so benissimo che potrei farlo sborrare in questo modo, perché posso già puntigliosamente captare il suo seme che tenta di riempirmi la bocca con dei piccoli fiotti densi, in quanto già m’immagino di berlo, oggi però ho voglia d’essere scopata e quindi mi fermo per tempo, dal momento che lui è già completamente appannato, conturbato e sconcertato dal desiderio.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1179 n° Letture: 2741

[Segnala questo] Pubblicato: 25/11/2016 Aggiornato: 25/11/2016


Sommario: Lui le agguantò saldamente le mani nelle sue e rimasero lì immobili a guardarsi con i respiri affannati, poi fu un susseguirsi d’emozioni: si presero, si travolsero, i corpi che si cercavano, le labbra unite come se fossero state disegnate per fondersi e finalmente l’incontro dei sessi, un meraviglioso e sublime ravvicinarsi per poi perdersi l’uno nell’altra, fino al raggiungimento del culmine completo dei sensi.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2166 n° Letture: 2429

[Segnala questo] Pubblicato: 24/11/2016 Aggiornato: 24/11/2016


Sommario: La mia espressione quasi stordita lo spronò a continuare, perché cominciò a elogiare i colori e i gusti dei vini pregiati, le opere d’arte e le sculture, finendo con un vero e proprio congresso sull’importanza e sul valore dei colori nella vita di tutti i giorni. Bruscamente i miei nervi urtati all’inizio dalla sua insistenza, sembravano in seguito benevolmente attratti e rapiti da quella voce sensuale e profonda.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1805 n° Letture: 2832

[Segnala questo] Pubblicato: 23/11/2016 Aggiornato: 23/11/2016


Sommario: Tutti i clienti del bar si erano celermente radunati intorno a noi, mentre le loro mani erano dappertutto. Le mie gambe erano oscenamente aperte, in fretta m’accorsi che molte dita giocavano con la mia fica e molte altre mani palpavano i miei seni, infine all’improvviso mi resi conto che una lingua umida mi stava leccando la pelosissima e rossiccia fica.
 

Categoria: Orgia, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1622 n° Letture: 3815

[Segnala questo] Pubblicato: 22/11/2016 Aggiornato: 22/11/2016


Sommario: Con il corpo segnato infatti dalle cinghiate, che gli erano state distribuite con tanta fermezza da farlo sussultare più volte, adesso lo schiavo era chiamato a dimostrare spiegando che quelle parole pronunciate in precedenza coincidevano corrispondendo in ultimo alla drastica e radicale realtà.
 

Categoria: Dominazione, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1094 n° Letture: 3386

[Segnala questo] Pubblicato: 21/11/2016 Aggiornato: 21/11/2016


Sommario: Finalmente ci alziamo, però sono già in agitazione, lo guardo e mi mordicchio il labbro, perché sono chiaramente indisponente e per di più apertamente provocatoria. Lui non fa una piega, tenuto conto che continua a fissarmi e basta, nonostante le mie lamentele e le mie proteste quello sbruffone di Mirco salda tutto il conto. Camilla e l’idiota sfilano davanti, io agguanto una mano di Juan, gli pianto gli occhi addosso come due spilli e me lo tengo stretto.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2677 n° Letture: 3106

[Segnala questo] Pubblicato: 20/11/2016 Aggiornato: 20/11/2016


Sommario: Fidati, sta’ tranquilla ragazza, io non t’ho portato qui per costringerti né per violentarti, ti spiegherò tutto senza forzature, perché bada bene una cosa: se ti andrà ti esporrò tutto, dormirai con me nel letto e in modo sicuro scoprirai se ti piacerà. Se non vorrai, garantisco e ti prometto che non farò nulla che ti dispiacerà né che ti urterà in alcuna maniera. Dormirai nel lettino e domani mattina te ne andrai così come sei venuta: casta, illibata e ancora una brava bambina.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1782 n° Letture: 4527

[Segnala questo] Pubblicato: 19/11/2016 Aggiornato: 19/11/2016


Sommario: Il dolce e ritmico movimento gli procurava un piacere immenso, cullato fra le labbra morbide che scorrevano su e giù, delicate, leggere sapienti, poi l’onda silenziosa ruppe irreparabilmente gli argini, poiché inarrestabile e travolgente si lasciò trasportare da essa senza opporre resistenza nel mare dell’estasi, all’estremo margine, all’orlo del piacere fisico più supremo. Lei lo accolse sennonché tutto, come un nettare gustoso e saporito, come un dolce latte da bere golosamente, finché un mugolio strozzato ruppe il silenzio fatto di fruscii, sospiri e sussurri.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1153 n° Letture: 1811

[Segnala questo] Pubblicato: 18/11/2016 Aggiornato: 18/11/2016


Sommario: La vita però ha immancabilmente e perennemente le sue ombre nascoste, perché accanto alla Silvia forte, inarrestabile e sorridente viveva una ragazza delicata, dolce e squisita, troppo presto beffata e disillusa dal fallimento e dal tracollo d’un amore inesistente, tenuto conto che erano stati mesi difficili, lunghi e pesanti, senza tregua, in attesa di decidere per definire una volta per tutte quella crudele, penosa, eppure necessaria separazione.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2955 n° Letture: 1791

[Segnala questo] Pubblicato: 17/11/2016 Aggiornato: 17/11/2016


Sommario: In quell’istante ci accarezziamo dappertutto, ci scambiamo numerosi e teneri bacini, ci mordicchiamo le orecchie. Io mi sento svuotato, piccolo e leggero, mi pare di potermi innalzare nell’aria, sono felice, sono fiero di me, mi sento fortunato e lieto d’aver appagato caldeggiando i sensi di questa deliziosa creatura dal viso angelico e dal temperamento di femmina, sì, decisamente ardimentoso d’averlo fatto senza averle squarciato l’ipocrita e il pudico velo della verginità, nel tempo in cui mi compiaccio con me stesso con la tipica vanità post coito del maschio, Miriam in maniera inattesa mormora qualcosa leggendomi quasi nel pensiero.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3479 n° Letture: 4398

[Segnala questo] Pubblicato: 16/11/2016 Aggiornato: 16/11/2016


Sommario: Tu volevi un appoggio, un’esca, una guida che attirasse altre donne, altre femmine da sacrificare sull’altare della tua libidine, ebbene sì, anch’io pur non sentendone la sollecitazione né l’urgenza volevo giocare per vendicarmi della tua arrogante, insolente e sfrontata limitatezza, che m’aveva peraltro condotto consenziente ma titubante in quel posto. Tu eri il cane, io la cagna, tu eri ruffiano, io la baldracca, tu eri il verme, io ero il serpente, tu eri il guardone, io ero la fattrice, tu eri lo stallone, io ero la giumenta fra le altre.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1539 n° Letture: 2420

[Segnala questo] Pubblicato: 15/11/2016 Aggiornato: 15/11/2016


Sommario: L’urlo finale affrancato e liberatorio di Rosa sembra senza fine, come il suo orgasmo che la scuote con movimenti del bacino sconquassandole le viscere, giacché imitano la scopata, che assieme al ventre ne assecondano accortamente il movimento e l’onda. Nel frattempo tutte e tre le donne si concedono una breve pausa dentro quello studio medico fumante di lussuria, attualmente impregnato dalle secrezioni e dalle fragranze che aleggiano là dentro, tuttavia la professoressa si spoglia in modo definitivo del camice sotto il quale non indossa nulla.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2164 n° Letture: 5748

[Segnala questo] Pubblicato: 14/11/2016 Aggiornato: 14/11/2016


Sommario: Non so se riuscirete però a capire chi io sia. Io non sono un attore, non sono un comico, non sono né un giocoliere né un saltimbanco, sono soltanto un individuo che abbozza e racconta i suoi testi, li interpreta e li inscena al meglio seguendo la trama e l’argomento dettato dal momento, su questa pubblica piazza che è il portale del Web.
 

Categoria: Sensazioni, Altro
Capitoli: n° Parole: 1546 n° Letture: 1951

[Segnala questo] Pubblicato: 13/11/2016 Aggiornato: 13/11/2016


Sommario: Un sedere arroventato e un cazzo famelico irrorato di sangue giocano rincorrendosi, tastando la loro consistenza fisica pur non potendo entrare in un contatto fisico di pelle, eppure Emilio al presente ansima in silenzio attorniato dai volti fiacchi, stanchi e vuoti degli altri viaggiatori, la ragazza chiude gli occhi e respira profondamente, una mano è magistralmente nascosta dal cappotto che sollecita con calma voracità l’umidità di quella pelosissima e nera fica.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1719 n° Letture: 2623

[Segnala questo] Pubblicato: 13/11/2016 Aggiornato: 13/11/2016


Sommario: Dimmi addio se non ricordi più il piacevole dolore della separazione allora vattene, perché non sono affamata del fantasma che m’hai lasciato in eredità, perché non so scopare la sua ombra, dato che non riesco a godere con lui, per il fatto che non mi riempie il seno di fiotti di sperma caldo. Lui non sa né può amarmi come facevi tu, non sa coinvolgermi sottraendomi i pensieri per trasformarli convertendoli in delirio e in furore. Tu facevi di me ciò che volevi, ti muovevi e ti spingevi nei meandri della mia mente, come se fossero i tuoi, giacché io ero la schiava, la tua proprietà, il tuo podere privato, perché ero ciò che volevi io fossi.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 923 n° Letture: 1705

[Segnala questo] Pubblicato: 12/11/2016 Aggiornato: 12/11/2016


Sommario: Inaspettatamente un giorno, in modo inatteso la vicenda cambia registro, dopo una conversazione un po’ più amichevole e durevole del consueto, lo scambio malandrino e piacevole della posta elettronica e del contatto per ritrovarsi in chat, modifica la loro avventura. Da lì un turbinio di parole, un subbuglio d’emozioni, un parapiglia di sensazioni, tutto inaspettato quanto desiderato, le battute che incalzano, che si spostano lì sul confine tra l’appropriato, il consentito, il giusto e fra l’abusivo, l’illecito e l’inammissibile, sì, va bene, ma poi?
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1219 n° Letture: 2370

[Segnala questo] Pubblicato: 11/11/2016 Aggiornato: 11/11/2016


Sommario: Lei anelava avvertire i muscoli della fica contrarsi attorno a un cazzo, perché fino a quel momento era stata solamente la sua mano a procurarle conforto, gioia e piacere. Adriana doveva compiere qualcosa per trovare un uomo che l’appagasse e la gratificasse, perché voleva imparare a diventare un’amante infuocata, una che facesse morire di godimento qualsiasi uomo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1754 n° Letture: 3314

[Segnala questo] Pubblicato: 10/11/2016 Aggiornato: 10/11/2016


Sommario: Ecco che al momento si gira, che splendida visione, è tutta nuda, è tutta mia con gli occhi chiusi per non sciupare il momento, con le gambe larghe mi porge la sua. Niente, perché prima d’avermi il piacere le deve esplodere dentro, così comincio a baciare le gambe partendo dalla caviglia e salendo verso le zone alte, dato che ogni gesto non è lasciato al caso, perché sono un perfezionista, poiché è per questo che ogni piccolo bacio con le labbra che sfiorano è seguito da un lascito della lingua, considerato che che le provoca un dolce brivido di passione a ogni sfioramento del mio respiro.
 

Categoria: Sensazioni, Altro
Capitoli: n° Parole: 890 n° Letture: 1594

[Segnala questo] Pubblicato: 09/11/2016 Aggiornato: 09/11/2016


Sommario: In fondo io neppure la conosco, non so nulla di lei né cosa faccia nella vita né se abbia un altro uomo né che cosa pensa di me. Io credo che non si curi per niente di me, se non ci fossi più non gli cambierebbe nulla, troverebbe un altro maschio da sbattersi, perché regalerebbe a un altro quei fremiti. Io ho bisogno di quel brivido amore mio, dato che non posso vivere senza, perché non ce la faccio, perché quello che mi dai incondizionatamente tu non potrebbe darmelo nessun’altra al mondo, perché tu sei esclusiva, perfetta e unica, perché sei la donna della mia vita.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 983 n° Letture: 2376

[Segnala questo] Pubblicato: 08/11/2016 Aggiornato: 08/11/2016


Sommario: Marco adorava mitizzando placidamente la faccenda con un atteggiamento furbastro quegl’indiscussi e quegl’indubitabili desideri di Emilia, giacché lei era una bella donna sui quarantasette anni con un prosperoso seno, florida ma non grassa, con un viso d’angelo così armonioso e leggiadro, ma che talvolta esprimeva una riservatezza e una tangibile timidezza, dal momento che nessuno avrebbe giammai sospettato né supposto quanto potesse essere gradevolmente invereconda, lubrica, oscena e senza freni a letto.
 

Categoria: Etero, Orgia, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1707 n° Letture: 3619

[Segnala questo] Pubblicato: 07/11/2016 Aggiornato: 07/11/2016


Sommario: Io devo francamente ammettere e schiettamente sostenere che la giapponese è veloce e furiosa, io sono al contrario bagnatissima. Dal mio fiato lei comprende immediatamente le intenzioni, perciò si modera adeguandosi, io istintivamente mi contraggo perché ero quasi arrivata, dannazione lei aveva ragione. La mia vulva sta palpitando, protesta, con la mascherina di traverso io sto tenendo a bada se ci siano delle assistenti di volo nei paraggi, scivolo con la mano sotto la coperta, m’intrufolo sotto la blusa e nel frattempo le sfioro il seno.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2428 n° Letture: 4847

[Segnala questo] Pubblicato: 06/11/2016 Aggiornato: 06/11/2016


Sommario: Angelo sorride spesso, malgrado ciò è anche estremamente serio ed enormemente seducente, perché durante la cena ci sfioriamo la mano, giacché soltanto al contatto mi sembra di fare l’amore, però credo che con quest’individuo sarà una cosa completamente diversa e inedita, dal momento che a bruciapelo tralasciando i discorsi letterari Angelo con tutta naturalezza mi fa una domanda specifica.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1982 n° Letture: 3699

[Segnala questo] Pubblicato: 05/11/2016 Aggiornato: 05/11/2016


Sommario: L’ultimo sorso lo lascio in bocca, perché faccio penetrare il mio dito medio in bocca e lo bagno con l’acqua fredda, deglutisco e lascio riprendere il suo cammino, sfioro il clitoride caldo e bagnato, in quanto quel contrasto mi fa mordere le labbra. Peccato, la mia dolce amica sta finendo, io tra poco godrò anche per merito suo.
 

Categoria: Autoerotismo, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1559 n° Letture: 2363

[Segnala questo] Pubblicato: 03/11/2016 Aggiornato: 03/11/2016


Sommario: Io agguanto sennonché il cazzo tra le mani mentre tu continui a guidare, sorrido tra me e lui, apro golosamente la bocca e me lo infilo tutto dentro fino in gola accompagnando benevolmente il movimento della bocca con la mano. Io ti sento sussultare, il respiro diventa forte e irregolare, a tratti ti sento sussultare, sento il primo squisito liquido uscire dalla punta che entra ed esce in modo regolare dalla mia bocca.
 

Categoria: Etero, Trio, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3433 n° Letture: 3761

[Segnala questo] Pubblicato: 02/11/2016 Aggiornato: 02/11/2016


Sommario: Io non sono un oggetto, non sono un corpo da usare né foto da mostrare, tanto meno l’amante da mettere in mostra o in rassegna. Io t’appartengo come un dono da custodire e da salvaguardare in un piccolo forziere nel tuo cuore. Perché allora insisti?
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 472 n° Letture: 2249

[Segnala questo] Pubblicato: 01/11/2016 Aggiornato: 01/11/2016


Sommario: Il foltissimo triangolino dei peli è impresso alla perfezione, la mia bocca lo mangia, la mia lingua non smette di scendere e scosta quelle labbra ormai già aperte, con delicatezza e riguardo io divido le grandi labbra dalle piccole labbra, per non perdere né sprecare nemmeno una goccia del tuo nettare, del tuo intimo e unico sapore di femmina.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 955 n° Letture: 2376

[Segnala questo] Pubblicato: 31/10/2016 Aggiornato: 31/10/2016