i racconti di Milu
racconti erotici per adulti
Pseudonimo: Idraulico1999 [Contatto]
Nome: Salvatore
Stato: Membro
Autore dal: 10/05/2016
Sito web:
Beta-reader:
Preferisco aggiungere due osservazioni, che forse valgono per ogni racconto, ma in special modo per il genere erotico. La prima è che
non si scrive per se stessi, ma per il lettore. Nel racconto erotico, questo significa che non si scrive per eccitarsi, ma per eccitare.

La seconda osservazione è che l’erotismo è particolarmente a rischio di forme e di modelli già acquisiti: immaginiamo per esempio
l’influsso del porno sull’immaginario non solo maschile. La presumibilità, la prevedibilità e la scontatezza sono di frequente in agguato
così come i termini ripetuti e le situazioni ovvie. Anche il “finale”, pur essendo sesso, non è detto che debba essere “quel finale”.

In conclusione, l’eros è come corteggiare una donna: lentamente, fatela impazzire. Lasciatevi desiderare e giocate con lei, non fatele
capire dove volete arrivare, anche se lo sapete benissimo entrambi. Dominatela fin dall’inizio e portatela dove volete, esattamente
come in un racconto erotico. “Chi scrive domina, chi legge ne subisce il fascino”.

In questi resoconti, sono elencati e descritti vari scenari attraverso fatti e vissuti che spaziano dal sesso, al piacere, ai peccati,
alle rivincite, ai capricci, ai tradimenti, alle passioni nascoste, alle sofferenze, ai tormenti, alle manie, alle curiosità morbose,
alle esaltazioni, alle stravaganze, ai tabù, alle ironie, alle perversioni e alle ossessioni.

Per mezzo di queste descrizioni erotiche, mi rivedo a raccontare fatti della quotidianità di molte persone, di storie vissute, d’argomenti
e di trame che fanno parte del bagaglio intimo e nascosto di ognuno di noi. Le persone sono differenti, si mescolano e si combinano in
modo diverso, così come le storie e le vicende erotiche lo sono altrettanto; raccontano trame, storie, episodi, partecipazioni, impulsi
e passioni travolgenti.

Certamente e indiscutibilmente è un tema delicato e sensibile, di storie e di persone che si aprono, narrano, si relazionano, che
decidono e che scelgono di raccontarsi manifestando e svelando i loro retroscena. Il sesso per quanto possibile e prevedibilmente si fa, mentre l’erotismo si coglie, si percepisce.

Per me, senza dubbio è meglio “parlarne” di meno e “farne” di più, (sia in termini di quantità sia di qualità), in quanto è già un bel
segno; un segno d’apertura culturale e di libertà.

La scrittura è libertà, ognuno di noi esprime le proprie idee, così come anch’io esprimo e rivelo le mie, e tutto ciò vale anche per quelli che non la pensano come me.

Idraulico1999

===================================================================================================================================================================================
***Osservazioni per tutti voi che leggete i miei racconti erotici***

Io non sono né un romanziere né uno scrittore. E’ complesso e difficile parlare dello scrivere, e molto più difficile è dire in proposito qualcosa d’innovativo e d’originale. Le storie che racconto, appartengono alla mia vita e alla vita di persone che ho amato, ascoltato, conosciuto e sentito, che ancora adesso mi circondano e che mi hanno sempre circondato. E questo vale anche per la vita normale, a volte dolorosa e a volte divertente che ho trascorso e vissuto.

Sono un uomo che ha studiato poco e male, che per tutta la vita ho lavorato e che al presente (per fortuna) lavoro.

Scrivo per raccontare le cose belle che ho avuto, per confortarmi consolandomi per le cose brutte che mi sono capitate e chiedere scusa delle cose incresciose e spiacevoli che ho eventualmente involontariamente causato.

Mi è sempre piaciuto giocare con le parole, le virgole, i punti, i silenzi e le frasi così come un gioco, come una continua messa in scena, con le parole che svelano emozioni e le frasi che raccontano situazioni, che informano d’una persona, d’una storia, d’un evento, d’un periodo, d’una situazione, di un’occasione e perfino d’un sogno che ognuno di noi vorrebbe realizzare.

Idraulico1999 (Salvatore)






[Segnala questo]
 
 
 
Stories by Idraulico1999
Sommario: Tu sei il mio uomo proibito, quello di cui non si può parlare, l’altro, quello che non potrà mai stare con me, perché sono le leggi e le norme degli dei e degli umani, ma non è forse ciò che non si può avere che spesso diventa un movente, una ragione e una causa di vita? L’inguine mi provoca assillo, dolore e pure patimento per tutto l’amore appena fatto, giacché ho ancora addosso l’odore e non solo di lui, eppure adesso è te che desidero e che ricerco come non mai.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1736 n° Letture: 986

[Segnala questo] Pubblicato: 14/05/2018 Aggiornato: 14/05/2018


Sommario: Dirò delle tue dita che affondano tra le mie cosce aperte, delle mie che stringono i tuoi testicoli nudi sotto la stoffa dei pantaloni, del cognac che cola lento da una bocca all’altra, del mio ginocchio schiaccia spremendo il tuo cazzo. Dirò anche delle bocche fuse, di quelle lingue intrecciate, delle labbra morse, persino del sorriso complice e interessato del tassista che ci riportava in albergo, mentre le nostre pelli non riuscivano a staccarsi né a separarsi d’un centimetro.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 545 n° Letture: 1014

[Segnala questo] Pubblicato: 13/05/2018 Aggiornato: 13/05/2018


Sommario: Io ho rialzato il viso e mi sono guardata allo specchio che rifletteva una giovane donna dall’espressione rattrappita, quasi sofferente. Ecco perché i francesi chiamano l’orgasmo in quella maniera, quell’attimo in cui usciamo da noi stessi per annullarci completamente soprannominandola “piccola morte”. Allora m’hai abbassato con forza la testa contro lo spigolo del lavabo per entrarmi dentro più a fondo rimanendo lì, rigido dentro di me per riempirmi del tuo seme senz’emettere un gemito, soltanto premendo contro il tuo il mio ventre fino a farmi male.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1607 n° Letture: 1051

[Segnala questo] Pubblicato: 12/05/2018 Aggiornato: 12/05/2018


Sommario: Energia pura era l’unica definizione, l’atipica conclusione che le venisse in mente per il modo in cui si muoveva, mentre le mostrava i suoi lavori. Estro, genialità e ingegno, era ciò che risaltava dai progetti che spiegava sul tavolo obliquo. Lui non faceva nulla per attirare l’attenzione, nemmeno un sorriso, eppure l’intensità degli occhi, quella voce misurata e profonda l’incatenava scompigliandola più del corpo longilineo e solido che sfiorandola accidentalmente.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2043 n° Letture: 1192

[Segnala questo] Pubblicato: 11/05/2018 Aggiornato: 11/05/2018


Sommario: Appoggi il palmo della mano sul monte di Venere eseguendo un massaggio rotatorio con una pressione decisa, dato che godo da morire. L’altra tua mano è su un seno per scoprire la durezza del capezzolo, che stringi tra il pollice e l’indice in un misto di piacere e di dolore. Ti soffermi sul clitoride, lo accarezzi in senso circolare e poi su e in giù, a ogni cambio di movimento io sperimento una sensazione sempre più intensa, le tue dita si spostano di pochi centimetri per scandagliare saggiando appena quanto sia ormai pronta ad accoglierti in me.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1977 n° Letture: 1416

[Segnala questo] Pubblicato: 10/05/2018 Aggiornato: 10/05/2018


Sommario: Avrei voluto continuare, ribadirgli che lo amavo, ma che non avrei giammai potuto dispensargli ciò che lui aveva diritto, un amore vero, completo, totale, senza sofferenza, senza nascondimenti, senza genitori che ti cacciano da casa, senz’imbarazzi né paure, in assenza di gente che si scambia gomitate quando passi, senz’emarginazioni né fanatismi né preconcetti.
 

Categoria: Trans, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3516 n° Letture: 1348

[Segnala questo] Pubblicato: 09/05/2018 Aggiornato: 09/05/2018


Sommario: Ecco, è qui che devi mostrare rivelando in modo appropriato di non essere la protagonista, ma d’essere quell’enigma infagottato da quel mistero che non si può descrivere né esporre, giacché si chiama donna, sì, questa donna che tu impressioni marchiando chiaramente sulla pellicola. Qui, esattamente qui, poiché devi contenere diffondendo in un attimo allo spettatore la rivoluzione e la trasformazione avvenuta in questa donna, un’equivalente alle altre, forse, quella che attualmente sei tu.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2038 n° Letture: 689

[Segnala questo] Pubblicato: 08/05/2018 Aggiornato: 08/05/2018


Sommario: Le sue mani afferrano i miei fianchi con brutalità, il mio collo s’inarca, io protendo la mia foltissima fica sempre più verso di lui alzando un po’ il bacino. Urlo il mio totale piacere, mi mordo le labbra e le fiamme dell’orgasmo m’invadono il corpo scompigliandomi, così come il flusso della sua sborrata che invade sia la mia rossiccia fica quanto le mie cosce ponendosi in netto contrasto con esse. Io rimango tanto tempo sul letto in quel modo, lui è spossato, tuttavia ha trovato le energie per fare una doccia.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1880 n° Letture: 1318

[Segnala questo] Pubblicato: 07/05/2018 Aggiornato: 07/05/2018


Sommario: Quando i loro corpi frementi s’unirono i fiori mi caddero dalle mani, così come sprofondarono i miei sogni irrimediabilmente infranti e per sempre spezzati per quello scenario al quale assistevo. Io ripensai ai nostri momenti di passione e in modo autolesionista li accostai speditamente paragonandoli con quelli del momento.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1781 n° Letture: 789

[Segnala questo] Pubblicato: 06/05/2018 Aggiornato: 06/05/2018


Sommario: Tu gesticoli, vorresti gridare, ritrarti in modo adeguato, sennonché percepisci affondare l’arma che dalle mie viscere s’incunea nella tua cavità. Vorresti afferrarmi con la mano libera, ma la mia è già sulla tu, la partita pare perduta, allora mostri i denti stringendo tutto quello che ti è possibile. I tuoi muscoli sembrano avere la stessa potenza dei miei, tenti con le gambe di scalciare, ma la forza delle mie ti sovrasta evitando accuratamente che tu possa attuare l’unica mossa che ti rimane.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1115 n° Letture: 1100

[Segnala questo] Pubblicato: 05/05/2018 Aggiornato: 05/05/2018


Sommario: Di riflesso, anche il dito di Matteo si mosse per contribuire al godimento della moglie, quelle carezze delle dita intrecciate si protrassero per qualche interminabile istante, alternandosi sia nel profondo del sesso di Matilde sia nel solleticare il suo centro rigonfio del piacere. Matteo fu distolto dallo stato di trance in cui si trovava quando s’accorse dal tipico sussultare del bacino e dal ritmo più intenso dei sospiri, per il fatto che per Matilde era sopravvenuto il momento affrancante e liberatorio dell’orgasmo.
 

Categoria: Autoerotismo
Capitoli: n° Parole: 2296 n° Letture: 940

[Segnala questo] Pubblicato: 04/05/2018 Aggiornato: 04/05/2018


Sommario: Con pochi rapidi movimenti della sua esperta e intenditrice lingua, mi fece eiaculare dove aveva voluto lei, inghiottendo tutto il mio caldo liquido, mentre con un dito scivolava dai testicoli al buco del mio sedere, penetrandolo con un solo colpo. Aveva vinto la prima battaglia. Io sfilai il cazzo grondante dalla sua bocca e l’infilai fulmineo nella sua grossa fessura, riprendendo a sbatterla con forza, mentre la sentivo gemere sempre più affannosamente. Lei esplose in un attimo in un orgasmo travolgente, fatto d’urla soffocate, di mugolii, di spinte, di brividi e di contorsioni.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2920 n° Letture: 1152

[Segnala questo] Pubblicato: 03/05/2018 Aggiornato: 03/05/2018


Sommario: In verità cerchiamo soltanto quel calore e quella vitalità che risvegli pungolando sensazioni, idee, sogni, desideri, che ci faccia nuovamente vibrare, sentire vivi, desiderare ed essere desiderati, condividere con un altro, con un’altra pelle, altre mani, le vibrazioni del nostro essere e del nostro corpo, da troppo tempo privo d’un musicista che ne sappia trarre le giuste note.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1764 n° Letture: 783

[Segnala questo] Pubblicato: 02/05/2018 Aggiornato: 02/05/2018


Sommario: Sotto la mia insistenza, la sua eccitazione sale per arrivare al culmine, dal momento che è la prima volta che osservo l’estasi sul volto d’una donna, così più intensa e seducente, differente su quello teso d’un uomo, poiché mi rivela il suo piacere aperto, incontenibile e spontaneo. Quel piacere reso ancora più sconveniente dal fatto che sia stata io a procurarle e che a me appare semplicemente incantevole. Lei fiorisce tra le mie mani, venendo con qualche gemito sommesso, intanto che la guardo con occhi ammirati e increduli, giacché io stessa sono ormai allo stremo fisico ed emozionale.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1249 n° Letture: 1085

[Segnala questo] Pubblicato: 01/05/2018 Aggiornato: 01/05/2018


Sommario: No, non posso farti del male, posso unicamente farti godere. Tu m’imponi il silenzio radio per tutta la settimana, perché infrangerlo per qualsiasi motivo prevede come punizione il rimandare tutto, il dover aspettare ancora una settimana in più. L’unico frammento di realtà che mi lega a te è soltanto un indirizzo e un orario, fisso, come un appuntamento dal dentista, poi tutto il resto è unicamente celestiale e impalpabile fantasia, l’immaginazione di ciò che sarà e che si trasformerà in ricordo di ciò che è stato nel tempo esatto d’un pomeriggio.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2463 n° Letture: 769

[Segnala questo] Pubblicato: 30/04/2018 Aggiornato: 30/04/2018


Sommario: Lui s’immaginava quei capezzoli fremere e ribollire al benevolo contatto con l’aria, irrigidirsi alla piacevole carezza del vento e al bacio sincero del sole, dove lei chiudeva gli occhi e contraeva il bel viso in una delicata smorfia di piacere. Pensava d’essere il sole e il vento, d’essere lì per giocare con quei piccoli promontori rosei di carne con il loro armonioso e perfetto profilo, disegnato dal divino artista con infinita sapienza per suscitare in ultimo l’ammirazione e la meraviglia degli uomini.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1338 n° Letture: 796

[Segnala questo] Pubblicato: 29/04/2018 Aggiornato: 29/04/2018


Sommario: Io ebbi in quella circostanza un orgasmo trascinante appena lui arrivò solamente a metà del canale vaginale, perché pur essendo la cavalcata stata sennonché breve, in ogni caso focosamente intensa, esplose interamente la sua esuberanza sborrando in parte sulla mia pelosissima fica e il resto dentro di me, il suo appassionato e impetuoso seme, intanto che io lo guardavo contorcersi animosamente gemendo in modo frenetico e invasato, per il compimento della sua carnale, lussuriosa e sfrenata impresa.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2185 n° Letture: 1133

[Segnala questo] Pubblicato: 28/04/2018 Aggiornato: 28/04/2018


Sommario: Non m’accontentavo unicamente di sentire la sua voce squillante, storpiata dal ricevitore del telefono o di leggere i suoi pensieri scritti in nero su d’uno sfondo bianco. Dovevo averla di fronte a me, apprezzare e valutare la sua splendida fisicità di ragazza ventenne nel pieno della sua carica erotica. Dovevo poter osservare le sue labbra carnose, dalla geometria perfetta mentre si sfioravano per poi subito allontanarsi, emettendo un turbinio di parole capaci di farmi commuovere, divertire, eccitare e incazzare.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2449 n° Letture: 901

[Segnala questo] Pubblicato: 27/04/2018 Aggiornato: 27/04/2018


Sommario: La mia eccitazione era diventata incontenibile, avrei voluto slegarmi e balzare in piedi per concedermi il piacere di toccarle, di frugare nei loro corpi, invece non mi slegarono, perché proseguirono a baciarmi e a toccarmi, finché Serena non decise che era giunto il momento collocandosi sopra di me, spalancando le gambe sulla mia cazzo infervorato e scendendo piano per farmi entrare in lei. Lei restava in posizione eretta e tutto il mio cazzo era dentro di lei, mentre i suoi seni ballavano al ritmo dei colpi che lei stessa c’imponeva.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3609 n° Letture: 1598

[Segnala questo] Pubblicato: 26/04/2018 Aggiornato: 26/04/2018


Sommario: Che sensazione bellissima è sentirsi baciata, leccata e toccata, senza che si sappia che cosa si stia compiendo. La fantasia e l’immaginazione spiccano il volo e fanno sì che tu possa sentirti vittima o carnefice di chi vuoi, dove e quando vuoi. Sei tu a dirigere il gioco con la tua mente, sei schiava e ugualmente padrona: sì, ecco come doveva sentirsi quella donna che veniva lambita e rifinita da due lingue.
 

Categoria: Autoerotismo, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1256 n° Letture: 910

[Segnala questo] Pubblicato: 25/04/2018 Aggiornato: 25/04/2018


Sommario: Il mio cazzo ormai durissimo è puntato verso di lei che avanza lentamente, precisamente come un cannone pronto per sparare verso il bersaglio. Finalmente arriva al bordo della vasca e porta le mani sull’allacciatura del reggiseno sganciandola, ma non lo lascia cadere immediatamente per terra. Vedendo i miei occhi che quasi la supplicano di toglierselo, esita un istante guardandomi con un sorrisetto malizioso e scaltro, acutizzando ed esasperando in tale maniera ancor di più il mio desiderio.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1028 n° Letture: 908

[Segnala questo] Pubblicato: 24/04/2018 Aggiornato: 24/04/2018


Sommario: Passano pochi secondi, l’orgasmo sale, s’incunea con vivacità giungendo in modo travolgente, impetuoso e veemente m’abbranca scuotendomi vorticosamente le membra, lui percorre con le dita la piccola striscia scura che sovrasta la mia fica per l’occasione rasata, in quanto io la porto sempre pelosissima, adesso sgorgante di piacere, scende e mi penetra raccogliendo i fluidi, che testimoniano in modo indubitabile l’apice del godimento raggiunto.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1477 n° Letture: 1054

[Segnala questo] Pubblicato: 23/04/2018 Aggiornato: 23/04/2018


Sommario: Lui entrò gradualmente godendo d’ogni millimetro, usciva adagio del tutto da lei e rientrava per affondare ancora intrufolandosi con inesorabile decisione e con altrettanta premura. Lui delirava alla vista di quell’anello che si dilatava, modellandosi su di lui per farlo penetrare meglio, di sorpresa le collocò una mano di sotto stringendole la pancia e con un colpo di reni le conficcò tutto il cazzo enunciando.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 3023 n° Letture: 1196

[Segnala questo] Pubblicato: 22/04/2018 Aggiornato: 22/04/2018


Sommario: Tu sei affascinante, colto, galante, raffinato, sai molto bene come metterti in moto, conversare, ammaliare e far innamorare una donna, eppure l’azione d’abbandonarti, la freschezza, la naturalezza e la spontaneità no, perché quelli sono atteggiamenti e comportamenti di te, dato che non fanno parte né sono mescolati dentro il tuo essere né sono fusi nel tuo carattere, giacché non t’appartengono. Sono più di trent’anni di differenza tra di noi e io li sento soltanto in quello.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2206 n° Letture: 748

[Segnala questo] Pubblicato: 21/04/2018 Aggiornato: 21/04/2018


Sommario: In quell’occasione la stendo sul divano cercando di non coprire la visuale verso il televisore, ho capito che è quella la vera fonte della sua intemperante e lussuriosa eccitazione. Ne ricaviamo una posizione ginnica, perché Valentina posizionata su d’un fianco alza la gamba sinistra e m’offre la sua pelosissima fica umida che mi fa farneticare. Io sono pronto per penetrarla con decisione, lei inarca la schiena per assecondare il movimento, entro ed esco cercando di capire se la consistenza del mio cazzo la soddisfa.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1892 n° Letture: 902

[Segnala questo] Pubblicato: 21/04/2018 Aggiornato: 21/04/2018


Sommario: Goldman e il professore volevano che tornasse in Inghilterra, ai loro occhi il diario ritrovato della signora Garnett le aveva restituito un’identità diversa da quella di creatura. Si chiamava Helene e per sei anni era stata una bambina inglese prima di perdere i genitori, diventando la bambina bianca della foresta come la chiamavano gl’indigeni che l’avevano allevata, cresciuta e custodita. Manfred sapeva che presto sarebbe tornata alla civiltà e per questo cercava di parlarle in inglese ogni giorno, per renderle meno scioccante il distacco.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2538 n° Letture: 592

[Segnala questo] Pubblicato: 19/04/2018 Aggiornato: 19/04/2018


Sommario: Ripenso intensamente al cigolio di quel giaciglio sotto le spinte dei nostri corpi, riesaminando quante volte abbiamo ambedue sorriso considerando i nostri vicini di casa: quante volte abbiamo riso del vecchietto che sta nella stanza accanto, quante volte è ritornato dentro casa vedendoci arrivare, probabilmente già pregustandosi il suo film erotico personale senz’immagini, indubbiamente però sonoro, perché tu sei una donna che non reprime né trattiene le proprie emozioni, all’opposto, le amplifichi urlando vivamente il tuo piacere.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 696 n° Letture: 534

[Segnala questo] Pubblicato: 19/04/2018 Aggiornato: 19/04/2018


Sommario: Supplicami sussurrava lei, mentre succhiava il mio cazzo, facendo crescere il mio desiderio e lasciandolo continuamente sospeso in un’attesa senza fine. Io allora l’imploravo, invocando la grazia delle sue labbra, che indecentemente mi succhiavano con dei piccoli morsi. Le mie suppliche però non erano mai sufficienti per lei, visto che non c’era nulla che io potessi fare per ottenere quel piacere tanto a lungo ambito. Lei dopo avermi torturato con i suoi baci, si rialzava e m’osservava per di più divertita mentre io cadevo in ginocchio davanti a lei.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2944 n° Letture: 539

[Segnala questo] Pubblicato: 18/04/2018 Aggiornato: 18/04/2018


Sommario: I tuoi capelli e i tuoi fianchi si muovevano all’unisono, durante il tempo in cui il tuo leggero sorriso si schiudeva e il tuo sguardo dava nuovi ordini, perché aprii quella porta entrando e infine negandomi ai tuoi occhi e lì aspettai. Lo sgabuzzino non era piccolo, malgrado ciò incominciai a sentirmi sperduto, la maniglia girò ed ebbi paura che non fossi tu, stavo per tornare in me, sennonché tu sgusciasti dentro nuovamente padrona.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 593 n° Letture: 380

[Segnala questo] Pubblicato: 17/04/2018 Aggiornato: 17/04/2018


Sommario: Tu mi senti, indugi, tuttavia mi costringi a gemere per l’impazienza per andare alla cieca, sottomessa e straziata. In quel lento supplizio in sincronia arriva ciclico un altro getto, io mi volto per guardarlo, quel gesto bugiardo e lestofante di distrazione da te, dato che tu mi sfili i pantaloni e mi divarichi completamente. Io aspetto, gli occhi pazientano, pure la pelle indugia.
 

Categoria: Sensazioni, Etero
Capitoli: n° Parole: 1041 n° Letture: 766

[Segnala questo] Pubblicato: 16/04/2018 Aggiornato: 16/04/2018


Sommario: Lui vorrebbe fermarmi, ci prova, non vuole sborrare, non per primo almeno, non ancora. Io lo fisso negli occhi annunciando che voglio vedere le perle, le voglio assaggiare con sguardo dolce ma fermo, tuttavia continuo a toccarlo fino a che sento che sta per esplodere, metto la bocca sulla cappella e sento i suoi schizzi tra le mie labbra e sul viso. Io sono come ipnotizzata, ho la fica in fiamme che pulsa dal piacere che sto provando, mentre lui gode emettendo un brioso, gongolante e lungo lamento. Io continuo a toccarlo più dolcemente per prolungare il suo florido orgasmo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2029 n° Letture: 1115

[Segnala questo] Pubblicato: 15/04/2018 Aggiornato: 15/04/2018


Sommario: Il mio desiderio diventa accanito, caparbio e implacabile, giacché lo è anche il tuo, io lo intuisco molto bene, allora mi giro verso di te e questa volta non me lo proibisci, in quanto trovo la tua bocca, tu entri in me, io entro in te, per il fatto che le nostre lingue giocano e gareggiano in maniera profonda. Io vorrei baciarti per un tempo infinito, dato che ci stacchiamo un istante, i tuoi occhi parlano con i miei, io mi sollevo fino a sedermi di fronte a te.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1019 n° Letture: 940

[Segnala questo] Pubblicato: 14/04/2018 Aggiornato: 14/04/2018


Sommario: Sono venuta mentre lui cercava d’immagazzinare aria, i miei gemiti hanno finalmente sovrastato i suoi lamenti, così ho pensato che forse aveva rinunciato a ribellarsi, allora mi sono avvicinata alla sua bocca e ho tentato di baciarlo.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2300 n° Letture: 1106

[Segnala questo] Pubblicato: 13/04/2018 Aggiornato: 13/04/2018


Sommario: Io avverto che i capezzoli sono talmente duri che mi fanno male, in quel frangente sorrido, giacché sono proprio una licenziosa monella, una peccaminosa ribelle, anzi un’autentica lasciva discola. Io voglio il suo sguardo, voglio che mi guardi mentre glielo prendo in bocca, che la mia lingua scorra delicata per tutta l’asta per poi giocare con la cappella e stuzzicare la scanalatura del frenulo, che fa sragionare tantissimo gli uomini se adeguatamente leccato.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1239 n° Letture: 911

[Segnala questo] Pubblicato: 12/04/2018 Aggiornato: 12/04/2018


Sommario: Le sue mani scivolano sui fianchi sollevandole la camicia proseguendo sino a sfilargli l’indumento sopra la testa, lei solleva le braccia e lui la stringe forte alla vita baciandola sotto un’ascella. Lucrezia scopre in quell’incavo un’incomparabile e una straordinaria zona erogena, sente accendersi nel cervello una miriade di fuochi d’artificio, uno spasmo di piacere la trascina quasi all’orgasmo, le inonda il sesso e un rantolo di godimento le sale in gola. Lei, la timorosa, la repressa Lucrezia per la prima volta nella sua esistenza non si sforza di soffocarlo, anzi, lo lascia esplodere, lo espelle a gola spiegata come se si trattasse d’un boccone amaro che troppo a lungo è stata costretta a inghiottire.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 9165 n° Letture: 1038

[Segnala questo] Pubblicato: 11/04/2018 Aggiornato: 11/04/2018


Sommario: Lei spalancò appena in tempo la bocca e con la lingua avvertì arrivare travolgente l’orgasmo. In prima battuta captò l’aroma forte e pungente, come se qualcuno avesse aperto la finestra su d’un mare in tempesta e fosse entrato all’improvviso, poi seguirono tre schizzi di sperma in rapida successione bagnandole la fronte e imbrattandole perfino i capelli. Un quarto fiotto, ritardato, s’appoggiò finalmente sulla lingua, lei s’avvicinò con la bocca al glande avvolgendolo con le labbra e accogliendo dentro di sé il quinto e in ultimo il sesto, che fuoriuscivano a rilento arrivandole fino in gola.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2717 n° Letture: 947

[Segnala questo] Pubblicato: 10/04/2018 Aggiornato: 10/04/2018


Sommario: Eccoci arrivati alla celebre intervista. Questa signorina, a dire il vero, ha già rivelato alcuni frammenti di sé in un’altra occasione un po’ di tempo addietro. L’appellativo con cui si è proposta è Nicoletta e l’intestazione del suo articolo era: “Se l’universo terminasse il giorno dopo”. In taluni criteri, leggendo le sue risposte, assimilerete e capirete le sue riflessioni e quali astrazioni, concetti e significati si portava appresso.
 

Categoria: Sensazioni, Interviste
Capitoli: n° Parole: 2045 n° Letture: 1358

[Segnala questo] Pubblicato: 09/04/2018 Aggiornato: 09/04/2018


Sommario: Confesso e riconosco senz’indecenza né sconcezza alcuna, che anch’io mi sarei scopato Stefania ben volentieri, azzarderei affermare una botta e niente di più, giusto per togliermi il capriccio e il lussurioso sfizio di possedere carnalmente quella femmina che occupa il mio stesso ufficio. La signora Mara, così si faceva lei abitualmente denominare, dalle persone con le quali non avvertiva confidenza né dimestichezza, era pertanto coniugata con un artista, un rinomato pittore di fama regionale conosciuto per i suoi quadri astratti.
 

Categoria: Trio, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2591 n° Letture: 1204

[Segnala questo] Pubblicato: 09/04/2018 Aggiornato: 09/04/2018


Sommario: Non so di preciso che cosa scatti nella mente d’una persona in certi momenti, come si riescano a dimenticare anni di matrimonio in pochi istanti, so unicamente che in quell’esatto momento volevo solo Selvaggia. Bramavo sentirmi di nuovo desiderato, invidiato e richiesto, riprovare e sperimentare quelle sensazioni dimenticate di ragazzino, autonomo e libero da vincoli e da impegni. Selvaggia divenne la mia amante, la donna dove esprimere e sfogare i problemi, le voglie inespresse e segrete nel gioco del sesso, poi come spesso succede, la vicinanza e il conoscere meglio il proprio partner divenne amore.
 

Categoria: Etero
Capitoli: n° Parole: 1163 n° Letture: 953

[Segnala questo] Pubblicato: 08/04/2018 Aggiornato: 08/04/2018


Sommario: Adesso spiegami schiettamente una cosa: è il dominatore che seleziona la schiava oppure è il contrario? A dire il vero troppo energica, orgogliosa e perentoria, forse, però ci vuole correttezza, dignità e rispettabilità per essere una schiava, non è pur forse vero? Vedi, io non so nulla, eppure tu che sai mi lasci in quest’ignoranza, dentro quest’impreparazione e all’interno in questa cafonaggine più stretta di qualunque benda, d’ogni evidente legaccio che tu sapresti creare e inventare per me. Sì, devo riconoscerlo, proprio tu, che potresti liberarmi dall’impegno e dall’obbligo di piacere a chi dice d’amarmi e non sa come, restituendomi a me stessa e a te.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 678 n° Letture: 434

[Segnala questo] Pubblicato: 07/04/2018 Aggiornato: 07/04/2018


Sommario: Con scuse varie riuscii a sfiorarla altre volte e là mi resi conto che quello che stavo effettivamente provando, era una passionalità inedita, una sensualità nuova che si discostava dissentendosi radicalmente dal puro sesso. I nostri occhi s’incontrarono molte volte, poiché sembrava che ci conoscessimo da sempre, io percepivo chiaramente impresso all’interno in quel locale bianco, così come tutte le case del posto che qualcosa di prodigioso e d’inedito ci attraeva e ci tentava.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1503 n° Letture: 931

[Segnala questo] Pubblicato: 06/04/2018 Aggiornato: 06/04/2018


Sommario: A ogni spinta Appia urtava conto la parete, dopo qualche minuto sentì arrivare l’orgasmo, si piegò ancora di più e venne nello stesso istante che la sborrata dell’uomo la colpì sul viso imbrattandola, colando poi verso la sua bocca che l’accolse in parte. Appia chiese e ottenne di fare una doccia, sotto la quale rimase a lungo per ripulirsi e per riposare dalle posizioni scomode alle quali era stata costretta.
 

Categoria: Dominazione, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1724 n° Letture: 2209

[Segnala questo] Pubblicato: 05/04/2018 Aggiornato: 05/04/2018


Sommario: Tolgo la mia mano perché voglio lasciarla liberamente fare, dato che voglio che mi faccia godere senz’impedimenti. La vedo sorridere nello specchio mentre inserisce un secondo dito nella mia fica ormai completamente aperta, poi un secondo. Si muove con tutto il corpo mentre affonda le dita dentro di me, i suoi seni premono ritmicamente sulla mia schiena, la sua lingua mi lecca il collo facendomi affiorare i brividi. Io mi lascio andare al piacere sempre crescente, finché esplodo in un lungo, convincente e trasportante orgasmo.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1560 n° Letture: 1394

[Segnala questo] Pubblicato: 04/04/2018 Aggiornato: 04/04/2018


Sommario: Provò istantaneamente a immaginare di fare l’amore con una donna, però nulla le stuzzicava adeguatamente la fantasia, nessuna curiosità, semmai un fastidio e una seccatura al pensiero di toccare altri seni che non fossero i suoi, giocando con i capezzoli larghi e scuri grandi come ciliegie, in ultimo trattenerli in bocca per succhiarli con delicatezza. Ascoltare i gemiti di piacere, la voce acuta, non rauca, un sospiro simile al suo, il sapore della pelle dolce di femmina.
 

Categoria: Saffico, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 1920 n° Letture: 910

[Segnala questo] Pubblicato: 03/04/2018 Aggiornato: 03/04/2018


Sommario: Lui mi gira, si colloca le mie gambe sulle spalle, entra in me, lo sento fino in fondo, mi fa quasi male, però mi piace, mi piace sentirlo mio, sentirlo forte, mi piace vederlo sudato che gode. Avverto che s’irrigidisce, che affonda forte i colpi, io mi divincolo, voglio stringerlo con le gambe, lo sento, sta per erompere, allora lo stringo forte, provo a stringere anche la mia fica, contraggo i muscoli, lo sento sempre di più, dopo lui sborra gemendo di gusto la sua densa linfa energica e lattescente.
 

Categoria: Etero, Sensazioni
Capitoli: n° Parole: 2509 n° Letture: 1516

[Segnala questo] Pubblicato: 02/04/2018 Aggiornato: 02/04/2018