Culetto di fata.

Mi chinai a novanta gradi, per aprire il forno, e controllare a che punto era la cena. Il vestitino di alzò, mettendo in mostra le autoreggenti e il mio tanga nero. Stefano diventò rosso, moriva dalla voglia di spostarmi di poco il tanga e scoparmi lì...

Di |2019-12-16T14:28:27+01:0012 Ottobre 2007|Racconti Erotici Etero|
Torna in cima