Affiatamento paradisiaco

Saverio mi fissa, è disorientato e accalorato in frammenti identici, mentre m’accarezza le tette, i fianchi e le natiche, bisbigliandomi che sono avvenente, anticonvenzionale, spregiudicata e bollente come non mai, che ho un favoloso e pelosissimo “sticchiu” (figa dalle nostre parti). Io di rimando, pungolandolo ed esortandolo, ironizzando e deridendolo gli manifesto, come se volessi invitarlo a nozze.

Di |2020-05-11T15:11:55+02:002 Maggio 2020|Racconti Erotici|
Torna in cima