Sara e la sexy-trappola in ufficio

Per guadagnare qualcosa e pagarmi gli studi lavorai un annetto in un ufficio, come ragazza tuttofare carina e... disponibile. Certo, disponibile, apparentemente non in quel senso, visto il mio faccino acqua e sapone. Essendo primavera, amavo arrivare in ufficio vestita leggera, una camicetta leggera, gonna che arrivava poco sopra al ginocchio e ballerine ai piedi, nulla di malizioso ma sicuramente davo nell'occhio ai maschietti che bazzicavano l'ufficio: conscia di avere delle bellissime estremità, incominciai a prendere l'abitudine di togliere leggermente un piedino dalla scarpa mettendolo in posizione verticale o sulla sedia, curiosa di vedere quali reazioni avrei potuto suscitare, e [...]