;

Così diventai Angelica

14 0

“Ora sei completamente mia e godi quando lo dico io”

***

Mi diverto a fare sexting ogni tanto, più che altro quando mi annoio e non ho né voglia né fantasia di masturbarmi da sola.
Grazie ai miei racconti mi è capitato che qualcuno mi scrivesse, in realtà sono molto schizzinosa quando si tratta di sexting, anche via mail rispondo gentile a tutti ma è difficile che mi “conceda” con foto o con conversazioni più spinte.
Più che altro perché preferisco qualcosa di più raffinato rispetto a “ti scoperei tutta”  o uomini che mi scrivono chiedendo solamente:
“Quanti anni hai? Come sei fatta?”
“ Mi mandi una foto? “
“Ma non rispondi? Perché non rispondi?”
“Sei una troia perché agli altri rispondi e a me no”

Non fraintendetemi mi piace il sesso spinto e mi piacciono le parolacce durante il rapporto, ma nel sexting ci vuole un minimo di scambio e solitamente quando mi “concedo” mi diverte sapere che le mie parole eccitano qualcuno che mi sta leggendo (motivo per cui ho cominciato a pubblicare racconti) ma piacerebbe anche a me venire con qualche frase interessante.

Bhè, è stato un piacere allietare la tua sega, ora però visto che mi hai chiesto di descrivere dettagliatamente il modo in cui faccio un pompino, io vorrei farmi un ditalino potresti dirmi che…ma improvvisamente …puff… spariti nel nulla.

Non è esattamente questa la mia idea di sexting.

Qualche giorno fa però mi scrive dopo tempo una persona con cui devo dire mi ero divertita qualche mese fa via mail, gli piaceva dominare e ammetto che ho avuto degli orgasmi intensi al tempo.
Già a quel tempo mi aveva detto che ero fatta per essere dominata, proponendosi di aiutarmi a esprimere questo mio lato.
Memore di queste nostre conversazioni mi chiede:
“è tanto che non scrivi, lo conosci lovesense?”
“si lo conosco”
“te lo vorrei far usare tutto il giorno in un centro commerciale per poi riempirti di sborra in un camerino”

Ecco, sono già bagnata, riesce sempre a evocare situazioni che mi eccitano.
In realtà mi piace anche il modo di fare, non sembra avere grandi pretese se non quella di godere insieme quindi sto al gioco e cominciamo a scambiarci mail in cui ci eccitiamo a vicenda.
Chiaramente lui si comporta come un padrone e io di conseguenza come la sua “bambolina” e riesco ad avere degli orgasmi con cui non riesco a trattenere i gemiti e che mi fanno inarcare come se qualcuno stesse qui con me. Pensavo fosse solo eccitante ma forse sono fatta per essere dominata davvero…

Lui a un certo punto mi chiede di diventare la sua schiavetta, una proposta “seria” in cui io dovrò godere solo come vuole lui e rivolgermi a lui proprio come fossi la sua schiava e lui il mio padrone.

La proposta mi intriga, ho un po’ di paura, non stiamo parlando di giocare ogni tanto ma di scrivere anche un racconto su questa mia decisione e comportarmi di conseguenza.
Ma probabilmente mi eccita troppo per rifiutare…quindi proviamo, cosa ho da perdere?!
Ormai sono dipendente dalle sue parole. Scriviamoci su Telegram.

Non me la sento di condividere i miei dettagli personali, quindi alla sua domanda “Come ti chiami?” Rispondo “Sceglimi tu un nome” e così diventai Angelica. La sua Puttana.

Sono in sala con i miei coinquilini quando sento il telefono vibrare

Ciao Angie

Ciao a te

Dopo avergli comunicato dove ero e con chi arriva il primo vero ordine

Vai in bagno e togliti le culotte. E poi torna di la

:

Va bene

Brava
Una cosa.Quando te le togli succhia gli umori che rimangono nella culotte.
Quando hai fatto dimmelo

 

Ok non è difficile si può fare, l’ho già fatto per curiosità da sola in altre occasioni ma il solo fatto che me lo stesse chiedendo lui mi fa stringere le gambe sentendo una gocciolina scendermi dalla figa.
Così vado in bagno mi tolgo le mutande e le fisso, sono fradice e io mi sento un po’ stupida a fare qualcosa che mi ha detto uno sconosciuto.
Non aspetto oltre e comincio a leccare timidamente, l’ho già fatto ma mi sembra diverso questa volta, mi sento ancora più bagnata così comincio a succhiarle sentendo il mio sapore sulle labbra e sulla lingua, esco dal bagno e vado a mettere le mutande nel mio cesto della biancheria, voglio scrivergli subito.

Fatto.

Erano fradicie?

Erano diventate un perizoma praticamente

Le hai Succhiate

:

Certo… Non potevo sprecare tutta quella roba

Sei ancora più fradicia immagino

Caso ha voluto che proprio oggi le mie coinquiline hanno voluto sfogarsi e parlare dei loro problemi in amore così mi ritrovo senza mutande con la bocca che sa di figa a sistemare la cucina mentre loro mi parlano di quanto sono stronzi gli uomini. Quando io vorrei solo godere e dedicarmi al mio Padrone tutto il pomeriggio.

Mentre le ragazze mi parlano non possono sapere che io sto ricevendo foto con donne legate, esposte, frustate…ecc… tutte cose che al mio padrone piacerebbe farmi e a me piacerebbe subire.
E che mi fa bagnare ed eccitare pensare solo di essere nella stessa posizione di quelle donne.
Per un momento la paura e l’insicurezza prende il sopravvento, sto andando troppo oltre forse, lo dico a lui che risponde.

Ti conosco meglio di te

Tu sei una bambolina repressa che deve recuperare anni di perversione

Tu limitati a obbedire

E soprattutto godere

Mi sembra che ti sei eccitata più in sti giorni che negli ultimi anni

 

Ok si hai ragione

Lo ammetto, eccitata come sono è facile convincermi.



Brava schiavetta. Hai i pantaloni zuppi?

Si sono tutta bagnata…

Vatti a mettere il rossetto

Voglio che fai le pulizie con il rossetto nella figa

Vado subito

Sembra che non aspetti altro che ascoltare i miei ordini

 

Ha ragione, sembro una ragazzina, le mie amiche mi parlano ma io non vedo l’ora che lui mi mandi un ordine da eseguire.
Mi allontano con una scusa e vado in camera, prendo il rossetto e poggiata con la schiena al muro lo infilo lentamente nella figa, scorre che è una meraviglia, sono incredibilmente bagnata.
Mugolo sperando che non mi sentano e poggio la tesa indietro sul muro chiudendo gli occhi.
ho voglia ti toccarmi ma non è quello che mi è stato ordinato e resisto tirandomi su i pantaloni e torno in sala.

Così mi metto a fare le pulizie con il rossetto che entra ed esce dalla figa ogni volta che mi piego o mi muovo, ogni tanto controllo i messaggi e aggiorno il mio padrone sul mio stato, lui mi chiama troia, cagnetta, bambolina, cosa che mi fa bagnare come mai sono stata.


Mettendo in ordine mi rendo conto che mancano delle cose in casa e tocca a me andare al supermercato.
Fantastico. Lo dico al mio padrone e chiedo se devo uscire con il rossetto nella figa.

 

Certo

 

Mi preparo ed esco, mi trovo a camminare senza mutande con un rossetto nella figa, i capezzoli duri e il fiatone dato dall’eccitazione.
Nel frattempo il mio padrone mi lascia le istruzioni per questa sera.

Allora io sto uscendo

Tornerò più eccitata e bagnata di prima

Stasera sei libera di toccarti

Grazie padrone

Ma prima voglio che cominci a scrivere il racconto

Senza toccarti

Lo farò

Brava

Sei così fradicia che basterebbe che ti sfiorassi il clito per farti venire

Vero puttana?

Si basterebbe così poco…

Io seduto che ti infilo le dita dei piedi

Che sbrodoli come una cagna

Va bene tutto basta che mi permette di venire

Decido io troia

Si padrone

Brava

 

Mi piace quando il mio padrone mi dice che sono brava, così mentre cammino mi fermo e gli scrivo come mi sento

 

Giusto per tenerla informata.
Cammino e ho l’impressione che tutti sappiano cosa nascondo sotto il vestito.
Mi sono dovuta fermare a sedermi, mi tremano le gambe e avrei solo voglia di venire qui sulle scale dove mi sono seduta mentre la gente mi passa accanto

 

Quando rientro a casa il padrone mi ordina di tirarmi fuori il rossetto di leccarlo, di rimetterlo nella figa e di cominciare a scrivere il racconto.

In bagno obbedisco e mi sento una brava schiava, lecco con gusto il rossetto e me lo rimetto nella figa, sono eccitata da ore e il mio clitoride mi urla di essere toccato.
Resisti ancora un po’, mi dico, gli dico, devo ancora scrivere il racconto poi il padrone mi ha detto che posso toccarti.

Mangio al volo e vado nella mia camera, ho ancora il rossetto nella figa che tenta di uscire e che puntualmente mi infilo nuovamente dentro in profondità.
Mi metto qui a scrivere queste righe in cui dichiaro che mi eccita essere dominata, mi eccita eseguire gli ordini di qualcuno, anzi, i suoi ordini. Sono sua e decide lui come e quando farmi godere.
E questo è il racconto di come sono diventata Angelica.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.