;

La nostra prima volta dopo la quarantena

Erano trascorsi ormai quasi due mesi causa l’impossibilità di uscire dal comune per le restrizioni dovute al Covid19.

Io e Sara oltre a lunghe telefonate, video chiamate, foto, qualche giochetto telefonico… non ci eravamo potuti incontrare.

La mancanza di averci reciprocamente fra le braccia pesava parecchio, non tanto per un aspetto sessuale, anche se l’appetito era molto, ma per il piacere di sentirci catapultati nella nostra Fiaba d’amore.

Quella mattina, armato di guanti mascherina e gel (per le mani!) partì da casa, molto emozionato di rivederla,  sapendo che se mi avessero fermato avrei dovuto dire che andavo a trovare la mia congiunta… e cos’ era…

Parcheggiai l’auto nel parcheggio vicino casa sua, con passo accelerato raggiunsi l’abitazione, lo scuro era leggermente aperto e la porta finestra accostata! Il cuore sembrava uscire dal petto dall’emozione.. la stavo per riabbracciare!

Aprì delicatamente senza far rumore la porta-finestra, lei era sdraiata sul letto, leggermente coperta da un lenzuolo che permetteva un vedo e non vedo, di quella spettacolare Femmina che mi stava aspettando!

Wow…….

Spogliato in fretta lasciando vestiti scarpe e tutto il resto vicino alla porta per non rischiare di contaminare la stanza da letto, mentre lei stava ancora sonnecchiando o facendo finta.. andai a lavarmi le mani.. e tutto nudo mi ripresentai sul letto baciandola con ardore.. un bacio passionale come pochi le labbra che si sfioravano delicatamente, le lingue che si intrecciavano ed il suo sguardo nel mio mentre apriva gli occhi come una principessa delle Favole, al risveglio dato dal suo principe azzurro, che in questo caso sarei stato io!

Il suo sorriso… pure um po di stupore nel vedermi già completamente nudo..

..non che non mi avesse mai visto prima, ma dopo la quarantena almeno un attimo prima di spogliarmi… (avevo già spiegato il motivo per il quale spogliato subito). E comunque pure lei era completamente nuda e pure depilata completamente pure li, sotto il lenzuolo; ma si sapeva che lei dorme nuda quando è a casa da sola.

Mi sdraiai sul letto continuando a guardare quello spettacolo di Femmina, lei imbarazzata nel vedere il modo in cui apprezzavo con lo sguardo la sua femminilità ed il suo corpo morbido, profumato, con le curve nei punti giusti.

Finalmente l’uno fra le braccia dell’altra.. un abbraccio e ancora uno tsunami di baci a pioggia su di lei, viso, labbra, collo.. e le mani che  percorrevano il corpo senza veli di quella meraviglia, sempre più bella!

Ad un certo punto dopo coccole baci interminabili e meravigliosi, e pure palpeggiamenti non solo da parte mia, ma pure lei toccava e accarezzava quell’oggetto… che rigonfio d’amore per lei e solo per lei…

…mi misi sopra di lei continuando a guardarla e ..mentre i nostri sguardi si perdevano l’uno nell’altra..scivolai dentro di lei..

non riuscirò a parole a spiegarvi quello sguardo incantevole con il quale mi fissava mentre diventavamo un unica cosa.. io ero ormai completamente assorto e dentro di lei, il calore mi avvolgeva i suoi umori a fiumi mi inondavano il pene che muovevo piano piano per produrre un lungo piacere reciproco, fermandomi di tanto in tanto dentro lei e guardandola e baciandola, era come fosse stata le nostra prima volta, la prima volta dopo la quarantena!

ormai stavo per venire, mentre lei era già venuta non saprei dire quante volte, non mi capivo più, uscii e posizionato con la testa fra le sue cosce continuai a baciarla intensamente assaporando il nettare del suo piacere che colava oscenamente.. Rilassato un attimo perché stavo per venire.. mentre compivo il mio generoso, si fa per dire, atto assoporativo, iniziò ad accarezzarmi ancora toccandomi e masturbandomi delicatamente, quasi avesse paura di romperlo, una delicatezza mai ricevuta prima d’ora, accarezzava tutta la zona partendo dal mio orifizio anale che masturbava esternamente, risalendo  tutta l’asta scappucciandolo e facendo scivolare la sua mano morbida e lenta..

Un’atmosfera difficile da spiegare a parole, ma l’eccitazione era molta, per entrambi, così messi a 69, mentre io assaporavo lei, lei assaporava me, continuando a risucchiare.. fino ad un ulteriore esplosione orgasmica reciproca dove entrambi ci siamo nutriti del nettare reciprocamente!

Spossati, deliziati, meravigliosamente ancora innamorati, ci siamo accovacciati l’un l’altra, godendo del piacere di starci accanto come no accadeva da qualche tempo…

to be continue

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.