Leggi qui tutti i racconti erotici di: Stone78

Ci rincorriamo come sempre, tra i miei e i tuoi impegni, ogni tanto riusciamo a vederci per un caffè al volo, ma avendo modo, quell’ora si potrebbe sfruttare diversamente.
è passato qualche mese dall’ultimo nostro incontro, anche oggi hai fatto la notte, cosi mi sono organizzato, nello zainetto che porto con me ho un olio per massaggi, nell’appartamento che ho preso lascio una luce soffusa.
Appena entri ci baciamo, siamo entrambi molto eccitati, senti la mia erezione e la cerchi, ma io ti fermo e mi metto alle tue spalle, lo poggio fra le tue chiappe, lo senti duro per te, fa ancora caldo, hai un vestitino leggero, lo faccio scivolare a terra e bacio la tua schiena, sgancio il reggiseno e con la lingua scendo sulla spina dorsale, ti lecco le chiappe, hai messo un perizoma molto interessante, lo ammiro un attimo ma poi lo sfilo, bacio le gambe, poi risalgo e mentre con le mani ti stringo i capezzoli tu giri la testa per cercare la mia bocca, mi stacco e ti chiedo di sdraiarti e di rilassarti.
Tu ti sdrai a pancia in giù, mi guardi mentre mi spoglio, poi mi senti armeggiare con qualcosa, non sai cosa farò, cerchi di vedere ma sono già sul letto dietro di te, lascio cadere l’olio e inizio un lento massaggio, parto dalle spalle, lento ma deciso, le mie mani stringono e massaggiano, si muovono su di te. su tutta la schiena, lentamente ma sempre con decisione, pian paino arrivo ai glutei, li sfioro e torno su, ci metto un pò prima di prenderli tra le mani, prima tutti e due insieme e poi uno alla volta con due mani, li stringo, li tiro, accarezzo il solco con il taglio della mano, sfioro i tuoi buchi, sento il culo che si rilassa, la figa è calda e bagnata, ma vado oltre, scendo sulle gambe poi i polpacci, i piedi e risalgo piano.
Arrivo nuovamente al tuo culo , stringo, tiro, allargo ma ora le mie dita giocano con il culo, lo accarezzo con il dito, piccoli massaggi, lo sfioro senza spingere, rimetto le mani sulle chiappe le allargo poi con i pollici massaggio le labbra, le accarezzo, le apro, ho una visione stupenda di te, totalmente aperta per me. vorrei infilarlo in un colpo solo, ma voglio farti impazzire ancora un pò.
Continuo a giocare con i pollici, a turno li lascio scivolare tra le labbra, poi li faccio salire a spingere sul buco del culo, finche non entra praticamente da solo, ruoto la mano sulla schiena e il polli dentro, l’altra tra le gambe e il pollice nella figa.. ora inizio a masturbarti cosi.. pian piano accelero il ritmo, ma mi fermo, mi metto sopra di te, e lo faccio scivolare nella tua figa, ti scopo piano, alzi i bacino e spingi indietro, aumento i colpi e ti sento venire, vorresti che mi fermassi, ma do un altro paio di colpi e vengo pure io, resto cosi per qualche secondo, mi sfilo e mi sdraio accanto a te, mi guardi ci baciamo e chiudiamo gli occhi per un pò.

1
4
Autore Pubblicato il: 19 Agosto 2022Categorie: Racconti Erotici, Racconti Erotici Etero, Sensazioni, Tradimento0 Commenti

Lascia un commento

1
4