Skip to main content
Racconti EroticiRacconti Erotici Etero

Un’inculata tira l’altra

By 21 Ottobre 2023No Comments

Avevo sui 27 anni, ero una alta dalle forme morbide, un bel paio di tette, un bel culo tondo insomma una bella ragazza come tante. Mi era terminata una storia lunga, dopo un’anno di sbandamento le cose cambiarono in poco tempo e in meglio. Prima il posto alle poste della mia città, poi ho conosciuto Franco quasi coetaneo e collega singol. Abbiamo preso a frequentarci a stare assieme, fidanzarci, ero innammorata di lui. Con il tempo abbiamo preso a fare sesso, per la poca esperienza che avevo mi ha colpito il suo uccello, molto lungo e con una cappella più grossa, poi aveva una durata mi faceva impazzire e il fatto che dopo poco era nuovamente in tiro.
Passavamo i fine settimana assieme in un piccolo appartamento mansarda preso in affitto dove la notte era tutta una scopata, con lui ho iniziato a provare cose che per la mia esperienza erano novità assolute, per dirne una lo stare sopra e altre, poi mi ha portata, vincendo ogni mia resistenza, al sesso orale, pensavo fosse chissà quale cosa scifosa, comunque Franco è una persona molto pulita come me, invece è bello stringere il suo uccello con le mani leccare e succhiare la sua bella cappella poi prenderlo tutto in bocca, diceva che ero diventata brava con la bocca e che facevo dei pompini e con la lingua sembravo un formichiere, con una persona che si ama, e io a Franco volevo bene. Anche lui con la bocca ci sapeva fare nel farmi godere.
Poi con il tempo prese a girarmi attorno al culo, bello sodo tondo, questa poi non volevo saperne, per me era una pratica che non facevano uomo e donna, lui ci provava e io niente, insisteva e io picche. Mi capitarono casualmente delle riviste di storie dove donne raccontavano anche di esperienze di sesso anale con il fidanzato il marito, insomma piano piano diciamo mi sono incuriosita.
Nel fine settimana eravamo assieme nel lettone della mansarda, Franco mi ha nuovamente chiesto di provare a farlo dietro
– Promettimi che non mi farai male, se lo chiedo smetti.
Non mi ha risposto mi ha baciata passandomi poi della crema idratante, dopo aver succhiata la cappella ho cosparso il suo uccello, mi ha nuovamente baciata dopo di che mi sono stesa bocconi, Franco ha iniziato a baciarmi le spalle, le chiappe a leccarmi il buco dicendomi tante cose dolci, che ero brava, ero bella aveo un bel culo, a preso a cospargermi la crema nel buco infilandomi il suo dito medio, non mi avevano mai infilato niente in culo da piccola mia madre il termometro, iniziando a sditalinarmi lentamente, comunque la cosa per esser la prima volta che m’infilavano qual’cosa in culo non mi dispiaceva.
Franco ha preso poi ad abboccare l’uccello al buco dando poi una spinta, ho sentito come una palla entrare il buco allargarsi per poi stringersi attorno al cazzo:
– Ha, oddio.
Franco si è fermato dicendomi:
– Mirella la cappella è dentro.
Mi ha dato un bacetto nelle labbra.
– Piano Franco.
Ha preso e spinto, è stato come se un tubo viscido entrasse dentro me, lentamente ha iniziato a incularmi limandomi, io stavo con la testa appoggiata nel materasso con gli occhi chiusi, mentre m’inculava Franco mi baciava la nuca, le guance le labbra dicendomi tante cose dolci, portava il cazzo quasi a uscire per poi rispingerlo dentro in tutta la sua lunghezza, a un memento mi ha presa la testa tra le braccia baciandomi e piantandosi più dentro, mi sono sentita gonfiare di calore in culo, siccome non avevamo mai usata nessuna precauzione per la prima volta era venuto dentro di me. E’ restato un poco piantato dentro continuando a baciarmi, poi ancor duro è scivolato fuori quando è uscita la cappella si è sentito un piccolo schicco, si è steso accanto a me tirandomi la testa a se mi ha baciata:
– Ti ho fatto male?
– Poco quando sei entrato ma poi è stato bellissimo.
Abbiamo preso a limonare pochi momenti dopo ero nuovamente sotto lui per quella che era la seconda inculata della mia vita, devo dire che vi era molta passione, mentre m’inculava aveva prese le mie mani scambiandoci dei baci, era bello. Poi vuoi per l’inculata, per me nuova, per il seme che mi aveva scaricato dentro prima ho sentito il bisogno urgente, Franco è uscito e tenendomi un fazzolettino premuto sono corsa in bagno seguita da lui. Mentre ero sul water e si lavava al lavandino gli ho sorriso dicendogli.
– Il clistere.
Mi ha baciate le labbra:
– Dopo se vuoi te ne faccio ancora.
– Volentieri anche la supposta e il termometro.
Dopo lavata son tornata in camera era in piedi l’ho abbracciato e nuovamente baciato, mi ha date due pacche nel culo allargandomi le chiappe:
– Culona sei una bella culona.
– Ti è piaciuto incularmi?
– Tanto a te?
– Tantissimo
Ci siamo nuovamente Baciati profondamente, io non so ma mi sentivo più sua, mi sono abbassata prendendo a succhiare il cazzo, non vi è voluto molto perchè tornasse a essere duro, mi sono inginocchiata sulla sponda del letto dopo lubrificato con le dita mi ha allargate le chiappe, mi piaceva, indirizzando sul buco, è scivolato dentro tenendomi per i fianchi ha iniziato ad incularmi ho girata la testa indietro gli ho sorriso dicendogli:
– Che troia sono diventata faccio i pompini, mi faccio inculare, sono proprio una troia.
Queste parole hanno fatto eccitare ancor più Franco, mi ha presi i seni in mano e iniziato a spingere più dentro sentivo lo sbattere del suo ventre con le chiappe, era la terza volta che mi facevo inculare però mi piaceva, ho nuovamente girata la testa tirandogli un bacetto ho preso poi a culettare sorridendogli, ha tirato fuori l’uccello un’attimo allargandomi le chiappe rispingendolo dentro, ha continuato ad incularmi e io a sculettare scaricando poi nuovamente il seme dentro me.
Ci siamo messi poi stesi a limonare e io con fare ruffiano e scherzoso:
– Avevi detto che se ti davo il culo mi fossi fatta inculare poi mi avresti sposata.
– E’ quello che faremo la prossima estate.
Ho dato lui un bacio bellissimo sono poi scesa giù ha succhiare il suo uccello, diventato duro l’ho cosparso di crema dop che mi sono girata bocconi con le mani allargandomi le chiappe, Franco è venuto sopra me infilandomi il cazzo in culo, ha preso a pomparmi in tutta la sua lunghezza, era bellissimo con la bocca ha cercatola mia, ci siamo dati un bacio, è bello che ci baciamo mentre m’incula, quando si staccava dalla bocca prendevo a baciare le sue braccia si è poi appoggiato sulle punte dei piedi con le mani appoggiate al letto con il suo cazzo infilato dentro di me inculandomi profondamente io ho preso ad alzare il culo in aria muovendolo secondo le sue spinte dicendogli:
– Oddio amore.
– Ti faccio male? Devo uscire.
– No amore no, inculami ancora, così mi piace.
Mi ha nuovamente baciata continuando a pomparmi il culo, si è poi steso su me prendendomi la testa con le mani iniziando ad incularmi velocemente per poi scaricarmi nell’intestino nuovamente la sua sborra, ha continuato a baciarmi ancora per poi uscire ancora un poco duro, che sensazione, a preso a massaggiarmi le chiappe.
– Mirella che culo che hai.
Cosi dicendo ha allargato natiche e buco continuando a massaggiare fino a che non ho preso e buttato fuori quello che in due inculate mi aveva scaricato dentro.
Ci siamo poi un poco assopiti, io dentro me ero contenta di quello che mi aveva e mi ero fatta fare, ho dato lui un bacetto nel petto, la cosa lo ha fatto svegliare con la mano sono scesa giù il cazzo era un poco duro, l’ho stretto con la mano, certo che l’ha lungo, poi sono scesa prendendolo in bocca succhiandolo, è tornato bello duro.
Franco ha voluto che mi girassi sul fianco l’ho visto prendere il vastto della crema mi ha lubrificato il buco infilandomi un dito, mi ha sditalinato io che spingevo un poco indietro quando poi ha tolto il dito con una mano ho allargato il culo così che ha abboccata la cappella infilandomi poi il cazzo nuovamente in culo.
Ha preso ad incularmi con le mani mi teneva i seni, ho preso poi a sculettare, Franco prima mi ba baciate le spalle poi ha preso ad accarezzarmi la fica, era meraviglioso, spingeva che lo sentivo dentro fino a che anche questa volta mi scaricato in culo la sborra.
Ora siamo sposati da tanti anni abbiamo tre figlie, dopo i primi cinque anni di matrimonio, non mi ha messa incinta dal culo ma ancora adesso m’incula spesso e ogni volta con sborrata interna. Io da quella sera sono diventata un’appassionata del sesso anale, per me è fare sesso, godo tantissimo quando sento mio marito venire dietro e dentro di me.
MIRELLA

39
25

Leave a Reply