Leggi qui tutti i racconti erotici di: Bollentispiriti

Nel belluino assalto
che m’invase, caldo
l’afflato, provai
l’intimo disagio
di averti dentro,
invadente ospite
ingrato che pur io
tanto a lungo avevo,
e invano, desiderato.

All’improvviso ricolma
di tua burrosa fecondità,
gravida del liquoroso seme,
t’accolsi, vaso di cotto
porcellanato, ampolla
di cristallo, orcio gravido
d’olio spremuto dalla carnosa
drupa del tuo frutto
dall’intenso sapor di muschio.

Così ti presi e ti condussi
al torchio e ti spremei
e da te ottenni lo sperato
premio: il tuo godere, ottenni;
ed anche il mio che, anzi,
più intenso è irrefrenabile
si fece nell’ardore d’amore[che ci prese.

Autore Pubblicato il: 23 Novembre 2021Categorie: Poesia Erotica, Racconti Gay, Sensazioni0 Commenti

Lascia un commento