;

Cartomanzia – 9a parte – Il prezzo dell’alleanza e le idee fulminee

6 0

Era stata una lunga trattativa: lei aveva esposto la sua idea -in modo assolutamente grezzo, molto schematica!- ed il santone l’aveva aiutata a perfezionarla, limarla, ottimizzarla, renderla suggestivamente praticabile.
Alla fine Barbara era soddisfatta dell’accordo, nonostante il “pagamento” che aveva dovuto concedere all’uomo ed era convinta che ne valesse la pena.
Ripensò con un brivido a cosa aveva dovuto fare per assicurarsi la collaborazione dell’uomo: nonostante sia sempre molto sicura di sé (qualcuno arrivava a definirla perfino ‘arrogante’, figuriamoci!) ed il fatto che stesse cautamente in guardia contro gli eventuali trucchetti dell’uomo, ad un certo punto della sua visita si era ritrovata esausta, con i muscoli delle cosce indolenziti e nuda, seduta sulla poltroncina di fronte al santone, che la contemplava con uno sguardo decisamente divertito.
Lo aveva tacitamente interrogato con uno sguardo denso di domande e lui, senza dire una parola, le aveva porto una piccola telecamera digitale, indicandole il display, mentre lei rammentava alcune considerazioni che Dido aveva fatto su lei, assicurandole che neanche la sua forte personalità avrebbe potuta metterla al riparo delle sua capacità, ma che anzi, sarebbe stato ancora più divertente piegare la sua volontà per farle compiere azioni estremamente umilianti, come e forse ancor di più della sua rivale; lei aveva riso, mostrando una sicurezza che però, nella sua mente, era leggermente incrinata.
Poi… poi avevano continuato a parlare, affinando sempre più l’idea e lei era finalmente soddisfatta del risultato della discussione fino a che… fino a che Dido le aveva detto di osservare attentamente uno strano ninnolo e poi… e poi si era trovata lì, nuda e con le cosce intorpidite.
Barbara, con orrore crescente, aveva guardato nel display ed aveva visto se stessa, nuda a parte due lunghe, ridicole penne infilate in un cerchietto sui capelli, che faceva il verso della gallina mentre, mani intrecciate sulle reni, becchettava chicchi di granturco che qualcuno, fuori inquadratura, gettava sul selciato del vicolo e lei che si abbassava a becchettarli… a raccoglierli con le labbra, piegandosi fino toccarsi il tronco con le cosce e con i seni che dondolavano oscenamente ed oscenamente il suo culo si divaricava, piegandosi, mostrando impudicamente i suoi orifizi.
L’ultima inquadratura, dopo cinque minuti di umiliante esposizione del suo corpo nel vicolo -e con sguardi tra il divertito e l’intrigato dei rari passanti- era un primo piano di lei, con la punta del naso ed il mento anneriti dallo strisciare sul selciato ed il rossetto (che aveva appena ‘rinfrescato’, prima di entrare nell’antro di Dido!) tutto sbaffato intorno alle labbra e sulle guance e lei che dopo aver coccodato piano, afferma «Io non sono l’aquila che credevo di essere, sono solo una stupida gallina e mi piacciono il granone e sopratutto i galli’, prima di urlare un possente «Coccodéeehh!’, appena prima che la ripresa terminasse.
Era riconoscibilissima ed ogni parte del suo corpo era stata ripresa senza alcuna eccezione e senza alcuna pietà. Addirittura, l’operatore (lo stesso Dido, probabilmente) aveva fatto una sequenza dove, partendo dal primo piano del suo viso, faceva scorrere l’impietoso occhio della cam lungo il fianco, fino a mettersi alle sue spalle e poi, abbassandosi, aveva effettuato un imbarazzante primo piano delle sue ninfe e del suo ano impietosamente esposti, mentre si abbassava per becchettare qualche chicco di granone dal selciato.
Era nelle turpi mani dell’uomo!!! Se qualcuno avesse visto quella assurda ripresa, lei sarebbe stata completamente rovinata!
Con un gesto, che Dido evidentemente non si aspettava, gli strappò dalle mani la cam -per fortuna conosceva quel modello!- e prima che l’uomo potesse riprendersi dalla sorpresa e reagire per contrastarla, aveva estratto la scheda di memoria, ne aveva stretta una metà tra i denti e, premendo forte con le dita, l’aveva spezzata in due. Libera!!!
Dido, reagendo con qualche istante di ritardo, le aveva tolto la cam della mano e poi aveva assistito, sorpreso, alla distruzione della scheda; alla fine aveva fatto uno strano sorriso ed aveva solo commentato: «Monella…»
Barbara era furibonda: non solo nei confronti dell’uomo, ma anche e sopratutto nei suoi stessi confronti, perché non era riuscita -nonostante fosse convinta del contrario!- a contrastare gli artifici di Dido.
Si rivestì con furia rabbiosa, sotto lo sguardo pigramente divertito dell’uomo e solo quando fu tornata dal bagno, dove si era ripulita il viso e ripristinato il rossetto, il santone le rivolse nuovamente la parola: «Ho solo voluto darti una piccola dimostrazione dei miei poteri, Barbara… Come vedi posso TUTTO!
Comunque, la tua idea mi piace e vedrò di metterla in essere quanto prima…
Adesso puoi andare!»

Ascoltando il ritmico ticchettare dei suoi tacchi sul selciato, Barbara si stava lodando da sola per aver avuto la prontezza di estrarre e distruggere la scheda di memoria: così riconoscibile, sarebbe stata in balia di Dido che avrebbe potuto chiederle qualunque cosa…
Va beh che per lui, lei era solo Barbara, la donna di Giulio, il marito di quella stupida di Paola, ma già sapendo queste poche cose, avrebbe potuto magari scoprire dati… sensibili su di lei.
No, meglio di no! Troppo pericoloso!
Venne distratta da queste riflessioni dal pigolio di un messaggio in arrivo sul cellulare; ripescò l’apparecchio dalla borsa e notò che il mittente non era uno dei suoi numeri memorizzati: strano!
Con una vaga vena di panico, notò che era un MMS e lesse prima il testo di accompagnamento: «Cmq sei una fimmina beddissima. Te lo mando intero in email, così ti puoi rivedere! Ci rivedremo!»
Angosciata, fece partire l’allegato, una breve clip: erano pochi secondi del filmato che credeva di aver distrutto!
Dido l’aveva fregata! Ecco perché le aveva lasciato prendere la scheda, il bastardo!!! E mentre lei era in sua balia, doveva aver frugato nella sua borsa, impadronendosi della sua email, del suo numero di cellu, sicuramente anche leggendo i suoi dati sui documenti…

Paola, dopo la quotidiana seduta da Maestro Dido, decise di fare una passeggiata sul lungomare e, nonostante si vergognasse a morte della minuscola gonnellina plissettata e la camicetta che si era trovata ad indossare quella mattina, si scopriva suo malgrado a sorridere in risposta ai non rari commenti salaci che, a volte, qualcuno le rivolgeva.
Mentre caracollava sui tacchi, ancheggiando molto più di quanto avrebbe voluto, si sentì chiamare «Zia! Ziaaa!!! Zia Paola!!!»e quasi subito sentì una mano che l’afferrava -pur con una certa delicatezza- sulla spalla.
Si girò e davanti si trovò Giacomo, suo nipote: «Oh, scusami Giacomino… ero distratta….» piagnucolò contrita.
Il giovane valutò il tono di scusa, remissivo della zia ed ebbe un’ispirazione: «Scusami un cazzo! Vieni con me!»
Si diresse verso un portone che vedeva socchiuso, ma poi pensò di aver osato troppo e gettò uno sguardo sopra la spalla, pensando di vedere Paola ancora ferma dov’era; invece la donna aveva cominciato a seguirlo e così lui, pregustando ciò che aveva in mente, se lo sentì subito inturgidire.
Varcata la soglia, sorrise tra sé: era un portone che conosceva bene -ci abitava un suo ex compagno delle medie- e ricordava ancora quanto fosse semplice aprire la porticina che portava alle cantine… se non avevano cambiato il meccanismo!
No, era ancora tutto come ricordava! Trovò a tastoni l’interruttore della luce -una lampadina nuda da 60 candele tutta scagazzata dalle mosche- e prese la zia per il polso, trascinandola fino oltre l’angolo che faceva il corridoio; poi si abbassò la zip dei jeans, con una certa difficoltà liberò il suo giovane, marmoreo cazzo dall’impiccio di pantaloni e boxer e infine, seccamente, disse: «Dai, succhiamelo!»
Per un istante venne visitato dal dubbio di aver esagerato, ma poi vedendo che zia Paola si accucciava e, senza dire una parola, cominciava a succhiarglielooooooohhhh…
Sentì che stava per sborrare dopo pochissimo e, memore dei pornazzi che aveva visto sul pc, decise di afferrarla per i capelli e sborrarle in gola, costringendola anche ad inghiottire tutta la sua sbroda.

Si accorse con stupore, quasi deluso dalla docilità della zia, che lei accettava di buon grado quel trattamento e questo gli accese i sensi e la fantasia.
La fece alzare bruscamente e, sempre tenendola saldamente per i capelli, la baciò violentemente in bocca, in modo da sancire chiaramente il suo dominio.
Poi, con mani affannose, le slacciò la camicetta freneticamente, facendo saltare anche un bottone e si abbassò per succhiarle e morderle io capezzoli già ben eretti: «Sei una troia, zia…» diceva tra una ciucciata e l’altra e vedeva che lei annuiva «… Una puttana famelica di cazzi…» e intanto le sue mani scendevano sotto la ridicola gonnellina pieghettata e un suo dito arpionava il delicato pizzo del perizoma «… E io adesso, dopo che hai ingoiato la mia sborra come una baldracca, ti scopo e ti inculo…» sentì il crepitio del tessuto del peri che si lacerava e, strattonando il cordino intorno ai fianchi, lo sentì cedere di colpo, distrutto «… Qui, in questa lurida cantina, come la bagascia che sei…»

Le fece scivolare i resti del peri fino attorno alla caviglia e, mentre lei continuava ad annuire, le fece fare un passo indietro per recuperare il suo trofeo, col quale avrebbe potuto poi vantarsi con gli amici «… E’ vero che sei una gran puttana sempre affamata di cazzi? Rispondi!»
«Sì… lo sono…» ammise Paola, con un filo di voce.
Giacomo si stava eccitando sempre più, per quel senso di onnipotenza che la situazione gli stava donando; decise di giocare da cattivo: «Lo sei… Cosa??? Dimmelo tu, per bene cosa cosa sei, con la tua voce!»
Paola inghiottì la saliva che si sentiva in gola e poi: «Io… io sono una grandissima puttana famelica e amo prendere tanti cazzi in bocca, nella fica e nel culo… e farmi sborrare ovunque, ingoiando e facendomi allagare tutti i buchi…»
Tant’è, Giacomo non osava credere alle sue orecchie: la zia non si era accontentata di ripetere passivamente ciò che aveva detto lui, ma aveva… allargato il concetto, con dettagli che adesso gli turbinavano in mente, sforzandosi di diventare un progetto che “sentiva” di stare per concepire.
Allungò la mano e spinse rudemente tre dita tra le labbra della fica della sua vittima, la sua schiava e si stupì di quanto facilmente entrassero: «Sei proprio sfondata, zietta…»
La donna annuì, ad occhi bassi, mentre lui aggiungeva un quarto e poi un quinto dito e poi spingeva per entrare con tutta la mano, come aveva visto fare in internet.
Poi rinunciò, irritato che non entrasse facilmente e con uno strattone la fece voltare e piegare a novanta gradi, per scrutare le sue intimità.
«Hai tutta la fica slabbrata, troia! Scommetto che hai preso chilometri di cazzi!
E anche questo culo, gonfio e dilatato… Quanti cazzi si è mangiato? Quanta sborra ci hanno rovesciato dentro, baldracca?’
Paola taceva e lui, di colpo, la inculò a secco, provocandole solo un piccolo sussulto, come se fosse sorpresa, più che per un eventuale dolore.
Sentiva il culo della zia morbido, largo, bollente, piacevolissimo; decise di provare anche la fica e quindi lo sfilò e subito lo infilò nell’altro bersaglio.
Se possibile, era ancora più morbida e calda del culo e lui, nonostante il suo «piolo»non fosse di dimensioni trascurabili, ci… ballava dentro, anche se la cosa lo intrigava ed eccitava da impazzire!
Sentiva che stava quasi per sborrare e ben due pensieri, in un lampo, gli attraversarono la mente!
Si eccitò così tanto che il suo cazzo parve esplodere in lunghi schizzi cremosi dentro quella porca di sua zia!
Mentre riprendeva fiato, riuscì ad afferrare le code dei pensieri che gli erano sfrecciati per la mente; seguendo il primo, estrasse dai jeans il cellu e cominciò a fotografare le intimità della sua zietta-troia.
Finito ciò, organizzò un attimo le idee, sorrise affascinato dalla sua ideona e poi parlò: «Sai, troia… non ti spiace che ti chiami troia, vero? Beh, dicevo: tu devi fare una cosa, tra qualche giorno…. Adesso stammi a sentire attentamente, che ti spiego…»

Il suo passo era titubante, come se non volesse arrivare a casa ed era diventata impermeabile anche ai commenti e le proposte volgare che le rivolgevano; la sua mente era un mulino, addirittura un frullatore di pensieri, emozioni contrastanti.
Ripensava a quello che le aveva fatto subire il nipote, in quel polveroso ed umido corridoio, a ciò che era stato detto, a ciò che aveva provato sentendo quasi lacerarsi il suo animo!
Da una parte la vergogna sconfinata del dover subire quell’umiliantissima, schifosa, volgare, incestuosa situazione senza avere la forza, la voglia, il coraggio di dire: «No, basta! Non ci sto!»
Dall’altra quelle ondate di piacere che la travolgevano, sommergendola completamente; quel sottile, strano, nuovo piacere che provava nel soddisfare ogni richiesta -anche la più oscena! Anche la più umiliante!- che le venisse fatta.
Giulio, dopo l’entusiasmo dei primi giorni dopo il suo rientro, era sempre troppo stanco per fare l’amore con lei ed intuiva ormai che qualcosa stava cambiando, tra loro.
E lei, adesso, si trovava con la assurda richiesta del nipote… una richiesta per la quale sarebbe sicuramente morta di vergogna, per la pesante umiliazione che implicava, ma… ma anche un inaspettato stato di eccitazione, immaginando come la cosa si sarebbe, o avrebbe potuto!, svilupparsi.

Erano passati i pochi giorni e lei aveva narrato a Maestro Dido gli avvenimenti di quel giorno e le richieste di Giacomo; o meglio, non era certa di averglielo narrato -dopo le sedute, si sentiva sempre vagamente stordita- ma aveva comunque la sensazione di avergli fatto una completa narrazione e -fotogramma nebulosamente ricordato!- le sembrava di ricordare Maestro Dido col suo cellulare in mano, a cercare nella rubrica.
Ma non era importante, questo; l’importante era tutto il lavoro preparatorio che il nipote le aveva chiesto (Chiesto? Ordinato!) di fare, per giunta con continui aggiornamenti, miglioramenti, ampliamenti…
Perciò, pur piangendo dalla profonda vergogna che provava, non era riuscita a rifiutarsi di telefonare agli amici elencati del nipote per invitarli, con voce suadente, alla festa di compleanno di un loro amico, festa intitolata (esplicitamente!) «Festa alla MILF» ed assicurando ai ragazzi increduli che lei sarebbe stata presente.
Alcuni erano restati attoniti, all’invito ed avevano sbrigativamente ringraziato e chiuso subito la comunicazione, probabilmente spiazzati ed imbarazzati dalle implicazioni che si prefiguravano di quella festa «per soli maschi».
Altri invece, più audaci, le avevano chiesto di descriversi, alcuni perfino chiedendo imbarazzanti particolari del suo corpo e certi persino arrivando a chiedere come sarebbe stata vestita e se davvero sarebbe stata lei «la MILF a cui fare la festa»
Lei aveva soddisfatto ogni loro curiosità e, finalmente, era arrivato il giorno, l’ora della festa.
Come da dettagliate istruzioni, prese un taxi e si presentò, puntuale, davanti al cancello della villa, appena fuori città.
Scendendo dal taxi, si senti ballonzolare i seni, con un vago senso di fastidio… si erano ingrossati un bel po’, da qualche tempo, erano diventati più voluminosi e li sentiva… strani, pesanti; per la prima volta senti la netta mancanza di un reggiseno.
Il cancello interrompeva una siepe foltissima, alta oltre tre metri, che assicurava evidentemente la massima privacy ai proprietari.
Premette il pulsante del campanello e quasi subito uno schiocco ed un piccolo spostamento dell’anta, le fecero capire che poteva varcare il cancelletto pedonale.
Appena lo aveva richiuso, si era voltata a contemplare la villa, un’ampia costruzione ad un piano, circondata da un prato molto curato e con un vialetto inghiaiato che girava ampio intorno allo spigolo destro della costruzione.
Lei invece si trovò a seguire una specie di sentiero mattonato che collegava il cancelletto pedonale al portone d’ingresso della villa, che si schiuse in quel momento e da cui spuntò suo nipote Giacomo.
«Ah, sei arrivata, troia…» la accolse, ma senza cattiveria: solo una constatazione.
Non stette ad aspettare che lei rispondesse, ma dopo averle seccamente detto di seguirla, si incamminò nell’attraversare tutta la villa, fino ad arrivare ad una grande vetrata scorrevole che permetteva di accedere ad un giardino, più intimo del parco circostante, affollato da una quindicina di teenagers schiamazzanti, sparpagliati tra alcune sdraio, intorno ad un lungo tavolo -sotto un gazebo- traboccante di vassoi di stuzzichini e bevande od a sciaguattare nella piscina.
Giacomo si fermò un attimo, prima di fare la loro apparizione all’esterno e, dopo averle fatto posare la borsa in posizione defilata dietro ad una poltrona, le sussurrò seccamente nell’orecchio le ultime istruzioni, prima della loro “entrata in scena”.

zorrogattoge@yahoo.it

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.