;

Mio suocero – 9 – Raccontando

21 1

Cominciai a narrare, spiegando che sono successe diverse cose sul mio lavoro; quella principale è che ci siamo trasferiti nella nuova sede e che la signora Stefania, che aveva una striminzita scrivanietta nell’anticamera dell’ufficio del capo, adesso ha acquisito maggiore importanza ed ha un ufficio tutto suo e la possibilità di poter avere persone ai suoi ordini.
Appena arrivata nella nuova sede, col mio scatolone della roba che avevo nella scrivania, la signora Stefania mi ha detto: «Vieni, Monica: ti devo parlare! Ho avuto un avanzamento professionale ed ora tu sarai la mia segretaria e sarai nel mio ufficio con la tua scrivania.

Ne ho parlato con Paolo: ne è felice ed ho via libera su di te.

Perciò avrai un cassetto con quello che servirà giornalmente e seguirai le mie regole:

1° quando arrivi terrai solo la camicia con tre bottoni aperti e deve essere di due taglie più piccola.

2° berrai una bottiglia di acqua ogni ora e mezza.

3° non potrai andare in bagno senza permesso; quando ne senti la necessità devi venire da me, come una cagna, a baciarmi i piedi e se non lo farai bene non andrai,

4° a giorni alterni allargheremo i buchi con vari falli che troverai già sulla sedia,  userai spesso mutande di corda ma non le toglierai quando vai in bagno così la terrai bella bagnata nella figa,

5° con Paolo abbiamo preso un tiralatte da usare almeno tre volte al giorno, ma lo useremo più volte, e sarò io a usarlo su te,  prima arriva il latte prima si userà anche alla fonte, poi vedremo altre regole.
Tutto chiaro?» ed io ovviamente assicurai che avevo ben compreso.
«Pezzo di stupida, allora che cazzo aspetti? Spogliati e mettiti la camicetta che è nel cassetto!»

Ed io feci come la Signora ordinava, spogliandomi e mettendomi la camicetta, che mi tirava sulle spalle e di cui riuscii a fatica ad allacciare solo due bottoni sotto lo stomaco.
Mi fece anche indossare una sorta di mutandina fatta di ruvida corda, che alla fine strinse e mi bloccò alla vita con un lucchettino. Tastandola, capii che potevo allontanare le due funicelle nel solco delle natiche, per poter evacuare in modo relativamente igienico, mentre davanti avrei dovuto far ruscellare il getto sulla corda e da lì lasciarlo gocciolare nella tazza.

Poi mi sedetti sulla sedia che mi era stata riservata: una normale sediolina a ruote di quella con la seduta e lo schienale di plastica azzurra bucherellati, ma dove sulla seduta era stata avvitata una tavoletta di opportuna dimensione: era fatta col materiale economico che ormai si usa: trucioli pressati ed incollati in mezzo a due strati di plastica, Sembrava scomoda, per starci tutto il giorno, tutti i giorni, ma… «Ho dovuta fartela modificare così, in modo da avere una superficie piana e liscia, dove le ventose dei vari cazzi potessero far presa… Sei contenta che mi sia occupata anche di questo, per accoglierti degnamente qui con me?» Mi chiese la signora Stefania ed io ovviamente mi profusi in ringraziamenti.

Tirò fuori da uno sportello un cazzo finto lungo circa venticinque centimetri e del diametro di forse cinque e mi disse di assicurarlo con la sua ventosa sulla sediolina.

Quando ebbi fatto, mi disse di… schiaffeggiarlo con la mano e poi, visto che era correttamente fissato, mi disse di sedermici su, cosa che ovviamente feci subito.

E così cominciai a lavorare agli ordini della Signora Stefania. A volte, per farmi riposare un buchetto, mi diceva di piantarmi il cazzo nell’altro, alternando davanti e dietro.

La cosa davvero poco simpatica è che, dovendo bere molto acqua tutto il giorno, devo fare pipi…» «Troia, che parole sono, quelle?? Eccazzo!!!» mi interruppe il Padrone.
«Mi perdoni, Padron Paolo: bevendo molta acqua, devo pisciare abbastanza frequentemente, ma così facendo la corda si intride e mi punge, mi pizzica, mi irrita la fica.
Poi, per quanto provi ad asciugarla, la corda rimane sempre bagnata ed alla fine della giornata, prima di andare via, devo pulire per bene da ogni taccia di umidità il piano della sedia e così uso, su raccomandazione di Padrona Stefania, gli abiti che indossavo arrivando al mattino.

Inoltre, quando la Padrona è stressata, devo succhiarle i piedi o leccarle le scarpe ed una volta, che stava facendo una videoconferenza molto importante, mi ha fatto capire che le scappava da pisciare, ma che non poteva andare e così mi sono abbassata sotto il piano della scrivania, lei ha aperto le gambe, le ho scostato lo slippino da una parte e poi ho fatto aderire la bocca alla sua magnifica fica e allora lei si è potuta alleggerire, pisciandomi in gola. Io ovviamente ho bevuto tutto ed alla fine, per ringraziarmi, mi ha dato un calcio nelle costole, ma piano… affettuoso.

Poi, quando finisco…» «Aspetta troia!» Mi son fermata subito, all’ordine del mio padrone, restando in attesa di disposizioni.

«Direi che tuo marito si è meritato di vedere come sei brava, a succhiarmelo. Dai, comincia!»
E così interruppi la narrazione e cominciai a fargli il pompino che mi chiedeva; mi sono impegnata al massimo e il mio Padrone, che pure si godeva le sensazioni che gli davo, oltre a vedersi il cazzo leccato e succhiato da me, davanti agli occhi sgranati ed esterrefatti di mio marito, suo figlio, alla fine mi ordinò: «Sto per sborrare: stavolta non voglio che lo ingoi come al solito, ma che lo tieni tutto in bocca»

Annuii per fargli capire di aver capito e lì a poco, quando alla fine eiaculò tantissimo come suo solito, la tenni giudiziosamente in bocca.

«Sei davvero una brava troia… -mi disse, dandomi affettuosi colpetti sulla testa, come si fa coi cani- … ma pensavo che, dopo tanto tempo che tuo marito è stato via, dovreste proprio baciarvi per bene… Non credete?»
Marco lo guardò allarmato, ma Padron Paolo fu implacabile: «Dai troia: alzati e vai a baciare Marco… e mi raccomando: un bel lingua in bocca!»
Così mi avvicinai a mio marito, gli alzai il viso mettendogli affettuosamente un dito sotto il mento e poi lo baciai a fondo, lungamente.
Lui, superato il primo momento di imbarazzo, ha contraccambiato e non ha protestato anche quando, dopo aver raccolto col dito lo sperma colato fuori, glie l’ho rimesso in bocca.

«Adesso vai avanti a raccontare: quando arrivi a casa, cosa fai?»

Dopo un’ultima leccatina sotto la narice di Marco (c’era ancora una gocciolina della cremina buona di suo padre), ho proseguito.

«Come arrivo a casa, mi spoglio completamente, bene in vista da chi guarda verso casa dalle finestre intorno e resto a disposizione di Padron Paolo, che a volte viene qui per chiavarmi in ogni modo fino a sborrare oppure può arrivare con suoi conoscenti che mi usano a fondo, anche in modo non garbato.
Nel caso invece Padron Paolo abbia altri progetti e quindi scelga di non venire qui, avverto la nostra vicina, la signora Liliana, che ha sempre simpatici amici con voglia di chiavare.

Nel finesettimana, se Padron Paolo non ha bisogno di me, posso andare a trovare i miei amici immigrati, in una palazzina fatiscente che ho trovato per caso sbagliando strada, dove al paio di amici iniziali, se ne sono adesso uniti diversi altri, che amano fottermi entusiasticamente, anche in allegre ammucchiate.

Domani, la Signora ha già deciso di portarmi a fare un nuovo tatuaggio ed a sostituire gli anelli dei piercing alla fica con anelli ancora più grandi e pesanti…»

Ho finito e Padron Paolo ha sorriso, soddisfatto.

«Brava baldracca! Sei stata esaustiva e concisa. Adesso però è l’ora… Dai, preparati!»

Uh! Per la gioia di rivedere mio marito dopo tanto tempo, me ne stavo quasi dimenticando!

Così sono andata in bagno, mi sono accuratamente lavata ed asciugata i seni e poi sono tornata di là, dove mio suocero aveva già predisposto tutto: mi sono di nuovo messa sul tavolino, appoggiandomi su mani e ginocchia e lui mi fa sistemato i seni, prima uno e poi l’altro ed alla fine ha acceso la macchina ed io mi sono sentita succhiare ritmicamente i capezzoli dalla mungitrice automatica, mentre già le prime gocce di latte cominciavano a scorrere nei tubicini…

«Hai visto che vera vacca, che ho fatto diventare tua moglie? Vacca da latte!

Sai, per fortuna, in quanto veterinario, so come si procede per ottenere una abbondante lattazione: ci vuole pillola anticoncezionale per gli ormoni, poi un medicinale che si chiama Domperid… ma cosa te ne frega del nome, poi, a te, coglione? …e per finire, una pappetta con fieno greco; conto di farla arrivare a circa quattrocento c.c. al giorno… e non è molto distante, il traguardo!

Allora, contento delle novità?»

«Beh, papà…»
«No tranquillo… -lo ha subito interrotto il dottore- … non serve che mi ringrazi: l’ho fatto volentieri, davvero!
Adesso però scusami: con la baldracca impegnata con la mungitrice, l’unica cosa che posso fare è incularmela un po’, giusto per passare il tempo… Non ti disturba che lo faccia, vero? No, direi proprio di no, mezzasega! Tanto tu non ci riuscirai mai…»

E dopo avermi appena inumidito il culo con due dita insalivate, mi è entrato dentro di colpo, cominciando subito a stantuffarmi con buon ritmo.

Fortuna che il mio culo è allenato…

Per contattarmi zorrogattoge@yahoo.it

1 commento

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.