;

Silvia e’ partita con i colleghi…

Tua moglie Silvia è partita per un viaggio di lavoro con alcuni colleghi di ufficio. L’hai vista uscire di casa con la valigia, un bell’abitino stretto e tacchi forse troppo alti per l’occasione.

Verso sera ti comincia a venire qualche dubbio… il suo telefono è spento, strano. Forse ha le batterie scariche.

Questo e’ Il resoconto di ciò che è accaduto.

 

Dopo un pomeriggio di noiosissimi incontri nella sala congressi, Silvia finalmente si rilassa un poco al bar dell’albergo. E’ seduta normalmente su uno sgabello al bancone, e si ordina un bicchiere di vino.

I colleghi la notano subito, da un tavolo vicino. La guardano, ma lei non sembra accorgersene. Si alzano, e la raggiungono. Sono in tre, piu giovani di lei e di te. 

 

Tu da casa provi di nuovo a chiamarla sul cellulare. Nulla, e’ spento. Ti cominci un po’ a preoccupare.

 

Ora la fanno bere, mentre le guardano con insistenza la scollatura. La bottiglia di vodka è sul bancone, di fronte a lei. Tutti bevono, e le risate sono ad alta voce.

Il collega più audace le comincia a dire qualche parolaccia, “Sei simpatica, ridi come una vacca lo sai?.”

Lei si gira e ridacchia. Secondo me ci sta, tu che dici?

”Sei proprio una bella vacca, ti mungerei se potessi…”, “vuoi un’altra vodka?”.

Ridono tutti a voce alta.

Lei è sempre seduta sullo sgabello del bar, a volte si aggiusta un poco la gonna attillata. I suoi tre colleghi le sono attorno, in piedi. Quello dietro di lei le ammira le tette dall’alto. 

 

Si è vestita provocante questa sera la tua mogliettina. 

Non lo fa mai con te, vero?

 

Si sente una voce forte dal gruppo, “un altro giro di vodka allora!”.

”Ma il tuo marito lo sa che sei così vacca?”, le sussurra quello dietro di lei piegandosi all’orecchio.

Lei non dice nulla. Lui le lecca piano l’orecchio, e lei chiude gli occhi.

E’ fatta, sei cornuto.

 

Lei si gira piano e ammette  “No, mio marito non lo sa. Non sa come prendermi, poverino”…

”Noi sapremmo come prenderti, Silvia”, dice uno dei tre avvicinando il suo pacco gonfio alle sue tette.

Lei beve l’ultimo bicchiere di vodka tutto di un fiato.
Loro si guardano complici.

Il più audace si piega ancora all’orecchio di Silvia. Glielo lecca di nuove, le stringe una mano sulla coscia e sussurra  “vieni sopra in camera a farti mungere come piace a te, vacca!”
 

Lei ride ancora ad alta voce.

Si alza dallo sgabello, si aggiusta la gonna corta, si toglie i tacchi alti e si avvia lentamente tenendo le scarpe in mano.

”Andiamo!”, dice a voce alta.

Silvia si avvia verso l’ascensore dell’albergo dove la compagnia li aveva alloggiati. Il meeting piu importante sarebbe stato la mattina dopo, dunque avevano tutta la notte. Senza quel cornuto del suo marito, che nel frattempo se ne stava a casa a guardare qualche filmetto o video su YouTube. Che sfigato.

Lei barcolla un po’, dopo tutta la vodka bevuta, ma si accorge di avere molti occhi addosso, soprattutto sul suo bel culo. I suoi colleghi la seguono, e non la perdono certo di vista. Il suo bel culo rotondo e sodo lo fare rizzare anche ai vecchi, e in effetti lo fa quando la mattina va in autobus al lavoro, lo sapevi? A volte qualcuno le ha sfiorato o toccato il culo in autobus, ma lei non avevamo mai detto nulla, per non farne una scena. Chissà’ quanti sarebbero poi segati pensando alla tua mogliettina vacca e al suo bel culo da monta. lo sapevi che a volte e’ lei ad avvicinare il proprio culo al pacco di qualche bel giovane in autobus? Come lo muove…. tra una fermata e l’altra…

Ma non divaghiamo.
 

Lei sale in ascensore, e loro tre dietro.

Le porte si chiudono, e le sono subito addosso.

Il primo le infila una mano nella camicetta, a palparle con voracità’ le bella poppe. Senza reggiseno, la troia. Che belle tettone che ha la tua Silvia. Lei chiude gli occhi, mentre il secondo e’ gia’ dietro di lei e le preme il pacco tra le chiappe sode.

Il terzo per ora si accontenta di guardarla e di dirle piccole oscenità’ nell’orecchio; ” tra poco mi prenderai il cazzo in mano… e’ questo quello che vuoi vero, puttana?”. 

Lei annuisce lentamente, sempre con gli occhi chiusi.

 

Appena le porte dell’ascensore si aprono, si risistemano velocemente e la portano fuori. La prendono per le braccia ad accompagnarla, in parte perché’ lei barcolla un po’, in parte fer farle capire chi comanda.

Le fanno aprire la porta della sua stanza, continuando a insultarla un po’, “ti piace farti guardare, vero puttana?”.

“Alzati un po’ la gonna, dai”, le dice uno, con la sua mano sul culo della tua Sivietta.

 

La porta e’ aperta, la spingo dentro. Un po’ bruschi, lei si sorprende, ma ridacchia.

Chiudono la porta a chiave, e le sono addosso.

La buttano subito a terra, costringendola a quattro zampe.

“stai giu’ cagna”, dice uno mentre si toglie la cintura.

“ora ti facciamo sentire la troia che sei, vedrai che poi non vorrai più’ tornare dal tuo maritino noioso”, dice l’atro piazzandosi davanti a lei.

Le molla uno schiaffo in faccia.

Sente le mani addosso, sul suo culo, sotto la sua maglietta ad afferrare con voracità’ le sue belle poppe gonfie. I suoi capezzoli subito duri. 

Quello dietro di lei, ora le mette la sua cintura attorno al suo collo e la chiude stretta. E’ un collare ed un guinzaglio allo stesso tempo.

Silvia si sente un po’ impaurita, ma non ha tempo di pensare.

Sente subito uno schiaffo forte sul culo. Glielo afferrano, lo stringono. Che culo da sogno ha la tua moglie, vero?

 

“Muoviti, troia!”, grida uno, mentre tutti ridono.

A quattro zampe, Silvia comincia a muoversi lentamente, con la gonna tirata su a forza, il suo bel culo abbronzato esposto alla libidine di questi tre maiali.

Ciaf. Un altro schiaffo sulla chiappa. Altre risate.

 

Di forza, la sua camicia viene strappata via, e le sue tutte ballonzolano davanti a tutti mentre lei continua a muoversi su quattro zampe, con il tipo che la tiene al guinzaglio.

Uno dei tre subito si butta a terra, sotto di lei, e comincia a leccarle le tette e morderle i capezzoli. Lei chiude gli occhi, le piace.

Quello che la tiene con la cinta, ora tira fuori l’uccello e comincia segarsi, piegandosi e passandoglielo tra le chiappe.

Il terzo in piedi, la guarda e dice “ora ci succhierai e leccherai fino a che non saremo tutti soddisfatti, questa notte sarai la nostra schiava”

Tira fuori un telefono e comincia filmare, mentre si tira fuori il cazzone bello duro e glielo piazza davanti alla faccia.

 

Lei realizza che e’ riconoscibile, che la stanno filmando… e comincia ad avere paura. 

“non filmate, ragazzi!”, dice con un filo di terrore nella sua voce.

“le arriva uno schiaffone in faccia.

“Zitta, vacca! Leccami le palle ora! Puttana!”, le dice quello col telefono in mano continuando a filmare tutto.

 

Pare che la tua Silvietta stia cambiando lavoro. Forse sarà’ la prossima Porno Star su YouPorn?

[…]

 

 

-Che dite, cari miei lettori?

Vi piace? Continuo? Suggerimenti?

 

Lasciatemi commenti, e’ per questo che scrivo. 

 

 

 

1 commento

  1. ovvio che tutti lo vogliamo sapere… 🙂 quindi non farci aspettare troppo… 🙂 ps sul mio profilo trovi i miei dati se vogliamo sentirci. a presto

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.