;

Cartomanzia – 4a parte – Andare per negozi

11 0

    Paola si destò e si sentiva strana.

Fece un attimo mente locale e rammentò che doveva prendere la compressa e la capsula che le aveva prescritto il Mastro Dido.
Lo fece immediatamente, appena alzata dal letto, prima ancora di andare in bagno per le sue necessità mattutine.
Poi, seduta sulla tazza per alleviare la pressione della vescica, scoprì con stupore il vibratore, profondamente infisso nella sua vagina.
Lo tolse, perplessa e dopo lo lavò accuratamente.
Poi andò in camera ed aprì il cassetto del comò dove sapeva di riporli… anche se non ricordava né quando avesse preso la decisione di utilizzare quel cassetto né -sopratutto!- come se ne fosse procurata l’ampia collezione che ora contemplò brevemente.
Come lo appoggiò sul fondo del cassetto, la sua mano ne prese un altro di diametro maggiore e lo spinse tutto nella vagina, facendola sussultare quando la punta arrotondata arrivò a contatto con la cervice uterina.
Poi, come nulla fosse, indossò gli slippini e lo sistemò meglio dentro perché non sporgesse dalle ninfe, tendendo il tessuto.
Rammentò che doveva recarsi alla seduta nello studio del Maestro, per cui selezionò meccanicamente l’abbigliamento: scartò la prima gonna che aveva scelto e ne indossò una un pochino più corta insieme ad un’ampia canotta, ovviamente senza reggiseno; lo aveva già preso dal cassetto, ma poi semplicemente non lo aveva indossato.
Con un paio di sandaletti dorati dal tacco decisamente impegnativo (comprato in un lontano momento di acquisti compulsivi, ma poi mai indossati prima), si era rimirata nella specchiera e per la prima volta non rimase troppo soddisfatta dei risultati dell’esame.
Si strinse però nelle spalle ed uscì.
Andando verso lo studio del Maestro Dido, passò davanti ad una profumeria e questo le ricordò che aveva quasi finito il rossetto; così entrò, attese pazientemente il suo turno accanto al bancone e quando la giovane commessa si rivolse a lei, le chiese, genericamente, un rossetto.
«Bene, signora. Abbiamo questa linea di buona qualità e, tra l’altro, sono molto resistenti…» illustrò la ragazza, mostrando il suo professionale sorriso.
Paola parve raggiante: «Sì, meglio quelli resistenti… Sa: metta il caso che debba fare un pompino al volo… poi non ho voglia di ridarmelo daccapo…»
Il sorriso della commessa sembrò pietrificarsi, disseccarsi sul suo volto, trasformandosi in un’algida maschera professionale, mentre i suoi occhi saettavano sulle tre altre persone che avevano sentito la sincera ma sconvolgente affermazione di quella cliente: una, la classica signora dall’aria molto perbene, arrotondò le labbra a culo-di-gallina e si mise la mano aperta sulla gola, in uno spontaneo gesto autoprotettivo; la seconda, una giovane ragazza di neanche vent’anni, sbarrò gli occhi, subito arrossì violentemente e cominciò subito a contemplarsi le scarpe, indizio che forse la pratica non le era completamente sconosciuta.
La terza infine, la classica cinquantenne che non accetta di arrendersi all’incalzare degli anni e che ingaggia contro il dilagare delle rughe costose scaramucce di retroguardia, sgranò gli occhi, ma poi annuì lentamente, comprensiva, partecipe della necessità serenamente indicata da Paola.
Un giovanotto appena entrato, probabilmente aveva anche lui ascoltato l’incauta frase, difatti cominciò a scrutare l’avventata cliente col tipico sorrisetto da pesce lesso che lui era convinto dimostrasse il suo saperci fare con le donne.
La commessa, molto professionale, aiutò Paola a scegliere la tonalità che preferiva, sussultando in modo appena percepibile quando quella strana cliente scelse un rosso carminio, commentando in modo sereno: «Sa, questa tonalità è proprio da puttana, come lo desideravo»
Attese con apprensione che, dopo aver pagato, Paola uscisse dal negozio, prima di sciorinare il suo sorriso professionale alla cliente successiva.

Era rilassata, stesa su quel comodissimo lettino, avvolta da quell’ambiente fatto di penombre, musica di sottofondo, aromi stordenti ma piacevoli ed il mormorio di Maestro Dido, che stava facendo dondolare davanti ai suoi occhi quello splendido monile e che, ad ogni oscillazione, lei vedeva sempre più grande, fino a desiderare di esserne avvolta, inglobata al suo interno, come una piacevole, rassicurante scorza.
Dopo averla fatta completamente denudare, Dido le chiese: «Allora, troia, sei pronta per cominciare il tuo addestramento?’
«Sì, Maestro, non vedo l’ora» rispose Paola con voce nitida, ma impersonale.
«Allora, per cominciare racconta tutto quello che hai fatto, da quando sei uscita da qui, ieri sera…»
La donna narrò con tono piano tutte le ore che aveva trascorso fuori da quello studio, spesso interrotta dal Maestro, che le chiedeva precisazioni e chiarimenti; lei pazientemente si interrompeva e li dava, sempre con l’ombra di un sorriso sulle labbra e poi, quando il suo interrogante si reputava soddisfatto, esortandola a proseguire, riprendeva il filo della narrazione.
Mostrò, su richiesta del Maestro, il vibratore che teneva profondamente infisso nella propria natura e le sfuggì ovviamente l’incrocio di occhiate soddisfatte e di sorrisetti tra Dido ed i suoi due compari, quando narrò l’episodio in profumeria: la loro preda reagiva già bene!
Poi il Maestro riprese l’abile manipolazione della sua mente e venne colpito da una riflessione improvvisa: se la troia era già così a buon punto, anziché mandarla via per l’ora di pranzo e farla tornare nel pomeriggio, potevano fare una sessione unica, in modo da anticipare anche il raggiungimento dei suoi, loro obbiettivi.
Lasciando Paola nel suo stato di non presenza, si consultò brevemente con Vito e la loro complice, che si dichiararono deliziati dalle prospettive che si aprivano subito con quell’accelerazione, proponendo poi il programma per la giornata e subito Martina annuì e scomparve in cucina per preparare il pranzo, mentre Dido riprendeva la sua opera e Vito cominciava a fare le telefonate concordate.
All’ora di pranzo i tre si sedettero a tavola, col piano di cristallo e senza tovaglia, nudi dalla vita in giù e Dido invitò Paola ad andare sotto al tavolo, per leccare e succhiare i loro sessi.
Così poterono amabilmente conversare mentre guardavano la loro cagna leccare attentamente i testicoli e le aste dei due uomini, prima di imboccarli, o stampando il viso contro la dilatata vagina di Martina.
Finito di mangiare, Dido pilotò Paola in una camera con un ampio letto e rimase con lei, parlandole sempre in modo suadente e facendola nel frattempo disporre inginocchiata, sul bordo del letto, con le ginocchia divaricate al massimo ed il sedere appoggiato ai talloni, finché Martina non introdusse le persone a cui aveva telefonato Vito, prima di pranzo.
Il Maestro si discostò un poco dalla sua preda e spiegò loro cosa si aspettava che facessero; i quattro uomini ghignarono soddisfatti e lo assicurarono brevemente che si sarebbero attenuti a quanto gli aveva spiegato, prima di motteggiare brevemente tra loro in una qualche lingua slava.
Quando uno scambio di occhiate e di rapidi cenni d’assenso fecero capire che erano tutti pronti, il Maestro Dido si accostò all’orecchio della sua vittima e le mormorò: «Adesso, troia, verrai aperta da grossi cazzi… Ti slargheranno la fica ed il culo e questo è un passaggio fondamentale per poter essere davvero utile a tuo marito per il raggiungimento dei vostri obbiettivi.
Tu penserai di sentire male, ad essere fottuta così da questi uomini, ma in realtà amerai questa sensazione di essere riempita, allargata, dilatata, anche lacerata e quindi sarai felice, felice da impazzire e chiederai cazzi sempre più grossi, più massicci, che ti dilatino bene il culo e la fica.
Verrai insultata, picchiata, fatta piangere, ma sarai felice di provare queste sensazioni e ne vorrai sempre di più forti, perché questo è il tuo desiderio, questo l’unico modo che tu avrai per raggiungere il piacere.
Sei felice che adesso cominciamo, troia?»
«Sì, Maestro: non vedo l”ora, la prego!»
Dido fece un sorrisetto ed un breve cenno ai quattro, che cominciarono subito ad insultarla a bassa voce, come specificato dal loro amico santone, mentre il primo appoggiava la grossa cappella congestionata tra le ninfe appena insalivate della donna e, con una spinta possente ed inesorabile, la penetrava di colpo, provocandole un breve contorcimento per la fitta provata.


Erano quasi le sei di sera, quando Paola lasciò lo studio del Maestro.
Dido le aveva fatto riporre lo slippino ed il vibratore in borsetta, prima di congedarla e ricordarle che l’attendeva per l’indomani mattina.
Si sentiva indolenzita, sotto… -e anche dietro!-… ma sentiva una strana gioia nel sentirsi così: come se avesse fatto qualcosa di importante, qualcosa che in fondo la faceva stare bene.
Sentì l’irrefrenabile impulso di andarsi a comprare dei vestitini ed i suoi piedi, senza che lei se ne rendessi praticamente conto, la portarono in un grande magazzino di abbigliamento.
Scelse diversi abitini, particolarmente corti e scollati e se li portò, buttati sul braccio, verso i camerini di prova, in fondo allo spazio commerciale.
Aveva gelato la commessa quando questa, cercando di stabilire uno stato di empatia femminile, le aveva chiesto, sorridente e complice, se avesse intenzione di andare a ballare per far strage di cuori maschili: «Beh, più che altro, per far strage dei loro bei cazzi duri e svettanti!» aveva risposto con un sereno sorriso.
In realtà, si rese conto di aver detto una cosa sconveniente, sconvolgente, perfino offensiva per la sensibilità della simpatica commessa, ma era stato più forte di lei, il dirlo… e con quel sorriso da puttana sulla faccia, inoltre!
Pur sentendosi morire dentro dalla vergogna, si vide riflessa in uno specchio- mentre andava verso i camerini- con un sorriso troiesco ed un passo, un atteggiamento da vera mangiacazzi.
Entrata nel cubicolo, un qualcosa che le veniva da dentro la indusse a non tirare completamente la tenda e si sfilò la canotta, prima di slacciare la minigonna e lasciarla cadere a terra, come una corolla colorata attorno ai suoi piedi.
Con indosso solo i sandaletti, si appoggiò il primo abitino al corpo e si rimirò brevemente nello specchio; aveva intravvisto il riflesso della testa di un uomo che, da fuori, contemplava il suo bel sedere e le gambe e la schiena nuda da attraverso lo spiraglio che si era sentita come obbligata a lasciare.
Sempre col vestito appoggiato sul davanti, tenuto dal braccio che lo premeva sui seni, si voltò ed apostrofò sarcastica il giovane uomo che si godeva lo spettacolo inaspettato: «Le da mica fastidio, la tenda così?»
Si rese conto immediatamente dopo che, mentre pronunciava quella frase, il sorriso ed il tono di voce non combaciavano per nulla col suo desiderio di vederlo andare via, con la vergogna di essere stato sorpreso a fare il guardone.

«Direi che questa cretina qui è davvero promettente…» ghignò Vito, Appena prima di bere un altro sorso dell’ottimo whisky offerto da Dido ai suoi due sodali.
Il Maestro annuì, distrattamente: «Sì, reagisce molto bene all’ipnosi, è predisposta; onestamente, non speravo che andasse così bene, così veloce»
Bevve un sorso anche lui, pensosamente, ma poi fece un mezzo sorriso: «Comunque, i nostri amici romeni si son davvero divertiti con lei ad allenarla ed alla fine, perfino tu Martina, ne hai approfittato….»
La donne fece un sorriso pensoso. «Sì; alla fine, dopo averla vista fottuta in tutti i modi, mi ero eccitata ed avevo proprio bisogno che me la leccasse ben bene per farmi godere!
E alla fine le ho anche pisciato in bocca, a quella troia!
Se non sapessi che era sotto ipnosi, penserei che è davvero una porca scatenata che fingeva prima, a fare la brava mogliettina un po’ tonta e che si è scatenata appena avuta l’occasione…»
«Beh, in effetti… -il siciliano sorseggiò il suo liquore-… è indubbiamente predisposta…
Probabilmente ha avuto la solita educazione repressiva e quindi l’hanno convinta che “certi pensieri” sono più che scandalosi, assolutamente impensabili… ma dentro di lei c’era tutto quello che le stiamo facilmente tirando fuori.
Domani…. la mattina lavorerò ancora di ipnosi e condizionamento del comportamento e poi faremo come oggi: prima ce la fotteremo noi due e poi la faremo aprire ancora di più… stavolta da Adbul ed i suoi amici senegalesi…» «Quanti saranno?» lo interruppe Vito.
Dido si massaggiò il mento e poi rispose, ma senza vero interesse: «Mah, lui e almeno i suoi due suoi amici, bisogna vedere; poi magari, se glie lo diciamo, ne porta anche altri… Cosa ne pensate? Quanti?»
Rispose Martina, con gli occhi luccicanti di sadica lussuria, ma fingendo un interesse appena superficiale: «Uhm… direi almeno altri tre o quattro… ma la sfonderanno!» previde, umettandosi rapidamente le labbra mentre pregustava la scena di Paola letteralmente impalata sui grossi arnesi dei neri.
«Ma no… -ghignò Vito-… gli dirò di aprirla per bene, ma senza romperla troppo…»
«Ma gli metteranno due cazzi insieme nella fica???»chiese la donna, ingolosita dalla possibilità.
Dido fece un gesto, nell’aria, come per scacciare una nuvola di fumo: «Mah… non so… vedremo come se la cava: piacerebbe anche a me aprirla per bene alla svelta, ma bisogna aspettare che i suoi tessuti si adattino… se la scianchiamo, poi ci tocca aspettare che guarisca…
Piuttosto, domattina voglio vedere fin dove riesco a portarla, nell’iterazione con estranei…»
«Però sarebbe divertente anche portarla al punto di comportarsi da troia anche davanti ai suoi parenti, amici, bottegai del circondario, colleghi del cornuto… » fantasticò Martina.
Dido fece una rauca risata: «E non hai paura che diventi più troia di te, baldracca?
Comunque, se va avanti così, vedrai che quando torna quel ricchione cornuto del marito, manco la riconosce!»

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.