;

Giuliana e il bagno nel tevete

6 0

La mattina mi svegliai presto decisi di fare una corsa per Roma

andai a correre lungo la banchina del Tevere volevo ragionare

correvo pensavo a Giancarlo carino con me e le bimbe

pensavo al mio essere

(troia)

Dovevo ogni tanto provare emozioni forti non riuscivo a evitarle

nel corre pensierosa mi scontri con un ragazzo e caddi nel fiume 

il ragazzo si getto e mi aiuto  a risalire la banchina 

sentendo le sue mani che nel aiutarmi mi strinse dal seno e per salire mi spinse dal sedere

risaliti ero distesa sulla banchina ancora inpaurita

solo in quel momento lo vidi era un ragazzo  di 22 anni un po’ scuro di carnagione 

mi aiuto ad rialzarmi lo abraciai ringraziandolo e scusandomi

ma non mi staccati rimasi abbracciata mi massegiava la schiena dicendomi di calmarmi

avevo i battiti a 2000  lo tenevo stretto abbracciato

 dai tutto aposto ero zuppa

mi dice sei tutta infreddolito con i abiti zuppi,

io abito su quel barcone con dei amici vieni che ti cambi e ti prendi un tè caldo

lo segui con un  eccitazione

sali e era carino l’interno mi diete una tuta e una felpa dicendo di farmi una doccia calda

stavo facendo la doccia  entro dal oblò un gatto urlai dallo spavento lui coi altri corsero entrarono

io nuda abraciai il ragazzo dicendo che c’era un animale non mi resi conto che ero nuda e tutti e 4 mi videro

lui disse e Tom il nostro gatto senti la sua eccitazione spingere sul mio ventre lo guardai e prima che disse qualcosa

lo baciainsenti le sue mani sul mio culo che me lo stropicciava asimavo  lo baciavo con passione scordandomi che non eravamo soli

senti altre mani palparmi ovunque mi ritrovai sul letto circondata da cazzi

affamata li ciucciai un a uno tutti 

non  c’era nessuna parola solo gemiti 

 messa a pecora e un cazzo forzare la fichetta ero inpegnata ciucciare 2 cazzi

passavo da uno al l’altro 

mi entro dentro innarcai la schiena dalla sorpresa

era di sicuro di buone dimensioni mi dava colpi lenti e profondi

mi  tenevo  stretta 2 cazzi in mano mi ci regevo

senti accelerare e due colpi profondi mi fecero godere

non senti i schizzi aveva il preservativo

uno si mise subito sotto e mi fece inpalate mi massagiava I sensi mi tirava i capezzoli a un certo punto mi attirò al suo petto

senti cadere del liquido sul solco del sedere e un cazzo forzare la roselluna

non volevo dicevo no no mi tapparono la bocca con un cazzo che mi venne piantato in gola

non potei urlare quando mi entro in culo di botto

erano sincronizzati uno usciva l altro entrava

dove cazzo l hai trovata 

lui  pescata vorai dire  ahah

mi scoprono e incularono tutti e 4 io avevo avuto orgasmi multiplici ero esausta sdraiata di schiena

quando  uno mi tenne per le spalle e 2 dalle caviglie il 4 mi mise tre dita in fica a mod’uncino

e iniziò a  masturbarmi velocemente con una mano mi teneva spinta dal ventre  fino a farmi squirtare

feci uno schizzo che colpi i 2 che mi tenevano le caviglie cazzo come squirta la troia ero devastata dal orgasmo provato ansimavo forte avevo il respiro  affannato

fargliene unaltro mi dimenavo ma mi tennero ferma e  squirta ancora 

ora veramente ero sfinita svuotata ero distesa sul letto inerme dai sconquasati orgasmi provati

 I maiali si segnarono e mi sborarrono tutti e 4

ma dove cazzo la prendono tutto questo sperma era la terza volta che venivano ma era molta

sporca in facia sul seno mi dietro la tuta e felpa e  malferma sule gambe mi buttarono fuori dal barcone nuda

dicendomi che quando volevo una bella ripasatta potevo andare da loro ridendo

ritornai a fatica in albergo e giancarlo si preoccupo

chiedendomi cosa fosse successo gli raccontai del incidente e dei ragazzi.

 Mi feci la doccia e usciamo

mi arrivò un messagio dal rep per una serata che rifiuta

ero troppo provata

ceniamo  tutti insieme

al ritorno presimo un caffè e un gelato per le bimbe

in cassa mentre stavo pagando il barista siete turisti io si

allora prenda un turista per sempre

io e cos’è

lui il gratta e vinci

ok lo presi messo in borsa tornammo in albergo io rimasi con le bimbe

giancarlo uscì con Olga

giocai con la wii con le bimbe

io ancora ero provata e dolorante persi a tutti i giochi 

le bimbe mi prendevano in giro

le misi a dormire e gli raccontai delle favole alla terza si addormentano.

Chiamai la reception chiedendo una bottiglia di prosecco

per dare la mancia mi cade il gratta e vinci

 mi sedetti lessi le istruzioni mi versati un calice di prosecco e gratta i numeri uscì il 31 il 69 in turista per sempre il 17 33 il 23 poi gratta I I miei numeri fortunati uscì 12 34 61 22 mi mancavano 3 caselle usci25 31 unaltro turista per sempre

non compresi subito lo guardavo e non connettevo due turisti per sempre ma ma ho ho vinto ero paralizzata non dicevo una parola mi cadde il calice perterra e mi sveglio

e urlai ho vinntoooooo cazzo cazz{ si si cazzo

calmati dovevo riflettere si e stato il Tevere che mi ha portato fortuna.

Misi il biglietto in borsa e provai a dormire senza riuscirci ritorno giancarlo erano le 4 del mattino non gli dissi nulla

alle 5 dissi vado a correre pensaci tu alle bimbe presi il gratta e vinci e lo misi nella cassaforte delle camera

uscì a correre più che correre camminavo perché ero ancora indolensita

non so perché senza volerlo mi trovai davanti al barcone ero ferma davanti alla passarella

senti guarda un po’ chi c’è fuori si affacciano i altri 3 ragazzi

Mla signora vuole un’altra ripassata gli è piaciuta ieri

dai vieni inconsciamente sali e mi ritrovai a essere usata ero passiva subivo godevo e pensavo al gratta e vinci non ero diciamo attiva più passiva

se ne accorsero ma non se ne preoccupano per loro ero solo una svuota palle mi feci far tutto sempre senza sensazioni poi a un tratto uno mi bacio

mentre mi strinse un capezzoli e mi sveglio dal terrore cazzo sono ricca e voglio godere

presi iniziativa uno lo buttai sotto soprendendolo  ero cambiata ero assatanata

lì spompai tutti e 4 non gli era rimasta una goccia di sperma guardai l’ora era l’una cazzo 5 ore di sesso mi rimisi la tuta

loro cazzo ci hai distrutti 

Li baciami uno a uno ringraziandolo e ritornai in albergo.

 

Gradito commenti🙏

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.