;

Nadia , una puttana di successo.

3 0

  Da quando per ripicca verso Alfio mio marito ed anche per piacere ho deciso di vendere il mio corpo (non avrei certo fatto questo passo se non avessi scoperto la libidine che mi da scopare con uomini appena conosciuti e l’adrenalina che scorre come una scarica elettrica nel ricevere il denaro perché c’è chi che per avermi per qualche ora o anche meno è disposto a spendere senza discutere) beh , da allora sono rinata , ho riconquistato la piena padronanza sulla mia vita e rafforzato la mia autostima.

Alfio non si limita a subire passivamente ma si eccita a sapermi con altri ed io non gli risparmio i particolari delle mie scopate e di quanto ho goduto , più che con lui.
Ormai lui prova più piacere a masturbarsi ed a leccare il mio corpo ancora odoroso di maschio e intriso dei suoi più intimi umori che nello scopare. Io del resto con lui non provo più le sensazioni di prima , l’ha combinata troppo grossa tanto che la nostra vita a preso una direzione che non prevede ritorno e se siamo ancora insieme è perché nonostante tutto lo amo ancora e lui ama me.
Si sono solo ridefiniti i ruoli , chi porta i pantaloni ora sono io.
Col tempo mi sono fatta un giro di clienti affezionati , fidati e soprattutto ricchi e ben dotati.
Non provo nessun sentimento verso di loro ma con alcuni di essi si è creata un’inevitabile confidenza da considerarci quasi amici.
Uno di essi si chiama Romano ed è un imprenditore di successo ultra cinquantenne , sposato con prole.
L’ho anche accompagnato in alcuni viaggi di lavoro in giro per il mondo come sua “assistente personale”.
Lui è forse quello che è diventato più dipendente dai miei servizi ed è tra i più generosi ma anche uno dei più porci e perversi.
Quando ci incontriamo spesso ha muove fantasie , nuovi giochi erotici da propormi ed io difficilmente mi tiro indietro basta che la cosa non vada oltre ai mie limiti che peraltro sono molto elastici e che il premio per la mia dedizione sia adeguato.

Uno degli ultimi viaggi che mi ha vista al suo fianco è stato tre anni fa , mi pare fosse il mese di febbraio.

Romano ha interessi in parecchi settori e quella volta aveva in programma degli incontri d’affari con alcuni rappresentanti politici del governo turco.

Si sarebbero incontrati nella città costiera di Bodrum sul Mediterraneo e non nella capitale per garantirsi maggior riservatezza. Ora non so di che affari dovevano discutere e non mi interessa ma doveva essere roba grossa se coinvolgevano le istituzioni statali.

Prendiamo l’aereo e dopo aver cambiato a Instanbul voliamo diretti a Bodrum.

Romano ha prenotato una suite in un lussuoso albergo sulla costa.

Arrivati sistemiamo le nostre cose , è ora di pranzo e dopo aver fatto una doccia scendiamo al ristorante dell’albergo.

Romano ha cinquantasei anni , si mantiene in forma facendo palestra . È un ottimo amante ,ben dotato e resistente nonché parecchio porcello.

Siamo arrivati con un giorno d’anticipo , gli uomini di Ankara ci raggiungeranno domani nel primo pomeriggio.

Finito di pranzare facciamo due passi sul lungomare per agevolare la digestione , è ancora inverno ma il clima è mite , basta un soprabito.

Tornati alla suite manco a dirlo gli viene voglia e spogliatami sommariamente mi butta sul letto , si sfila pantaloni e mutande e senza togliersi la camicia mi viene sopra , scosta le mutandine , mi stuzzica la passera fino a che non la sente aprirsi e bagnarsi così ci infila il cazzo grosso e duro. Mi scopa con fare selvaggio , come se non facesse sesso da mesi. Mi tratta come un oggetto , nessun preliminare. Non si preoccupa del mio piacere e mi sbatte forte per poi venirmi sulla pancia.

Una volta soddisfatta la sua libidine si alza , va in bagno a ricomporsi ed inizia una serie di telefonate di affari mettendosi poi al lavoro sul suo pc portatile.

Mi ha trattata come una zoccola da strada , nessun riguardo e nessun interesse per ciò che provavo.

A me non dispiace affatto , sentirmi come un giocattolo sessuale , un corpo da usare per soddisfare le voglie di un maschio arrapato è tra le tante cose che mi fanno apprezzare la scelta fatta di mettere il mio corpo in vendita.

Mentre lui lavora vado a passeggiare per le vie della città senza allontanarmi troppo dall’albergo.

Indosso una gonna che mi fascia i fianchi e arriva appena sopra le ginocchia , calze nere autoreggenti , una maglia di cashmere col collo a v e una corta giacca da mezza stagione.

Non è un abbigliamento che definirei provocante ma gli sguardi degli uomini sembra che non la pensino come me.

Torno in albergo nel tardo pomeriggio. Nella hall c’è il direttore che mi accoglie con un largo sorriso e mi rinnova il suo benvenuto.

Mi invita a prendere un aperitivo con lui , accetto.

Ci sediamo sugli sgabelli lungo il bancone del bar.

Mentre parliamo di banalità i suoi occhi sono in continua perlustrazione su di me , mi danno l’impressione di essere sotto i raggi x.

Infila lo sguardo nella scollatura e poi le gambe che maliziosamente accavallo più volte mostrando un po di coscia.

Sono certa che se potesse mi salterebbe addosso all’istante.

Lo lascio cuocere nel suo brodo fino a che ringrazio per la piacevole compagnia ma è ora che vada e lo pianto li con una malcelata erezioni nei pantaloni. Quanto adoro farli patire , dargli l’utopica sensazione di avermi sedotta e poi la doccia fredda del congedo proprio nel loro pieno coinvolgimento emotivo.

Salgo in camera , Romano è al telefono , mi indica il minibar e messa una mano a coprire il microfono del cellulare mi chiede di versargli un whisky con ghiaccio e riprende a parlare col suo interlocutore.

Gli passo il bicchiere , mi vado ad accomodare sul divano e accendo la tv.

Scelgo un film dal catalogo multimediale e mi rilasso con quello mentre sorseggio un Bacardi&Cola ghiacciato.

Si fa l’ora di cena. Mentre mangiamo Romano mi elenca gli uomini che mi osservano cercando di non farsi scorgere dalle rispettive compagne.

Chissà quanti di loro vorrebbero essere al mio posto ma in questi giorni ho comprato il tuo tempo ed i tuoi servizi per cui se c’è qualcuno che ti scopa quello sono io , che si mettano il cuore o meglio , il cazzo in pace”.

Io mi metto a ridere divertita.

Dopo cena passiamo un po’ di tempo nel salotto dell’albergo , prendiamo il caffè seguito da un brandy. Ad una certa ora risaliamo , vado in bagno a darmi una rinfrescata e mi cambio. Indosso ciò che piace a lui , calze rosse autoreggenti , reggiseno a balconcino e tanga dello stesso colore così come il babydoll , un leggero velo trasparente che si ferma all’altezza dei fianchi lasciando scoperta metà delle natiche.

Quando torno in camera lo trovo sdraiato con il lenzuolo scostato , completamente nudo e col cazzo ritto come un palo.

Ma a te si rizza al solo pensiero”

E’ l’effetto che mi fai tesoro , pensare a te in bagno che ti stavi preparando mi immaginavo il tuo ingresso ed eccomi qua , puoi ben apprezzarne l’effetto”

Oh vedo ed è così che ti voglio”

Mi sdraio accanto a lui , lo bacio mentre glielo prendo in mano.

Le sue mani si muovono come i tentacoli di un polipo , le sento dappertutto.

Mi chino a fargli un pompino. Lui mi invita a mettermi a sessantanove e scostato il sottile filo dei tanga affonda la bocca tra le mie cosce e lecca infilando la lingua tra i petali del mio fiore che presto si aprono.

La sua lingua da sotto scorre serpeggiando fino al clitoride per poi fare il percorso inverso e raggiungere la rosellina del mio ano.

Godo e non lo nascondo. La mia bocca scorre lungo l’asta mentre serro le labbra e lo risucchio poi mollo di colpo con uno schiocco. Adora quando faccio così.

Mi fa togliere reggiseno e tanga così resto col solo velo del babydoll addosso che tra l’altro ha delle spalline sottili e le mammelle escono continuamente.

Mi dice di cavalcarlo dandogli le spalle. Mi impalo sul suo bastone e inizio a muovermi sollevandomi un poco in avanti per poi scendere facendolo tutto mio fino alla sua radice. Lui mi tiene le natiche , accompagna i miei movimenti , le allarga e mi infila un pollice nell’ano.

Mentre lo monto mi sditalino e presto sento salire prepotente l’orgasmo.

Brava la mia troia godi , così i voglio , una che puttana lo è per natura e lo fa per passione e con passione”.

Dopo che sono venuta mi fa mettere a pecorina e mi scopa il culo godendo e grugnendo come un maiale.

Ho un secondo orgasmo appena prima che si ritiri. Vuole venirmi in bocca , darmi il suo sperma da bere. Si mette seduto sulle sue gambe e me lo offre.

Ecco dissetati e nutriti della mia calda crema” e dopo pochi minuti che succhio esplode in un’abbondante sborrata che mi riempie la bocca fino alla gola. Ad ogni fiotto di quel prezioso nettare mando giù golosa fino che me lo sono preso tuo”

Vado in bagno , faccio una doccia veloce e me ne torno a letto ma per dormire. Romano si da solo una rinfrescata e poi si mette anch’egli a dormire.

La mattina dopo ci alziamo tardi , ci facciamo portare la colazione in camera e mentre la consumiamo due cameriere riordinano la stanza da letto , ripasseranno in seguito per fare il resto della suite.

Romano ha da prepararsi all’incontro che avrà tra poche ore e preso il suo portatile , chiama le cameriere per avvisarle che possono venire a finire di pulire e riordinare e siccome è una giornata soleggiata che pare quasi primavera si sposta sul balcone vista mare.

Io mi vesto ed esco , vado a caccia di qualche oggetto caratteristico della regione da portare a casa con me. Nel mercato perdo il conto delle strusciate e delle palpate che potrebbero essere giustificate dalla ressa di persone che camminano tra le bancarelle ma che in realtà sono per lo più intenzionali.

Compro qualche oggetto carino ed uno scialle fatto a mano e verso mezzogiorno torno in albergo. Romano mi sta aspettando.

Dobbiamo anticipare il pranzo , i tre funzionari arriveranno tra circa un’ora. Li accoglierò nella suite , dovresti lasciarci soli fino a che non avremo concluso. Gli rispondo che va bene , probabilmente me ne starò nel salotto dell’albergo a leggere e a dare un’occhiata al cellulare.

Quando arrivano scendiamo insieme , ci attendono nella hall.

Tre uomini in eleganti completi dall’aria determinata e dagli occhi furbi.

Quello che dev’essere il più autorevole e che si presenta per primo è un tipo che da l’impressione di non essere troppo lontano dai settantanni.

E’ di modesta statura , con un’abbondante calvizie , rotondo , in deciso sovrappeso e con una pancia prominente.

Il secondo avrà l’età di Romano , poco più alto del primo e con un fisico nella media , ne top ne flop.

Il terzo è il più giovane , da l’idea di non arrivare a quarantanni ed è quello più in forma , fisico slanciato e ben proporzionato , anche di viso non è male.

Dopo avermi presentata ci salutiamo e Romano li accompagna nella suite.

Io mi piazzo su di una comoda poltrona e mi metto a guardare il cellulare.

Dopo circa un’ora vedo sopraggiungere il direttore.

Mi saluta con un baciamano e mi chiede se voglio prendere un tè con lui.

Volentieri” rispondo così chiama uno dei camerieri e si fa portare te e biscotti. Siede sulla poltrona difronte alla mia , tra noi un tavolino dove vengono posati la bevanda ed i biscotti.

E’ un tipo loquace , gli piace chiacchierare , anche troppo per i miei gusti ma è gentile e mi aiuta a far passare il tempo.

Esauriti i discorsi leggeri si fa più intraprendente e inizia a farmi i complimenti per la mia avvenenza ed il mio modo di fare da donna di carattere senza però perdere in femminilità dalla quale è stato sedotto.

Gli dico che sono impegnata con Romano , il mio capo richiede che io sia sempre disponibile quando ha bisogno dei miei servizi.

Lui vorrebbe che gli ritagliassi un po del mio spazio , farebbe carte false per vivere anche un piccolo momento di intimità con me.

La cosa si fa imbarazzante , non voglio dirgli che se paga può anche avere ciò che desidera , oltretutto non lo trovo fisicamente attraente.

A togliermi dagli impicci è la suoneria del telefono.

Romano mi chiede di salire , ha bisogno della mia presenza.

Ho così l’occasione per andarmene senza che lui possa insistere perché io resti.

Entro nella suite , sono tutti in salotto e sembra che non abbiano ancora finito in quanto non danno cenno di alzarsi ma mi guardano tutti e tre con uno sguardo strano.

Si alza invece Romano che mi prende sottobraccio e mi accompagna in camera da letto.

Senti , ho bisogno di un grosso favore. Quei tre hanno chiesto di te e vorrebbero potersi divertire in tua compagnia. Ho provato ad offrire loro un lauto compenso in denaro se la pratica fosse andata a buon fine ma loro insistono che vogliono te oppure non se ne fa niente , non mancano certo altri a cui proporre l’affare?”

Ok , ho capito ma in sostanza cosa vogliono di preciso ?”

Non si accontentano di un pompino , cosa che gli avevo proposto ma vogliono il pacchetto completo. Sta diventando un punto determinante per una soluzione positiva dell’accordo. Decidi tu la tariffa , pagherò senza discutere ed avrai anche un extra per aver contribuito al successo di questo incontro. Si tratta di un contratto che mi vedrebbe favorito come fornitore del governo turco , non ti sto a dire dei particolari , sappi solo che si parla di un sacco di soldi.”

Cazzo , mi metti in una situazione scomoda. Dipende da una mia decisione se l’ago della bilancia pende o meno dalla tua parte ?”

E’ proprio così purtroppo ed è per questo che puoi azzardarti a chiedere cifre importanti. Un tuo no mi farebbe perdere un’occasione milionaria mentre al contrario con un tuo si scioglieresti quest’ultimo nodo ed avrei oggi stesso un pre-contratto firmato a garanzia della conclusione positiva dell’affare.”

E va bene ma o usano il preservativo o non se ne fa niente , non mi interessa se i tuoi traffici vanno a rotoli per questo ?”

Romano parla con loro che danno al loro autista l’incarico di procurarglieli.

Dopo meno di venti minuti l’autista bussa alla porta e gli consegna una scatola di condom.

Vai da loro e assecondali , tu sai capire cosa vuole un uomo”

Vado in salotto con Romano che mi segue ma restando sempre in secondo piano.

Saluto i tre uomini che si alzano e si avvicinano.

Sono visibilmente arrapati ma anche in forte imbarazzo.

Prendo l’iniziativa e senza tergiversare metto le mani sul pacco e ne tasto il contenuto poi mi chino e tiro giù la cerniera dei pantaloni a quello che è più autorevole. Ha una pancia che sborda ampiamente dai pantaloni , di certo da quella prospettiva il cazzo l’ha perso di vista da parecchio tempo.

Infilo la mano e lo estraggo. Caspita! Avrà anche un aspetto poco gradevole ma il suo cazzo compensa tutto. E’ un bastone nodoso con una circonferenza notevole ed una grossa cappella che supera il tronco per larghezza , un cazzo da concorso. Deve far parte della mia collezione.

Gli altri due sono nella norma come dimensioni , quello del tipo di mezzo è lungo e snello mentre l’altro è più proporzionato in un giusto compromesso tra lunghezza e diametro.

Lasciamo questi tecnicismi e diamoci da fare.

Prima che inizi però mi chiedono di spogliarmi.

Mi svesto senza fretta per fargli salire la voglia al massimo. Loro osservano il mio strip e si segano. Mi fermo quando addosso mi rimangono il reggiseno a balconcino , i tanga e le calze autoreggenti.

Mi chino di nuovo e mi metto a segare e succhiare passando da un cazzo all’altro.

Il più giovane si scosta e si spoglia completamente quindi si accuccia dietro di me, mi bacia il collo e le spalle e si struscia contro il mio culo poi si sdraia con la faccia all’altezza delle mie cosce e scostato il tanga si mette a giocare col mio sesso usando le dita , le struscia , pizzica il clitoride che si è nel frattempo fatto turgido per poi infilarne due nell’anfratto caldo e umido.

Questa situazione che non avevo previsto comincia ad intrigarmi e sento salire il mio stato di eccitazione.

Quello sotto di me si mette a leccare ed io mi sento bagnare sempre più.

Lui se ne accorge e dice qualcosa ai suoi colleghi in turco.

Mi fanno alzare , il più maturo mi abbassa il reggiseno e mi strizza le tette che poi si mette a succhiare. Si spoglia anche il secondo mentre io tolgo i vestiti all’altro. Hanno tutti l’uccello teso al massimo e se lo menano in continuazione.

Mi metto davanti al divano e mi sfilo il tanga chinandomi ed offrendo loro il punto più intimo che è anche il più desiderato.

Naturalmente tocca al capo per primo e mentre quello dell’età di mezzzo si siede sul divano io appoggio le mani ed ho il viso difronte al suo cazzo in tiro.

Mi volto per assicurarmi che colui che ho dietro indossi il preservativo e quando vedo che se lo srotola sul cazzo mi dedico a fare un pompino a quello seduto sotto di me.

Il pancione punta la sua verga e spinge penetrandomi in un sol colpo.

Lo sento riempire ogni spazio tanto è grosso e quando comincia a pompare il piacere sale vertiginosamente.

I miei gemiti risuonano ovattati a causa del cazzo che ho in bocca.

Mi smanetto la passera alla ricerca di un orgasmo che giunge puntuale e ne è testimone il rumore , lo sciacquettio prodotto dallo scorrere a stantuffo del cazzo contro le pareti vaginali zuppe di umori.

Questo lo fa andare su di giri e sborrare. Si scosta da me e va a sedersi ansimante su di una poltrona.

Il tizio che ha il suo cazzo nella mia bocca mi dice che vuole che mi sieda su di lui. Prendo un profilattico e lo srotolo sul suo cazzo quindi mi metto di spalle e sedendomi lascio che penetri senza difficoltà.

All’altro che per la differenza di età definisco il giovanotto evidentemente piace usare la lingua e me la ficca in bocca. Non sarebbe etico ma lo lascio fare e partecipo al bacio , in fondo è l’unico dei tre di bell’aspetto.

Quello sotto ci da dentro , mi tiene leggermente sollevato il culo e sbuffando come una locomotiva spinge il suo pistone senza sosta finche arriva anche lui al capolinea e libera nel condom una sborrata coi fiocchi.

Il giovanotto mi porta in camera e mi sbatte sul letto , si posiziona tra le mie gambe e messa la camicia al cazzo mi entra in figa a sua volta. Spinge con forza facendomi sussultare le tette che ogni tanti prende in mano e palpa.

Io riprendo a smanettarmi il clitoride e raggiungiamo l’orgasmo quasi in contemporanea.

Nel frattempo gli altri due si sono rivestiti e stanno parlando con Romano che è stato tutto il tempo in disparte ad osservare.

Anche l’ultimo a sborrare si ricompone. Io saluto la compagnia e vado in bagno a farmi una lunga e rigenerante doccia.

Quando esco i turchi se ne sono andati e trovo Romano che euforico mi abbraccia.

E’ andata , sono rimasti talmente entusiasti che mi hanno chiesto subito la penna e firmato l’accordo di cooperazione. Sei stata la chiave che ha aperto l’ultima porta al mio successo , verrai ricompensata abbondantemente per la tua generosità ed il sacrificio fatto per me anche se da come ho visto andare le cose non sembra ti abbia pesato più di tanto………..o no ?

Mi scappa da ridere e gli faccio dandogli una spintarella “Ma dai , lo sai che lo faccio per i soldi”

Va beh , se vuoi darmela a bere farò finta di crederti.

Comunque tu sei unica , mentre ti osservavo alle prese con quei tre affamati mi sono eccitato come un ragazzino quando vede per la prima volta una figa dal vivo , mi stavo quasi sborrando addosso senza neppure toccarmi e se foste andati avanti ancora un po’ probabilmente lo avrei fatto”.

Tutto questo trambusto mi ha messo appetito , non è forse l’ora di cena ? Cosa aspettiamo a scendere al ristorante ?”

Ok bellezza , questo spettacolo ha fatto venire fame anche a me ma ne riparliamo stasera , ora andiamo a mangiare”

Quella sera mi ha scopata più ispirato del solito facendomi avere orgasmi plurimo e lui stesso ha sborrato tre volte.

Il giorno dopo avevamo il volo di ritorno per l’Italia.

A salutarci venne il direttore che dopo avermi fatto il baciamano mi guardò negli occhi con l’espressione che ha colui al quale hanno negato una possibilità. Non vedo l’ora di dire tutto ad Alfio che ci potrei scommettere andrà sicuramente avanti per giorni a farsi delle seghe stimolato dal racconto di questo improvviso fuori programma.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.