;

Tutto inizia con una febbre – continuazione – Cap. 5

2 0

Dopo aver fatto il pompino a Sergio la mia giornata trascorre tranquilla, interloquisco con lui come una normale segretaria e faccio il mio normale lavoro. Delle volte interrompo il mio lavoro e ripenso a ciò che ho fatto con lui. Di certo non era la prima volta che gli facevo un pompino, anzi delle volte avevamo fatto sesso, ma ciò che era accaduto in mattinata era stato particolare. Non era mai accaduto che esercitasse una così forte pressione su di me, quasi usandomi. Per fortuna c’erano molte cose da fare e la giornata è passata presto e non ho pensato molto a ciò che è accaduto oggi. E’ stata una giornata intensa, mi sono svegliata presto, la visita con quel bacio e poi il pompino così forte e senza piacere.
Appena scoccano le 19 saluto Sergio, che risponde al saluto, ed esco dall’ufficio e percorro il corridoio per raggiungere l’uscita. Poco prima di raggiungere l’atrio vengo fermata dalla voce di Maurizio.
Daniela!
Si Maurizio? Dimmi!
Stai andando a casa?
Si
Potresti venire a casa? Ceniamo li e poi vorrei parlarti.
Ok. Andiamo insieme quindi?
Si. Usciamo – e intanto mi prende per mano. Rimango stupita da ciò. Maurizio era o meglio è il mio amico di infanzia, ma non era mai accaduto nulla del genere. Lui se ne accorge di questo mio stupore e mi sorride dolcemente.
Entriamo in auto e percorriamo il tragitto per raggiungere la casa. Una volta li ceniamo e la serata prosegue tranquillamente anche se si respirava un po’ di tensione per le questioni lavorative. Finita la cena mi avvicino a Maurizio:
Maurizio, è tardi mi accompagneresti a casa?
Daniela aspetta vorrei parlarti.
Ah si dimmi.
Vorrei che restassi qui la notte.
Ah va bene – capendo che volessero organizzare qualcosa in cui saremmo state protagoniste io e Sonia mi avvio nel camerino.
No Daniela aspetta.
Si?
Non è quello che credi. Vorrei che passassi la notte con me così posso parlarti.
Va bene.
Saliamo su per poi entrare nella sua camera da letto dove c’è un “inedito” letto matrimoniale.
Da quando lo hai messo in camera?
Da oggi.
Oggi?
Si. Ho preso questa decisione dopo che ti ho vista stamane con mio zio Sergio.
Hai visto cosa gli ho fatto stamane? – con tono stupito e imbarazzato.
Si e ho provato eccitazione e dispiacere.
Perché?
Eccitazione perché eri tu e dispiacere perché non ero io.
A quelle parole gli sorrisi e gli accarezzai il viso – Sei molto caro.
Vorrei che non accadesse più. Vorrei che tu fossi solo con me.
Ok. Vuoi che lavori nel tuo ufficio?
Si, ma non solo. Vorrei che ci vedessimo anche al di fuori dell’ufficio o di questa casa.
Cioè mi stai chiedendo di?
Si. Vorrei che tu fossi la mia ragazza. Mi piaci e sono rimasto turbato nel vederti con mio zio e non con me. Ti voglio.
Si anche io ti voglio – e lui mi strinse avvicinandomi a lui per poi baciarci.
Le nostre labbra si toccavano così come le nostre lingue, mentre tenevamo gli occhi chiusi travolti da quella improvvisa passione.
Guarda sul letto… ti ho preso un regalino.
Ah si? Che cosa? Vediamo – apro il pacchetto da cui tiro fuori un perizoma e una camicetta da notte di colore blu.
Ti piace?
Si è molto bella.
Mettila.
Si – e mi dirigo in bagno per spogliarmi e indossare il regalo di Maurizio
Entrata in bagno mi tolgo in breve tempo, la gonna, le calze e gli altri indumenti per poi indossare la camicetta e il perizoma che accomodatosi fra le mie natiche inizia a solleticare il mio buchino. Esco dal bagno e mi dirigo verso il letto, dove trovo già disteso il mio tesoro. Scosto le coperte per distendermi nel letto e avvicinandomi a lui lo abbraccio per poi riprendere a baciarlo. Maurizio si stacca dalle mie labbra e mi sussurra – Ti voglio. Voglio fare l’amore – al che gli sorrido e gli rispondo – Anch’io. Anch’io ti voglio.
Poi riprendo a baciarlo per poi aiutarlo a togliersi la parte superiore del pigiama. Lo voglio con il petto nudo, perché voglio baciare il suo petto e il suo addome fin poi scendere a frugare con la mia mano sinistra dentro le sue mutande. Tiro fuori il suo cazzo e inizio ad accarezzarlo e a coccolarlo. Volgo lo sguardo verso di lui e mi accorgo del suo sorriso e mi dice – Avanti! Fai come hai fatto a mio zio questa mattina.
No. Non lo farò. Io ti amo… non amo lui – e dopo avergli dato un piccolo bacio affondo la mia bocca sul suo cazzo e inizio a fargli un pompino. Le mie labbra percorrono dolcemente la sua virilità e mi accorgo che cresce e si indurisce nella mia bocca.
Sento i suoi gemiti e decido di farlo uscire dalla mia bocca. Lo ammiro come se fosse un’opera d’arte. Poi lecco l’asta e ne bacio il glande.
Daniela sei fantastica.. – lo interrompo mettendo il mio indice destro sulle sue labbra e gli sussurro – non parlare … concentrati solo sul piacere. Dopodicchè mi tolgo il perizomino e mi metto a cavalcioni su di lui e ciò che avevo reso duro con le mie labbra e la mia lingua lo prendo per mano per farmi violare il buchino del culo.
Gemiamo entrambi e io intanto predo le sue mani e le intreccio con le sue e do via ad uno smorzacandela che lui apprezza molto. Il suo cazzo è dentro di me… era già successo in passato, ma questa volta era diverso. Aveva dichiarato il suo amore… non eravamo più dei semplici amici che facevano sesso perché si conoscevano e perché lavoravo per loro. Adesso ero la sua ragazza… seppur non sono una ragazza.
Daniela… Daniela io ti…
Shhhs ti ho detto che non devi parlare – gli dico sussurandogli – devi solo scoparmi – incitandolo ad essere più forte.
Forse sorpreso da ciò ad ogni mio affondo del mio culo sul suo cazzo lui inizia a sollevarsi cercandoo di spingermelo ancora più dentro e notò nel suo viso come una smorfia in senso di sfida. Le nostre mani sono ancora intrecciate e quel ghigno scompare quando si fa sopraffare dal piacere che mi esplode copiosamente dentro. Uno.. due… tre fiotti di sperma e sento il suo pene perdere tonicità. Mi avvicino a lui… noto che è stanco … lo bacio e gli sussurro – Ti amo – e poi lo bacio di nuovo. Poi mi scosto da lui e il tempo di ricomporci e siamo sopraffatti dal sonno profondo.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.