Leggi qui tutti i racconti erotici di: 6bobby9

elsa è la moglie del mio ‘amico diego . mi piaceva da ragazza ma diego me l’ha soffiata’ .. era la ragazza dei miei sogni e c’è voluto molto tempo per far digerire la delusione . poi ho incontrato giulia , mia moglie e ci siamo sposati . in tutti questi anni noi quattro ci siamo ritrovati per qualche cena . per qualche capodanno o a ballare .
una sera ballavo con elsa e le ho detto che non l’ho mai dimenticata , che la desideravo come tanti anni prima .ha abbassato una mano stringendomi il cazzo come avrebbe fatto un’amante ‘ elsa mi sei sempre piaciuta adesso poi sei in gran forma e mi sembri più bella e desiderabile’ e si è sfogata ‘ diego è solo lui e lavoro , i primi anni facevamo l’amore di frequente adesso fa delle gran sveltine e buonanotte suonatori ‘ stando attento che nessuno ci vedesse le davo dei baci furtivi sul collo , ha sentito il cazzo impennarsi e con una coscia premeva per sentirlo’da quello sfogo erano passati diversi mesi . incontrandoci casualmente abbiamo bevuto un caffè ed ho osato ‘ mi piacerebbe trascorrere un weekend con te per fare l’amore ‘ e dopo un attimo di silenzio ‘ l’hai detto sul serio o stai scherzando ‘ ‘ mi sei sempre piaciuta , ti ho sempre desiderato , ma hai scelto diego ‘ e tutto era finito lì . erano ormai trascorsi alcuni mesi evidentemente elsa non voleva tradire suo marito . mi telefona chiedendomi se mi era possibile accompagnala da sua madre . doveva assisterla si sarebbe fermata qualche giorno
‘ tesoro mio lo sai per te farei tutto e volentieri decidi tu quando vuoi partire ‘ attendevo una telefonata con l’ansia del ragazzino il giorno della partenza . finalmente ” ciao gigi sei disponibile per lunedì prossimo ? ‘ e finalmente elsa era tutta mia . ci siamo scambiati un bacio appassionato’l’ho ammirata , indossava una gonna al ginocchio ed una camicetta con vista panoramica’. ha accavallato le gambe ho allungato una mano accarezzandola tra le cosce , ho sfiorato la figa ma dovevo guidare . ci siamo fermati per fare colazione ‘ andiamo nei bagni ‘ elsa ha capito al volo e chiusa la porta ci siamo stretti baciandoci frementi dal desiderio , ho fatto scendere lo zip ed il cazzo è svettato fuori prepotente . ci siamo stretti in un bacio interminabile ho cercato la figa elsa che ha allargato le gambe gustandosi un dilatino veloce e violento . tutto il suo corpo era scossola fremiti incontrollabili .
si è impadronita del cazzo infilandoselo nella figa ‘ calda fremente di passione e muovermi in lei velocemente è stato meraviglioso’ .tenendoci per i fianchi e ci siamo scambiati una chiavata violenta , lussuriosa ,animalesca . il viso di elsa era sfigurato dal piacere . un violento orgasmo l’ha scossa tutta ho sentito la sborra salire prepotente nel condotto . elsa ha sentito le contrazioni e mi ha bloccato con il cazzo in figa ‘ lascialo sfogare nel mio utero ‘ ho continuato a penetrarla per poi sparare il mio seme . l’ho stretta per sorreggerla , godeva e smaniava così violentemente che credevo crollasse per terra . si è rilassata scambiandoci un bacio interminabile
‘ ti è piaciuto elsa ‘ ‘ ‘ e me lo domandi ‘ dopo esserci puliti’ le ho infilato lo slip e risaliti in macchina ‘ grazie gigi avevo proprio bisogno di godere ‘ – ‘ andiamo per i cazzi nostri ? di mia madre non me ne frega niente , volevo solo controllare se giulia ( mia moglie ) racconta balle e lo’ha detto dandomi una gran palpata’ ‘ abbiamo una casetta accendo la caldaia ed in un paio d’ore è calda ‘ il viso le si è illuminato ‘ è proprio quello che speravo ‘ era felice come una ragazzina alle prime esperienze . ho avviato il riscaldamento , siamo usciti per fare acquisti e dopo una passeggiata nei dintorni siamo tornati a casa . c’era già un bel tepore .l’ho abbracciata . che furia mi baciava da affamata infilandomi la lingua in bocca , mi palpava dappertutto e come ha sentito il cazzo rigido l’ha cercato , ho slacciato la cintura dei pantaloni avevo il cazzo in supertiro e l’ha stretto in mano ‘ che bel tarello gigi ma quella scopata nel cesso di poco fa mi resterà nella memoria . quando l’amore è rubato è indimenticabile ‘ mentre ci baciavamo mi scappellava e la mia lingua saettava cercando la sua . l’ho spogliata ammirandola
‘ ti ricordi quando noi quattro da morosi andavamo al mare ? ti ammiravo e ti desideravo , sei bella come allora ma desso sei solo mia ‘ le ho fatto appoggiare il culo su un divano , le ho spalancato le gambe , che bello il suo bosco di peli neri arruffato ‘ tieni spalancata la figa ‘ con le dita l’ha aperta ed ho infilato il cazzo quasi con rabbia . ha avuto un sussulto , ha spalancato la bocca ‘ ooohhhh gigi finalmente sei nella mia passerotta cerca di stare fermo che me lo voglio gustare ‘ dolce elsa sentivo la figa stringermi il cazzo convulsamente ed io lo facevo vibrare ‘ gigi sei meraviglioso mi hai riempito la figa sto già godendo ‘ le ho messo le mani sulle chiappe muovendomi lentamente . elsa collaborava magnificamente abbiamo preso un ritmo indiavolato . che chiavata amici , che montata elsa ha chiuso gli occhi . il mio povero cazzo sentiva gli spruzzetti di piacere , si dimenava sempre più velocemente ,voleva parlare ma non riusciva . poi è esplosa ‘ vengoo gigi , vengooo , ahh che bel cazzo , sìì gigi mio , sììì vengooo ‘ sentivo i nostri corpi sudati sbattere rumorosamente ‘ vengo anch’io , vengoo , ti sborro ‘ mi sono schiacciato contro il suo ventre sparando caldi lanci . si è fermata imprigionandomi con le braccia , respirava a fatica ‘ ahhh gigi che bella giornata e questa è già la seconda chiavata , grazie , grazie ‘
l’ho presa in braccio adagiandola sul letto . c’è voluto un po’ perchè si calmasse . si è stesa su di me strusciando le tette . le ho fatto scorrere un dito nel solco anale e si è contratta . eravamo stanchi e ci siamo concessi un po’ di riposo . quel breve sonno ci ha ristorato , elsa aveva messo una gamba tra le mie l’ho palpata ‘ le ho fatto scorrere un dito nel solco anale pigramente si è svegliata e girandosi ‘ vorresti anche il culo ‘ – ‘ solo se ti piace e se lo desideri ‘ si è messa in ginocchio sul mio addome muovendo il corpo su e giù ‘sentivo la figa sfregare . ‘ non ridere sarebbe la prima volta , ho sempre tenuto di sentire dolore però proviamo ‘ che piacere gustarmi elsa tutta nuda solo per me e baci , baci , slinguate’ben presto il cazzo ha reagito , ha riso divertita’.mi sono fatto mettere la figa sulla bocca facendo scorrere dentro la lingua ‘ ‘ la vuoi ancora ‘ ‘ sì ma questa volta a 6 9 se non sei stanca ‘ ‘con questo ritmo mi fai fare indigestione di cazzo ‘ e si è girata offrendomi la figa . smanacciandolo l’ha preso in bocca baciandolo e succhiandolo . le mie leccate e lappate sul clito l’hanno ben presto eccitata e si è scatenata in un pompino favoloso che risucchi , che slinguate’.ha preso in mano la sacca dei testicoli sembrava volesse spremerli’ mano e bocca erano instancabili e quando ha sentito il cazzo riempirsi di sborra l’ha stretto tra le labbra menandolo fino a godersi una bella sborrata . quando ci siamo calmati ho sollevato le coperte e al calduccio ci siamo baciati e coccolati ‘ come sei dolce gigi e queste coccole mi fanno rilassare ‘ abbiamo gustato il calore dei nostri corpi . . ci siamo fatti un corroborante doccia’.era ora di pranzare . E dopo pranzo , stanchi del viaggi e delle chiavate , ci siamo concessi un breve riposo . . mi sono svegliato quando elsa ha preso in mano il cazzo che ha reagito come si deve . baci , bacini’ i suoi occhi imploranti sembravano dire dammelo , dammelo ‘ hai voglia amore ‘ povera cappella l’ha strapazzata l’ho fatta stendere e l’ho infilato tra le grandi labbra con un colpo deciso .ha spalancato le gambe ‘ non ti sembra di fare indigestione ‘ e sorridendo ‘ lasciamelo gustare ‘ mi stimolava il cazzo che si è impennato ‘ che piacere gigi stai fermo se riesci ‘ ma la voglia è voglia e con profonde penetrazioni le manovravo il cazzo in figa . a furia di spingere mi sono trovato con i coglioni contro il suo ventre ‘ ti piace gioia mia ‘ ha sussurrato un flebile ‘ adesso però montami voglio solo godere ‘ mi sono messo a braccia tese penetrandola . elsa collaborava da gran chiavatrice ben presto la figa si è bagnata spruzzando il suo piacere . mi sono fermato baciandola a lingua in bocca e muovendo il cazzo in figa . ho rallentato un momento per rifiatare sentivo la figa stringermelo e pulsare ‘ dai gigi dai spingi , montami spingiii , fammi venire ancora ‘ – l’ho montata con tutta la passione possibile fincè è partita una bella sborrata ‘ vengoo , elsa vengooo ‘ mi ha imprigionatto contro il suo corpo ‘ vieni , tesoro vieni , vieniii ‘ ha messo le mani sulle mie chiappe per schiacciarmi i coglioni contro lei e gustarsi il ‘ liquido vizioso ‘ . sentivo gli spasmi della figa’siamo stati u momento in silenzio ansimanti ‘ ti è piaciuto così tanto ‘ le ho fatto scorrere un dito nel solco anale titillando il buco nero… stava godendo così tanto che si è lasciata mettere nello sfintere due dita le rigiravo dentro , sentivo lo sfintere fremente ‘.la voglia era quella d’incularla ma non sapevo la sua reazione e non volevo rovinare i momenti di piacere per un mio capriccio ‘abbiamo esplorato i nostri corpi palpandoci , baciandoci . elsa ha cercato il cazzo che sotto le sue abili mani ha dato segni di risveglio’.ha girato il viso sorridente baciandimi , accarezzandomi ‘ lo sai che sei un porco , ma se fai piano vorrei provare cosa vuole dire prenderlo in culo ‘ è buona regola , se un culo è vergine , prepararlo bene . sono sceso dal letto recuperando la vasellina . elsa ha riso divertita ‘ con questa pomatina non lo sentirai neanche entrare ‘ si è inginocchiata baciandomi con grande passione ‘ ti voglio gigi , in questi giorni voglio fare scorta di sborra , di cazzo e di piacere ‘ si è messa bene in ginocchio alzando il culo , l’ho cosparso di crema
.penetrandola per lubrificarla’. poi ho appoggiato la cappella sul buchetto ‘ elsa fai un bel respirone , arrivo ‘ che fatica sfondarle il culo ‘inconsciamente opponeva resistenza , ma che lussuria sentire il cazzo entrare in quel belculo’.. ho cercato di fare tutto delicatamente , le accarezzavo le tettone ‘ ti faccio male elsa ‘ ‘ ‘ tu pensa a cacciarmelo in culo poi ti dirò qualcosa ‘ ho infilato la cappella e poi l’ho fatta solo pulsare per abituarla , sentivo lo sfintere cedere piano , piano .anche se la voglia era di sfondarla mi muovevo con circospezione ma era lei che cercava di arretrare ‘ ti faccio male tesoro ‘ ha scosso la testa , ormai i nostri corpi erano attaccati ‘ dai gigi avanti c’è posto ‘ più mi muovevo e più arretrava . è stata un’inculata lunga , focosa la tenevo per re chiappe sbattendola sempre più velocemente . elsa se la godeva ansimando . ha puntato le braccia arretrando con forza ‘ ti piace amore ‘ dolce elsa come se lo gustava , tutto il suo corpo vibrava sotto i miei colpi ‘ spingi bello , spingii dai spingiiii e sborrami dentrooo’ finchè le ho scaricato una bella sborrata . l’ho stretta contro me , il suo corpo era scosso da fremiti incontrollabili . ho preso in mano le belle tettone smanacciandole . l’ho sfilato dal culo ed è colata parte della sborrata’.si è lasciata cadere sul letto . l’ho lasciata tranquilla a rilassarsi , poi mi è venuta a cavallo ‘ è la prima volta che lo prendo dietro , ero timorosa e temevo di sentire dolore ma mi è piaciuto e lo voglio farlo ancora ‘ ci siamo rilassati parlando , baciandoci , coccolandoci’. era ormai tardi e nudi ci siamo addormentati . . la mattina ci ha svegliato il sole che filtrava dalle finestre . dopo aver baciato e coccolato elsa le ho chiesto se il buco del culo le faceva male . si è stesa su di me baciandomi e sorridendo sorniona ‘ non ho capito bene se mi è piaciuto , dovrai fare il bis ‘ nuotando tra il suo bosco nero le ho fatto un bel ditalino , ha cercato il cazzo e ci siamo scambiati il piacere anche se solo manuale’
‘elsa io dovrei fare la doccia mi lavi la schiena ? ‘ ‘ ‘ io dovrei lavarmi bene anche il buco del culo è sporco da ieri sera , ma se preferisci lavarmelo tu ” sotto il getto caldo della doccia ci siamo lavati . le ho fatto appoggiare le mani su una parete ed ha aperto le gambe’.miglior messaggio non poteva darmi . le ho toccato il buchetto magico
‘ mi sbaglio o lo vuoi dentro ancora ‘ ‘ ‘ certo adesso poi si è ben scaldato con l’acqua calda , chissà come entrerà bene ‘ avevo il cazzo duro e vibrante , mi sono abbassato e tenendo le belle chiappe aperte l’ho penetrata analmente . mentre la penetravo è indietreggiata ‘ sììì gigi , sììì , com’è bello caldo che piacere lussurioso , montami e sborrami dentro ancoraa ‘ data la posizione le ho afferrato i seni palpandoli , schiacciandoli ..elsa gridava dal piacere e m’incitava ad incularla . ero fresco e riposato che lussuria penetrare il suo culo caldo’.è stata una bellissima inculata terminata con una bella sborrata . se possibile , ha goduto meglio della sera precedente e quando glie l’ho chiesto mi ha detto che la prima volta era un po’ timorosa ‘ ma stavolta è stata una gran bella inculata ‘ felici soddisfatti siamo usciti per fare colazione ed acquisti vari . è squillato il suo cell. ‘ ciao diego tutto bene ‘ gli ha detto che l’avevo lasciata da sua madre e che sarei andato a riprenderla dopo qualche giorno . ‘ appena torniamo a casa ti darò la pipetta , se la vuoi ‘ chiusa la conversazione mi ha baciato ‘ sono stata brava a dirgli così ? ‘
dopo averla baciata e palpata ‘ voi donne ne sapete una più del diavolo ‘ e mano nella mano siamo tornati nella nostra alcova . i pochi giorni sono volati , ho ritrovato la mia elsa che avevo desiderato e perso tanti anni prima .
‘ gigi adesso che ci siamo ritrovati non perdiamoci di vista ‘ e spremendomi il cazzo
‘ questo bel gingillo lo voglio succhiare ancora ‘

tornando a casa in macchina elsa mi ha fatto promettere che almeno una volta al mese dovevo farla godere come nei pochi giorni passati insieme…e glie l’ho promesso’ solennemente

Autore Pubblicato il: 13 Maggio 2009Categorie: Racconti Erotici Etero0 Commenti

Lascia un commento