;

IpNoSi Di ErOs

Le mie mani sono incollate al tuo corpo,
il tuo battito accelera, infilo la mia mano nei tuoi jeans, ti accarezzo dapprima lento e poi veloce, l’altra mia mano stringe il tuo seno, e con la mia lingua mi divoro le tue labbra, assaporo la tua bocca.
Ti sfilo i jeans, il mio membro apre le tue grandi labbra,le sforza, entra a forza, entra dentro, sei lacerata, il mio membro entra dentro di te, avanti e indietro, tocca il fondo e si ritrae, mentre ti mordo i capezzoli, i tuoi fianchi sono attanegliati dalle mie mani, che t tengono ancorata, e io spingo, spingo, entro in fondo, voglio sentirti ansimare più forte, più forte, nel mentre i miei colpi che ora sono pugnalate, e all’ultima pugnalata, Vieni! Vieni!, sii t riempio, ultimi sospiri e ti lasci andare mentre io ti do l’ultimo bacio profondo prima di svanire nella mia ombra. Tu sei seduta su quella sedia, cmpaio dall’ombra, ti allargo piano piano le gambe, inizio a farmi spazio per entrare dentro di te con la lingua, a stimolarti il tuo punto più eccitante, voglio farti godere, solo godere, solo piacere, solo estasi, tu reclini il collo indietro e io scavo sempre di più in profondità e ti stringo i tuoi capezzoli duri come la roccia. Sentito il ritmo del tuo piacere nel tuo ventre, il tuo affanno, il tuo sospiro, i tuoi sussulti, i tuoi battiti accelerati. infilo due dita dentro di te e spingo spingo fino in fondo, dolore misto a piacere. Lasciati andare! Vieni! I tuoi ultimi affanni e poi scompaio di nuovo.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.