;

menage a trois

la tua email rimbomba nella mia mente. ti sono piaciute le mie parole e hai contraccambiato. leggo e ti immagino qui, che mi sussurri queste parole all’orecchio. mi eccito. penso a te che ti masturbi e vieni al solo mio pensiero. penso che quel piacere ha una dedica, solo per me. sento che ti sto facendo godere, me ne compiaccio. stringo le cosce e sento in me la voglia pulsare. mi trattengo. ora non posso. spengo il pc, devo servire la cena a mio marito. guardiamo la tv, ci sono i telegatti, ma la mia mente è altrove. sono stanca, voglio andare a letto e lo trascino con me. sotto le coperte mi avvicino a lui e glie lo prendo in mano. mi abbraccia, infila la mano sotto il pigiama e mi carezza la schiena come piace a me. scende più giù e vuole togliermi le mutande, lui adora togliermele, gli piace spogliarmi e io lo aiuto con movimenti del bacino. la sua mano sale fino al seno, mi accarezza e lo prende, stringe, indelicato, sembra mi voglia mungere. fai piano, ti prego. adesso il capezzolo è nella sua bocca e succhia avidamente. il suo pene è duro e pulsa nella mia mano che lenta lo coccola. dio lo voglio. mi sale sopra e si infila dentro di me tutto in un botto. sono fradicia e voglio godere. pompa sopra di me, mi bacia il collo, mi tira le gambe e mi riempie del suo piacere. si stacca da me. mi rimetto le mutande, non volgio sporcare le lenzuola. “ti è piaciuto amore?” “oh si amore” gli rispondo. mi bacia, si volta e dopo un pò si addormenta. infilo la mano dentro le mie mutande fradice e finisco il lavoro che lui non ha terminato. ma va bene lo stesso, sono felice così. godo e il mio ultimo pensiero va a quell’email da cui è scaturita la mia voglia.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.