;

Ribelle

Si, sono una femmina ribelle. Del tutto refrattaria all’autorità. Una che non si lascia domare, ma che all’occorrenza sceglie di farsi dominare. In quanto donna, lo concedo solo ad un uomo. Non alle brutte copie, gli omuncoli. E lui è un grand’uomo. Uno tutto d’un pezzo. Un professionista con il quale ho collaborato molto spesso negli ultimi mesi. Sempre con ottimi risultati. Il suo tono nei miei confronti rivela grande professionalità e distacco. E’ abituato a trattare situazioni nelle quali la sua bravura nella mediazione, fa la differenza. L’atteggiamento sicuro, pacato e misurato è il suo marchio di fabbrica. Tanto da dovermi sforzare di non sentirmi in soggezione davanti a lui. Abituata a strappare un’occhiata fremente anche dal più impassibile uomo d’affari, starmene davanti a chi sembra guardarmi con sprezzante distacco, mi rende nervosa. Ma ho ancora bisogno di lui. Quindi decido di chiamarlo e fisso un appuntamento. Mi riceve nel pomeriggio.
Il suo studio è vuoto, è giorno di festa. Un patrono qualsiasi ha il potere di lasciare a casa folle di dipendenti, in uno stato che ancora ci ostiniamo a chiamare laico.
Mi fa accomodare nel suo ufficio, chiude la porta. Gli illustro il nuovo problema, con l’usuale calma, mi profila le possibili soluzioni. Una scrivania ci separa, ma ormai arresa alla sua precedente indifferenza, non faccio caso a nulla. Quasi non mi accorgo che da qualche minuto mi sta fissando, con uno sguardo diverso. Si è indurito e non mi molla. Silenzioso mi guarda. Ha il potere di farmi sentire a disagio. Mi spinge a dubitare che mi sia sfuggito uno sproposito. ‘C’è qualcosa che non va?’. Lui non risponde. Mi rivolge un mezzo sorriso. Aspetto qualche istante ancora.’E se ti dicessi che non ti ho fatta venire qui per lavoro?’ Sono turbata, incuriosita, furiosa. Mi sta facendo perdere tempo, mi sta sfidando o si sta prendendo gioco di me ? ‘Non capisco.’ gli dico rivolgendogli uno sguardo feroce. Sbuffa sorridendo, si alza lentamente e si dirige verso di me. In piedi alle mie spalle, si china e mi sospira all’orecchio ‘Non credo tu sia così ingenua da non aver capito.’ La sua voce ferma e il suo fiato soffiato al mio orecchio mi fa rabbrividire di piacere. ‘Mi hai sempre ignorata’, rispondo. Senza sfiorarmi, si sposta nell’altro orecchio, annusandomi i capelli. ‘Solo perché un uomo non si fa vedere mentre ti guarda, non significa che non ti abbia immaginata nuda, nei più piccoli dettagli’ . Sorrido, questo è l’avvio al mio gioco, quello nel quale so di essere una maestra. Punto i piedi a terra e stringo i braccioli della sedia, per darmi la spinta necessaria a girarmi. Ma lui mi ferma. Mette le sue mani sopra le mie, le tiene salde impedendo di muovermi. ‘No tesoro, sei nel mio ufficio, le regole le detto io’ Finalmente, mi dico. Speriamo sappia il fatto suo. C’è da dire che la mia intraprendenza, è pari all’inadeguatezza maschile. ‘Alzati e appoggiati alla scrivania’ La sua sfrontatezza mi eccita. Dandogli le spalle, alzo il tubino nero fino a far scivolare fuori il pizzo delle autoreggenti, divarico le gambe, inarco la schiena e aspetto. So già cosa succederà. Sono abituata agli uomini che mi vogliono possedere. Ma stavolta è diverso. Lui, è un uomo diverso. Si avvicina a me, appoggia il suo bacino, lo fa aderire al mio. Allunga un braccio, preme il suo petto sulla mia schiena, prende una forbice dal barattolo davanti a me. L’altra mano passa sotto il vestito, due dita si infilano sotto la biancheria, ne seguono il profilo lungo il bordo fino ai fianchi. La tengono sollevata dalla pelle. Sento il freddo della lama. Un brivido di paura mi fa chiudere le gambe, in un gesto di protezione. ‘Se non stai ferma rischio di farti male’. La forbice taglia la biancheria, prima da un lato poi dall’altro. La sfila facendola strusciare tra le mie cosce. Non so se essere eccitata o impaurita da tanto ardore. Ma è solo l’inizio. Un braccio torna sulla scrivania, appoggia le forbici, afferra la mia mano, stringendola con forza. Sento che ansima alle mie spalle, mi morde non troppo violentemente il collo. Sto per ammonirlo, ribellandomi a lui per dirgli che non mi lasci troppi segni! Ma la sua mano, mi afferra il collo, facendomi voltare il viso. Le sue labbra serrano il mio lobo, lo succhiano, strisciando i denti.
Non è mia abitudine lasciare condurre il gioco ad un uomo, ma mi intriga per ora, sentirmi virilmente costretta. Normalmente mi sarei già sgancia e girata, ma oggi mi va di essere posseduta. Gli lascio carta bianca. Schiudo le gambe di poco. Lui coglie il segnale e dalla scrivania, sposta la mano sulla mia gamba, passa nell’interno, accarezzandola. Le richiudo velocemente, imprigionandogli la mano tra le cosce. Sento un suo mugugno all’orecchio e la sua saliva mi conferma l’eccitazione incontenibile. Lascia la mia gola, per infilare anche l’altra mano sotto al vestito. Lo alza, mentre avanza verso la prova della mia resa. Sono fradicia. Si bagna l’indice di me e me lo infila tra le natiche. Scivolando nel mio solco, trova l’imbocco della mia carne. Assecondo il suo desiderio di possedermi brutalmente, concedendo sfogo agli animali che siamo. Nulla di celebrale deve insinuarsi. La mia mano fruga tra i suoi abiti, gli slaccia frettolosamente tutto ciò che tiene rinchiuso lo strumento del piacere che voglio da lui. Lo trovo e lo afferro avidamente tra le dita per appoggiarlo al mio sedere. Con entrambe le mani mi allargo le natiche, offrendole al mio carnefice. ‘Prendimi!’ La mia carne, avvolge la sua e in poco tempo, la riempie di piacere bollente e palpitante. La sua furia si è esaurita in qualche spinta ed ora è immobile. Mi ha tappato la bocca per soffocare ogni mia possibilità di libertà. E questo giogo mi è piaciuto. Ma ora che si è calmato, tocca a me. Ora la schiava torna padrona di sé, determinata ad esserlo anche di lui. Mordo una delle dita che mi soffocano, liberandomi dalla sua mano. Mi volto di scatto e lo bacio prepotentemente, ma lentamente. Ora scelgo io il ritmo. E tocca a me godere. Ma non sarà facile. Lui non è intenzionato a lasciamelo fare. Mi succhia la lingua e stringe il mio corpo tra le sue braccia in una morsa. Mi abbandono, facendogli credere per un istante di avermi domata. Appena allenta la presa, mi siedo sulla scrivania. ‘Vuoi vedere come godo? Prendi una sedia e gustati lo spettacolo’ Incuriosito e ammaliato dalla mia proposta, mi obbedisce. Mentre afferra la sedia, mi sdraio e abbandono le scarpe sul pavimento. Appoggio i piedi sulle sue cosce e ne strofino uno sul suo pene ancora lucido e sfatto, abbandonato fuori dai pantaloni. La mia mano, accarezza l’interno coscia e scivola lentamente, verso il pube. Lui mi solleva il vestito, per vedere meglio e resta immobile a guardare. Le mie dita cercano sapienti il piacere. Ne conoscono ogni labirinto. Ne sanno scovare l’intimo rifugio. Mi stuzzico il clitoride, facendo sgorgare lava infuocata ed eccitata. ‘Vuoi sentire il mio orgasmo sulla lingua? Allora infilala e aspetta’ Mi asseconda e mi tortura là dentro, lasciando le mie dita libere di darmi piacere. Sfregando il magico bottoncino esterno, fino all’estremo sussulto. La vibrazione è tale da farmi contorcere il bacino. Lo afferra e lo serra tra le mani, tenendomi immobile. Toglie la lingua, si alza e riempie quel vuoto di carne, tornata turgida e fremente, desiderosa di penetrarmi. Tutta. Mi afferra le mani, le porta sopra la mia testa e me le inchioda alla scrivania. Si ferma, mi fissa. Di nuovo quello sguardo duro ed emblematico di prima, mi scruta. Vuole afferrare l’espressione del mio piacere e togliermi quell’aria di irriverente intraprendenza. Gli stringo il bacino tra le gambe, tenendolo avvinghiato e saldo dentro di me. ‘Scopami con tutta la foga che la mia insolenza ti suscita’. Cerco di divincolarmi, per alzarmi e baciarlo, ma lui mi tiene ancorata alla scrivania. Mi sfida e mi deride, avvicinando il viso al mio per farsi baciare, per poi scostarlo bruscamente all’ultimo istante. ‘Niente smancerie, dolcezza. Ricordi ? Detto io le regole, qui’ Mi abbandono, lasciandomi penetrare, ogni spinta è una sua dichiarazione di virilità. Lunghe penetrazioni lente, si alternano a brevi e secche. Sposto i piedi, puntando i talloni sulla scrivania. Ora posso inarcare la schiena e far strusciare il mio monte di venere su di lui, mentre affonda. Le sue mani mi lasciano libera per afferrare le mie natiche e tenerle sollevate, sento le dita lungo il solco. Affondano di nuovo della carne proibita. Ad ogni colpo di bacino, corrisponde una penetrazione anale. Sento calore divampare in tutte le direzioni, vorrei urlare, ma il mio corpo è troppo concentrato a darmi piacere. Riesco solo a mugugnare, tenendo le labbra chiuse. Resto sfinita da tanta potenza. Lui si sfila da me e voltandomi le spalle esce dalla stanza. Scendo dalla scrivania, guardo le tracce del nostro amplesso impresse sul vetro. Mi sento stordita. Le gambe sono molli e stentano a infilarsi le scarpe. Afferro la borsa e me ne vado. Non potevo trovare un professionista migliore, al quale affidare la mia causa.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.