;

Week-end in montagna ( 1a parte )

Ciao a tutti, mi chiamo Roberto e ho 20 anni. L’esperienza che vi voglio raccontare mi è capitata la scorsa estate durante un week-end nella mia baita in montagna.

La scuola era appena finita così decisi di organizzare una piccola festa tra amici nella mia casa in montagna. Un week-end esclusivamente dedicato al divertimento, a bere, fumare e alla cosa più importante: scopare. Infatti sono insieme ad una ragazza da un anno circa, indubbiamente la migliore che abbia mai avuto finora. Il suo nome è Ilaria: è di 2 anni più piccola di me, ha i capelli lunghi fino alle spalle lisci neri, occhi verde chiaro cristallino, carnagione leggermente scura da tipica ragazza mediterranea, come se fosse costantemente abbronzata tutto l’anno, alta 1:70 e di 48 kili circa. Ha un seno perfetto, piccolo, una seconda ma molto sodo e tondo, un culetto da favola, un ventre piatto e 2 splendide gambe da pallavolista. Ilaria è una ragazza dolcissima, io ne sono innamorato, è una ragazza fresca, gentile, disponibile, simpatica. Ilaria è anche una ragazza molto fedele, nonostante sia una bellissima ragazza, tranne che con me non ha quasi mai fatto esperienze in campo sessuale. Ad averla sverginata sono stato ovviamente io a capodanno 2005 ma sono anche il primo a cui lei ha fatto il primo pompino. Le sue uniche esperienze erano legate solo a baci e a qualche sega ai suoi ex. Ora con lei posso praticare tutte le mie fantasie e il week-end in montagna è sicuramente una buona occasione per sperimentare. Convincerla a venire non è stato facile, già è anche molto timida qualche volta, quindi ho dovuto implorare alcune mie compagne di venire anche loro per mostrare ad Ilaria che non sarebbe stata l’unica donna.

Fatto tutto, decidiamo di partire il venerdì mattina seguente: siamo io, Ilaria ed altri 3 miei compagni di scuola: Patrick, ( un po’ il capo di noi: un ragazzo forte alto ed atletico ) Giorgio, ( il mio compagno di banco: basso e grassottello ) e Daniele ( un ragazzo normale: un po’ timido e riservato) . Con nostro grande dispiacere verifichiamo che alla partenza le altre ragazze non ci sono, questo provoca un enorme rammarico in tutti noi e una grande rabbia di Ilaria che comincia a tirarmi storie e a dirmi che non vuole venire per non essere l’unica femmina. Passano 15 minuti e la convinco poi finalmente riusciamo a partire. Verso le 11 raggiungiamo la baita e subito sbrighiamo i convenevoli ovvero portiamo gli zaini nelle camere, diamo una ripulita ecc. ecc., inseguito spediamo Ilaria in cucina per preparare da mangiare mentre noi ragazzi finalmente usciamo per fare una partitella a pallone sul prato. Ilaria già arrabbiata da prima si innervosisce di nuovo scoprendo che sarebbe dovuta esser lei la serva di turno per tutto il week-end per preparare da mangiare, apparecchiare, lavare i piatti e tutto il resto. Le do un bacio per tenerla buona e poi esco anch’io con gli altri.

All’1 del pomeriggio mangiamo, Ilaria è un’ottima cuoca, porta il primo ed il secondo insieme ad altre cose da mangiare. L’attenzione dei miei amici però non è rivolta tanto al cibo quanto ad Ilaria che costantemente passa da un posto all’altro per servire le portate vestita con 2 scarpe da ginnastica, un paio di pantaloncini cortissimi di jeans attillati e una magliettina azzurra molto corta e stretta, più un completo intimo che per ora posso solo immaginare. Vedo i miei amici attratti da lei, ma non me ne preoccupo, le fanno anche alcuni apprezzamenti ma l’ironia è nell’aria e tutto ci sta poi nemmeno lei se ne preoccupa molto quindi è tutto ok.

Durante tutto il pomeriggio giochiamo ancora a pallone, a secchiate d’acqua visto il grande caldo e poi decidiamo di prendere il sole: i 3 da soli ed io e Ilaria un po’ in disparte per stare un po’ in intimità e poi la devo coccolare visto che è arrabbiata da tutto il giorno. Il suo costume è divino, gliel’ho regalato io così apposta aspettando per giorni il momento in cui finalmente lo avrebbe messo. E’ un bikini molto sexy bianco: le mutandine sono a perizoma con i laccetti sui fianchi mentre il reggiseno è formato da 2 triangolini piccolissimi con i laccetti dietro al collo. Vederla così tutto il tempo di fianco a me mi fa andare gli ormoni a 1000, il cazzo mi diventa subito duro così mi faccio prima spalmare la crema da lei poi faccio io la stessa cosa. Finita l’operazione passo di fianco a lei e incomincio a slinguarmela, lei accetta di buon grado poi però si blocca quando incomincio a diventare più insistente andando a palparle il culetto con una mano e la sua stupenda fichetta depilata con l’altra. Non che lei non gradisse ma non voleva farsi sentire o vedere dai nostri amici. Così mi tocca aspettare e lavorarmela a lungo continuando a stuzzicarla, finalmente si lascia un po’ andare con mio grande piacere. Ora le penetro la fichetta con un dito, poi con 2 e la sento bagnarsi, dopo un po’ le prendo una mano e me la metto sul pacco, lei non fa nulla così gli riprendo la mano e me la infilo dentro il costume costringendola così a prendermelo in mano e a farmi una sega. Ma la mia erezione è troppo forte e il costume non la contiene così lo tiro fuori e me lo faccio segare per bene.

Ilaria: No dai’e se vengono gli altri?

Io: Ma no dai impossibile stanno prendendo il sole tutti e 3 più giù e poi se caso li sentiamo arrivare

Lei allora si lascia un po’ andare e io ne approfitto subito per farmela come si deve.

Io: Dai Ila prendimelo in bocca.

Ilaria: Ma sei matto’no e se arrivano?

Io: Ma dai piantala le capiscono anche loro queste cose e poi dai che ho voglia non vedi come c’e’
l’ho duro?

Ilaria: Si’però’

E prima che finisca di parlare gliel’ho già cacciato tutto in bocca, la cosa mi manda subito in estasi e non riesco a trattenere il mio godimento.

Io: Ohhh si finalmente’brava’mmm’

Ilaria:’mmm’mmm’

Io: Ohh sii brava Ila’mmm’.sei fantastica’sei bravissima a fare i pompini.

Gli altri forse indispettiti dai rumori che provengono da Ilaria e soprattutto da me si alzano e nascondendosi tra l’erba si avvicinano lentamente. Sicuramente sono anche molto eccitati visto che io sono l’unico con una donna e loro no. Nonostante tutto li vedo avvicinarsi a guardare e contemporaneamente si toccano tutti e 3 l’uccello, Ilaria non li può vedere perché è chinata a farmi il pompino. Il fatto che gli altri mi vedano mi eccita solo ancora di più. La mia splendida ragazza che mi spompina con quei 3 allupati dei miei amici che guardano. Preso dalla foga prendo la testa di Ilaria con le mani e incomincio a scoparla in bocca come un forsennato. Ancora pochi colpi ed esplodo in una memorabile sborrata nella bocca della mia ragazza, un po’ gli và in bocca, il resto sul viso, sui capelli e un po’ le cade anche sul seno.
Me lo faccio ripulire bene e poi come se niente fosse torniamo a prendere il sole, gli altri 3 spariscono immediatamente.

Verso le 7 spedisco di nuovo Ila in cucina mentre noi ragazzi cominciamo a tazzare di brutto: birra e tutto quello che c’eravamo portati. Anche durante la cena beviamo molto, ogni 2 bocconi 4 sorsi di birra. Gli altri versano da bere anche a Ilaria me lei non sopporta e non regge minimamente l’alcool quindi lo rifiuta.
Dopo cena siamo tutti un po’ alticci Ilaria esclusa, e incominciamo a sparare cazzate di ogni genere, l’argomento predominante ovviamente è il sesso e dunque non mancano anche continui riferimenti a me e a Ilaria, lei parla poco e arrosisce subito. Man mano che la serata procede i discorsi si fanno sempre più spinti e viene fatto anche qualche riferimento a quello che i nostri 3 amici hanno visto tra me e Ila nel pomeriggio sul prato quando prendavamo il sole. Io mi metto a ridere divertito mentre Ilaria arrossisce ancora di più.

Partick: Dai Ila, non c’è niente di male se sei brava a fare i pompini’anzi è un grande pregio hahaha’

Giorgio e Daniele: HAHAHA.

Ilaria:’.

Giorgio: E’ vero Ila, Patrick ha ragione, non devi arrabbiarti, è un complimento.

Ilaria:’ma’ma ragazzi!

Daniele: Ilaria ma quando ti è capitato di fare il primo pompino?

Patrick: Già’e quando hai fatto la tua prima sega ad un ragazzo?

Giorgio: Ti masturbi spesso?

Tutti si lasciano andare ad uno stato di eccitazione e la bombardano di domande, io li lascio fare e anche lei comincia a lasciarsi andare un po’, forse per via della situazione che cominciava ad eccitarla e anche sicuramente dovuto al fatto che si era abbandonata un po’ anche lei all’alcool bevendo una birra.
Il resto della serata trascorre così fino a quando Patrick se ne esce fuori con una sorpresa. Sale di sopra nelle stanze e scende poco dopo con un film porno in mano: ‘Una segretaria particolare’.
Questo provoca lo stupore generale ma anche aumenta il grande stato di eccitazione di tutti quanti:

Giorgio: Si grande Patrick!!

Ilaria: Ma ragazzii!! Che maiali che siete!!!

Patrick: Ma dai Ila che sei eccitata pure tu, lo so che sei curiosa di vederlo!

Ilaria:’

Io:’e dai guardiamocelo.

Daniele: Si Si!!

Patrick: Bene bene allora tutti d’accordo.

Così Patrick infila la cassetta nel vecchio registratore e accende l’altrettanto vecchia tv della mia baita. La prima scena è subito eccitantissima: la protagonista, una stupenda ragazza alta e mora vestita da segretaria sta spompinando il suo capo stando sotto la scrivania di quest’ultimo mentre lui parla come se niente fosse con un’altra persona ignara di tutto dall’altra parte della scrivania. Tra noi regna il silenzio, nessuno dice niente, nonostante l’alcool rimaniamo comunque tutti un po’ intimiditi tranne Patrick, ( che è un po’ il bulletto e il capo di noi come già ho detto ) che continua a tastarsi il pacco da sopra i pantaloncini. Passano alcune scene e anch’io mi faccio un po’ di coraggio e incomincio a palpare Ilaria sul seno e sul culo. Sono straeccitato e non resisto più, almeno io ho la mia ragazza, mi immagino gli altri poveracci come faranno.
Quando è passata ormai un’altra ora la situazione è questa: io e Ilaria limoniamo di brutto in disparte sul divano mentre li attaccati ci sono gli altri 3 tutti con le mani dentro i pantaloncini che si stanno masturbando, alla tv invece la segretaria si sta facendo inculare dal capo mentre spompina 2 clienti. Poi ad un certo punto sento Ilaria sussultare, non sta venendo, non è un sussulto di quel genere, sembra più come se l’avessero spaventata di botto. Mi sposto e gurdo: una mano le ha appena toccato il culo, è quella del timido Daniele che subito dopo la ritrae. Io non riesco a dire nulla ed Ilaria nemmeno. Decido che forse è il caso di smetterla. Così prendo Ilaria e saliamo in camera mentre gli altri a questo punto tirano fuori i loro cazzi e si masturbano apertamente davanti al film.
Giunto in camera dimentico già il precedente episodio e non ne parlo ad Ilaria anzi facciamo tutt’altro, Ormai entrambi super eccitati ci strappiamo letteralmente i vestiti di dosso e ci mettiamo sul letto in posizione di 69. Le lecco la figa che è bagnatissima mentre lei si esibisce in uno splendido pompino. Poi lei mi monta sopra e scopiamo alla grande. Pochissimi colpi e non resisto, esco appena in tempo ed esplodo in una grandissima sborrata sul suo ventre, dopodiché pure lei viene sotto i colpi delle mie dita. Altri pochi istanti e ci addormentiamo esausti. Come primo giorno non c’è male.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.