;

Cambio di fronte

Mi chiamo Federico, 38 anni, a
traente, atletico, alto 186. Vivo a Verona.
Racconto cosa mi accadde 6 anni fa.
Mi ero appena lasciato dopo 7 anni di relazione con la mi fidanzata. La figa non mi mancava, tanto che frequentavo due donne contemporaneamente, che pensavano ciascuna di essere l’unica.
Presto, preso dalla noia cominciai a bazzicare in chat. Dopo solo pochi giorni riuscii ad incontrare una ragazza, che mi portai a letto. Presto la noia prese anche questa attività di chat,.Così cominciai a frequentare delle chat per soli uomini. Con sorpresa, a parte un iniziale rigetto della cosa, la faccenda mi irrretiva, tanto che cominciai a guardare pornografia omosessuale.
Spesso mi masturbavo con immagini di uomini nudi o di coppie di uomini che facevano sesso.
Mi incuriosiva la consistenza di un cazzo in mano ‘e in bocca.
Mi scattai delle foto, nudo, e l pubblicai sulle chat. Senza viso. Riscossi moltissimo succesis e questo mi fidelizzo definitivamente a quel tipo di svago.
Mi feci diverse amicizie virtuali. Nel frattempo acquistai anonimamente via internet un vibratore di gomma, delle dimensioni circa del mio cazzo. Tra le amicizie c’era Paolo, di Udine, fisico robusto, un po’di pancia, molta barba e niente capelli. Veramente virile. Io cercavo negli uomini quello che le donne non mi potevano dare: il cazzo in sostanza.
Mi esercitai parecchie settimane a fare pompini’e dopo un po’ comincia aid appoggiarmi quell’affare sul buco del culo mentre mi stavo segando. Acquistai del lubrificante e presto il vibratore mi possedette.
L’unico dato negativo di quella nuova forma di godimento era che dovevo impiegare un braccio per manovrare quel cazzo artificiale, mentre mi sarebbe piaciuto concentrarmi solo sul godimento. In ogni caso in quel periodi presi la decisione di fare un pompino a qualcuno. Scelsi Paolo, che mi corteggiava da mesi, perché era piuttosto lontano e mi garantiva la riservatezza.
Il giorno che mi recai da lui era un nebbioso sabato pomeriggio pieno di umidità. Arrivai da lui dopo 2 ore di viaggio. Indossavo i pantaloni della tuta e una felpa. Sotto i pantaloni ero senza slip e il mio culo lubrificato al 100%, poiché ci avevo giocato la mattina. Lui usci dalla sua casa per indicarmi dov’era. Mi batteva forte il cuore. I momenti prima di passare all’azione sono i più tesi. Si avvicinò a me e mi baciò. Questo non l’avevo calcolato e mi sentii per la prima volta un vero gay.
Mi inginocchiai e lui aprendo i jeans sfodero il suo cazzo che già avevo visto in cam.
Che sapore salmastro. Molto gustoso. Presi a succhiarglielo come una vera troia mentre lui ansimava. Presto alla mia saliva sentii che si mescolavano gocce di sperma. Eccitato mi abbassai i pantaloni alle ginocchia in modo da scoprire il mio culo e il cazzo, con il pube depilato fuorch&egrave per una macchia di pelo a forma di triangolo (come una fighetta). Alla vista del mio culo il cazzo di Paolo s’indurì ancora un po’. Ansimando Paolo mi chiese se volevo che ci spostassimo in camera. Aderii alla sua proposta pensando che sarei stato più comodo. Lui si distese e io mi sfilai i pantaloni per stare più comodo, e ripresi il suo uccello ancora umido e duro in bocca.
L’aria fresca dell’inverno accarezzava il mio culo ed il suo buco umidissimo mentre portavo Paolo verso l’orgasmo con la mia bocca vergine. Ansimando, lui mi chiese se volevo provare’Non so cosa mi prese: saltai sul letto e assunsi la posizione a pecorina, inarcando il culo verso l’alto e verso Paolo, il quale balzo alle mie spalle incredulo e punto la cappella verso il buco. Lo sentii appoggiarsi e spinsi il culo verso di lui, determinando l’ingresso della cappella nel mio culo. Era fatta!
Le sue mani mi presero i fianchi e mi affondò tutto il cazzo dentro le viscere. Controllai che le sue palle fossero adiacenti alle mie, segno che tutta la sua tega era dentro di me. Paolo emise un sospiro e comincio a incularmi a stantuffo: 1, 2, 3, 4, (‘), 9, non so perché li contai, ma al nono en. assalto estrasse il cazzo da me e mi sborrò, copiosamente sulla schiena. Il mio culo era bello caldo e io voglioso. Glli presi il cazzo in bocca e glielo pulii dal seme rimasto sulla cappella.
Me ne tornai a casa soddisfatto della mia nuova bsessualità.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.