Skip to main content
Racconti erotici sull'Incesto

Guardone di mia Madre (Cap.1)

By 1 Maggio 2024No Comments

A distanza di parecchi anni ripropongo questa serie di racconti che avevo pubblicato in altro sito. Spero che siano ancora di vostro gradimento.

Non sono certo tra quelli che hanno una madre tutta curve perfette, tette favolose ecc. quasi delle ventenni insomma e, qualche volta sono anche poco credibili.
No, mia madre ha un culo ben pronunciato, due tette robuste ma è arrapante da morire.
Ho sempre spiato dal foro della chiave del bagno e della camera da letto ma, il preferito era il bagno, non molto largo e lungo, permetteva gioco forza una visione dell’insieme… e che visione.
La sera, quando mio padre faceva il turno di notte, aspettavo con impazienza che mia madre andasse al bagno a fare i propri bisogni oppure a fare la doccia per appostarmi lì sul buco della serratura e con il cazzo in mano. Avevo imparato ad essere estremamente silenzioso, mi preparavo in poltrona, calzini e ciabatte, all’occasione toglievo le ciabatte ed ero… inesistente.
Lo spettacolo più bello che mi si offriva era quando andava a fare i propri bisogni così che stava seduta e sentivo lo scroscio della piscia e dopo lo spettacolo del bidè. Il sangue mi saliva alla testa ed uno strano languore mi prendeva lo stomaco, dovevo stare attento però, perché, guarda caso, dopo che lei era uscita toccava sempre a me a partire di corsa per svuotarmi in una sega immensa.
Quella sera però successe una cosa inaspettata, la vidi indugiare dopo aver fatto la pipì, prima di entrare sotto alla doccia, distese a terra un accappatoio, le si sdraiò sopra ed aprendo le cosce alla mia perfetta visione, iniziò a masturbarsi, continuava a leccarsi le dita ed a smanettarsi la figa ed il grilletto, si sbavava nelle dita e se le metteva in figa, io ero li con l’occhio fisso e con il cazzo che mi era diventato viola, ad un tratto le vidi uscire un grosso fiotto di brodo, con la mano continuò ancora un poco a massaggiarsi la figa, dopo di che si alzò ed andò a farsi la doccia.
Avevo il cazzo a mille, non sapevo cosa fare, attesi qualche secondo e, intuizione geniale, facendo finta di nulla le chiesi se ne avesse ancora per molto poiché avevo necessità del bagno. Aspetta un momento, mi disse, sentii che aprì la porta del bagno, ancora qualche secondo:-Ecco adesso puoi entrare. Ero emozionantissimo, entrai, lei aveva richiuso la tenda della doccia così poteva assicurarsi l’intimità desiderata…-Vai pure se non ce la fai più io intanto mi rinfresco.
Bastò smuovere leggermente il cazzo che feci due schizzi immensi e poi ancora uno che mi svuotò, intanto mia madre canticchiava bella tranquilla, almeno a me sembrava, alzai la testa e la vidi da uno specchio, non molto ma quanto bastava perché lei mi avesse visto mentre mi segavo. Feci tutti gli sforzi possibili per poter pisciare, per cercare almeno di fare finta di niente, alla fine la feci e fu una grande liberazione, in tutti i sensi. Una asciugatina alla cappella e poi fuori dal bagno come se nulla fosse accaduto.
Certo che però il turbamento continuava, non riuscivo a togliermi dalla mente quell’immagine di mia madre a cosce larghe, rivolta verso la porta, che si masturbava, quelle tettone strette tra le braccia, quella panzetta traballante e quelle coscione che avrebbero fatto infoiare chiunque, chiunque ami un pò di ciccia come a me d’altronde.
Sdraiato nella poltrona guardavo la tv cercando di allontanare quei pensieri ma il cazzo era gia tornato duro. Mia madre uscì dal bagno, aveva indosso un accappatoio e mi disse:- Io vado a dormire, vedi di non fare tardi…. le solite raccomandazioni insomma ma, nel dire questo, mi accorsi che dette una sbirciata, d’altronde non potevo ne tagliarlo ne nasconderlo, e, facendo un leggero sorriso se ne andò in camera sua.
Aspettai qualche minuto poi anch’io mi avviai a dormire; la porta della camera di mia madre era leggermente socchiusa così che mi fermai un attimo a salutarla e poi andai.
Il sonno non arrivava, avevo provato in tutti i modo ma non c’era verso, era gia passata la mezzanotte quando decisi di andare a farmi una camomilla, ebbi però come sentore di qualcosa, dei leggeri rumori che venivano dalla camera di mia madre. Molto lentamente mi avvicinai senza accendere la luce tanto veniva un leggerissimo bagliore proprio da quella stanza ed ancora una volta la vidi che si stava masturbando ma, stavolta, aveva un cetriolo, si si si… proprio un cetriolo preso dalla cucina e si stava stantuffando in maniera vergognosa… mi presi l’uccello con una mano e con l’altra riuscii a recuperare quanta più sborra potevo per non sporcare, tornai in camera mia e mi pulii quanto meglio potevo. Dopo un poco dormivo come un angelo. Tutte quelle emozioni, tutte assieme probabilmente mi avevano distrutto.

16
4

Leave a Reply