Leggi qui tutti i racconti erotici di: Domentiko

MIA MADRE MIA SORELLA E L’IDRAULICO
SALVE A TUTTI QUESTO E IL MIO PRIMO RACCONTO
PREGASI DI VOLERMI INVIARE LE VOSTRE CRITICHE BELLE O BRUTTE CHE SIANO
MI AIUTERANNO A MIGLIORARE
UNA MATTINA QUALUNQUE SONO USCITO TRE ORE PRIMA DA SCUOLA A CAUSA DI UN’ASSEMBLEA DI CLASSE RIENTRO A CASA CON IL PENSIERO
DI FARMI UNA SEGA VEDENDO IL FILM PORNO DEL MITICO ROCCO SIFFREDI NOLEGGIATO LA SERA PRIMA.
ENTRO A CASA E NON VEDO NESSUNO STRANO PENSAI DI SOLITO MIA MADRE E A CASA A FARE I MESTIERI .OPPURE PENSAI CHE ERA ANDATA AL MERCATO.
MI DIRIGO NELLA MIA STANZETTA E’NOTO CHE LA FINESTRA DELLA CAMERA DA LETTO DI MIA MADRE E’APERTA, STRANO PENSAI PERCHE’ DI SOLITO QUANDO SI E’ FUORI CASA LEI NON DIMENTICA MAI DI CONTROLLARE CHE TUTTO SIA CHIUSO X PAURA DI EVENTUALI FURTI.
ESCO FUORI IN GIARDINO PER CONTROLLARE CHE TUTTO SIA A POSTO
E MI AVVICINO AL CAPANNO DEGLI ATTREZZI DI MIO PADRE X CONTROLLARE ANCHE LI AD UN CERTO PUNTO SENTO LA VOCE DI MIA MADRE
‘ DAI SU CHE ASPETTI MUOVITI I MIEI FIGLI TRA UN PO’ RIENTRANO DA SCUOLA ‘
‘ ZITTA TROIA SPALANCA LA BOCCA E BEVI ‘
QUELLA VOCE MI SEMBRAVA DI CONOSCERLA MI AVVICINO PER GUARDARE DA UNA FRESSURA RICAVATA NEL MEZZO DI DUE TAVOLE DI LEGNO
QUELLO CHE VIDI FU UN VERO E’ PROPRIO CHOC..
MIA MADRE ERA NUDA IN GINOCCHIO E UN’LATRA PERSONA CHE NON CAPIVO CHI ERA STAVA DI FRONTE A LEI CON IL CAZZO IN MANO.
DAPPRIMA NON AVEVO CAPITO LA SUA INTENZIONE POI QUANDO VIDI CHE STAVA PISCIANDO MI VENNE UN COLPO
FINALMENTE CAPII CHE L’UOMO CHE STAVA FACENDO QUESTO A MIA MADRE ERA L’IDRAULICO DEL QUARTIERE.
IO QUESTE SCENE LI AVEVO SOLTANTO VISTI NEI FILM PORNO MA NON AVREI MAI LONTANAMENTE IMMAGINATO CHE QUESTE COSE LI AVREI VISTI DAL VIVO.
SU DAI PORCO PISCIAMI IN FACCIA DAI VOGLIO BERTI TUTTO’
HAAA HAAA
L’IDRAULICO COMINCIA DAPPRIMA CON DEI PICCOLI ZAMPILLI CHE NON ARRIVAVANO NEANCHE A COLPIRE I SENI DI MIA MADRE POI CON UN GETTO PIU’ FORTE INCOMINCIA AD ANNAFFIARE IL VISO DI MIA MADRE CHE LEI PRONTAMENTE ACCOGLIE CON LA BOCCA SPALANCATA IO ERO AL LIMITE DELLO SVENIMENTO NON SAPEVO SE RIDERE O PIANGERE DI FRONTE A CIO’ CHE VEDEVO MIA MADRE SEMBRAVA SI STESSE FACENDO UNA DOCCIA RINFRESCANTE
E I SUOI GEMITI ERANO TALMENTE FORTI CHE QUASI SI SENTIVANO IN STRADA
QUANDO L’IBRAULICO EBBE FINITO ORDINO A MIA MADRE DI FARGLI UN POMPINO ME LEI SI RIFIUTO’ DICENDOGLI CHE TRA POCO IO ERO A CASA MA LUI NON VOLLE SENTIRE RAGIONI E MIA MADRE INCOMINCIO’ A FARGLI UN POMPINO DEGNO DELLE MIGLIORI ATTRICI HARD DELLA TERRA IN FINE QUANDO STAVA X VENIRE MIA MADRE SENZA FARSI DIRE UNA PAROLA SPLALANCA LA BOCCA RICEVENDO TUTTO QUEL NETTARE E SENZA SPRECARNE UNA GOCCIA
MI RESI CONTO CHE MIA MADRE E’ VERAMENTE TROIA CON LA T MAIUSCOLA
ME NE RITORNAI NELLA MIA STANZA CHE SEMBRAVO UN CADAVERE
ASPETTANDO CHE MIA MADRE RIENTRASSE.
MI NASCONDO E LA VEDO DOPO POCHI MINUTI CHE RIENTRA A CASA MEZZA NUDA SEMPRE CONVINTA DI ESSERE SOLA IN CASA E SI DIRIGE IN BAGNO PER DARSI UN RINFRFESCATA
SPIO NEL BUCO DELLA SERRATURA E VEDO MI MADRE CHE SI PASSA UN DITO NEL SOLCO DELLE TETTE UNTE DI PISCIO E SE LO METTE IN BOCCA
E LA VEDO SORRIDERE DEGUSTANDO IL PISCIO DELL’IDRAULICO COME SE FOSSE IL MIGLIOR PIATTO CHE UNO CHEF ABBIA MAI PREPARATO.
IO NON POTENDO PIU’ RESISTERE TIRO FUORI IL MIO CAZZO FACENDOMI UNA SEGA CON UN MISTO DI ECCITAZZIONE E RIBREZZO NEL VEDERE MIA MADRE NELLA SUA TOTALE PORCAGGINE.
INTANTO MIA SORELLA RIENTRA A CASA DOPO LA SCUOLA
MIA SORELLA MARTA CON I SUOI 19 ANNI E’ TUTTA UN PEPERINO ALTA 1,65 CAPELLI CASTANI E OCCHI AZZURRI PRESI SICURAMENTE DA MIO PADRE
UN FISICO DA SBALLO CON QUEL CULO CHE NON FA ALTRO CHE METTERLO IN MOSTRAOVUNQUE SI TROVI
DICEVO CHE IL CASINO CHE FA LEI A CASA VALE X 10 PERSONE
MAMMAAAAA
MAMMAAA
MA DOVE SEI??
SONO IN BAGNO TESORO’
MARTA SALE LE SCALE APRE LA PORTA DEL BAGNO .
MARTA SI AVVICINA NEL BOX DOCCIA E APRE LA TENDINA
CIAO MA’ COME VA’..??
BENE TESORO COME E’ ANDATA OGGI?
BHE’ NON CE’ MALE
IL PROF.DI MATEMATICA MI HA ANCHE INTERROGATA E HO
FATTO DAVVERO SCHIFO..HO PRESO 4 MENO
COSI NON RIUSCIRAI MAI A DIPLOMARTI.
NON TI PREOCCUPARE MA’ SAPEVO CHE MI INTERROGAVA ME LO AVEVA DETTO LUI DOPO AVERGLI FATTO UN INGOIO NELL’AULA DEI PROFESSORI.
MA CHE BRAVA LA MIA PICCOLA SEI PIU’ ZOCCOLA DI TUA MADRE
MERITI UN BACIO..
DALLA PORTA DEL BAGNO LASCIATA SEMI APERTA DA MIA SORELLA RIESCO A VEDERE MIA MADRE E MIA SORELLA CHE SI SLINGUAVANO COME DUE MATTE
MIA SORELLA SI DIRIGE VERSO IL PORTA BIANCHERIE E LA VEDO CERCARE IN MEZZO AI PANNI SPORCHI
POI ESULTA COME UN’ATLETA CHE VINCE LE OLIMPIADI
ECCOLO L’HO TROVATO
MIA MADRE CONTENTISSIMA VIENI PICCOLA PORTALO A ME
MA COSA ERA ANCORA NON L’AVEVO CAPITO
DA QUEL PORTABIANCHERIA MARTA TIRA FUORI UNA UN CAZZONE DI GOMMA LUNGO 30 CENTIMETRI MENTRE SI DIRIGE VERSO MIA MADRE MIA SORELLA INIZIA A SBOCCHINARLO E COSA ALLUCINANTE RIUSCIVA A FAR SCOMPARIRE LA CAPPELLA NELLA SUA BOCCA
MIA MADRE ECCITATISSIMA LO VOLEVA PRENDERE IN MANO MA MIA SORELLA
GLI DISSE CHE ERAT TUTTO SUO
INGORDA DISSE MIA MADRE
DAI MA’ TE NE LASCIO UN PO’ SE VUOI
STRONZA MAIALA MA DA CHI HAI PRESO??
QUESTO DOVRESTI SAPERLO TU MAMI’
MIA SORELLA AVVICINA IL CAZZONE DI GOMMA VERSO LA FICA DI MIA MADRE CHE SENZA NEMMENO APPOGGIARLA INIZIA A GODERE
MMMM’.. NON RESISTOOOO.!!!
CHE PORCA CHE SEI MA’ NEANCHE E’ ENTRATO E GIA’ SEI VENUTA
MIA SORELLA INFILA LA MANO SOTTO LA FICA DI MIA MADRE
POI CON LE DITA UNTE DI UMORI SE L’AVVICINA IN BOCCA ODORANDONE L’ESSENZA E POI ASSAGGIANDONE IL SAPORE.
MMMM IL TUO SPERMA E SEMPRE IL PIU’ BUONO MA’..
FAMMI ASSAGGIARE ANCHE ME VUOI SEMPRE TUTTUO VERO??
POI MIA MADRE DIVENTANDO ROSSA IN VISO DICE A MIA SORELLA:
VEDI MARTA OGGI E’ SUCCESSO DI NUOVO
COSA MA’..?? MA SUBITO DOPO MIA SORELLA GUARDANDOLA NEGLI OCCHI
CAPISCE E S’INCAZZA IN MANIERA FURIOSA
SCOMMETTO CHE TI SEI FATTA PISCIARE ADDOSSO DAL GIARDINIERE VERO??
NON E’ COME PENSI FIGLIA MIA
NON E’ COME PENSI UN CAZZO TI HO DETTO MILLE VOLTE CHE VOGLIO FARMI PISCIARE ADDOSSO ANCH’IO PERCHE NON ME LO DICI MAI EH’!!
SCUSAMI TESORO MIO MA E’ STATO PIU’ FORTE DI ME’
LA PROSSIMA VOLTA TE LO DIRO’ PRIMA..
NON VOLEVO CHE OGGI PERDEVI UN GIORNO DI SCUOLA VEDRAI CHE CI RIFAREMO..
UFFAAAA NON MI ACCONTENTI MAI MA”.!!!
E ORA CHE SI FA..!! IO VOGLIO ESSERE INNAFFIATA DA QUEL ENERGUMENO MA’ NON RESISTO HO LA FICA IN FIAMME..
RESISTI AMORE MIO RESISTI FRA UN PO RIENTRA TUO FRATELLO DA SCUOLA DOPO SI VEDRA’ OK.??.
OK MA’
MA STAVOLTA NON TRANSIGO
IO ME LA SVIGNO DI CORSA NELLA MIA STANZA CON UN DOLORE ALLE PALLE MICIDIALE E CERCO UN MODO O UNA SCUSA PER PASSARE INOSSERVATO FACENDO FINTA DI RIENTRARE APPENA DA SCUOLA
IDEA..
COLPO DI GENIO
PRENDO LO ZAINO MI METTO IL GIUBBOTTO E
MI LANCIO DALLA FINESTRA DI CASA MENO MALE CHE LA MIA STANZA E IN UN PIANO RIALZATO
DOPO DI CHE SUONO ALLA PORTA..
MI SORELLA MI APRE CON IL SUO SORRISO SEMPRE PRONTO
CIAO FRATELLONE COME BUTTA’
IO NON SAPEVO COSA RISPONDERE TUTTO E’ SUCCESSO COSI VELOCEMENTE CHE NON RIESCO A CAPACITARMI DALL’IDEA DI AVERE DUE ZOCCOLE PERVERTITE A CASA
CHE BRUTTA CERA CHE HAI MARCO
CHE E ‘ SUCCESSO..??
LA PRIMA MINCHIATA CHE MI E’ VENUTA L’HO DETTA.
HO UN FORTE MAL DI STOMACO MA’ MEGLIO CHE VADA IN BAGNO..
SBRIGATI CHE ORA DI PRANZO
ENTRO IN BAGNO E INCOMINCIO A MENARMELO PER FAR PASSARE
IL DOLORE LANCINANTE ALLE PALLE .
MA NON RIESCO A VENIRE LA MIA MENTE E TOTALMENTE SCONVOLTA
NON SO A COSA PENSARE PRIMA E SOPRATTUTTO UNA DOMANDA
CHE COMINCIAI A PROPORMI OGNI ISTANTE
E ADESSO CHE FACCIO’??
MIO PADRE E’ APPENA ARRIVATO A CASA COME AL SOLITO A TAVOLA SI PARLA DEL PIU’ E DEL MENO ED IO RIESCO A MALAPENA A SBIASCICARE QUALCHE SILLABA AGGRAPPANDOMI ALLA SCUSA DEL MAL DI PANCIA..
DOPO PRANZO MIO PADRE RITORNA A LAVORO E IO RIFERISCO A MIA MADRE CHE VADO A STUDIARE
A CASA DI UN MIO COMPAGNO..
APPENA FUORI LA PORTA FACCIO IL GIRO DI CASA MIA E RIENTRO DALLA FINESTRA DELLA MIA STANZA DA LETTO LASCIATA PRONTAMENTE APERTA DA ME MEDESIMO.
CON PASSO ALLA OCCHI DI GATTO MI AVVICINO NEL CORRIDOIO SILENZIO OVUNQUE’
IN BAGNO NON CERA NESSUNO MI AVVICINO ALLA STANZA DA LETTO DI MIA MADRE CONVINTO CHE STAVANO FACENDO QUALCHE PORCHERIE MA NIENTE LO STESSO DISCORSO IN CAMERA DI MIA SORELLA L’IDEA CHE E’ STATO TUTTO UN SOGNO STAVA AFFIORANDO DENTRO ME.. E’ A DIR LA VERITA MI SENTIVO PIU’ TRANQUILLO ALL’IDEA DI AVER SOGNATO TUTTO
MA NON FU’ COSI’..
MI AVVICINO IN SALOTTO NASCOSTO DA UNA MEGA PIANTA CHE MIO PADRE AVEVA PORTATO DA SUO VIAGGIO IN TUNISIA..
VEDO MIA MADRE A TELEFONO E MIA SORELLA ACCANTO LE AVEVA ALZATO LA GONNA E MESSA UNA MANOI NEGLI SLIP
MIA MADRE FACENDO FINTA DI NIENTE CONTINUAVA A PARLARE A TELEFONO
SALVE SI SONO LA SIGNORA LUISA
IL TUBO D’IRRIGAZIONE CHE AVEVA APPENA RIPARATO A ANCORA DELLE PERDITE PUO’VENIRE PER UN CONTROLLO..IMMEDIATO..
BENE L’ASPETTO’
STA ARRIVANDO DISSE..
MIA SORELLA PIU’ ECCITATA CHE MAI SI BUTTA SU MIA MADRE BACIANDOLA E LESBICANDO COME DUE MATTE NON ERA LA PRIMA VOLTA CHE LO FACEVANO
ERA FIN TROPPO CHIARO I RUOLI CHE ASSUMEVANO AD UN CERTO PUNTO MIA SORELLA SALE SUL PIANO CUCINA E ALLARGA LE GAMBE MIA MADRE
CON FARE DA VERA TROIA COME SE NIENTE FOSSE INIZIA UN LUNGO CALVARIO DI PIACERE DEDICATO A MIA SORELLA
MIA MADRE SI AVVICINA AL CANESTRO DELLA FRUTTA E INIZIA COL MANEGGIARE ALCUNE BANANE MISURANDO QUALE ERA QUELLA PIUì GROSSA E LUNGA (E DA QUEL MOMENTO FINALMENTE CAPII CHE FINE FANNO LE BANANE IN CASA MIA DATO CHE NESSUNO LE MANGIA MAI)
MIA MADRE SE NE INFILA UNA IN FICA LASCIANDOLA LI COM’ERA
POI AFFERRANDO QUELLA CHE AVEVA SCELTO X SUA FIGLIA
GLE LA INFILA PIANO PIANO FACENDO IN MODO CHE GODA AD OGNI CENTIMETRO QUANDO LA FICA DI MIA SORELLA SI ERA DILATATA ABBASTANZA
MIA MADRE DECISE CHE ERA L’ORA DI FAR FARE UNA RETTIFICA ANCHE AL CULO DELLA FIGLIA
ERA UNO SPETTACOLO DAVVERO ECCITANTE VEDERE MIA MADRE CON UNA BANANA IN FICA E MIA SORELLA CON TUTTI I BUCHI TAPPATI,L’ARIA CHE SI RESPIRAVA IN QUELLA STANZA ERA DAVVERO MOLTO FORTE ANCORA OGGI NE SENTO IL PROFUMO MI RENDO CONTO RIPRENDENDOMI MI RITROVO CON IL CAZZO IN MANO SENZA RENDREMENE CONTO.
FINITO DI GODERE LE DUE PORCHE SI RIASSETTANO MA SONO TALMENTE ECCITATE DALL’ATTESA CHE NON FANNO ALTRO CHE SMANETTARSI A VICENDA
SUONA IL CAMPANELLO
ERA L’IDRAULICO
MIA MADRE COSI COME SI TROVAVA ANDO AD APRIRE LA PORTA E CON FARE DA VERA SIGNORA LO INVITA AD ENTRARE
L’DRAULICO UN PO INCAZZATO SENZA MEZZI TERMINE GLI DICE
NON TI E’ BASTATA QUESTA MATTINA TROIA
MI MADRE GLI RIFERISCE CHE IL TRATTAMENTO NON RIGUARDAVA LEI
MA SUA FIGLIA ALLORCHE’ DA DIETRO LA COLONNA DI CASA SBUCA MI SORELLA
BENE BENE TALE MADRE TALE FIGLIA CHE ZOCCOLE CHE SIETE
ANDIAMO AL CAPANNO COSI NON SPORCHIAMO NIENTE..
DISSE MIA MADRE
LORO SI INCAMMINARONO AL CAPANNO MENTRE COME IN TRANS NON RIUSCIVO A MUOVERE UN SOLO ARTO TRANNE IL MIO CAZZO CHE SEMBRA SIA DIVENTATA UNA TERZA GAMBA..
ASPETTO CHE ENTRANO NEL CAPANNO E MI INCAMMINO ANCH’IO CERCANDO DI NON FARE RUMORE
MI AVVICINO ALLA FRESSURA DI POCO FA QUELLO CHE VEDO E A DIR POCO ALLUCINANTE
ALLORA TROIE NON HO TANTO TEMPO DA PERDERE
BENE FATTI GIUDARE DALLA TROIA DI TUA MADRE A QUELLE PAROLE MIA MADRE SI ECCITA ANCORA DI PIU’ E SI RIVOLGE A MIA SORELLA
TOGLITI QUELLO CHE TI RIMANE DI DOSSO E METTITI IN GINOCCHIO
MI SORELLA SENZA DIRE UN PAROLA ESUGUE L’ORDINE
MIA MADRE PRENDE IL CAZZO DELL’IDRAULICO E LO DIRIGE VERSO IL CORPO DI MIA SORELLA
INIZIA COSI’ UN LENTA PISCIATA GUIDATA DALLA MANO SAPIENTE DI MIA MADRE INCOMINCIANDO DALLE TETTE E POI ALZANDO IL GETTO COLPISCE MIA SORELLA DIRETTAMENTE IN VISO MARTA ECCITATISSIMA APRE LA BOCCA PER RICEVERNE DIRETTAMENTE IL GETTO ,DA SOTTO POSSO VEDERE IL PISCIO CHE COLA DALLA FICA DI MIA SORELLA CHE NEL FRATTEMPO AVRA’ GODUTO 3 O 4 VOLTE
IL CALDO GETTO DELL’IDRAULICO SEMBRA NON VOLER FINIRE MAI.
METTITI SOTTO ANCHE TU GLI DICE L’IDRAULICO A MIA MADRE MENTRE SI STAVA X SPAOGLIARE LUI LA PRENDE CON FORZA E GLI DICE DI NON TOGLIERSI I VESTITI MIA MADRE STAVA X PROTESTARE MA L’IDRAULICO LA PRENDE CON FORZA E’ LA SCARAVENTA VICINO A MIA SORELLA TUTTI E DUE NON HANNO LA FORZA DI PROTESTARE A QANTO SONO ECCITATE
IL SUO PISCIO SEMBRA NON FINIRE MAI POI DIRIGE IL SUO IDRANTE SU MIA MADRE BAGNANDOLE I VESTITI CHE AVEVA ADDOSSO
E ORDINA A LORO DUE DI BACIARSI
SENZA DIRE UNA PAROLA MIA MADRE E MIA SORELLA SI BACIANO
E L’IDRAULICO FURBO ORIENTA IL SUO GETTO FRA LE LORO LABRA
L’IDRAULICO FINALMENTE FINISCE.
MIA MADRE E MIA SORELLA NON ANCORA SODDISFATTE COMINCIARONO A BACIARSI COME DUE FORSENNATE
L’IDRAULICO VEDENDO DI NON POTER TENERE TESTA A DUE NINFOMANI COME LORO TOGLIE IL DISTURBO E VA VIA.
TI E’ PIACIUTO PORCELLA DI MAMMA?
BELLISSIMO MAMMA
A QUANTE VOLTE SONO VENUTA O PERSO IL CONTO
E’ STATO FANTASTICO
MI SENTO UNA MADRE DEL CAZZO
SE MAI UNA MAMMA DEL PISCIO
SCHERZO MAMI.
NON CREARTI QUESTI PROBLEMI
SONO STATA IO A VOLERLO TU NON HAI FATTO ALTRO CHE REGALARMI
UN PIACERE CHE ANCORA NON AVEVO SCOPERTO
E STUPENDO SENTIRSI USATA COME UNO STRACCIO MI BAGNO
DI NUOVO AL SOLO PENSARCI.
NEL FRATTEMPO MIA MADRE E MIA SORELLA RISISTEMANDOSI ALLA MENO PEGGIO STAVANO PER DIRIGERSI A CASA ED IO PRONTAMENTE MI NASCONDO DIETRO UN CESPUGLIO VICINO AL CAPANNO
BENE MAMMA SPERO CHE AL PIU’ PRESTO LO RIFAREMO
MA STAVOLTA DECIDO IO CON CHI E QUANDO
VEDREMO VEDREMO..

CONTINUA”’.

Autore Pubblicato il: 21 Marzo 2004Categorie: Racconti erotici sull'Incesto0 Commenti

Lascia un commento