Skip to main content
Racconti erotici sull'Incesto

Una famiglia davvero perversa

By 11 Febbraio 2004Dicembre 16th, 2019No Comments

Mi chiamo Matteo e sono insieme ad una splendida ragazza che si chiama Carmen. Stiamo molto bene insieme e amiamo molto il sesso. Non abitando vicino dobbiamo per forza vederci solo ed esclusivamente il sabato e la domenica e, ahim&egrave, a volte dobbiamo restare a fare i soliti convenevoli di casa coi suoi genitori. La cosa più di tanto non mi turba ma, visto il poco tempo che abbiamo, preferirei dedicarmi ad altro, piuttosto che bere un caff&egrave in ‘allegra’ compagnia dei genitori’

Carmen &egrave figlia unica ed &egrave molto graziosa. Ha i capelli lunghi neri, magra al punto giusto, un bel seno pieno e grande quanto basta per starci in una mano e un culetto che le amiche le invidiano.

I suoi genitori non sono il massimo della vita ma si sopportano abbastanza bene, contando che la madre &egrave molto ben messa e sempre simpatica. Il babbo di Carmen &egrave un tipo abbastanza freddo ma sempre in vena di scherzare quando si &egrave tutti insieme e, soprattutto, quando alza il gomito. Lui &egrave alto, abbastanza in forma per la sua età (credo abbia 45 anni ma non ne sono troppo sicuro) e i suoi occhialoni rotondi, gli donano un’aria un po’ da ‘nerd’. La mamma, Romina, &egrave bassa ma magra con due tettone incredibili che fanno infastidire la mia amata, perché &egrave l’unica cosa che non le ha ‘passato’ in eredità. Una cosa che ruba sempre la mia attenzione sono le labbra grosse e carnose della madre, esaltate sempre da un rossetto scuro che mi fa attizzare.

Un sabato sera cadeva l’anniversario dei 23 anni di matrimonio dei genitori di Carmen e non potevo fare a meno di presenziare nel tavolo degli invitati. La serata passò comunque liscia e tra una abbuffata e l’altra del buon vino ros&egrave, deteneva un clima sereno e goliardico tra tutti i parenti e gli amici. Giunsero in fretta le 24 e tutti, nel giro di pochi minuti, lasciarono vuota la casa, in balia delle nostre presenze non esattamente in forma.

Un po’ ciucco mi ero seduto sul divano della sala e il buon vecchio Franco si era seduto accanto a me con un bicchierino di amaro. Nel mentre si sentivano le voci e i rumori dei piatti che provenivano dalla cucina, dove Romina e Carmen stavano dando una pulita veloce al tavolo.

Ci raggiunsero poco dopo e Carmen, giungendo con un sorriso un po’ da ebete per il troppo alcol ingurgitato, mi aveva attizzato tutta la sera con quel vestitino attillato sino alle ginocchia, che le dava un tocco da ‘vamp’ che non era niente male. La mamma aveva invece dei pantaloni neri, delle scarpe con dei tacchi vertiginosi e una maglia stretta a girocollo, dalle forti tinte dorate.

Si sedettero accanto a noi e Carmen decise di mettersi tra il papà e me. Il divano era ormai troppo stretto ma tutti quanti non avevamo voglia di alzarci a prendere un’altra sedia. Ci stringemmo un po’ e decidemmo di accendere la tv mentre finivamo alcuni discorsi fatti durante la cena.

La mamma di Carmen era seduta al lato opposto al mio e, dopo di me e Carmen, c’era Franco che continuava a centellinare quel benedetto amaro. Prese il controllo del telecomando e iniziò a fare una rapida carrellata.

< 'allora, Teo, come ti &egrave sembrata questa cena?>

< Non male, signora Romina, il cibo era ottimo e il vino decisamente buono>

< 'beh, sono contenta, dopo tutto il pomeriggio a cucinare! E tu carmen? Ho visto che hai alzato il gomito pure tu, eh! Mica immaginavo fossi una bevitrice!>

terminò con una fragorosa risata, seguita a ruota dalla figlia

< 'haa haa, hai ragione tesoro, almeno al sabato ci diamo una 'botta di vita'!>

< 'botta di vita'? ma come diavolo parli Romina? Ormai mi sembri un'adolescente!>

bastò una frase così stupida a farci ridere per alcuni secondi e per farci smuovere un pochino dalle posizioni decisamente fredde che avevamo preso. Carmen si adagò coccolosa tra le mie spalle e quelle di suo papà mentre Romina aveva allungato la mano sulle ginocchia di suo marito, appoggiando la testa sulla sua spalla.

< 'dai Franco, basta con 'sto calcio, gira un po' da qualche altra parte, su!>

< Solo perché &egrave il nostro anniversario, se no guai a chi mi tocca questi programmi!>

Ridendo strinse a sé la moglie e le diede un bel bacio sulla bocca, dando un ampio schiocco che rimbombò per tutta la sala. Ormai, tra il dire e il fare, era già quasi l’una di notte e i nostri occhi stavano lentamente abbassandosi per dormire, anche perché, la luce del televisore era ormai fioca per il tasso alcolico che avevo in testa. Smosse la situazione, il commento di Romina quando Franco posizionò il tv su un canale che trasmetteva una ballerina nuda che muoveva culo e tette all’aria.

< Eccola! E ti pareva strano che ancora non avevamo visto nessuna porcata in tv!>

< dai Romina, in fondo &egrave sempre e solo un bel vedere'o no, Teo?>

Stavo per rispondere quando Carmen parlò al posto mio.

< papi, possibile che vuoi uomini pensiate sempre e solo a quello?'che porci che siete!>

E sorridendo diede una pacca alla coscia destra del padre, che rise e rimontò dicendo:

< beh, Carmen, il sesso &egrave vita e guardare le donne nude non ha mai fatto male a nessuno'e poi tu certe cose non le fai con Teo?>

< Va beh, che c'entra quello? Guarda come &egrave oca quella mignotta in tv'io quando scopo, lo faccio con l'anima e con il mio ragazzo, non davanti alle telecamere!>

A questa frase Romina colse la palla al balzo per calmare le acque.

< Ma? Carmen! Sono cose da dire queste? Qui si parla di mignotte, scopare, culi'ooh, mica siamo in un bordello qui!> e, strano ma vero, finì con una fragorosa risata che determinò una risata collettiva.

< Comunque io ballo meglio di quella lì, babbo>

< Confermo, vostra figlia ha un corpo da modella che quella cellulitica se lo scorda!>

< Ah sì?> sbottò il padre < vuoi dirmi che sai ballare anche tu come quella troia lì? Ma, scusa, allora perché invece che andare tutti i giorni in fabbrica non vai a fare qualche provino?'sai i soldi che girano lì?>

< ma non dire idiozie Franco, figurati se nostra figlia deve andare a fare la mignotta in tv'che faccia la troia solo con il suo ragazzo, no?>

Ancora la risata della madre, rilanciò il clima goliardico che l’alcol aveva ormai egemonizzato tra noi.

< mamma, dai, che sporcacciona sei? A sentire quelle parolacce dalla tua bocca fa un certo effetto!>

< guarda che questa boccuccia &egrave stata l'introduzione a farti nascere, piccola ballerina porno!>

Sembravamo devastati dal vino a livelli disumani, quanto ridemmo per certe volgarità ma ormai l’aria si era cosparsa dei nostri aliti, della nostra nicotina e della nostra smaliziata natura.

< dai carmen, facci vedere come balli> chiese il papà alla figlia dandole una botta sul gomito.

< ma dai, mi vergogno'qui, davanti alla mamma e a te'>

< Oh gesù! Carmen, ricordati che &egrave stato tuo padre a mettermi incinta ed &egrave grazie al suo arnese se sei qui! Vuoi che si scandalizzi a vederti ballare?> e l’ormai consolidata risata terminò la battuta che proseguì per bocca mia’

< dai carmen, mostra ai tuoi come me lo fai rizzare'fai vedere come sai ballare!>

< Oh, brutto porco, quella &egrave mia figlia!>

e l’ennesima risata riscaldò nuovamente l’ambiente facendo alzare Carmen muovendo un po’ le anche in attesa di avere il ritmo giusto per iniziare lo spettacolo.

Bastarono pochi istanti e la musica del televisore entrò nell’anima di Carmen. Iniziava a muoversi come fosse una danzatrice del ventre e il suo vestito si alzava sino a metà coscia, rendendo così la magica visuale delle sue gambe sode e scolpite che finivano in un paio di scarpe aperte con dei tacchi quasi a spillo. Iniziava ad atteggiarsi e continuò mettendosi le mani nei capelli e chiudendo gli occhi, cercando di imitare alcune mosse della ballerina in tv.

Io avevo già il cazzo duro, sapevo che dopo me la sarei scopata ma ero infastidito dalla presenza dei suoi che sogghignavano e dicevano frasi a bassa voce che io non riuscivo ad udire. Con la coda dell’occhio vedevo però che Franco non aveva più il bicchiere in mano ne il telecomando ma si stringeva forte la patta dei pantaloni, stringendo più forte a sé la moglie.

Carmen, aprendo leggermente gli occhi e non smettendo di muovere le anche in modo sensuale rispose con un sorriso.

< Oh mamma, grazie'dicono tutti che faccio impazzire gli uomini'ma ballare &egrave la mia droga'>

Rispose il padre con una frase abbastanza spinta che mi fece spalancare la bocca:

< Per forza fai impazzire gli uomini'se lo fai diventare duro anche al tuo papà, figuriamoci a quelli della tua età!>

Nessuno però rimase tanto scandalizzato e Romina, dal canto suo, iniziò a girarsi verso suo marito e iniziò a baciarlo in bocca con passione, stringendogli la patta dei pantaloni. Io ero un po’ a disagio e Carmen invece era sempre più presa dalla danza e, vedendo la tipa in tv che si era tolta il vestito, la emulò, facendo scivolare il vestito a terra e dando il suo corpo coperto solo da un reggiseno nero in pizzo ed un perizoma, agli occhi miei e a quelli dei suoi genitori.

Mi guardava con una faccia da troia arrapata e di tanto in tanto lanciava qualche risatina quasi a dimostrare che alle volte il vino continuava il suo giro indisturbato tra le sue vene. Prese una sedia e iniziò a sedercisi sopra, allargando le gambe come una pornodiva.

La madre si era accorta e diede un colpo al marito dicendogli:

< Guarda, Franco, guarda che bella ragazza abbiamo fatto'&egrave così bella, così perfetta'>

< Hai ragione amore'Carmen, sei veramente un pezzo di fica, sai? Siamo fieri di te'>

Finitia la frase Romina aveva slacciato in tempo zero la patta dei pantaloni di Franco, dalla quale tirò fuori il cazzo ormai teso e continuò a tastarglielo mentre con la lingua sembrava lo strozzasse.

Carmen rise come una pazza, si tolse il reggiseno e mi fece segno di guardare i suoi genitori.

Non era affatto imbarazzata ma io avevo un attacco d’ansia poiché non sapevo che fare ma, alla vista del cazzone del suo babbo e della madre che oramai aveva allentato la cerniera della sua camicia, il cazzo continuò a restarmi teso e lo tirai fuori segandomi mentre Carmen continuava imperterrita a fare la troia, ballando e mostrando il suo culo, coperto solo da quel filo nero tra le due chiappe.

< papà, mamma'vi piace il mio culo?> chiese maliziosa

< ..mmh, certo piccola di papà, hai proprio un bel culo, porcellina'>

< sembri una zoccola quando fai così, carmen'ma stasera la cosa mi eccita'guarda come tuo papà ha il cazzo duro!>

< Ho visto mamma'non fatevi problemi'fate quello che volete, noi possiamo andar di là'>

< ma non dire sciocchezze, figliola, stasera abbiamo iniziato la festa insieme e la finiamo insieme, non trovi?>

La mamma sorrise e prese in bocca il cazzo del marito che si allungò mormorando qualcosa e Carmen si immobilizzò non sapendo cosa fare, se continuare a ballare o venire verso di me.

< m-ma, papi, cosa dici?>

Carmen prese la palla al balzo e inginocchiandosi prese direttamente il mio pene in bocca, senza troppe incertezze. Iniziò a succhiare di prepotenza, imitando quasi la madre che sembrava aver ripreso tutte le energie’chiusi gli occhi e appoggiai la testa sul poggiaschiena, gustandomi il pompino di Carmen. Fu dopo pochi istanti che riaprii gli occhi per vedere come si erano combinati i suoi genitori ma la sorpresa che si aprì alla mia vista fece trasalire i miei ormoni. La mamma si era staccata dal cazzo del marito ma aveva ormai tutto il seno fuori e le gambe aperte mentre il marito, con la mano sinistra la masturbava, quella troia di Romina, accarezzava il culetto di sua figlia, sempre inginocchiata impegnata nel bocchino sublime.

La madre spostò il filo del perizoma e bagnando il dito medio nella bocca di suo marito, sempre di più in estasi, lo portò poi sul buco del culo di sua figlia e lo spinse dentro per poi continuare andando avanti e indietro.

Ormai ero come in balia di qualche droga pesante e non riuscivo neanche più a dire una parola. Ci pensò la madre che, impegnata con una mano sul cazzo del marito e l’altra a spingere il suo dito nel sedere di carmen, disse:

< Ti piace il dito nel culo, porcellina?>

Carmen alzò la testa e con la faccia visibilmente persa nel nulla, riuscì solo a dire una frase con tono chiuso dall’eccitazione:

< Sì, mamma'mi piace'non smettere, dai'> e ritornò con la sua bocca vorace al mio cazzo.

La sua mamma alle volte mi gurdava e sorrideva e, nel mentre, notai che prese la mano destra di sua figlia e la portò sul cazzo di Franco.

Carmen smise il pompino e iniziò a segare il padre ormai con gli occhi chiusi e la bocca splancata che sembrava necessitasse di più ossigeno. La mia ragazza, visibilmente confusa ma eccitata, continuava a masturbare il cazzo del padre e con la sinistra segava anche il mio arnese.

La madre si chinò verso di me e mi ordinò di baciarla:

< 'dai, porco, limona la mamma troia della tua ragazza!>

Senza esitare spalancai la bocca e tirai fuori la lingua che lei prese a succhiarmi con golosità. Carmen ormai era già china sul cazzo di suo padre e fu la madre a farla fermare, prendendola con forza per i capelli.

E iniziarono a limonare mentre le loro mani continuavano a toccare i nostri cazzi.

Carmen si alzò inebetita e, spostando la mutanda, appoggiò le gambe sul divano e si infilò la verga del padre nella figa. Io continuavo la sega che aveva terminato per concedersi al padre e sua madre continuava a sputarle nel buco del culo e ficcare dentro e fuori due dita.

< Oh papi, come ce l'hai grosso'ti piace scoparmi come con la mamma?>

< s-sì, piccola mia'non fermarti'sei calda e troia come tua madre'fai godere il tuo papà'continua ad andare su e giù'aagh'>

Romina si alzò e, tenendo le immense tette col braccio sinistro, mi prese per mano e mi invitò ad alzarmi. Prese il mio cazzo in bocca, e poco dopo mi invitò a fottere sua figlia in culo:

< 'dai Teo, monta mia figlia'sono certa che le piacerà a questa cagna'>

Aiutato dalle dita e dalla saliva della madre penetrai con violenza il culo della figlia, sentendo la dimensione del cazzo paterno che la sfondava dall’altro buco.

La fottevamo come fosse l’ultima delle puttane e la madre iniziò a masturbarsi prendendo di tanto in tanto i capelli della figlia, tirandosela a sé, per limonarla come fosse il suo uomo.

< Lo sapevo che ti sarebbe piaciuto! Continua, voglio vederti piangere dall'eccitazione!>

E così dicendo le diede delle pacche sulle chiappe incitandola a godere e mettendomi poi il suo dito medio nel mio buco del culo.

Non resistei a lungo e quando vidi Carmen allungare la lingua nella bocca del padre, sborrai nel culo per poi uscire e cadere sfinito sulla sedia. Romina venne continuando a masturbarsi come una forsennata e Franco alzò di botto la figlia, la fece inginocchiare e, stringendola per i suoi lunghi capelli, le sborrò in faccia. Carmen allungò la lingua per bere tutto il getto e in suo aiuto corse la madre che iniziò a leccarle il viso.

< Tenetelo tutto, troie, bevete tutto e leccatevi come due animali, zoccole!> e finì come un peso morto sul divano mentre madre e figlia ridevano e si compiacevano stringendosi e baciandosi all’infinito, sino a crollare stese sul tappeto, in balia della stanchezza più assoluta.

Ci addormentammo tutti nel giro di pochi minuti e, la mattina seguente, il rivedersi nudi e sporchi di sperma, invece che scandalizzarci, ci fece aumentare la passione. Io e Franco riuscimmo a trasportarle nel bagno. Lui prese per i capelli sua moglie e io la mia troia e, tirandole come fossero due cagne, ci siamo diretti in bagno, le abbiamo messe con la faccia sul water e abbiamo finito col pisciargli addosso tutto il vino ingurgitato la sera precedente.

Le bocche avide e vogliose delle nostre due troie, alimentarono ancora di più la nostra perversione e diventammo in breve tempo una famiglia davvero perversa!

4
1

Leave a Reply