;

02 – Il tradimento con Lorenzo – Voglia di nuove esperienze estreme

Capitolo 2

Il tradimento con Lorenzo

Tra Marco e Daniela le cose andavano a meraviglia ed entrambi si potevano ritenere fortunati ad amarsi in quel modo così profondo e disinibito, tanto da donarsi completamente.

Daniela lavorava facendo la rappresentante per un’importante azienda informatica, spesso quindi, a causa del proprio lavoro, si ritrovava a girare l’immensa città in cui viveva insieme a suo marito Marco.

Nel suo ufficio un giorno fece capolino la segretaria del suo capo che la informò che l’uomo l’attendeva nel suo ufficio.

“Cosa vorrà adesso quel coglione” pensò lei ultimando di inviare una mail a un fornitore per poi uscire dal suo ufficio per dirigersi dal capo.

«Eccoti Daniela, ho da affidarti un compito particolare» disse l’uomo sorridendo da dietro la propria scrivania.

“Cosa vorrà farmi fare? Probabilmente qualcosa di poco divertente…” pensò la donna, per accorgersi soltanto in quell’istante che la poltrona posta dinanzi alla scrivania era occupata.

Seduto vi era un uomo.

«Ti presento Lorenzo. La nostra nuova e brillante risorsa» disse il suo capo facendole segno di avvicinarsi.

La donna si avvicinò lentamente mentre l’uomo ruotava la poltrona per mostrarsi.

Lorenzo era un uomo ben vestito, con una giacca e una camicia che gli stavano divinamente, aveva inoltre i capelli corti e la mascella squadrata da modello. Si alzò per tendere la mano e presentarsi, sorrideva.

Daniela l’afferrò e stringendola sentì a sua volta la forte stretta di quell’uomo, mentre era in piedi notò che era persino più alto di suo marito, doveva essere alto almeno 1,80 m, stava per dirgli “piacere di conoscerti”, ma dalla bocca le uscirono altre parole.

«Tu sei Lorenzo Bianchi, io ti conosco, se non sbaglio eri in classe con mio marito alle superiori.»

Lui corrugò la fronte tentando di riconoscerla. «Sì, sono io. E tu chi sei?»

«Sono la moglie di Marco adesso, ti ricordi?»

«Certo che mi ricordo Marco, tu sei Daniela quindi!»

«Esattamente!» esclamò lei felice che l’avesse riconosciuta.

«Non ci si vede da una vita!»

«Eh sì» rispose lei.

«Mi fa piacere che già vi conosciate,» disse il capo di Daniela guardandoli e sorridendo, «vi sarà più facile lavorare insieme».

«In che senso?» chiese Daniela che solitamente andava dai clienti da sola.

«Lorenzo da oggi lavora per noi, e dato che abita in Toscana svolgerà il suo lavoro per i nostri nuovi clienti direttamente dalle sue parti.»

«E io cosa centro?» chiese Daniela

«Tu dovrai accompagnarlo durante la sua giornata di prova, gli mostrerai come si svolge il lavoro.»

«In Toscana ha detto? Non posso accompagnarlo in Toscana»

«E perché, no? Devi rimanere tranquilla ti ho pagato l’hotel per pernottare durante l’unica notte che starai fuori e il giorno successivo vi incontrerete così che tu possa mostrargli i segreti del mestiere, in fondo ti ho sempre detto che sei la migliore.»

«Se non vuole, non possiamo costringerla» disse Lorenzo affabile.

Daniela ci pensò su qualche altro secondo poi annuendo disse: «E va bene, dato che è tutto pagato… e poi la Toscana mi è sempre piaciuta».

«Perfetto!» disse il capo trionfante.

«Non vorrei che Marco la prendesse a male» sottolineò Lorenzo.

«No, Marco non è geloso e poi tu dormirai a casa tua e io in hotel, perché dovrebbe preoccuparsi?! Siamo colleghi ormai!» disse la donna.

«Hai ragione» disse Lorenzo.

«Comunque stasera ne parlerò con lui e vi darò conferma» disse Daniela.

«Mi pare giusto» confermò il suo capo.

 

Daniela parlò con Marco la sera stessa, spiegandogli che doveva recarsi per lavoro in Toscana, ma non seppe il perché non riuscì a dirgli che doveva andarci insieme a Lorenzo, il suo vecchio compagno di scuola. Sicuramente era stato a causa del fatto che lungo il tragitto tra l’ufficio e casa propria si era ricordata che i due non erano proprio in buoni rapporti, stavano spesso insieme è vero, ma era come se fossero costantemente in rivalità, così si ritrovò a chiedersi se davvero avrebbe acconsentito a quella strano viaggio. Ne dedusse che era meglio mentire per evitare che lei dovesse ritirare al suo capo la propria disponibilità.

Così preparò una piccola valigia e oltretutto Marco l’aiutò a riempirla.

 

Il giorno successivo Daniela si incontrò con Lorenzo che doveva comunque tornare a casa in Toscana quel giorno così fu lui ad accompagnarla, evitando che lei prendesse l’auto che aveva lasciato in un parcheggio custodito. Si erano già organizzati in maniera tale che fosse proprio lui a riaccompagnarla la sera del giorno successivo.

Durante il viaggio parlarono del più e del meno, rivangando alcuni ricordi scolastici dove spesso appariva suo marito Marco, fuori però era appena iniziato un forte temporale. La donna non poteva che intristirsi pensando al fatto che gli aveva mentito, ma dopotutto non lo avrebbe mai scoperto e al ritorno da quel piccolo viaggio gli avrebbe detto che era a conoscenza del fatto che il suo vecchio compagno Lorenzo adesso lavorava nella sua stessa azienda.

 

Arrivarono in Hotel e Lorenzo l’accompagnò sin alla reception aiutandola con la valigia e reggendole un ombrello per non farla bagnare per via della pioggia che infuriava. L’uomo alla reception fece una faccia stranita sentendo il nome della donna.

«Non c’è nessuna camera a suo nome» gli disse l’anziano uomo.

La donna rimase un po’ sbigottita. «Ci deve essere, il mio capo mi ha detto che l’ha già pagata».

«Purtroppo non mi risulta, credo che il suo capo si sia sbagliato»

«Allora la pago io, mi farò rimborsare dal mio capo» disse la donna.

«Tutte le stanze sono occupate, mi dispiace» rispose l’uomo visibilmente dispiaciuto.

Daniela strinse le labbra e si voltò verso Lorenzo mentre estraeva il cellulare. «Adesso chiamo il capo e gli cheido che cosa ha combinato, mi sentirà!»

Lorenzo si mostrò dispiaciuto, ma non aveva idea di come aiutarla.

Daniela si accorse che la rete era crollata e Lorenzo poté constatarlo anche dal proprio cellulare.

«Posso fare una chiamata?» disse allora la donna all’anziano uomo.

«Con la tempesta capita spesso che non funzioni, ecco ascolti» rispose l’uomo da dietro il bancone della reception offrendole la cornetta.

Il telefono era muto.

 

Lorenzo e Daniela sconfitti si rimisero in auto tentando di non bagnarsi, ma la tempesta era così potente e il vento così forte che bagnò i vestiti di entrambi in pochi secondi, a Daniela l’ombrello gli si ribaltò a causa del vento, la pioggia la investì inondandole i capelli e la camicetta bianca e il resto degli abiti.

Una volta in auto stava tremando dal freddo.

«Senti Daniela, potremmo andare in giro a cercare una camera libera per te, ma vedo che stai morendo di freddo. Ti buscherai una polmonite se non ti asciughi, io posso soltanto aiutarti ospitandoti a casa mia, si trova a pochi isolati da qui».

Lei lo guardò pensierosa mentre tremava, era l’unica cosa che avrebbe soltanto peggiorato i suoi sensi di colpa verso il marito, ma era anche l’unica via d’uscita da quella situazione. Accettò annuendo con vigore, non riusciva a parlare dal tremore che aveva addosso.

 

Casa di Lorenzo era una villetta indipendente situata in una zona periferica della città. L’uomo fece entrare Daniela e le diede subito un asciugamano per asciugarsi i lunghi capelli neri che le si attaccarono al viso per quanto erano bagnati.

La donna soltanto in quel momento notò che la camicia bianca era divenuta semi trasparente e mostrava comunque ciò che era celato sotto. A Lorenzo più di una volta era già caduto l’occhio su quel dettaglio che gli fece notare che la donna che aveva portato a casa era in possesso di un reggiseno nero e di due tette davvero molto sode, nonostante si trattasse di una terza almeno.

«M-mi posso cambiare i vestiti?» chiese Daniela un po’ titubante.

«Certo, non ho vestiti femminili, vivo da solo. Posso però darti qualcosa di mio.»

«Dove posso cambiarmi?»

«In bagno andrà benissimo,» rispose lui, «da questa parte».

Lui l’accompagno in bagno per poi andarle a prendere dei vestiti: una t-shirt e i calzoni di una tuta che non usava da un po’ di tempo.

Lei attese in bagno e intanto si stava asciugando i capelli con un phon che era riuscita a trovare in un cassetto.

Lorenzo le portò i vestiti per cambiarsi e poi richiuse la porta sorridendo come per informarla che poteva fare come se fosse a casa propria.

Lei terminò di asciugarsi i capelli e rimettendo il phon dell’uomo nel cassetto notò che all’interno c’era qualcosa che attrasse il suo sguardo. Conosceva bene quel pacchetto, era di una nota marca di preservativi. Incuriosendosi lo prese per vedere quanto ne avesse ancora a disposizione, in casa era solo è vero, ma a quanto sembrava non era sempre solo, e pensandoci bene neanche quella sera era da solo. Per caso l’occhio le cadde sulla misura del condom scritta sul pacchetto e notò che riportava la scritta XXL, suo marito lo aveva bello grosso e prendeva la XL quando ancora usavano i preservativi. Come era possibile averlo ancora più grosso di suo marito marito, Lorenzo non le sembrava il tipo. Era belloccio e anche più alto di suo marito, ma da quel visino pulito non avrebbe mai dedotto che in mezzo alle gambe avesse una vera bestia. Ma poteva anche essersi sbagliato e aver acquistato un pacco di preservativi troppo grandi.

La donna non poté che pensare che se fosse stato quello il caso allora il pacco non sarebbe stato vuoto per metà.

Si spogliò e si asciugò con l’asciugamano tentando di non pensare a ciò che aveva appena scoperto, si guardò allo specchio e notò di essere ancora una bellissima donna. Nuda nel bagno di un altro uomo che se fosse entrato non avrebbe di certo perso tempo a scoparla prendendola per quei fianchi stretti e facendola godere come avrebbe fatto suo marito, forse anche di più se le dimensioni dell’uomo fossero state davvero maggiori di quelle di Marco.

Si rivestì e non mise le mutandine, si erano bagnate a causa della pioggia ed erano troppo fredde, mente la sua fica era diventata bollente e vogliosa. Mise la t-shirt da uomo senza reggiseno per lo stesso motivo le sue tette reggevano bene il proprio peso così pensava che Lorenzo non se ne sarebbe accorto, e poi da lì sarebbe andata subito a dormire sul divano che aveva visto all’ingresso poco prima. La t-shirt portava con sé un forte odore che di certo apparteneva all’uomo.

Uscì a piedi nudi dal bagno lasciando i suoi vestiti dentro ad asciugare.

Lorenzo intanto aveva preparato il divano in modo che qualcuno ci potesse dormire.

«Grazie di tutto» le disse lei.

«Scherzi? È il minimo, io dormirò qui, tu puoi dormire sul mio letto.»

«Ma no, non posso permettere che passi tu la notte sul divano» disse lei opponendosi.

A Lorenzo piaceva il carattere della donna, ma gli piaceva ancora di più vederla con i suoi vestiti addosso. La tuta grigia da uomo non era adatta a un culo da donna, soprattutto tanto pieno e prosperoso, mentre dalla t-shirt riusciva quasi a intravedere la punta dei capezzoli.

L’uomo si stava eccitando e il suo arnese cominciava a farsi sentire spingendo sulla stoffa dei pantaloni.

Daniela, del resto, non pensava ad altro a quello che aveva scoperto in bagno e non poteva che lanciare spesso un’occhiata al pacco dell’uomo, non si era accorta prima che fosse tanto gonfio il cavallo dei suoi pantaloni.

«Hai chiamato Marco per dirgli che dormi da me?» chiese lui.

«N-no» rispose lei.

Lui aggrottò la fronte.

«Non so se il mio telefono abbia campo e non mi interessa…» disse lei guardando fisso il bozzo sui pantaloni di Lorenzo.

L’uomo notò che stava guardando proprio lì e capì facendo mente locale, sapeva benissimo che aveva usato il phon e sapeva cosa teneva all’interno di quello stesso cassetto.

Notò che la tuta grigia indossata dalla donna stava cambiando colore, scurendosi proprio tra le cosce mentre i capezzoli di lei adesso erano evidentemente inturgiditi.

La guardò facendo un sorrisetto, lei si accorse che lui l’aveva guardata.

L’uomo allungò una mano e le toccò un seno, sicuro che lei non avrebbe fatto nessuna obiezione. Il capezzolo era di marmo e sembrava voler bucare la t-shirt.

Daniela si morse il labbro inferiore e chiuse gli occhi in un chiaro segno di piacere, sentiva che stava montando dentro di lei da quando aveva letto la misura dei preservativi che usava Lorenzo.

L’uomo si accorse che la macchia scura tra le gambe le si stava allargando parecchio quindi capì che ormai era in balia del suo volere.

Mentre una mano strapazzava dolcemente un seno della donna l’altra volle costatare quanto fosse bagnata la sua fica. Così due dita le accarezzarono prima l’addome piatto della donna per poi discendere giù insinuandosi dentro la tuta.

Daniela aveva il respiro pesante e stava indietreggiando costretta da quell’uomo che lentamente faceva pressione per adagiarla alla parete vuota.

Le braccia della donna cadevano inerti lungo i suoi fianchi mentre stava realizzando che di lì a poco avrebbe tradito il marito Marco facendo sesso con Lorenzo. Una volta giunta con le spalle al muro sentì il suo petto fare su e giù freneticamente mentre l’uomo era giunto con le sue dita sino al suo clitoride. Nessun uomo l’aveva mai toccata in quel punto, tranne Marco.

Daniela era totalmente presa dallo sguardo e dalle dita di Lorenzo che non riuscì a fermarlo neanche quando lentamente si avvicinò al suo collo per baciarla in alcuni punti che la mandarono ancora di più in estasi, sentì una mano abbandonare il capezzolo che stavano stringendo e che salì per afferragli i capelli e tirargli indietro la testa, il suo collo era completamente alla mercé della lingua di Lorenzo che la stava facendo impazzire e a causa della sua testa inarcata verso il muro non poté che esporre il proprio bacino verso il pacco dell’uomo che iniziò a strusciarsi sul suo ventre.

Daniela sentiva che sotto i pantaloni l’uomo doveva avere un cazzo enorme perché lo sentiva strusciarsi in diversi zone del suo corpo, e a quanto pare non era neanche alla massima erezione.

«So che lo vuoi vedere,» disse Lorenzo all’orecchio della donna, «so che vuoi vedere il mio cazzone».

Lei aprì gli occhi e lo guardò fisso, ammutolita dalla sua stessa eccitazione annuì piano e poi una delle sue mani cercò il cazzo dell’uomo. Non fu difficile trovarlo, sembrava che nei suoi pantaloni ci fosse soltanto il suo arnese.

Da lì non riusciva a capire quanto fosse lungo o grosso, intuì che quello di suo marito in confronto era soltanto un giocattolino, mentre quello che aveva a portata di mano era un vero bazooka. Decise di slacciargli la cintura e di aprirgli la patta per tirargli giù i pantaloni.

L’uomo si scostò da lei per dare lo spazio alla donna di potersi inginocchiare dinanzi al suo cazzone.

Daniela non perse tempo e si inginocchiò togliendogli in fretta i pantaloni che finirono gettati in un angolo, di fronte a sé vedeva le mutande dell’uomo, modello a mezza coscia, ma quella copertura non bastava per contenere il suo membro che sconfinava fuori dalle mutande. Il cazzo di Lorenzo era ancora incappucciato e Daniela rimase sbigottita nel vedere che aveva superato metà coscia dell’uomo.

«Toglimi le mutande» ordinò l’uomo.

Lei non si era accorta che era rimasta imbambolata guardando il rigonfiamento sulle mutande.

Daniela si sentiva una verginella, come se fosse alla sua prima esperienza sessuale, ed effettivamente era la prima con un altro uomo.

Afferrò la stoffa delle mutande e la tirò giù in un sol colpo.

L’enorme cazzo di Lorenzo si mostrò alla donna in tutta la sua maestosità.

«Ti piace?» chiese lui con un mezzo sorriso stampato sul volto vedendo la sorpresa sbarrare gli occhi della donna.

«S-si» disse lei insicura afferrando quel mostro che le si parava davanti, lo afferrò per la base e lo tirò su ponendo la cappella proprio di fronte al suo viso, sentì che non era ancora duro e che l’erezione non era al suo massimo.

«Già da così il tuo cazzo ha superato quello di mio marito, come fai ad andare in giro con questo coso tra le gambe?»

«Tu non ti preoccupare, pensa soltanto a quando entrerà tutto tra le tue di gambe.»

La donna deglutì e allo stesso tempo si sentì bagnare ancora di più, ormai la tuta era zuppa sul cavallo e stava gocciolando umori.

La donna mise anche l’altra mano sul cazzo e cominciò a menarlo con entrambe le mani facendo inoltre dei movimenti rotatori lungo la lunghezze dell’asta.

Lorenzo si eccitò ancora di più e il cazzo gli si gonfiò a dismisura da lì a pochi secondi.

Daniela contò i palmi delle mani e notò che per avvolgergli anche la grossa cappella avrebbe avuto di bisogno di ben quattro mani, e qualcosa sarebbe rimasto comunque fuori. Continuò a fare su e giù con le mani scoprendogli la cappella mentre non riusciva a togliere gli occhi dal quel cazzo.

Lorenzo allora la fermò, sentendo che aveva raggiunto la sua massima erezione. Si prese il cazzo in una mano e con l’altra afferrò l’avambraccio della donna, poggiò il cazzo sull’arto così che la donna potesse notare come il suo avambraccio fosse scomparso del tutto, la mano di lei iniziava intanto a massaggiargli i testicoli grossi come dei mandarini, la cappella le toccava l’interno del gomito e la circonferenza superava quella del suo arto di una buona misura.

«Mio marito in confronto ha un cazzetto miserabile,» disse lei guardandolo ammirata, «il tuo è una bestia».

«Ti piace vero?»

«Oh sì, certo. Devono essere almeno 25 centimetri di cazzo questi»

«Esattamente, vedo che sei esperta di misure.»

L’uomo le lasciò l’avambraccio anche se la donna continuò a giocare con le sue palle e poi diresse la punta del suo membro verso la bocca di Daniela.

La donna fu pervasa dall’odore di sesso che soltanto il cazzo di un vero uomo poteva emettere e si ritrovò quel pitone sulla testa, dimostrandole che la superava di buona misura. La donna afferrò la cappella situata diversi centimetri sopra la sua testa mente con la lingua gli leccò le palle. Si rese conto che la cappella era talmente gonfia e turgida che Daniela non poté racchiuderla in una mano, scivolando indietro con la testa scivolò sotto il membro leccandolo su tutta la lunghezza dell’asta per arrivare infine al leccare buco della cappella, anche quello proporzionatole alle dimensioni.

Lorenzo l’afferrò per i capelli e provò a spingerle in bocca il suo cazzo, Daniela ebbe qualche difficoltà a farlo e entrare e dovete allargare bene le labbra per far sì che la cappella finesse dentro la sua calda bocca.

L’uomo cominciò a stantuffarla.

«Sei una vera troia mia cara Daniela, dovresti vederti mentre prendi il mio cazzone.»

Lei aprì gli occhi con fatica e lo guardò, era arrapata da morire e dopo aver sentito quelle parole iniziò a spingere anche lei per inserire in bocca la maggior parte del cazzo che aveva di fronte.

L’uomo intanto le aveva strappato la t-shirt con violenza lasciando i sodi seni in balia delle sue dita.

«Dai, mettilo tutto dentro, te lo sbatto in gola adesso» disse l’uomo forzando ancora di più la mandibola della donna che si sentì il cazzo arrivare sino in gola.

«Che goduria, come lo succhi bene!» disse lui in estasi mentre con le mani toccava i capezzoli di lei.

Daniela spinse ancora più in fondo la testa e il cazzo dell’uomo superò la gola e lo sentì entrare nel suo collo, ma quello di Lorenzo non era il cazzo di suo marito ed era impossibile riuscire a farlo sprofondare ancora di più dentro a quella sua cavità.

L’uomo l’afferrò per la gola e con una forte spinta riuscì ad allargarla tanto da fargli entrare almeno altri 5 centimetri del suo cazzo.

«Sììììì! E ancora non è tutto dentro, lo vuoi tutto dentro troia che sei? Ti scopo la gola a dovere.»

Daniela si sentiva dilaniare la gola e credeva di stare per svenire, l’aria non passava già da un po’ e i suoi occhi avevano iniziato a lacrimare uscendo fuori dalle orbite. La sua mano controllò quanto ne mancasse ancora e notò che per la lunghezza di un palmo era ancora fuori dalla sua bocca.

Daniela spinse le forti gambe dell’uomo e così la sua gola fu libera dall’enorme intruso, la sua saliva e le sue lacrime le impasticciarono il seno e guardò l’uomo mentre tentava di riprendere fiato.

«Sei proprio una novellina allora, non riesci a metterlo tutto dentro la tua boccuccia vero? Vediamo quanto è elastica la tua fica allora.»

Lorenzo si sbottonò la camicia e la tolse, mentre di fronte a sé la donna lo guardava estasiata. L’uomo aveva un fisico asciutto e gli si potevano contare i rigonfiamenti che formavano i suoi addominali, il cazzo ancora svettante verso l’alto, pronto a introdursi nuovamente dentro al suo corpo.

«Sei un sogno» disse lei boccheggiando ancora.

«E il mio cazzo cosa è?»

«Il tuo cazzo non so cosa sia, ma lo aspettavo da tutta la vita.»

«Adesso è qui per te» disse l’uomo afferrandola per le braccia e facendola sedere sul divano, lei si fece scivolare e tolse la tuta fradicia così che lui potesse sbattergli il suo arnese dritto nella fica.

Lorenzo si inginocchiò e le dette una veloce leccata così da inumidirla e la donna cominciò a provare nuovamente piacere, poi lui poggiò il suo cazzo sopra il ventre di lei e aspettò la sua reazione di fronte all’inevitabile.

«Mi sfonderai!» disse lei con un misto di paura e eccitazione.

«Ti sfonderò le viscere!» esclamò lui divertito.

Il cazzo di Lorenzo poggiava la sua base sul clitoride della donna e la sua cappella arrivò a coprirle l’ombelico minacciando di dilaniarla fino a quel punto. Il peso di quel cazzo gravava sopra la donna che non poté che eccitarsi ancora di più mentre la cappella di Lorenzo la guardava fisso attraverso lo spazio tra le sue tette.

«Mi farà male?» chiese lei con un moto di paura.

«Non ti preoccupare, fa male a tutte, ma poi il piacere è immenso, te lo posso assicurare, griderai dal piacere» dicendo così l’uomo si staccò da lei e dovette tornare indietro per far sì che il suo cazzo fosse nella posizione più adatta per penetrarla.

La donna guardò quella scena e vide che l’uomo era molto distante da lei, poi iniziò a sentire la dura cappella iniziare a strusciarsi sul clitoride. Quell’iniziativa la mandò in visibilio e iniziò a contorcersi dal piacere, poi senza preavviso l’uomo cambiò strategia a spinse tentando di intrufolarsi nella fica di Daniela.

Era bagnatissima, ma questo non bastò per lasciare scivolare quel pitone al suo interno. Si sentì aprire la fica come mai prima di quel momento e nonostante la cappella non l’avesse ancora penetrata lei si ritrovò già ad ansimare dal piacere.

L’uomo era abituato a quella resistenza così prese un po’ di rincorsa e con una spinta secca riuscì a far entrare tutta la cappella all’interno di Daniela.

«Aaaaahhh!» gridò la donna ricevendo con prepotenza quel missile tra le gambe.

“Sembrava impossibile e invece questo stronzo mi ha penetrato già di parecchi centimetri facendo entrare soltanto la cappella, mi sento già piena e sento le grandi labbra quasi a contatto con le cosce.”

Era proprio così, la fica di Daniela già abbastanza larga a causa del cazzo di Marco, adesso aveva superato il limite e sembrava che la cosa le piacesse considerando gli umori che stavano colando giù sul buco anale.

«Adesso siamo pronti per fare sul serio, prendilo tutto Daniela mi raccomando» disse l’uomo in tono giocoso e allo stesso tempo spietato prima di iniziare a spingere.

«Cazzo! Mi stai aprendo in due Lorenzo!»

«Lo so bene» disse l’uomo tornando qualche centimetro indietro per poi tornare a colpirla con un’altra spinta che fece guadagnare terreno al cazzo introducendolo ancora di più.

«Merda! Mi sento già sfondata! Mi stai allargando troppo!»

L’uomo rimase piantato dentro a Daniela e gli chiese: «Dimmi dove te lo senti?»

Daniela con mani tremanti si indicò un punto vicino al monte di venere.

«Il tuo cazzo si trova qui!» disse ansimando e non riuscendo a tenere gli occhi aperti.

«Bene, e ora?» chiese lui tornando di nuovo indietro e dando un altro colpo che penetrò ancora dentro la donna che ebbe un sussulto e iniziò a tremare dal piacere che stava provando con quel cazzo piantato dentro la fica. Le mani tremanti si spostarono lentamente verso un punto più alto del suo ventre in cui pressando poté sentire la cappella dell’uomo che si era fatta strada sino a quel preciso punto del suo canale uterino, anche quello di Marco arrivava sino a quel punto ma non era così largo da poterlo quasi intravedere in un rigonfiamento del suo ventre.

Lorenzo sorrise vedendo che le gote di Daniela si erano accese, sembrava quasi una verginella per quanto era eccitata. Lui iniziò a scoparla facendo attenzione a non penetrarla ancora, il suo cazzo era dentro per metà e tanto bastava per poter far godere una donna vogliosa come Daniela.

«Dai! Sì, scopami Lorenzo, voglio il tuo cazzo, è magnifico!»

L’uomo continuò a stantuffarla mentre gli umori di Daniela si erano raccolti formando una densa crema proprio sopra il cazzo di Lorenzo che indicavano il punto in cui non era ancora affondato.

I suoi colpi si fecero sempre più possenti e la donna sentiva che la sua fica si stava adattando all’intruso mai conosciuto.

L’uomo rincarò la dose dando un altro colpo più potente lasciando scivolare il suo membro, Daniela gridò ancora più forte e inarcò la schiena.

«Mi stai impalando! Oh…oh… mi sento aprire, mi stai spaccando la fica!»

L’uomo si avvicinò e le afferrò un seno cominciandolo a leccarlo per poi giocare con il capezzolo. La donna lo spinse verso la sua bocca come se volesse farglielo ingoiare e con le mani premette rischiando di far soffocare l’uomo con la sua mammella.

E lì arrivò il primo orgasmo che la fece tremare da capo a piedi, l’uomo si liberò dalla sua presa e continuò a scoparla mentre lei gridava di piacere, per almeno una trentina di secondi la donna ebbe degli spasmi muscolari, un po’ dovuti all’orgasmo un po’ al cazzo che la stava ancora trafiggendo.

«Lorenzo… Lorenzo… non ce la faccio più, per favore vieni. Vieni e basta per favore.»

«Alla fine mi pregano tutte, è sempre così, ma non credi che un orgasmo per te sia poco? Non vorrai che finisca in pareggio.»

L’uomo si alzò in piedi e così la donna sentì che il cazzo che aveva piantato dentro sollevava persino il suo bacino. L’uomo adesso era più in alto e alzò le gambe di lei portando le ginocchia vicino alla testa della donna.

Daniela non sapeva neanche che potesse raggiungere quella posizione, in quel modo l’uomo si trovò sopra di lei e aiutato dal suo stesso peso riuscì a penetrarla ancora raggiungendo una nuova profondità.

Alla donna mancò il fiato e iniziò a farle molto male, sembrava vedere inoltre un bozzo nel suo ventre e immaginò che dovesse essere la cappella dell’uomo che in quella posizione si notava ancora di più, la toccò da sopra la sua pelle, era giunta qualche centimetro sotto l’ombelico ormai e continuava a fare su e giù con prepotenza. Vedeva inoltre che il cazzo dell’uomo non era ancora tutto dentro di lei.

«Dai, cosa aspetti, mettimelo dentro, lo voglio tutto!» disse lei stringendo i denti e preparandosi al peggio.

L’uomo non se lo fece ripetere due volte e si lasciò andare sopra la donna impalandola completamente.

Daniela sentì una fitta vicino all’ombelico e capì che la dura cappella era arrivata a fine corsa battendo prepotentemente contro la cervice uterina.

«Fa male! Fa male!» disse quasi urlando.

«Tra poco ti piacerà!» disse l’uomo infischiandosene e continuando a martellare la donna che si sentiva squarciata a metà ad ogni affondo.

La cappella continuava ad impattare direttamente sulla cervice in quella posizione e l’uomo si stava eccitando talmente tanto a sentirla gridare che era vicino all’orgasmo, ma voleva prima dimostrarle che il suo cazzo l’avrebbe fatta godere nuovamente in breve tempo.

«Mi stai sfondando! Si, dai, adesso sì che mi piace, mi sento distrutta, ma è magnifico essere spaccata in due dal tuo cazzo!»

Lei diceva quella frase e intanto tentava di allontanarlo spingendo le mani sui suoi addominali che sentiva duri e pronti a lavorare anche loro per dare forza a quegli affondi inesorabili.

Daniela sentiva la sua fica aprirsi sempre di più soprattutto quando il cazzo gli entrava sino alla radice e le palle sbattevano sul culo fradicio di umori, in quella posizione scendevano persino sul suo ventre fermandosi sugli avvallamenti del suo ventre, sbattuto dalla cappella che la stava dilaniando.

La donna si sentì lo stomaco che sobbalzava ad ogni colpo e la sua sensazione fu quella che il cazzone di Lorenzo le stesse scopando le viscere.

«Sto venendo Lorenzo, sto venendo, dai sbattimi ancora più forte, fammi ancora male. Dai, dai, daiiiii!»

Lorenzo uscì tutti i suoi 25 cm dalla fica giusto prima che Daniela venisse eiaculando e spruzzando liquidi per il salotto, gridando e sfregandosi velocemente la fica così da aumentare l’intensità del getto, l’altra mano si stava tormentando un seno e il viso era contratto dallo sforzo.

«Sono venuta! Non ero mai venuta così prima d’ora!»

«Certo, non hai mai scopato con me!» disse l’uomo.

Vedendola eiaculare l’uomo si eccitò troppo quindi fu di nuovo sopra di lei e fece passare il cazzo tra le gambe di Daniela che teneva chiuse per evitare che l’uomo insaziabile continuasse a martoriare la sua povera fica. Volendo avrebbe potuto aprirgliele con molta facilità, ma in realtà era pronto per venire così lasciò che fossero le gambe di lei a segarglielo.

Nonostante il suo cazzo attraversasse le gambe della donna, lei riuscì a prenderglielo anche in mano, soprattutto la cappella e iniziò a sfregarla con vigore dal momento che appariva di fronte a sé, attraverso le gambe. Era dura e viola per aver scopato la sua fica fino in fondo, e adesso quell’occhio enorme la stava guardando per poterla inondare con il proprio seme.

«Quanto sei brava Daniela dai, stringi le gambe e segami!»

Lei strinse ancora le gambe che avevano quasi del tutto perso la loro forza durante la scopata e con entrambe le mani gli segò la cappella sempre più dura.

Fu un attimo e si ritrovò inondata dallo sperma di Lorenzo, almeno una decina di copiosi getti la colpirono: prima in un occhio, poi sui capelli e infine sul seno e sul collo.

La donna segò il cazzo dell’uomo finché lui non si tirò indietro. Lei si inginocchiò di fronte al cazzo e vide che si stava ammosciando tornando nelle dimensioni in cui lo aveva visto precedentemente e lo pulì per bene, dando un bacio sulla cappella per ringraziarlo, proprio come faceva con quello di suo marito.

L’uomo respirava lentamente e sembrava molto soddisfatto, era imperlato di sudore lungo i pettorali e sugli addominali. La donna si alzò e gli leccò l’addome lungo i solchi dei muscoli ancora contratti per poi soffermarsi sui capezzoli.

«Sei un mostro, mi hai fatto venire come non mai» disse lei.

«Tu sei stata splendida Daniela, considerando la mia media, con te sono venuto molto presto.»

Lei rimase impressionata e poté soltanto immaginare come doveva aver ridotto le donne avute prima di lei. «Se avessi continuato con quel coso che ti ritrovi tra le gambe… mi avresti uccisa!»

«Tranquilla, non è mai successo finora» disse lui togliendole una frangia di capelli sudati dalle testa per poi strizzargli un capezzolo.

Lei si morse il labbro e la sua eccitazione sembrò montare di nuovo.

Senza preavviso l’uomo allungo un braccio dietro la donna e le schiaffeggiò il fondoschiena facendola gridare e urtare contro il suo corpo.

La bestia tra le sue gambe si stava strusciando sulle cosce della donna e l’uomo tornò a colpirgli la medesima chiappa che si arrossò. Daniela non capì perché l’uomo la stesse schiaffeggiando mentre entrambi erano in piedi, però ogni volta il suo corpo urtava il cazzo dell’uomo e questo a lei piaceva tantissimo. Daniela continuò a succhiargli un capezzolo mentre la sue dita giocavano tra i solchi degli addominali scolpiti.

Un altro schiaffo al culo la fece sobbalzare e le dette i brividi, l’uomo intanto la guardava ancora con desiderio.

Dopo pochi minuti di quelle effusioni Daniela iniziò a sentire che il cazzo di Lorenzo stava tornando a prendere la forma e la consistenza di poco prima. L’uomo lo prese e lo mise tra le gambe di lei che sentendo quella bestia strofinarsi sulla sua fica non poté che bagnarsi nuovamente, ansimando ancora.

La donna portò una mano dietro, e si accorse che la cappella dell’uomo faceva capolino vicino alle sue natiche. Un altro schiaffo al sedere la fece quasi crollare, ma c’era il palo di Lorenzo a sostenerla reggendola tra le gambe, duro e possente come poco prima.

«Vuoi continuare a spaccarmi?» chiese la donna non sapendo se lo volesse o meno.

«Sì, ma stavolta voglio spaccarti un altro buco.»

Lei rimase di stucco e non seppe cosa rispondere così farfugliò qualcosa di confuso.

«Non ho capito bene, mi pare di aver sentito che non vuoi» disse l’uomo.

«No… non lo so cosa voglio… è che io non ho mai… mai…»

«Non mi dire che sei vergine, Marco ha avuto questo bel culo che gironzola per casa e non te lo ha ancora messo lì dentro?»

«No… avrebbe voluto, ma io ci tengo…»

«Ci tieni? Dopo che avrai assaggiato il mio cazzo nel tuo bel sederino terrai di più al sesso anale che al tuo bel buchetto vergine.»

«No, ma sei impazzito, poi il tuo è mostruoso, mi ucciderebbe.»

Lui la fece girare e le puntò la cappella dritta nel buco del culo mentre la prendeva nella gola. Gliela fece strusciare un po’ sull’orifizio in attesa di sentire i suo gemiti.

Lei non disse nulla e tentò in tutti i modi di non fargli sentire che le piaceva. Ma il suo corpo stava cedendo alla tentazione e si accorse che era lei stessa a premere il suo culo sulla punta del cazzo dell’uomo.

«Ecco, vedi che il tuo culo brama il mio cazzo?» chiese Lorenzo e senza aspettare risposta la sculacciò violentemente.

Daniela urlò e fece un piccolo saltello, si rese conto che ormai il suo corpo era in balia di quel cazzone e non avrebbe potuto dirgli di no.

L’uomo la spinse verso il divano, ma stavolta dalla parte opposta e appoggiò la donna sul morbido schienale posizionandola a 90°.

«Per favore fai piano, ho paura» disse lei.

L’uomo sembrava molto esperto in questo campo e iniziò sputando sullo sfintere e colpendola nuovamente con una manata. Con la possente mano ancora poggia su una natica gli premette il pollice forzando il buco del culo di Daniela.

«Dannazione, fa male!» si lamentò lei.

L’uomo non ci fece caso e infilò anche l’indice e il medio facendo uscire il pollice, adesso le due dita più lunghe stavano penetrando il culo di Daniela e lei sentiva come se glielo avesse già spaccato in due.

«Non ci credo che vuoi davvero incularmi, è impossibile!» si lamentò nuovamente.

«Se io ti dico che ti inculo significa che ti inculerò e godrai come una cagna in calore» disse l’uomo prendendo in mano il cazzo e sbattendo sul gran culo di Daniela, lei poté percepire che era pronto. Non poteva capire come aveva fatto, ma soltanto dopo qualche minuto dall’orgasmo quel mostro era ancora in tiro e pronto per fotterla ancora più duramente.

Sentì la cappella puntare nel suo buchetto ancora vergine e lubrificato soltanto dalla saliva di Lorenzo e si preparò al peggio.

«Pronta a essere impalata?» chiese l’uomo e senza ricevere risposta la penetrò con forza e decisione allargandole il culo deflorandolo.

Daniela si sentì quasi svenire dal male che provava per il suo culo ormai rotto, ma resistette in attesa che il dolore lasciasse posto a un eventuale piacere che non aveva ancora mai provato.

L’uomo continuò a spingere inserendo tutta la cappella e buona parte del suo cazzo con diversi affondi che fecero perdere la vista alla donna. I suoi occhi si erano rivoltati e non si accorse di stare sbavando mentre quel mostro di carne si faceva strada dentro di lei minacciando di percorrere tutto il retto per poi inserirsi nell’intestino.

«Non resisto, mi fa troppo male!» riuscì a dire tra un grido e l’altro.

«Tra un po’ ti piacerà» disse l’uomo afferrandola per i fianchi e tirandola verso di sé mentre con una forte spinta il suo cazzo le dilaniava tutti il condotto anale.

«Te l’ho messo tutto! Wow! Che troia che sei, e meno male che nel culo non ti piaceva» disse l’uomo iniziando a muoversi più velocemente per scoparle il culo come Daniela si meritava.

«Sono sconvolta! Mi inizia davvero a piacere, dai fottimi il culo, non ti fermare dai! Spaccami il culo, trombamelo!»

«Te lo spacco questo culo, altro che verginità anale, tu hai un culo da scopare per ore.»

Lorenzo continuò a stantuffarla con maggiore energia e il fatto che fosse venuto poco prima aveva soltanto aumentato la sua resistenza. Sentiva il cazzo avvolto come un guanto dalle pareti del retto, ma non aveva voglia di venire finché non avesse procurato almeno un orgasmo anale alla donna.

Daniela gridava come un ossessa mentre il suo culo veniva continuamente martellato e allargato dal cazzone e continuò a prenderlo per diversi minuti chiedendosi se voleva davvero che quell’atto sessuale finisse.

Lorenzo l’afferrò per le braccia e la tirò a se facendola mettere in piedi. Lei sentì ancora di più quel mostro impalarla grazie alla gravità, stava contribuendo anche il suo peso in quell’atto sessuale.

Aveva tutti i 25 cm di cazzo piantati dentro e l’uomo la stava spingendo, lei fece qualche passetto in avanti e l’uomo continuava a fotterla, camminarono così per qualche metro finché lei non si ritrovò contro la parete dove Lorenzo aveva iniziato a palparla.

Lui continuò senza sosta a sbatterla contro la parete e la donna non poté che trovarsi schiacciata sotto i colpi di quel cazzone, il suo culo ormai era aperto al massimo e le sue tette e il suo viso sbattevano ritmicamente sul muro mentre l’uomo la fotteva come mai suo marito l’aveva fottuta: con violenza e menefreghismo.

Daniela sentì montare l’orgasmo e eiaculò di nuovo schizzando la parete mentre il suo clitoride impattava contro il muro.

«Sono venuta di nuovoooo!» disse lei sorpresa di vedere uscire tutto quel liquido dalla sua fica.

L’uomo non resistete un’altra volta a quella scena e venne di nuovo anche lui sborrandole dentro l’intestino martoriato urlando anche lui.

La donna sentì diversi fiotti caldi inondarla dentro e non poté che pensare che il sesso anale fosse davvero grandioso.

«Mi hai riempita, ma quanto sperma produci?»

«Abbastanza direi, secondo me ce ne ancora un po’» l’uomo estrasse il cazzo dal culo di Daniela e la costrinse a inginocchiarsi per ripulirlo un’altra volta. Anche in quelle condizioni faceva fatica a prenderlo in bocca ma riuscì a ripulirlo tutto, infine premette la grossa cappella per far uscire le ultime gocce e leccarle prima che cadessero sul pavimento.

 

Quella nottata fu indimenticabile per Daniela e i due rimasero a dormire insieme sul divano, nudi come due perfetti amanti.

Il giorno successivo Daniela si alzò e le gambe le dolevano terribilmente senza contare il suo ventre e il buco del culo che sentiva così largo da poter inserire due dita senza toccare nulla. Lorenzo disse alla donna che non ci sarebbe stato bisogno di accompagnarlo in giro per insegnargli il mestiere e l’avrebbe riaccompagnata a casa il prima possibile. Lei non capì, ma non fece alcuna obiezione, così si fece accompagnare nella sua città con indosso gli abiti del giorno prima che intanto si erano asciugati.

Ad aspettarla al parcheggio privato dove la donna aveva lasciato l’a propria auto c’era però Marco.

“Merda! Mi ha scoperta” pensò subito la donna cominciando seriamente a preoccuparsi.

Lorenzo se ne accorse e gli fece cenno di non preoccuparsi e di rimanere in auto, lui invece scese e Daniela lo vide mentre i due si abbracciavano come quando si rivede un vecchio amico, poi Lorenzo gli diede un oggetto mentre Marco gli dava qualcos’altro.

Poi i due si avvicinarono insieme all’auto, così Daniela scese, non capiva cosa stesse succedendo.

«Avanti saluta Lorenzo e andiamo» disse Marco sorridendo alla faccia sbigottita di Daniela.

Lorenzo la salutò con un cenno e poi salì in auto.

Marco e Daniela tornarono a casa con l’auto di lei senza dire nulla.

I due non si rivolsero la parola, ma Marco non sembrava arrabbiato con lei.

Così le disse: «Cosa c’è, non dici nulla? Come è andata la mini vacanza con Lorenzo?»

Lei lo guardò senza avere il coraggio di rispondere, evidentemente Marco sapeva che Daniela le aveva mentito.

L’uomo tirò fuori un registratore vocale e fece scattare il nastro. Daniela poté sentire grida di piacere, di forte piacere: il suo.

«Lorenzo mi ha registrata?»

«Esatto»

«Ma perché?»

«Perché era nell’accordo»

«Quale accordo?»

«Lui ti apriva il culo e me ne portava la prova e io lo pagavo molto bene, ecco l’accordo.»

Daniela rimase esterrefatta, aveva appena capito che suo marito aveva pagato un suo vecchio amico e forse anche il suo capo per far sì che lei lo tradisse e infine farsi sverginare analmente. Non sapeva se essergli grata o avercela a morte con lui.

 

 

Continua!!!

 

Per contribuire alla stesura dei capitoli precedenti bisogna commentare e lasciare ogni tipo di interazione possibile per ogni capitolo così da capire quanto vi piace. Se non vi piace non continuerò!

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.