;

Così fan tutte… Anche tua madre?

Per consigli confronti e altro…. estremirimedi2019@libero.it

 

Salve, sono Graziella, ho 44 anni e vi scrivo da un paese nei pressi di Bari, sono sposata e ho 2 figli, un maschio di 21 anni e una di 18.

 

Sono un’imprenditrice, una commerciante, ho un negozio di abbigliamento ben avviato frutto del mio impegno totale sul lavoro.

 

Sono una bella donna, o meglio, mi troverei mille difetti, ma sono la tipica femmina mediterranea che piace al maschio. Mora, capelli lisci, a volte raccolti in una coda di cavallo, un fisico magro (a costo di non pochi sacrifici) su cui svetta una pienissima e ancora altissima quarta, regalo della mia prima gravidanza che mi fece acquistare una taglia in più.

 

Un viso pulito, le labbra che hanno la particolarità di formare in molte mie  espressioni una piccola o socchiusa, un lato b che si difende egregiamente.

 

Mi piace vestire bene, anche per via dell’attività che mi espone al pubblico, sexy ma non volgare anche se eccezionalmente qualche vestito un po troppo osé lo esibisco. Per me piacere, sapere di piacere, è qualcosa di fondamentale che ho fisso nella testa: come vi dicevo, per via di tutto questo, ai maschi dal giovanotto al vecchietto, piaccio abbastanza, essendo la classica signora che ispira la voglia di sesso, e questo mi fa stare bene.

 

Sono una tipa riservata, una donna conosciutissima nel paese anche per via del negozio, che dà poca confidenza apparendo come la classica signora ricca e  borghese che sotto l’apparenza è una troia, perchè al sud basta poco per esserlo, e a me piace sapere che molti lo possono pensare.

 

La coppia che formo ormai da diversi anni con mio marito è abbastanza squilibrata: io ho un temperamento forte, un carattere non facile, non ho paura a scontrarmi, sono un po’ uterina, mentre lui è il tipo intellettuale, pacato, svogliato e pantofolaio, oltre ad un fisico abbastanza….deludente. Se consideriamo il sesso una conseguenza del carattere, il dado si trae facilmente.

 

Ho avuto le mie avventure extraconiugali, non ho rinunciato alla famiglia anche per un fatto di comodità: molto meglio concedersi qualche svagatezza, avendo pure la possibilità di cambiare minestra, piuttosto che mettere in discussione sicurezze che mettono a proprio agio e rendono più facile la vita.

 

Farsi cucinare dalla suocera, mantenere il patrimonio intatto, avere un tenore di vita alto e poi ogni tanto con riservatezza farsi sbattere per bene da qualche uomo virile e  affascinante.

 

Ma non è di questo che voglio parlarvi, ma piuttosto del rapporto con mio figlio, Davide, un ragazzo di una intelligenza vivida sopra la media, timido, studioso, maturo e un po impacciato.

 

Un rapporto molto intenso, forte e conflittuale: per lui sono il punto di riferimento, il faro.

Abbiamo un rapporto molto forte, anche a livello fisico fatto di abbracci e baci affettuosi, un confronto quotidiano su tutto ciò che fa o pensa di voler fare. Il mio parere per lui è vincolante. Sono una madre apprensiva, molto, e questo lui lo mal sopporta.

 

Tuttavia col crescere, e col prendere consapevolezza del mondo, ha mal digerito il mio essere donna attraente e desiderata.

Cercava di evitare la mia presenza quando era con i suoi amici, cosa impossibile vista anche la mia apprensività di cui vi dicevo  che mi portava a seguirlo e ed essere presente, anzi invasiva.

Gli sfottò degli amici e dei paesani sulla mamma ‘bonazza’ lo facevano intimidire e arrabbiare, cosi come gli sguardi maschili su di me lo flagellavano.

Purtroppo da sempre in qualsiasi contesto la mia femminilità esce fuori: cominciava a capire che la gentilezza del commesso al super mercato era interessata, che nel momento in cui aprivo i regali di natale o compleanno e veniva fuori da parte dell’amica un pensiero di lingerie da urlo era perché mi piaceva sedurre, che i discorsi che gli uomini mi attaccavano erano un modo di agganciare, che i sorrisini di chi faceva un lavoro a casa erano rivolti a me. Con una figura di marito come il mio poi, ho sempre pensato che gli uomini si sentissero maggiormente autorizzati e invogliati a farsi avanti.

 

Questo quando non succedeva che per strada in sua presenza mi fischiassero o mi etichettassero con aggettivi indecenti ( come quando da un motorino volò la parola ‘che troione da combattimento’) e spazio per i dubbi non c’era.

 

In più il contesto meridionale non lo aiutava: una madre che vestiva bene, che usciva da sola, che per andare a fare la spesa usciva comoda senza reggiseno, che portava un perizoma che si intravedeva, che parlava al cellulare in macchina, che usciva con amiche separate, tutto ciò portava al chiacchiericcio.

 

La morbosità maschile che a me faceva piacere, perchè conseguenza di essere un sogno proibito, era la sua croce perchè verteva su sua madre.

 

Questa breve introduzione la inserisco nel genere tradimenti ed è qui la chiave di volta. Come avrò modo di spiegarvi nei prossimi episodi, ciò che più mi colpiva nei suoi atteggiamenti non era un’attrazione verso di me che pure c’era nelle ripetute sbirciatine o in altro. Ciò che attirava la mia attenzione era il suo fare investigativo: se uscivo cercava di sapere con quale amica lo facevo e cercava di spiare quale lingerie indossavo, quando ero a contatto con uomini scrutava anche da lontano il mio modo di pormi, era teso quando sceglievo un vestito per una cerimonia, cercava di dissuadermi, a volte con pietà a volte facendo l’arrabbiato, a non uscire per comodità in desabillè o a non andare in bici con i pantaloni bianchi.

 

Avere una madre oggetto del desiderio maschile non è facile.

Avere una madre a cui piace essere desiderata è ancora più complicato.

 

Il suo sogno probabilmente era avere una madre normale, non una milf per madre, e poter parlare serenamente di sesso e porcate con gli amici senza che il discorso finisse su di lei.

 

Eppure, quel dubbio, se la bella e accattivante mamma fosse una troia, come un tarlo inesauribile scavava nella sua testa. Il tarlo prendeva forza dal reggiseno a coppa scoperta che stava ad asciugare nello stendino: perchè la mamma usa questa lingerie cosi, con un rapporto con papà così spento?

 

Il tarlo prendeva forza da un libro regalatomi, atti osceni in luogo pubblico di Missiroli: di chi era il regalo?

 

E il cellulare, perchè la mamma lo custodiva sempre gelosamente?

 

E i vibratori: le altre madri lo tengono?

 

Il tarlo scavava nelle serate trascorse con le amiche finite troppo tardi….

 

Fin quando controllando la sua cronologia del computer, cosa che facevo perchè vi ho detto che sono apprensiva e l’ho sempre controllato, vidi una chat che da un profilo falso aveva intrattenuto con il locale in cui sapeva avrei trascorso la festa delle donne, dove chiedeva fingendosi donna in cosa consistesse lo spogliarello previsto per la sera e cosa era possibile succedesse.

 

Subito dopo, la cronologia presentava dei video hot di donne mature che avevano rapporti sessuali con gli spogliarellisti, in feste divenute orge….

 

Mi tornò in mente quando lo avevo beccato a masturbarsi guardandosi sul divano di casa il dvd di Tinto Brass, ‘Cosi fan tutte’ (avevamo a casa tutti i DVD di tinto non esposti, comprati da me, evidentemente li aveva trovati) in cui il regista narra le vicende di una donna che non disdegna divagazioni extramatrimoniali, e il matrimonio in crisi alla fine grazie alla gelosia si riprende alla grande. Il titolo ammiccava al fatto che tutte le donne qualche svago se lo concedevano, e che la gelosia e il dubbio delle corna sono potenti afrodisiaci.

Cosi fan tutte, anche tua madre?

E questo oltre alla sua croce, era la sua segreta delizia?

 

esistevano i cuckold non della moglie ma della madre?

 

Spensi il suo computer e richiamai Jesus, l’insegnante di balli latini della mia amica che mi aveva presentato giorni prima…ero alquanto turbata…

6 commenti

  1. … ma non per questo meno veri… almeno sino a che la nostra cultura e società non cambieranno. L’obiezione del lettore Amarando è corretta: non vale solo al sud, ma dappertutto. Tuttavia, con più il contesto è moderno e dinamico, più si va verso un “oltre” che per noi è abbastanza difficile da capire, ma che esiste…

  2. E NON PRESENTI CORRETTAMENTE il film “Cosi fan tutte”!Il suo titolo NON AMMICCA “al fatto che tutte le donne qualche svago se lo concedono e che la gelosia e il dubbio delle corna sono potenti afrodisiaci”!Che STRONZATE!E OVVIO che LA STRAGRANDE PARTE DELLE DONNE NON SI CONCEDONO ALCUN SVAGO,ma SONO FEDELI!E la gelosia e il dubbio di corna NON SONO AFRODISIACI,ma portano il matrimonio ALLA ROVINA!

  3. Nella vita reale,le donne moderne ed indipendenti NON INTIMIDISCONO i loro mariti e NON CERCANO AFFATTO piaceri sensuali fuori da casa,quindi i “suddetti mariti” NON SI ARROVELLANO tra dubbi e certezze riguardo essere cornuti perche NON HANNO ALCUN MOTIVO per farlo!Una donna moderna ed indipendente NON VUOLE DIRE una traditrice!NON C’E ALCUN BISOGNO per la nostra cultura e societa di cambiarsi!

  4. NON E VERO che “al sud basta poco per essere troia”!Che SCIOCCHEZZA!Al sud,NON BASTA POCO per essere troia,ESATTAMENTE COME IN ALTRE PARTI!
    E NON E VERO AFFATTO che “nel contesto meridionale,una madre che vestiva bene,usciva da sola e parlava al cellulare in macchina,portava al chiacchiericcio”!Che ABERRAZIONE!Una madre che fa questo,fa DELLE COSE ASSOLUTAMENTE NORMALI,in QUALUNQUE CONTESTO!

  5. Quello scritto da aldebrando1 NON E AFFATTO VERO!NON E VERO che “a donne moderne ed indipendenti spesso corrispondano mariti intimiditi dalla loro forza;che tali donne cerchino i piaceri sensuali fuori da casa;che i suddetti mariti si arrovellini tra dubbi e certezze riguardo al loro essere cornuti”!Questi sono solo dei “luoghi comuni” DELLE FANTASIE,non DELLA REALTA!

  6. Un racconto ben scritto, elegante (senza la parola cazzo, figa e sborra ogni 2 righe), e con un buon ritmo.
    La fabula è coerente e l’intreccio accattivante.
    Seguo.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.