Skip to main content

Il ragazzo, che sonnecchiava all’ombra di un albero, sentì qualcosa di caldo e morbido che si appoggiava sul volto, alle sue narici giunse un tenue aroma speziato, gradevole. Socchiuse gli occhi e vide un piedino che danzava malizioso sul suo viso, carezzandolo e stuzzicandolo.
Quell’estate trovava Flora a dover controllare i lavori di manutenzione della sua villa, che non erano più procrastinabili. Lei insegnante, libera dalla scuola per le vacanze, aveva la disponibilità per poter controllare che tutto filasse a puntino. Il marito partiva la mattina e, fino a sera inoltrata, lavorava fuori e così, spediti i figli dalla sorella al mare, si era sobbarcata l’onere di controllare i lavori. Flora si presentava piuttosto bene, un bel volto, qualche chilo in più e un accenno di cellulite, è vero, ma un seno prosperoso che sfidava la forza di gravità con ottimi risultati, un bel culo sodo e due gambe ben tornite che terminavano con piedi deliziosi. Vestiva con abitini estivi piuttosto attillati che ne esaltavano le forme. La scollatura era degna di nota, con quelle mammelle libere da reggiseno, prorompenti che, fasciate dalla stoffa, danzavano sofficemente mentre lei camminava e attiravano inesorabilmente gli sguardi degli uomini.
Gli operai che lavoravano alla villa non potevano fare a meno di ammirarla, ma erano tutti del posto, e nessuno si faceva strane idee, un po’ per rispetto dovuto a Roberto, il marito, personaggio eminente del paese, e soprattutto per la condotta irreprensibile della signora Flora, nonostante il suo aspetto provocante. Il più giovane degli operai, Vincenzo, aveva circa venti anni, faccia da duro, lunghi capelli raccolti in una coda, taciturno e ombroso scrutava, non visto, con i suoi occhi acuti Flora, radiografandola e spogliandola con gli occhi.
D’altro canto neppure la signora non era insensibile al fascino animale e selvaggio di quel ragazzo dal fisico scultoreo. Ma era tanto più giovane di lei…
Quel martedì di metà luglio faceva un caldo infernale e i muratori concordarono con Flora che, dopo il pranzo, si sarebbero concessi alcune ore di riposo, per riprendere i lavori verso le ore più fresche. Tutti tornarono a casa, eccetto Vincenzo, che abitando lontano, sostò, come faceva abitualmente in cantiere, durante la pausa. Tornava a casa, sempre, solo la sera.
Flora parlò al telefono con la sorella chiedendo notizie dei bambini che si divertivano molto al mare con i cugini; fece un saluto, tenendolo aggiornato sui lavori, al marito, che le comunicò di tenersi pronta per le 21, quando sarebbe passato per portarla a cena. Sospirò. Si sentiva infelice e non solo per essere costretta a trascorrere parte dell’estate bloccata lì, ma soprattutto insoddisfatta per la sua vita sessuale piatta e noiosa. Suo marito, più adulto di lei, la faceva vivere agiatamente, ma era preso dalla sua fiorente attività e la trascurava. Quando poi avevano rapporti, questi si rivelavano poco appaganti. Lei avrebbe avuto bisogno di ben altro, i suoi ormoni la rendevano inquieta.
Mentre era persa nei suoi pensieri, l’occhio le si posò sul corpo muscoloso e abbronzato di Vincenzo che, dopo un frugale pasto si era addormentato all’ombra, sul prato del giardino della casa.
Fu un attimo, e con spensierata eccitazione decise di rompere la noia di quel pomeriggio, in cui il caldo sembrava cristallizzare e bloccare nella sua morsa la immota e silenziosa campagna circostante, mediante un gioco scherzoso e malizioso.
Si avvicinò senza fare rumore, e sfilatasi i sandali, cominciò a far scorrere il suo piede destro sul volto di Vincenzo, accarezzandolo delicatamente. Lui reagì al contatto, nel sonno, dapprima con buffe smorfie del viso, che suscitarono in Flora una fanciullesca ilarità; poi aprì gli occhi, mise a fuoco quel grazioso piedino morbido e odoroso, che danzava sul suo volto dolcemente, e di cui percepiva il piacevole e stuzzicante aroma. Quella donna giocava con il fuoco: sotto quegli stimoli tattili, visivi e olfattivi il sangue si riversò nei suoi corpi cavernosi con il risultato di provocare una potente erezione. Era benzina che attizzava l’incendio di un suo intenso desiderio di fare sesso, da tempo non soddisfatto. Quella donna poi, lo attizzava alquanto. La mano di Vincenzo scattò imprigionando il piede di Flora e, avvicinandolo alle labbra, lo baciò e succhiò. Flora capì che il suo scherzo aveva messo pericolosamente in moto qualcosa che non si aspettava, e riuscita a liberare il piede, cercò di fuggire via. Lui la raggiunse con un balzo e nella breve lotta che ne seguì il leggero vestitino della donna si lacerò per tutta la sua lunghezza lasciandola con solo le mutandine addosso. Vincenzo la abbracciò da dietro, immobilizzandola e la spinse all’interno della casa adagiandola su un divano. Lei poteva sentire sui suoi glutei il premere della potente erezione di Vincenzo sotto i suoi pantaloncini.
Flora non riusciva a proferire parola e dalla sua bocca uscì solo un sussurro:
– No, no , non volevo…
Lui era ammirato da quelle stupende tette dalla perfette areole rosee e dai capezzoli eretti. Le sue mani, ruvide per il lavoro, strizzarono quelle morbide carni. Lei squittì. “No, fermati, ti supplico.”
Vincenzo la fissò con espressione dura; con le dita oltrepassò l’elastico delle mutandine e con gesto brusco le sfilò, le sollevò il bacino costringendola ad appoggiare il culo sull’orlo del divano, le allargò le gambe, con gli occhi sempre incollati a quella figa dal rigoglioso pelo bruno, che lo ipnotizzava.
– Volevi giocare e allora giochiamo.
Flora non riusciva a reagire, era totalmente passiva, lottando dentro di sé fra il suo essere moglie fedele e madre, e il desiderio di lasciarsi chiavare appassionatamente da quel giovane maschio infoiato.
Vincenzo introducendo le sue dita nella fessura vulvare la trovò umida e calda, accogliente, allargò le grandi labbra e nella rosea cavità tuffò il suo volto. Le secrezioni vaginali, le gocce di sudore e un tenue sentore di urina si fondevano in un bouquet dalla fragranza erotizzante e la sua lingua e tutto il suo volto affondavano in quel piacere, abbeverandosene. La donna cercava di resistere, ma quando il suo clitoride scappucciato, fu preda della lingua di lui, e due dita contemporaneamente le esplorarono la figa, si sciolse ed esplose di piacere inarcando la schiena, gemendo e lanciando urletti di godimento.
-Si, si non fermiamoci, lo voglio.
Si avvinghiò a lui e si baciarono ardentemente. La sua intimità era ormai gonfia per lo stimolo del cunnilingus e invasa da un calore che le scorreva per tutto il corpo, e quando Vincenzo la penetrò vigorosamente con il suo cazzo pulsante, si sentì felice e si abbandonò completamente a quella piacevole furia sessuale che la dominava. Da quanto non provava un godimento così intenso!
Fra il cazzo di Vincenzo e quello del marito, non c’era partita.
– Che maschio sei! Che cazzo duro, dai fammi godere, sono tua, la tua maialina.
Il contatto fra i due pubi produceva rumori sordi. “Dai non osare fermarti, spingi più forte, voglio sentirti dentro, Vincenzo sto godendo, oohhh, vienimi dentro…” Un orgasmo bellissimo, pieno, come da tempo non accadeva.
Preceduto dalle urla strozzate di Vincenzo, il liquido del piacere maschile si riversò dentro di lei, caldissimo. Aveva goduto di quella carne fresca che palpitava dentro di lei e provava sensazioni inedite e fantastiche. Ripresero fiato immersi nel silenzio della grande casa.
Ma Flora non voleva concludere così: c’era ancora spazio per altro.
Il ragazzo giaceva sul pavimento appoggiato sui gomiti e guardava Flora che allargandosi le grandi labbra favoriva, sorridendo in maniera lasciva, il defluire all’esterno dello sperma e prelevatane una parte se la portava alla bocca, gustandola con voluttà. L’espressione e i gesti da vera troia di Flora, riaccesero Vincenzo che posta la donna a”pecorina”, riprese a penetrarla con vigore: fu una nuova scopata memorabile per intensità e durata e lei urlò per i ripetuti orgasmi. Flora volle, per finire in bellezza, ripulire la cappella di Vincenzo con la sua bocca, dai residui di sperma e di umori.
Ormai era tempo, non potevano correre rischi e si ricomposero facendo sparire i passaggi di quel pomeriggio di sesso infuocato e attesero l’arrivo degli altri, come se non fosse successo nulla, mostrandosi indifferenti l’uno all’altra.

24

Leave a Reply